Killer di Budrio, gli inquirenti pensano abbia ucciso una terza persona

La procura di Ravenna ha indagato il 41enne Norbert Feher anche per l'omicidio di Salvatore Chianese, il metronotte ucciso con una fucilata il 30 dicembre 2015 nel Ravennate

La caccia al killer di Budrio va avanti senza quartiere. "Fino a quando non sarà catturato noi non ci fermeremo - ha detto ieri il ministro dell'Interno Marco Minniti - perché così si comporta un grande Paese". Il capo del Viminale ieri ha visitato i territori tra Bologna e Ferrara al centro delle ricerche dell'uomo accusato degli omicidi del barista Davide Fabbri e della guardia volontaria Valerio Verri. Intanto la procura di Ravenna ha formalmente indagato il 41enne Norbert Feher, alias "Igor il russo" (Igor Vaklavic), per l'omicidio di una terza persona, Salvatore Chianese, il metronotte ucciso il 30 dicembre 2015 nel Ravennate, con una fucilata. Gli inquirenti sono convinti che sia stato Feher a uccidere Chianese, soprattutto per la tecnica usata, simile a quella messa in atto per altri delitti commessi nella zona.

A insospettire gli investigatori ci sarebbero diversi elementi. In primo luogo dopo aver ucciso l'uomo il killer gli portò via la pistola. La stessa dinamica della tragica rapina del 29 marzo a Consandolo (Ferrara), a danni anche in quel caso di una guardia giurata.

L'identikit del killer

Classe 1976, ex militare, alto 1,80 metri. Ecco l'identikit di Feher. Un uomo pericoloso, in grado di camuffarsi senza problemi. Roberto Tronca, operatore di polizia penitenziaria di Ferrara, intervistato dal programma tv "Pomeriggio 5" ha raccontato Feher che era un detenuto modello: "E' entrato nel 2010 per rapine che ha commesso nel ferrarese ed è rimasto per 5 anni, sino al 2015: in questi anni è stato in carcere senza dare problemi, si è sempre comportato bene con la polizia penitenziaria e gli altri carcerati. Faceva lo 'scopino', puliva la sezione, faceva i lavori istituzionali dell'istituto, li faceva bene, con i compagni di detenzione non aveva problemi, anzi li aiutava economicamente. Era un detenuto perfetto, non ha mai avuto un richiamo disciplinare. Si faceva chiamare Igor. E nessuno in cinque anni è venuto mai a trovarlo in carcere".

Commenti

petra

Sab, 22/04/2017 - 15:12

Hanno lasciato un assassimo vagare per anni con un foglio di via falso, redatto sulla base di dichiarazioni false, senza nemmeno una postilla che lo mettesse in dubbio. Dice: eh ma lui ci aveva detto di chiamarsi Igor, essere nato in Russia ecc. ecc. Ma, dal momento che la Russia non lo aveva riconosciuto come suo cittadino, nè l'Ungheria, entrambe interpellate, quanto ci voleva a mettergli accanto un traduttore di madrelingua russa per capire che russo non era. Tra l'altro gli "slavi" in generale rinoscono l'accento delle varie lingue slave: croato, serbo, bosniaco ecc. Sarebbe stato un gioco da ragazzi. E invece no, libero di uccidere. Tanto, che vuoi che sia, siamo solo italiani..

Ritratto di tempus_fugit_888

tempus_fugit_888

Sab, 22/04/2017 - 16:10

1000 uomini per catturarne uno e dopo due settimane ancora nessun risultato. Speriamo che non scoppi una guerra.

Ritratto di Ausonio

Ausonio

Sab, 22/04/2017 - 16:24

Le nostre "forze dell'ordine" sono impegnate nel traghettamento delle preziose risorse.

Ritratto di hernando45

hernando45

Sab, 22/04/2017 - 16:25

Grande FRASE quella pronunciata dal Ministro, che quasi quasi ci fa rimpiangere l'altro IMPIASTRO che c'era prima al posto SUO. Un grande paese non si fa FREGARE da un delinquente "caro" Minniti, quando un paese si fa FREGARE a questo modo, vuol dire che è diventato un PICCOLO POVERO PAESE, per colpa dei suoi S/governanati!!! AMEN.

legionariolibero

Sab, 22/04/2017 - 16:28

Quando lo prenderanno, cioè per sfinimento da parte di un volgare ladro di polli, immagino la superconferenza stampa da parte di chi lo prenderà. Si parlerà di eroici super poliziotti, di tecniche investigative marziane, di agenti infiltrati tra le nutrie, - giusto giusto per non dare nell'occhio - di reparti speciali che tutte le polizie dell'universo mondo ci invidia, il tutto sapientemente coordinate dal governo in persona, a dimostrazione che nulla è impossibile a Renzi e a i suoi giannizzeri. Staremo a vedere, e anche a sentire.

Ritratto di Svevus

Svevus

Sab, 22/04/2017 - 18:00

Finiamola una volta per tutte di attribuire nazionalità non vere !

Ritratto di stenos

stenos

Sab, 22/04/2017 - 18:08

Stato canaglia. Che altro dire. Sotto la regia sapinte del pd e di half hano.

Ritratto di Leonida55

Leonida55

Dom, 23/04/2017 - 08:58

QUesto è già lontano, non lo prendete più. Quando ce l'avevate l'avete mandato via tranquillamente. Che furboni. Non vi sentite sulla coscienza gli omicidi successivi alla scarcerazione? NO? Non ve ne frega un baffo?