"Io, nuovo schiavo italiano: lavoro per 50 centesimi l'ora"

Andrea Sciurti, 36 anni, si ritrova a lavorare per 50 euro a settimana in un Lido in Puglia. Dove lo fanno dormire in una "topaia"

"Questo per me si chiama sfruttamento. Anzi: schiavitù e sfruttamento. La mia non è più vita. Non posso andare avanti così". Le parole di Andrea sono rotte dalla fatica di un lavoro che immaginava duro ma che in poco tempo si è trasformato in un inferno. "Faccio il guardiano nel Lido Turrisi di San Cataldo, vicino Lecce. Lavoro 14-15 ore al dì, sette giorni su sette, per soli 50 euro a settimana". Appena 7 euro al giorno. Cioè la miseria di 50 centesimi l'ora. Ovviamente in nero.

A 36 anni Andrea Sciurti continua a saltare da un mestiere all'altro. La crisi, la disoccupazione e le difficoltà del Sud lo hanno iscritto di diritto nell'elenco di chi si arrabatta quotidianamente per tirare a campare. "Accetto tutte le proposte - si ripete - la voglia ce l'ho". A mancare sono le opportunità. La madre incassa solo la pensione minima da 545 euro al mese, la sorella è disoccupata e vivono tutti insieme in una casa popolare in Salento. "Quando mamma morirà finiremo alla Caritas, oppure in mezzo a una strada", sussurra lui dolcemente. Nella sua vita ha imparato la maggior parte di quei lavori "che gli italiani non vogliono più fare": imbianchino, custode, magazziniere, badante, operatore ecologico e giardiniere. Tutto e il contrario di tutto, con l'unico scopo di sbarcare il lunario. L'ultimo inverno l'ha passato in Germania in un ristorante: "Anche all'estero ho trovato le fregature. Non ho mai superato i 400 euro di stipendio. Mi sfruttavano, ma almeno avevo una stanza decente e un letto comodo".

Un lusso, vista l'esperienza vissuta in questi ultimi due mesi in Italia. "Sono tornato a casa a marzo. Un giorno ho preso la circolare per San Cataldo e ho chiesto agli stabilimenti se avessero un posto da offrirmi". Tutti pieni, tranne il "Lido Turrisi". "Loro mi hanno detto di sì: ero molto contento, ma non sapevo quale fregatura ci fosse sotto". Primo giorno di lavoro il 22 giugno. Quando ci racconta la sua esperienza, Andrea è regolarmente di turno: "Ero partito come guardiano notturno - spiega - e invece sono finito a fare di tutto: pitturo, apro e chiudo gli ombrelloni, pulisco la spiaggia, le cabine e butto la spazzatura". La paga è irrisoria: "Prendo 50 euro a settimana che mi consegna il bagnino". L'orario massacrante: "Doveva essere dalle 22 alle 7 di mattina. Invece inizio alle sette di sera fino alle 9.30 dell'indomani mattina". Non ci credete? Ci fa leggere un sms ricevuto da Giacomo (il bagnino): "Ciao, ha detto Alessandra (la barista, NdR) se puoi venire alle 7" di sera. Ed ecco che un turno normale diventa di 14 ore. Senza aumenti in "busta paga".

Andrea ci tiene a ribadirlo: "Questo è sfruttamento e schiavitù". Lo ripete più volte, come a voler cristallizzare il concetto sulla roccia. Teme che altri possano cadere nello stesso tranello. "All'inizio pensavo fosse tutto rosa e fiori, poi però mi hanno fatto vedere la stanza...". Ecco il punto dolente. L'accordo infatti prevede che il guardiano abbia a disposizione un alloggio notturno gratuito nel Lido. Nessun hotel 5 stelle, anzi: le foto (guarda) dello scantinato che gli spetta lasciano di stucco. "Fa schifo - lamenta il giovane - mi sembra una topaia: il letto è spaccato e il materasso rotto. Alla fine lo metto in terra e dormo lì, mentre le formiche e le zanzare mi mangiano". Una sudicia tana. I video (guarda) parlano chiaro: un tavolo di plastica, la branda appena sollevata da terra, il lavandino sporco e il water inagibile, pieno di escrementi rimasti lì a galleggiare. "Se devo fare i miei bisogni, vado nei bagni usati dai clienti durante il giorno. Nel mio neppure le bestie ci andrebbero". Un vero "inferno" durato due mesi: "La sporcizia me la sento sulla pelle, mi sveglio con dolori alla spalla. Vivo peggio dei barboni: sono arrivato qui che ero sano e ho paura di ripartire malato".

