Il lavoro da "mamma" vale uno stipendio da oltre 3 mila euro al mese

Il portale ProntoPro.it ha calcolato quanto guadagnerebbero le mamme per le attività che svolgono gratis all'interno delle mura domestiche se fossero retribuite come professionisti: oltre 3 mila euro al mese

Il mestiere più difficile del mondo è anche il meno retribuito: se le mamme dovessero battere cassa per tutti i lavori che svolgono all'interno della famiglia per la cura della casa e dei figli percepirebbero uno stipendio da oltre 3 mila euro netti al mese.

Tanto è stato valutato il lavoro domestico delle donne se, invece di essere prestato gratuitamente tra le mura di casa, fosse retribuito come a un lavoratore professionista. A fare i calcoli, è stato il portale ProntoPro.it, che offre preventivi per i lavori di professionisti.

Il portale ha preso in considerazione tutte le attività svolte dentro e fuori casa, "con le relative paghe orarie riconosciute a chi esercita i diversi mestieri al di fuori della famiglia, come lavoratore professionista. È emerso che lo stipendio mensile medio sarebbe pari a quello di chi ricopre cariche manageriali, di medici specializzati e di liberi professionisti".

In media 7 ore settimanali di cura dei bambini valgono 230, 40 euro; 4 ore alla settimana di lavanderia e stiro 155,40 euro; 4 di autista privato 208 euro; un'ora di personal shopper costa 250 euro, 14 da colf 560 euro; 10 ore e mezza in qualità di chef sarebbero retribuite 1.260 euro e infine 6 ore settimanali da insegnante privato 480 euro.

Sommando le attività non retribuite delle mamme si arriverebbe al considerevole stipendio di 3.045 euro netti al mese, il doppio rispetto alla media italiana. D'altronde il lavoro di mamma inizia fin dalle prime ore del giorno con il ruolo di autista privato per accompagnare i propri bambini a scuola, in piscina o dagli amici, e prosegue fino a tarda sera.

"La mamma è anche uno chef a domicilio, professione sempre più in voga e che guadagna mediamente 30 euro l'ora. Lavanderia, stireria e pulizie sono le mansioni che in media portano via più tempo dato che per svolgere questi lavori si impiegano almeno 18 ore a settimana", spiega il portale.

"E quante volte la mamma diventa anche una personal shopper? La consulente per gli acquisti ha una paga oraria pari a 50 euro: questo significa che una madre, in un mese, ne guadagnerebbe almeno 150, considerando che la sua consulenza non verte solo su scarpe e vestiti, ma anche su libri, cancelleria, articoli sportivi e giocattoli", ha aggiunto.

"Ultimo ma forse il più importante, il ruolo di life coach: ogni genitore è un life coach reperibile e contattabile 24 ore al giorno, pronto ad insegnare a gestire la propria vita, il proprio tempo e i propri affetti. La mamma è la prima life coach che incontriamo nel nostro percorso di vita e se volesse lucrare solo su questo potrebbe guadagnare 8.810 euro al mese, cifra che non è stata inserita nel computo", conclude ProntoPro.it.

Commenti
Ritratto di do-ut-des

do-ut-des

Gio, 11/05/2017 - 12:40

quindi il marito paghi lo stipendio e la moglie paghi le tasse su quello stipendio. Vorreste mica che a pagare siano i single!?. Ma poi una è casalinga fa i suoi lavori da casalinga, ma anche una che è impiegata quando torna a casa si ritrova tutti i lavori da casalinga. Non pensiamo solo a quelle che assumano la colf, ci sono anche come a casa mia che ci facciamo tutto da soli ed io aiuto mia moglie.

schiacciarayban

Gio, 11/05/2017 - 12:52

Ma chi si inventa queste scemenze?

Ritratto di Mario Galaverna

Mario Galaverna

Gio, 11/05/2017 - 12:52

Nel computo manca il guadagno come amante e il guadagno di creatrice dei futuri cittadini. Altro che tremila euro.

Ritratto di Leonida55

Leonida55

Gio, 11/05/2017 - 13:02

Si, magari pagato dal marito che sgobbando con gli straordinari ne guadagna 1200 € al mese, deve pagare l'affitto e mantenere i figli, oltre che bollette e mangiare. Ma che conti sono questi?

