L'eterna balla sull'evasione

Confindustria predica che senza evasori crescerebbero lavoro e pil, ma non guarda in casa sua

Ci risiamo con l'evasione fiscale causa di tutti i mali italiani. Nessuno la giustifica, ma sarebbe meglio forse ricordare che il nostro disastro deriva dall'eccesso di spesa pubblica, da un debito mostruoso e dall'incapacità di ridurre la pressione e l'oppressione fiscale. E invece no. È molto più finanziariamente corretto parlare di evasione. Il centro studi di Confindustria ha recentemente calcolato la nostra evasione in 122 miliardi di euro. Il presidente della Repubblica ha ripreso il dato nel suo discorso di fine d'anno. Peraltro gettando alle ortiche i calcoli fatti da un organo dello Stato, che si chiama ministero dell'Economia, e che stima l'evasione in 90 miliardi. La posizione di Confindustria ha fatto scalpore non solo perché con i suoi numeri smentisce, in peggio, quelli ufficiali, ma anche perché sostiene la seguente teoria: se si dimezzasse l'evasione ci sarebbe una maggiore ricchezza del 3,1% e la bellezza di 335mila occupati in più. Bingo. Evviva.

Criticare la Confindustria è difficile, anche per la nota serietà dei suoi studiosi, per di più quando è così politicamente corretta. Chi può contestare una sana indignazione contro l'evasione e soprattutto chi se la sente di farlo se sull'altro piatto della bilancia c'è più lavoro e più Pil per tutti? Ci permettiamo di fare alcune domande.

1. Cari industriali come calcolate l'evasione fiscale in Italia? O meglio, spiegate il metodo per calcolare quella relativa all'Iva, stimata in 40 miliardi, ma la restante (sono vostre parole) viene calcolata anche grazie ad «assunzioni eroiche» sul sommerso.

2. È mai possibile fornire dati così clamorosi su assunzioni che sono solo ipotetiche o teoriche? Il medesimo principio, altrettanto teorico, di presunzioni e precauzioni porterebbe, in un altro campo sensibile come quello ambientale, a far chiudere metà delle vostre imprese per possibili danni ambientali. Sul modello del sindaco del paesotto vicino ad Ivrea che ha staccato i Wi-Fi perché potenzialmente dannosi. Voglio dire che se affidiamo a modelli presuntivi ed eccessivamente precauzionali i nostri possibili comportamenti chiudiamo bottega.

3. Il punto precedente vi sembra esagerato? Allora seguite questo ragionamento, che poi è il vostro, ma ora riferito alla tutela dell'ambiente. Prendete il livello accettabile di inquinamento (dell'aria, dell'acqua e della terra) stabilito dalle direttive comunitarie o da ragionevoli stime teoriche. Poi rilevate i dati reali (l'equivalente del gettito fiscale) delle sostanze inquinanti e realizzate presunzioni teoriche quando non i dati reali dovessero mancare. La differenza è l'evasione ambientale fatta dagli italiani. Da andare tutti in galera. Accettereste questo tipo di calcolo?

4. Proprio voi industriali come fate a pensare che l'emersione coercitiva dal sommerso crei maggiore lavoro? Dovreste sapere bene come talvolta l'eccessiva fiscalità ha semplicemente fatto scomparire un certo tipo di imprese dal nostro Paese. Altro che generare nuovo Pil. Si distruggerebbe quello illegale (e ciò è cosa buona e giusta) ma purtroppo non si creerebbe una maggiore e simmetrica produzione.

5. Se l'evasione è una tale piaga, superiore addirittura a quella calcolata dal governo, perché cari industriali non cacciate dalla vostra nobile associazione nazionale e locale, tutti coloro che hanno avuto problemi con il fisco?

6. Cosa ne pensate dei patteggiamenti fiscali? Un'impresa, l'ultima la Apple (ma ci sono centinaia di vostri associati nelle medesime condizioni) che chiude un contenzioso con il fisco da diversi milioni di euro, è degna di restare in viale dell'Astronomia?

7. Perché invece di tanti modelli teorici, non realizzate un documento reale, vero, basato sui fatti. E cioè chiedete per questionario (se preferite anonimo) quanti dei vostri associati hanno avuto una sanzione fiscale e di quale importo. Sarebbe interessante capire, ad esempio, quale parte dei 14 miliardi riscossi nel 2014 arrivi dal sistema delle imprese italiane. Potremmo finalmente convincerci che l'evasione è sempre quella che fanno gli altri: che so, il piccolo idraulico, il commerciante o l'insegnante con le sue ripetizioni.

Non se la prenda Confindustria e il responsabile di questo progetto (Andrea Bolla), ma consiglieremmo loro di leggere una bella tabella pubblicata dal quotidiano di famiglia: il Sole 24 Ore. Essa analizza tutte le spese della legge di Stabilità comma per comma. Arriviamo al 601: Fondo per la riduzione della pressione fiscale. Ebbene questo governo lo ha tagliato di 809 milioni per il 2016, 413 e 411 milioni per gli anni dopo. Il fondo che avrebbe dovuto ridurre le imposte anche in virtù dei recuperi dell'evasione fiscale è stato svuotato di più di 1,5 miliardi in un triennio. Questa non è teoria, è pratica. I governi di qualsiasi colore purtroppo ci hanno raccontato che riducendo l'evasione si sarebbero ridotte le aliquote per chi le imposte le paga. Balle, come quelle che dovremmo sentirci per i prossimi decenni, sull'evasione in Italia a 122 miliardi.