Ma quei 50 euro a settimana sono sempre meglio di un pugno di mosche. Così fino ad oggi Andrea non ha mai osato protestare. Difficile capire cosa l'abbia spinto ad accettare un impiego a queste condizioni. "A casa arriviamo a fine mese mangiando pane, latte e pasta", spiega. La povertà abbatte le ambizioni e si finisce con l'accettare il peggio. Pure cinquanta centesimi l'ora. "Pensavo che col tempo le cose si sarebbero aggiustate. Mi ero detto: pian piano aumenterà (la paga, ndr). Ma ho visto sempre 50 euro". Nessun contratto, nessuna garanzia. E gli ispettori? "Una volta vennero a fare dei controlli, ma loro mi dissero di far finta di passeggiare come un villeggiante".

Andrea a San Cataldo è una sorta di fantasma. Anche nello stabilimento. Antonio Conte, che al telefono si qualifica come proprietario del Lido Turrisi, nega infatti di aver mai assunto un custode. Eppure alcuni video mostrano il 36enne entrare di notte, aprire lucchetti e mostrare la sua "camera". "Ho le chiavi dei bagni, dello spogliatoio con gli attrezzi e quelle dell'entrata della struttura", dice passando di fronte al muro con la scritta "Lido Turrisi". Non solo. In una telefonata registrata si sente il "signor Antonio" parlare con Andrea: "Volevo avvertirla che i 50 euro della settimana me li ha dati ieri il bagnino", spiega il custode. "Va bene, d'accordo", risponde Antonio. E il contratto? I diritti? La giusta paga? Anche su questi punti il titolare glissa: "Da noi non lavora nessun guardiano - afferma al telefono - non sono al corrente di queste cose. Non so neppure di chi stiamo parlando". Poi chiude bruscamente la chiamata.

Il giorno stesso in cui abbiamo chiesto delucidazioni al lido, era l'11 agosto, Andrea si è normalmente presentato al lavoro. Ma è stato respinto: "Mi hanno detto di aver avuto problemi e che non potevo più andare". Anche questa è l'Italia: "Sapevo già facesse schifo, ma ora mi fa pena. A volte mi vergogno di essere italiano".

Commenti
Ritratto di falso96

falso96

Gio, 17/08/2017 - 08:26

Se lo tenga stretto questo lavoro, perché con questa politica i "padroni" possono disporre di centinaia di migliaia di persone importate appositamente, che saranno felici di lavorare a 45cent l'ora

Gianca59

Gio, 17/08/2017 - 08:38

Eco a cosa servono i famosi migranti.....a lavorare nelle condizioni accettate dal nostro connazionale. E se si parla con gestori come questi del lido scommetto che diranno che senza migranti non sarebbero coperti posti di lavoro come questi.....La mia solidarietà umana ad Andrea.

gneo58

Gio, 17/08/2017 - 08:42

che dire, che lasci il posto ad un immigrato clandestino di ultimo arrivo che si accontentera' per un po' del lauto salario fino a quando non alzera' la testa come tutti gli altri pretendendo tutto e subito.

Ritratto di gianniverde

gianniverde

Gio, 17/08/2017 - 08:45

Questi sono i risultati delle politiche komuniste,spero che nella maggior parte vengano colpiti i kompagni che ci hanno portato in questa situazione,non essere più padroni in casa propria.Grazie..............

Happy1937

Gio, 17/08/2017 - 08:45

Cosa attendono ancora le autorità ad attivarsi e a mettere in galera proprietario e Giacomo il bagnino?

