L’ausiliaria salvata da un partigiano "Vado a morire nella casa di Mussolini"

Fiorenza Ferrini, ex ausiliaria del servizio ausiliario femminile fascista ha deciso di morire a villa Mussolini. Una vita "tramandando i un uomo (il duce, ndr) che ho amato oltre ogni umana comprensione, un uomo per il quale ho pianto quando veniva insultato, morto, appeso per i piedi."

"Nella mia vita sono sempre stata coerente. E oggi, se Dio vorrà, non farò altro che esserlo per l’ennesima volta...", parola di Fiorenza Ferrini, ex ausiliaria del Corpo Femminile Volontario per i Servizi Ausiliari delle Forze Armate Repubblicane (Saf) in cui entrò quando ancora era minorenne. Ora a 94 anni ha deciso di morire nella casa che fu del Duce e di Rachele. Un viaggio dall’ospedale di Negrar (Verona) per arrivare a "villa" Carpena.

"Vi racconto chi era il Duce"

Il motivo di questo viaggio l'ha spiegato su Il Corriere del Veneto: "Tutto quello che ho fatto nella mia vita è legato a quella casa, ma soprattutto a chi ci ha abitato...". E sì, perchè quella casa fu la prima di Benito e Rachele Mussolini e dei loro cinque figli. La stessa che ora è "museo Mussolini". Lei sarà ospite nella casa di fronte, una villa che ora, come la definisce
Angiola Petronio, "è una sorta di mausoleo in cui non vive nessuno". Disabitata ma per Fiorenza "luogo di memoria", come definito sulle pagine del Corriere. Una memoria pesante come un fardello che la 94enne non ha mai rinnegato, sempre convinta e decisa a farsi scivolare addosso le sentenze e i relativi giudizi della storia.

L'anziana, come scrive la giornalista Angiola Petronio, ha ottenuto il trasferimento dal medico di base, ha poi chiamato i propietari della "villa-museo", Adele e Domenico Morosini e ha chiesto il permesso di tornarci. "Mi hanno detto che non c’era problema, ma non potrò dormire nella stanza di Rachele. Mi allestiranno una camera al piano terra.. ". Un ritorno desiderato fortemente. Tanto quanto la scelta di entrare nel Saf. In quell'occasione fu costretta allo sciopero della fame per convincere i genitori a lasciarla partire. O come quando venne spedita ad aiutare le truppe, perché non volle fare la segretaria o l’attendente. E come quella volta in cui venne salvata da un partigiano il 25 aprile. Un ricordo indelebile nella memoria dell'anziana: "Piazzale Loreto fu un orrore e tra di noi superstiti ci dicemmo che avremo raccontato ciò che è stato, nel bene e nel male". Sempre decisa Fiorenza.

Giorni difficili: dopo la Morte di Mussolini ci fu la fuga in Inghilterra, la tisi che le è costata un polmone e poi il ritorno nella città scaligera, come racconta Il Corriere del Veneto. Ma anche le porte sbattute in faccia perché etichettata come fascista. Porte divenute in seguito nuove vie per rinascere. Come racconta la giornalista, Fiorenza si diede allo studio di dattilografia, poi al lavoro in fiera e infine entrò come segretaria alla casa di cura Chierego-Perbellini. Nel tempo libero, spiega la Ferrini alla cronica che ha raccolto la sua testimonianza, cercava anche di vendere qualche libro per finanziare la villa di Mussolini e la "Piccola Caprera", dove spesso si ritrovava con le ex ausiliari della Saf.

O almeno quelle rimaste: "Siamo rimaste in poche. Molte vennero uccise e per evitare che ci prendessero i partigiani distruggemmo i documenti. Poi ci siamo rimesse in contatto, ma non eravamo molte...". Racconti che si susseguono e che trovano fondamento in quel libro che porta sempre con sé, come precisa Angiola Petronio. Un volume con tutte le opere completate dal Duce nel Ventennio. Tutti quelli che arrivano a villa "Carpena" ne ricevevano uno. Il motivo? Lo si legge chiaramente sulla pagine del Corriere Veneteo: "Perché il duce ha fatto tantissime cose buone. Poi è andata come è andata...". Orgogliosa di quelle opere e che onora a suo modo indossando ancora il suo basco da ausiliaria, abbinato con la medaglia della Saf.