Ritratto di Leonida55

Leonida55

Gio, 11/05/2017 - 13:02

Fateli pagare da chi ci dovrebbe pagare le pensioni, quelli che attualmente state mantenedo voi dello stato.

chebarba

Gio, 11/05/2017 - 13:22

il punto è che continuate a distinguere tra casalinga e donna che lavora fuori casa, sfugge il punto che la donna in genere lavora fuori casa e poi fa tutte le mansioni che descrivete nell'articolo, quella che lavora nella metà del tempo delle casalinghe, cui si aggiunge il lavoro di stiro e lavaggio ecc ecc per il marito, di colf (pulire la casa, di chef cucinare almeno sano e gustoso, funambulismo ossia destreggiarsi tra le varie richieste e impegni di tutti, non ultimo mantenere un aspetto pulito e decoroso per il lavoro e la famiglia, mica vorrai che i figli (o financo il marito) debba vergognarsi di te? Quello che mi sfugge è che le donne danno il triplo dell'attenzione oggi ai figli rispetto a quella che davano negli anni '50 -'60 quando la maggioranza era a casa, le pretese aumentano sempre più

chebarba

Gio, 11/05/2017 - 13:29

Leonida55 appunto dimentichi che la maggioranza delle donne lavora fuori e dentro casa, quindi contribuisce al menage con doppio ruolo, sono poche quelle che possono permettersi aiuti esterni, è sottolineato solo il vittimismo della casalinga, non le donne che si fanno in 4 per far fronte a tutto e dico tutto, io mi son trovata a pulire lavare, rammendare,disegnare, stirare ecc ecc tra la mezzanotte e le tre del mattino, dovendomi poi alzare alle 6 (5.30 se devo fare i capelli) per prepararmi, preparare le colozaioni, svegliare la truppa e aiutarli a prepararsi portare a scuola e andare in ufficio... Almeno mio marito è uno che sa fare tante cose, oltre che lavorare, è un padre presente e attivo, sa fare mille riparazioni tecniche ed elettroniche in casa,fa la spesa ed è in grado di preparare un pasto come si deve...

Ritratto di giovinap

giovinap

Gio, 11/05/2017 - 13:31

provate un poco a calcolare quanto dovrebbe guadagnare al mese un marito che si fa il c.lo dalla mattina alla sera per dare da campare a una moglie e ai figli ; credo almeno il doppio .

gabryvi

Gio, 11/05/2017 - 13:38

Scusate, ma quelle che gestiscono una famiglia e lavorano pure, quanto valgono?

Luigi Farinelli

Gio, 11/05/2017 - 14:11

Andrebbe finalmente nella direzione giusta, dopo decenni di radical femminismo distruttore della famiglia naturale con i suoi slogan tipo "la maternità è un handicap della natura contro le donne che così non possono fare carriera" o con le sue truffaldine cifre sulla violenza contro le donne per poter affermare ad ogni piè sospinto "l'assassino ti dorme accanto", sulla spinta della destrutturazione della famiglia naturale per promuovere quella promiscua e sterile destabilizzando l'intera società, da sacrifcare sull'altare dei "nuovi diritti" e del laicismo più pazzoide e pericoloso.

chebarba

Gio, 11/05/2017 - 14:32

do-ut-des evviva le famiglie normali!

chebarba

Gio, 11/05/2017 - 14:33

tanto se sei in soldi e fai la casalinga la colf la prendi uguale

Ritratto di Yatro

Yatro

Gio, 11/05/2017 - 14:41

Ma scusate: io lavoro tutto il giorno ma quando arrivo a casa (da ristrutturare) vernicio muri, faccio piccole riparazioni, sistemo il giardino, ECC ... Allora anche io ho diritto ad uno stipendio extra ???

Ritratto di mbferno

mbferno

Gio, 11/05/2017 - 14:44

Ma non dite cavolate....non ho mai visto nessuna donna lavorare in casa almeno 8 ore consecutive come la maggioranza degli uomini....sempre a fare le vittime...

Ritratto di Giano

Giano

Gio, 11/05/2017 - 14:50

Ma chi li pensa questi articoloni sul costo di “essere vivi”? Di questo si tratta: calcolare il costo delle attività svolte per il fatto di essere “vivi”. A quale fine? Sostenere il riconoscimento alle casalinghe di uno “stipendio” per il lavoro che svolgono? E chi le obbliga a cucinare, fare la spesa, lavarsi le mutande? Ma anche i maschietti single devono fare le normali attività quotidiane. Paghiamo anche i single? E’ sulla stessa linea del “reddito di cittadinanza” dei grillini. Si vuole stabilire il principio che una persona abbia diritto ad essere “stipendiata” dallo Stato per il solo fatto di essere viva. Il che sarebbe già un’idea bizzarra in uno Stato ricchissimo che potesse regalare ai cittadini ingenti somme di denaro. Ma ancor più demenziale in uno Stato che rischia la bancarotta, in un mondo che attraversa una lunghissima e devastante crisi economica. Solo delle menti perverse possono immaginare simili proposte.

Geom.Calboni

Gio, 11/05/2017 - 15:04

Il problema di base è che paghiamo troppo lavori per i quali è richiesto avere solo il pollice opponibile (e.g. colf) e che ci inventiamo lavori completamente inutili -oltretutto strapagati- (e.g. life coach o personal shopper) e sottopaghiamo/sottovalutiamo quelli che invece fanno qualcosa di effettivamente utile.