Ritratto di franco-a-trier_DE

franco-a-trier_DE

Gio, 17/08/2017 - 08:45

colpa di Berlusconi della Merkel e di Putin come suolete dire voi compagni lettori comunisti italiani.

Ritratto di franco-a-trier_DE

franco-a-trier_DE

Gio, 17/08/2017 - 08:47

il PD e le varie organizzazioni umanitarie stanno a guardare..lakkè compresi.

lavieenrose

Gio, 17/08/2017 - 08:48

se l'articolo è vero a questo punto vada la guardia di finanza e l'ispettorato a controllare seriamente e trovate un lavoro degno di quesia vero perchè nelle sue condizioni non credo che avrebbe sollevato uno scandalo sapendo di rimetterci il posto, a meno che, giustamente, il ritorno economico dell'articolo non sia maggiore della perdita. Che schifo di nazione siamo diventati ed inoltre succede nell'accogliente e umanissima Puglia non nella schifosa e razzista Lombardia o Veneto.

lavieenrose

Gio, 17/08/2017 - 08:50

ma basta con sta paginata iniziale pubblicitaria che trasforma noi lettori in "forzati" della pubblicità non voluta. Tra l'altro tra piedi puzzolenti, vene e ciccia non fa onore alle notizie del giornale.

Siciliano1

Gio, 17/08/2017 - 09:01

Complimenti al titolare. Bell'esempio. Vergognati non sei degno di vivere in quella località.

ceppo

Gio, 17/08/2017 - 09:04

farabutti delinquenti, pena di morte

Popi46

Gio, 17/08/2017 - 09:05

Non credo ad una parola

Ritratto di mbferno

mbferno

Gio, 17/08/2017 - 09:10

Sarebbe interessante sapere quanto il lido Turrisi fa pagare sdraio ed ombrelloni ai bagnanti. Comunque in ITAGLIA esistono i lavori che gli italiani non vogliono più fare (giustamente): per esempio questo. Mandare finanza e ispettorato del lavoro ad elevare una multa da levargli persino le mutande. Poi,il "lavoro sporco" se lo faccia il titolare.

jaguar

Gio, 17/08/2017 - 09:12

Teniamo presente che in Italia ce ne sono decine di migliaia sfruttati come questo ragazzo, e il massiccio uso di manodopera straniera sottopagata e in nero produce questo effetto. I migranti africani e dell'Est Europa servono a questo, cioè ad abbassare il costo del lavoro. Poi alcuni dicono che gli italiani certi lavori non li vogliono più fare, non è affatto vero, noi vogliamo essere pagati il giusto. E in tutto questo marasma cosa fanno governo e sindacati? Nulla come al solito.

oracolodidelfo

Gio, 17/08/2017 - 09:28

Mattarella, Gentiloni, Papa Francesco, Kompagna Kamussoskaja, Boldrini, Poletti, tutti insomma.......brillate per il vostro assordante silenzio e disinteresse! Abbiate un sussulto di dignità!

Ritratto di falso96

falso96

Gio, 17/08/2017 - 09:31

Con centinaia di migliaia di persone importate dai lacchè (politica,sindacati)dei padroni (banche e imprenditori ) il futuro sarà lavoro a costo ZERO, un piatto di patate lesse e contenti di poterne dare un po anche ai nostri figli. Questo processo è già in atto da anni. Vi pagano ancora gli straordinari? Vi scalano giorni definiti "solidarietà"? Siete minacciati psicologicamente che se via Te ce ne sono altri mille alla porta, disposti anche a lavare i pavimenti gratis? Vi fanno lavorare fino alla morte per stanchezza a pochi €? Cose come queste come le definite?

pardinant

Gio, 17/08/2017 - 09:44

Ma è vera una simile situazione? Se per caso lo fosse: Dove è Lo Stato, le istituzioni?, i controlli? Questo non è un fatto isolato ma di durata mensile o almeno settimanale come la sua ex paga. Perché per questo Italiano che nulla chiede se non un lavoro decente non viene fatta una colletta?