"Con la fede nel cuore e il basco in testa"

Sempre con umiltà, senza distinzioni politiche, perché lei fu salvata da un partigiano: "Gli uomini vanno sempre giudicati dal loro cuore e non dal colore che portano addosso". Ha sempre scelto da sé. Nella vita come nella morte. E allora venerdì un’ambulanza andrà a San Martino in Strada, frazione di Forlì. Di certo non smetterà di raccontare la storia: "Tramando la storia, quella vera, perché io l’ho vissuta in prima persona. Racconto di un uomo (il duce, ndr) che ho amato oltre ogni umana comprensione, un uomo per il quale ho pianto quando veniva insultato, morto, appeso per i piedi. Racconto di una giovinezza trascorsa senza paura, con la fede nel cuore e il basco in testa. E dico a tutti che non me sono mai pentita. E racconto anche di quel partigiano che mi salvò la vita. Perché gli uomini non si dividono in rossi e neri, ma in buoni e cattivi".

Un ideale coltivato e mai tradito. Fino alla fine, fino a quella villa diventata museo e che ora le permetterà di culminare la sua esistenza senza mai piegarsi e senza svendere i propri ideali.

Commenti
Ritratto di franco-a-trier_DE

franco-a-trier_DE

Ven, 28/07/2017 - 11:01

DEVI DIRE ASSASSINATO..

HDFATBOB

Ven, 28/07/2017 - 11:02

A RIDATECELOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOO

ammazzalupi

Ven, 28/07/2017 - 11:22

ONORE a LUI. ONORE a TE.

Lissa

Ven, 28/07/2017 - 12:00

Nessun confronto con il traditore la mummia stramaledetta. Onore a questa grande Italiana!

Sonia51

Ven, 28/07/2017 - 12:44

Grande, grandissima Fiorenza Ferrini. Italiana e coerente fino in fondo.

Ernestinho

Ven, 28/07/2017 - 12:45

E quando vai dall'altra parte chiedigli perché ha portato l'Italia in guerra causando migliaia di morti!

Ritratto di paola2154

paola2154

Ven, 28/07/2017 - 12:45

Era un vero ITALIANO. E pure la signora. Grazie

Ritratto di ANGELO LIBERO 70

ANGELO LIBERO 70

Ven, 28/07/2017 - 13:01

"Gli uomini vanno sempre giudicati dal loro cuore e non dal colore che portano addosso": questo dovreste capire.

Ernestinho

Ven, 28/07/2017 - 13:05

X "ammazzalupi". E disonore a te!

Ernestinho

Ven, 28/07/2017 - 13:08

Erano veri Italiani anche coloro che purtroppo morirono, la maggioranza contro la loro volontà, per una guerra inutile e prevaricatrice alleandosi pure con Hitler!

Ritratto di elkid

elkid

Ven, 28/07/2017 - 13:23

----i parenti delle vittime di guerra ringraziano sentitamente---proprio l'altro giorno ho letto un altro libro che focalizzava la sua attenzione sui crimini di guerra commessi dall'esercito fascista all'estero--tanto per non farci mancare nulla---la guerra in libia--le deportazioni dalla cirenaica-la guerra d'etiopia--l'uso indiscriminato di sostanze chimiche--repressioni in africa orientale dopo la proclamazione dell'impero--l'occupazione della grecia--dell'albania--slovenia -dalmazia e montenegro e relativi crimini di guerra ed amenità varie fino ad arrivare in russia---spero che l'anima del duce continui a bruciare all'inferno tra atroci sofferenze---swag ganja

investigator13

Ven, 28/07/2017 - 13:51

a ridatece er puzzone. Mussolini ha fatto tutto e benissimo per l'Italia e gli italiani. Poi la malasorte; il funesto incontro sulla sua strada gloriosa con il tedesco, presentatosi come amico e fan di Mussolini per quanto aveva costruito l'Italia. invece Hitler era un nemico e traditore e ha rovinato tutto.