Ritratto di Giano

Giano

Gio, 11/05/2017 - 15:07

Si possono fare molte cose stupide nella vita. Ma pagare un “personal shopper” per avere consigli sugli acquisti è già ad un buon livello; se non il primo posto, si gioca almeno un buon piazzamento. Provate ad immaginare quanti saranno gli italiani che quando devono fare acquisti si fanno accompagnare dal “personal shopper”. Ce la vedete la casalinga di Voghera che quando va al mercatino a comprare broccoli, patate e biancheria intima dai cinesi si fa accompagnare dal personal shopper? Bisogna essere fuori dal mondo per considerare il personal shopper tra i costi di una famiglia. Stranamente, però, hanno dimenticato di calcolare il costo di una escort disponibile 24 h. al giorno per 365 giorni all’anno: un capitale. Per avere una moglie bisognerebbe chiedere un mutuo in banca.

Ritratto di Giano

Giano

Gio, 11/05/2017 - 15:08

Di solito mi lamento per l’eccessivo spazio dato alle notizie di gossip e per l’eccessiva presenza sul web di notizie inutili e spesso al limite dell’idiozia. Ma questa va oltre il limite. E’ così idiota che quasi quasi comincio a rivalutare gli articoli su Belen. E basta. Se non avete niente di meglio da scrivere, lasciate la pagina bianca. E’ più onesto. Un ultimo consiglio, non alle persone normali (che campano benissimo con meno di 3.000 € al mese, anche senza il personal shopper: vero signora Gavina?), ma a quei geni che campano facendo questo tipo di ricerche e ci scrivono libri e articoli. Se non sapete cucinare, lavarvi le mutande, fare acquisti senza il consiglio dell’esperto; se non siete in grado di sostenere queste spese eccessive, né di avere una moglie o un marito che porti a casa uno stipendio o che svolga tutti i lavori a costo zero; se essere vivi costa tanta fatica e denaro, nessuno vi obbliga a vivere; sparatevi.

bobots1

Gio, 11/05/2017 - 15:13

Una mamma a tempo pieno ed in più casalinga merita molto di più (se tale lavoro dovesse essere quantificabile). Pensate a quanto guadagnano certi (molti) dirigenti e quanto rendono veramente...non sono certo quest'ultimi a portare avanti la società. È chiaro che è un discorso solo teorico...

Angelo664

Gio, 11/05/2017 - 17:00

Temo che si stia andando un tantino fuori dai binari. La follia non ha limiti e noi le diamo pure tra. Purtroppo tanti soldi non te li da più nessuno, nemmeno se fai l'artificiere in una Caserma e rischi la pelle ogni giorno. In base al rischio non c'è paragone. secondo me dovremmo ritornare tutti con i piedi più per terra. Andare a vedere come fanno in India o nelle Filippine e poi accontentarci del trattamento in Europa.

angelovf

Gio, 11/05/2017 - 21:25

Prestato gratuitamente tra le mure domestiche, non fa niente per nessuno ma per se stessa e per i suoi figli che ha messo al mondo, sicuramente se lo farebbe per un altra famiglia non metterebbe tanta foga, con tutte le comodità che ci sono adesso, se era la donna d'un tempo che aveva 10 figli e andava in campagna quelle sinche erano grandi lavoratrici senza prezzo. Tra poco calcoliamo anche quanti km fa in un ora la lumaca.

Ritratto di Leonida55

Leonida55

Gio, 11/05/2017 - 21:37

@chebarba - sono d'accordissimo con lei, ho visto moglie e figlie farsi in 4 per portare avanti famiglia con figli e ammetto che è dura. Ma il discorso dei 3000 € al mese è comico, dove si vanno a prendere? Visto che i sinistri affermano che i clandestini ci pagano le pensioni e producono montagne di miliardi di PIL, bene allora prendiamoli da loro. Ma non ti sembra tutto assurdo? Convengo che valga il prezzo il lavoro familiare di una donna, ma come si fa a retribuirla?

chebarba

Ven, 12/05/2017 - 08:37

Angelo664 ha perfettamente ragione. Faccio un altro esempio ci hanno fatto un preventivo di 720 euro per le zanzariere alle 2 porte finestre piano terra, mio marito ha detto fossi scemo.... le ha montate lui comprandole in un negozio di bricollage per un costo di euro 118. La famiglia (in cui lavoriamo entrambi) ha risparmiato 700 euro (fossero stati anche solo 200 era uguale)morale tutti lavoriamo in casa e fuori tutti in base al nostro stile ed esigenze perciò basta pretese e contentini assurdi... se la casalinga non è soddifatta e vuole riconoscimenti ne parli con il coniuge e trovino un accordo come fanno le donne e gli uomini che lavorano...

chebarba

Ven, 12/05/2017 - 12:39

Leonida55, parlavo per iperbole, non si può retribuire ciò che si fa per scelta di vita e per amore..... non si chiede neanche che venga retribuito, io mi accontento della soddisfazione che ho, si retribuisce la prestazione lavorativa di un terzo e si chiama rapporto di lavoro, non si può essere pagati per ciò che vogliamo o dobbiamo fare nella vita che scegliamo