Ritratto di oldpeterjazz

oldpeterjazz

Gio, 17/08/2017 - 09:48

Non so perché, ma in questo racconto, a sesto senso, c'è qualcosa che non mi convince. Mah?

Ritratto di CADAQUES

CADAQUES

Gio, 17/08/2017 - 09:49

Questo il risultato di una sinistra meschina e depravata da un prepotente egoismo che ha distrutto la intelligenza e imposto la barbarie della sua ottusitá e il fetore acido della sua ignoranza, ha ridotto l´Italia peggio che un cesso.

antipifferaio

Gio, 17/08/2017 - 09:54

Ve la do' io l'inchiesta...ho un amico che lavora per 10 euro al giorno (dicasi dieci euro...). E di questi, a detta della stesso amico, ce ne sono tantissimi e autenticamente Italiani. Tutto ciò mentre gli africani, serviti e riveriti in hotel a 3 stelle, gozzovigliano disquisendo sul cibo a loro sgradito.,...quindi di cosa parliamo? O si fa un repulisti generale, politici di sinistra compresi....oppure siamo finiti come sia paese che come individui. Tra qualche anno molte famiglie non saranno più in grado di poter cresce i loro figli e quindi costretti a darli in adozione come succedeva nel 1700/1800... Da li' poi sono scaturite le varie rivoluzioni e guerre. Inutile dire che la storia si ripeterà!!!

Ritratto di silviste

silviste

Gio, 17/08/2017 - 09:54

Smettiamola di dire i lavori che gli italiani non vogliono fare.....si tratta di lavori che gli italiani farebbero se pagati il giusto. Ma vi rendete conto che negli anni 80, i giovani che per pagarsi gli studi raccoglievano frutta e verdura d'estate prendevano 5000 lire, oggi per gli stessi lavori i clandestini prendono 2,50 euro (poco meno delle 5000 lire). Certo che i giovani non ci vanno più, ora con quei soldi non ci pagano nulla figuriamoci una parte degli studi.

ulissedibartolomei

Gio, 17/08/2017 - 10:00

Ormai è chiaro che per acquisire demografia che (fra qualche anno...) voterà e a sinistra, questo governo ha scelto di sacrificare la gioventù italiana, sacrificando finanze per implementare i consumi e negandogli un adeguato sussidio di disoccupazione. I segni di una rivolta sociale in divenendo ci sono tutti, rimane il quando da definire...

emigratoinfelix

Gio, 17/08/2017 - 10:00

si fosse trattato di una delle tante "risorse" sicuramente godrebbe di ospitalita' in hotel con wifi e telefonino,oppure di un lavoro garantito da qualche coop biancaa o rossa;invece e' un italiano povero del sud del quale a nessuno importa un bel niente.Signori magistrati,qualcuno di voi ha intenzione di disporre ispezioni in questo lager o no?la denuncia pubblicata non e' sufficiente?

Ritratto di Azo

Azo

Gio, 17/08/2017 - 10:10

EVVIVA IL COMUNISMO!!! Questo è ciò che la Boldrini varrebbe per gli Italiani!!!

Magicoilgiornale

Gio, 17/08/2017 - 10:14

Al datore di lavoro si dovrebbe dare la stessa opportunita'

gisto

Gio, 17/08/2017 - 10:16

Ho dei dubbi sulla reale presentazione dei fatti,Non è la prima volta che qualcuno si presenta a fare un lavoro non richiesto ed il bagnino o chi per esso gli offre 50 euro alla settimana,tanto qualcosa farà.E' un pò come pulire i vetri al semaforo,non richiesto,poi qualcuno dà qualcosa. A 36 anni se va a raccogliere frutta e pomodori (in nero) in 3 mesi fa molto molto di più. Resta il fatto che il lavoro non c'è,o si dipinge la faccia di nero ,parla con consonanti "d" e "b",se gli credono avrà 5 Eu al giorno,cellulare e SIM pagata,alloggio,vestiti e pasti,sanità e avvocato e un futuro pieno di aspettative assistenziali.

clz200

Gio, 17/08/2017 - 10:19

Perchè non pulisce i locali che deve usare per i suoi bisogni? aspetta qualcuno pagato 20 centesimi all'ora che glieli pulisca?