Boogieman

Ven, 28/07/2017 - 13:55

Ho avuto l' onore di conoscerla. Una grande Italiana.

IL_CORVO

Ven, 28/07/2017 - 14:03

W il DUCE e W il Fascismo...volete denunciare'fate pure..non me ne frega una beta mazza!

Ritratto di VladoGiulio

VladoGiulio

Ven, 28/07/2017 - 14:14

x Ernestinho PENSI CHE IRONIA ?! SE LEI OGGI PUO' ANDARE IN PENSIONE (O QUEL CHE NE RESTA) DOVETE IN OGNI CASO RINGRAZIARE MUSSOLINI, PER IL RESTO E' TUTTO CHIARO, SEMPLICE, CRISTALLINO, CONSOLIDATO, ACCETTATO, DIBATTUTO, RIBATTUTO RIDISCUSSO, RACCONTATO E TUTTI D'ACCORDO CON LEI OVVIAMENTE,MA ADESSO DOPO 70 ANNI PROVIAMO A FAR CHIAREZZA ANCHE DALL'ALTRA PARTE IN CUI NESSUNO PUO' SCAGLIARE LA PRIMA PIETRA E CI HANNO REGALATO UN DEBITO PUBBLICO SPAVENTOSO, L'EUROSOTTOMISSIONE, IL PEGGIO DELL'IMMIGRAZIONE DI MASSA E L'EMIGRAZIONE DEI GIOVANI VERSO TERRE PIU' FERTILI DELL' "ITALIA PARTIGIANA".

al59ma63

Ven, 28/07/2017 - 14:22

Onore e coerenza, questa donna ha molto da insegnare ai giovani di oggi.

Fjr

Ven, 28/07/2017 - 15:00

Ernestinho,per parlare di storia bisogna averla vissuta,la Ferrini l'ha vissuta fino in fondo,per quanto riguarda il suo commento quando la persona è nulla l'offesa è pari a zero,see you later

pastello

Ven, 28/07/2017 - 15:22

Chapeau !

IL_CORVO

Ven, 28/07/2017 - 15:29

x Ernestinho, Forse era meglio Stalin che ha causato miliooni di morti o le "gloriose" bande partigiane che sparavano alla schiena a ragazzini di 16 anni che militavano nella RSI ed attendevano l'autobus....vai a leggere un'altro giornale..questo non fa per te...

lento

Ven, 28/07/2017 - 16:21

....Onore e dignita' a una Grande Italiana che combattere per la Patria e per il DUCE fu Grande Onore !

27Adriano

Ven, 28/07/2017 - 16:35

Signora Fiorenza, Lei è un rarissimo esempio di Italiana. ONORE a Lei!

IL_CORVO

Ven, 28/07/2017 - 16:36

Non succedera',ma se succede....abbiamo una lunga lista nera da purificare

IL_CORVO

Ven, 28/07/2017 - 16:46

Ragazzi vogliamo far sentire che ci siamo ancora?Che esiste l'orgoglio di essere Fascisti ed il nostro saluto e' Quello Romano?A differenza di quello che molti trinaricciuti credono,non e' un saluto che ha inventato il Duce ma era il saluto delle legioni Romane che concquistavano il mondo,un tributo agli Imperatori e nessuno ci puo' impedire di salutarci cosi'!Non di che la repubblica consente liberta' di espressioni,pensieri ed opera purche' non violente?Ottobre e' dietro l'angolo..tutti a predappio il 28 ottobre,facciamo vedere che ci siamo ancora!ONORE AL DUCE!

fer 44

Ven, 28/07/2017 - 17:04

ONORE AL DUCE e alla SIGNORA FIORENZA ! A NOI !!!

fer 44

Ven, 28/07/2017 - 17:07

@ franco-a-trier_DE 11:01 Solitamente non condivido i tuoi commenti, ma questo è CORRETTISSIMO!

anfo

Ven, 28/07/2017 - 17:17

elkid bene, ora fatti una bella scorpacciata di testi sui regimi comunisti!MOAB p.s. mia piena solidarietà al nonno.