Ritratto di zanzaratigre

zanzaratigre

Gio, 17/08/2017 - 10:29

E' da molto che l'Italia fa schifo e la cosa si è accentuata da quando ben 3 Governi di inetti sono saliti al comando. Questi inetti personaggi preferiscono accogliere migliaia di CLANDESTINI nullafacenti, sperperare per loro milioni di denaro pubblico e accoglierli in hotels a 3 stelle mentre i NOSTRI poveri, compreso il nostro Andrea, sono ignorati da questo Stato. L'Italia fa schifo perché fanno schifo molti dei nostri governanti!

mv1297

Gio, 17/08/2017 - 10:30

X lavieenrose Io sono veneto ma darmi del razzista non ci sto. A parte episodi isolati, volevo ricordarle che la provincia di Treviso è considerata quella dove gli e tracomunitari sono meglio integrati in Italia. Non solo. I miei coetanei vicini di casa sono sposati con extracomunitarie, io compreso. Non solo. A casa mia, per un affitto ridicolo, hanno vissuto per anni tre extracomunitari. Mi sa che il razzista sia lei contro i veneti

VittorioMar

Gio, 17/08/2017 - 11:31

...DA TERRONE PUGLIESE...SE TUTTO QUANTO DESCRITTO E RIPORTATO NELL'ARTICOLO E' VERO,FACCIA UNA DETTAGLIATA DENUNCIA ALLE AUTORITA'COMPETENTI !!...NON PUO' PASSARE L'IDEA CHE I TITOLARI DI STRUTTURE ALBERGHIERE PUGLIESI SIANO SCHIAVISTI E PROFITTATORI !!.MA QUANDO SI TRATTA DI FARE CATTIVA PUBBLICITA' AL SUD : GODETE !!..FORTUNATAMENTE LA PUGLIA E'STRACOLMA DI TURISTI STRANIERI CHE SANNO APPREZZARE IL BELLO E LA CULTURA, E MENO ITALIANI,E QUESTO FA PIACERE!!

Alessio2012

Gio, 17/08/2017 - 11:45

Li avete voluti i comunisti, no? Pensavate che era uno scherzo, come Berlusconi... Ricordate? "Volete giocare... e allora giochiamo". E così quelli che volevano "giocare" lo hanno sbattuto fuori dal parlamento. E allora continuate così! Continuate a pensare che il comunismo sia "un gioco"!

Ritratto di etaducsum

etaducsum

Gio, 17/08/2017 - 11:49

Davvero qualcuno era così ingenuo (anche l’ingenuità, oltre un certo limite, è criminale), da pensare che il furore dell’accoglienza e dei «salvataggi» fosse tutto amore, carità e umanità? No! Nemmeno il sinistrume che fa il vento e la pioggia in Italia lo è. Quelli fanno tattica, ma non hanno mai avuto strategie. Miravano a tirare su soldi con l’accoglienza e speravano nei voti dei «nuovi italiani». Avrebbero fatto meglio a domandarsi come mai grandi potentati economici finanziano lautamente le ong? Perché l’esosa disUE è disposta a sganciare moneta se ci teniamo tutti i baldi giovanotti che ci portano a casa? Perché stanno privando l’Africa della sue giovani braccia…? La risposta non la vede chi non la vuol vedere: trasformare l’Italia e buona parte dell’Europa in un serbatoio di forza lavoro a prezzi di saldo, con tanti saluti ai minimi sindacali. Molto più comodo delocalizzare qui. CI STANNO RIUSCENDO, PURTROPPO PER NOI.

Ritratto di Memphis35

Memphis35

Gio, 17/08/2017 - 12:01

Se lui rifiutasse quel "lavoro"...nessun problema. Fuori ci sono schiere di diversamente bianchi ansiosi di fare "i lavori che gli italiani non vogliono più fare". Ad una paga magari, inferiore. Hasta l'izquierda! Siempre!

Ritratto di Gianfranco Robert Porelli

Gianfranco Robe...

Gio, 17/08/2017 - 12:26

Per starci dentro coi costi d'impresa, data la pressione fiscale comunista, questa è la risultante paga oraria della forza lavoro. La ragioneria è una scienza esatta. Ecco perché al governo ci vuole un competente come Berlusconi e non gli avventurieri impostori del PD.

umberto nordio

Gio, 17/08/2017 - 12:49

Si vede che da quelle parti i sindacati se ne stanno quatti quatti.Anche loro tengono famiglia.....

Ritratto di stenos

stenos

Gio, 17/08/2017 - 13:03

È l'itaglia del pd, bellezza......

killkoms

Gio, 17/08/2017 - 13:32

quando riguarda gli italiani non fa notizia!vero compagni?

Malacappa

Gio, 17/08/2017 - 13:38

Si tinga la faccia di nero e 35 euro al giorno hotel 5 stelle sono assicurati.

Ritratto di stufo

stufo

Gio, 17/08/2017 - 13:56

Immagino sia un reato. Chi ne viene a conoscenza deve denunciarlo alla pubblica autorità. Troppo difficile ? Chiami almeno in anonimo il 117 o sono anche loro collusi ?

lavieenrose

Gio, 17/08/2017 - 14:24

mv1217: mi spiace che non abbia capito l'ironia. Volevo solo porre in evidenza come fosse ingiusta la definizione di "razzisti2 che viene data ai meravigliosi lombardi (sono milanese) e veneti. Mi scusi per la poca chiarezza.

bobots1

Gio, 17/08/2017 - 14:36

Ho l'impressione che la notizia sia un po' falsata. Non mi pare realistico: se uno chiede la disoccupazione o un sussidio di povertà prende di più...però forse non conosco certe realtà!

Ritratto di anticalcio

anticalcio

Gio, 17/08/2017 - 15:56

per i sindacati (di sx) :premio come miglior attore ...non protagonista!!

titina

Gio, 17/08/2017 - 16:16

Con 8 euro all'ora può fare le pulizie e il lavoro lo trova

sparviero51

Gio, 17/08/2017 - 17:14

QUESTO,ED ALTRI CASI ANALOGHI, SPIEGANO L'IMPENNATA DEL P.I.L. SBANDIERATO IN QUESTI GIORNI DALL' ISTAT . IN UNA PAROLA : AFRICANIZZAZIONE !!!

krufra

Gio, 17/08/2017 - 17:18

Come molti di noi ha solo sbagliato mestiere, se avesse fatto il politico avrebbe più di 5 mila Eurini al mese da spendere senza fare niente dopo sei mesi di politica. Oppure magari una pensione d'oro da 50.000 Euroni come tanti nostri alti papaveri trinariciuti.

Ritratto di bonoitalianoma

bonoitalianoma

Gio, 17/08/2017 - 22:26

CHI L'HA DETTO CHE GLI ITALIANI SONO BRAVA GENTE? DI CERTO CI SONO CONCLAMATI IMBROGLIONI E ALTRETTANTI PASSATI PER FESSI ... I PIÙ.

Divoll

Gio, 17/08/2017 - 22:41

Tutto questo, perche' se si lamenta lo sostituisono subito con un africano clandestino.

Ritratto di bergat

bergat

Ven, 18/08/2017 - 08:07

Caro andrea, come fai a pensare che quello sia un lavoro? Meglio niente che questo sfruttamento. meglio chiedere l'elemosina: è più dignitoso. Quando a una persona gli viene offerto una paga di questo genere uno deve rispondere- non ho capito bene. 50 euro l'ora?- Conduco dei corsi di economia e questo insegno, a riconoscere quale è un vero lavoro e cosa non lo è (non è lavoro quello fatto da persone senza che vi sia un rischio da parte dell'azienda ma solo da parte di chi lo svolge. Non è lavoro se la retribuzione al lordo giornaliera è inferiore a 100 euro).