Libertà75

Ven, 28/07/2017 - 17:18

@elkid, chi decide chi va all'inferno? Lei tra un tiro di ganja e l'altro? Domanda, lei sarà mica anche uno di quei diversamente studiosi che sostengono che non siano mai esistite le foibe? Aldilà di questo, qui non si è affatto parlato della perfezione del Duce, ma dell'amore di questa donna che ha anche sottolineato che gli uomini si dividono in buoni e cattivi e non in rossi e neri. Caro fumatore, potevi non cogliere l'occasione di autodefinirti cattivo e rosso, ma hai evitato e ne prendiamo atto. Saluti

Ritratto di tomari

tomari

Ven, 28/07/2017 - 17:39

@Libertà75: Non offendere i fumatori! Dovevi precisare "fumatori di canne" come sono la maggioranza dei PDioti.

atlante

Ven, 28/07/2017 - 17:43

Che grande donna ITALIANA. Altro che la boldrina.

Ernestinho

Ven, 28/07/2017 - 18:02

x "VladoGiulio". Ha fatto cose buone, senz'altro, ma ha fatto morire migliaia di ITALIANI per una guerra inutile! Tutto il resto è noia!

Ernestinho

Ven, 28/07/2017 - 18:07

X "Fjr" Non è necessario avere vissuto un'epoca per contestarla. Purtroppo l'hanno vissuta migliaia di ITALIANI che poi sono morti, trascinati a forza in una guerra inutile in cui il suo Duce si alleò con Hitler, un "agnellino"! X "ilcorvo" E chi le ha detto che il comunismo sia stato migliore, ma adesso stiamo parlando del "fascismo", alleato del "nazismo"!

Ernestinho

Ven, 28/07/2017 - 18:09

Penso che i commenti de "il corvo" siano pieni di minacce, oltre che di apologia del fascismo. Sarà bene fare una segnalazione alla Polizia Postale!

Ernestinho

Ven, 28/07/2017 - 18:12

Sempre per "il corvo". Tra l'altro sei anche sgrammaticato, oltre che ignorante! Un altro si scrive senza apostrofo! Damn to you!

Ernestinho

Ven, 28/07/2017 - 18:15

X "Fjr" Addio, invece, a te. Damn to you, too!

Ernestinho

Ven, 28/07/2017 - 18:25

Anche Eva Braun provava simpatia per Hitler! Anche la moglie di Ceausescu per lo stesso, e così via!

Garombo

Ven, 28/07/2017 - 19:36

migliaia di italiani? Centinaia di migliaia vorrai dire...

tofani.graziano

Ven, 28/07/2017 - 20:02

Fiorenza Ferrini grande Italiana e fascista.Porti con se questo appellativo con ONORE

carmann

Ven, 28/07/2017 - 21:09

a el kid. pensi alle nevandezze dei partigiani rossi a guerra ultimata fino al 1948-49, si documenti e non straparli. pensi ai poveri friulani gettati nelle foibe dal maresciallo tito e anche ai repubblicani nella guerra civile spagnola. si documenti e non pensi che il male e' sempre da una parte.

angelovf

Ven, 28/07/2017 - 22:54

Chissà perché non ho mai sentito un russo parlare male di Stalin,eppure era un belva ha fatto milioni di morti, i suoi dissidenti finivano tutti uccisi o inviati in Siberia,nonostante ciò i russi rispettano la storia e gli portano anche i fiori, senza fare leggi contro quel periodo che come da noi non é possibile evocare. Stranamente quelle persone erano tutte fasciste, quando erano sicuri che Mussolini era morto,diventarono tutti comunisti e collaboratori dei sovietici per soldi, nessuno popolo al mondo e traditore come noi.

Ritratto di VladoGiulio

VladoGiulio

Lun, 31/07/2017 - 12:37

Ernestinho : MI SEMBRA EVIDENTE ED OVVIO CHE NON HA CAPITO IL MIO COMMENTO SI FACCIA CORAGGIO E LO RILEGGA PIU' LENTAMENTE DANDO IL TEMPO AI SUOI NEURONI DI CONSOLIDARE LE INFORMAZIONI IN ARRIVO ! (GRAZIE PER IL DIRITTO DI REPLICA )