Annunci
Commenti
Ritratto di Il corvo

Il corvo

Sab, 09/01/2016 - 17:13

Se ho ben letto, cosa vuol insegnare questo articolo? Che l'evasione non esiste, che se per assurdo anche esistesse non creerebbe danni, o che addirittura evadere è cosa buona e giusta?

Ritratto di mortimermouse

mortimermouse

Sab, 09/01/2016 - 17:21

poveri idioti di sinistra, questo forse ancora non lo sanno! o fanno finta di non sapere niente! però guarda caso, appena leggono berlusconi, diventano strani, cambiano tono, gli occhi si girano come gli squali, appena sentono odore di sangue.... e attaccano! patetici cre.tini! gente cre.tina come ANDREA SEGAIOLO, XGERICO, TOTONNO58, GIORGIO1952, PONTALTI, ERSOLA, LUIGITIPISCIO, SNIPER, DREAMER_66, ATLANTICO, PINUX3, FAB73, ANTONIOBALL73, ecc dovrebbe essere impiccata ai lampioni!

kallen1

Sab, 09/01/2016 - 17:26

E come dargli torto? Purtroppo la cattiva abitudine di vedere negli occhi altrui una pagliuzza e non vedere nei propri una trave è dura a morire, vero cari industriali?

Raoul Pontalti

Sab, 09/01/2016 - 17:41

Premesso che lo Stato (con le sue articolazioni spenderecce come le Regioni) deve ridurre le spese, l'evasione fiscale è un dato di fatto e con numeri ben maggiori di quelli indicati. Solo per l'IVA ci sarebbero 200 miliardi (non 40!) di evasione cui si aggiungono l'elusione da un lato e la frode fiscale dall'altro. Non tutte le imprese commerciali ai sensi del codice civile sono industriali, la maggior parte anzi non lo sono e proprio tra le imprese artigiane e dei servizi si annida l'evasione più sfacciata. Per le imprese dell'industria in genere è un po' più difficle evadere le tasse e così per le grandi imprese di ogni genere, ecco perché l'associazionedi di categoria degli invidiosi se la prende con l'evasione altrui...

Ritratto di Giovanni da Udine

Giovanni da Udine

Sab, 09/01/2016 - 18:04

il corvo: se non capisci quello che leggi su questo sito, vai da altre parti dove magari ti fanno anche un disegnino di aiuto. Inutile che fai domande: nessuno ha tempo e voglia di spiegarti come stanno le cose. Per dirla con un detto delle mie parti: è inutile tentare di insegnare ad un mulo, perdi tempo ma, soprattutto, infastidisci la bestia.

roby55

Sab, 09/01/2016 - 18:10

Caro "il corvo" evidentemente il suo commento è così acido da non farle capire niente. Mi permetta senza presunzione di farle capire una cosa di per sé abbastanza evidente: senza evasione o senza il sommerso tantissime persone non potrebbero permettersi di lavorare e quindi di sbarcare il lunario, se anche il sommerso dovesse sparire i posti creati sarebbero nulla a confronto di quello che il sommerso permette di creare, e questo grazie ad una tassazione che è una vessazione, grazie ad una fiscalità dovrebbe sdoganare le imprese che creano lavoro, e tassare invece solo i guadagni individuali.

blackbird

Sab, 09/01/2016 - 18:15

C'è ancora qualche povero illuso che crede che se entrassero nelle casse dello Stato i 90 (o 122) miliardi evasi, le tasse potrebbero diminuire o i servizi migliorare? Illusi, appunto, lieviterebbe a dismisura il ladrocinio di denaro dei contribuenti per finanziare partiti, gruppi, associazioni, persone fisiche e giuridiche (Fondazioni). Sprechi di ogni genere! Basta guardare ogni sera la TV per vedere quante inutili "opere pubbliche" non sono mai state utilizzate o finite, sono servite solo per pagare tangenti! Alla faccia delle varie "Autorità" e della Magistratura.

unosolo

Sab, 09/01/2016 - 18:17

terra terra ma è la realtà . Da pensionato vivo la reale situazione economica e vedo moltissimi anziani cercare prodotti quasi a scadenza per risparmiare , pensioni ferme a mettere in ridicolo le dichiarazioni dei ministri e del PCM , le pensioni se ferme e se scendono come la mia vol dire recessione o solo stasi del PIL , non ci sono sommersi è proprio mancanza di volontà di lavorare , troppi parassiti istituzionali e troppi sprechi., altro che sommerso,.,

Ritratto di Kommissar

Kommissar

Sab, 09/01/2016 - 18:41

La conclusione logica dell'articolo sarebbe quindi che finche' Confindustria non risponde alle "Sette Domande di Porro", si puo` continuare ad evadere. Guardi Porro che e` cosi` che i suoi aficionados, ed evasori, la interpreteranno. E lei lo sa troppo bene, quindi questo articolo e` irresponsabile da parte sua.

Ritratto di mortimermouse

mortimermouse

Sab, 09/01/2016 - 18:42

ecco, ha parlato quel cre.tino PONTALTI.... uno sciorinare di commenti insensati, inutili, prolissi, e pure patetici nelle giustificazioni :-)

Maurizio Fiorelli

Sab, 09/01/2016 - 19:05

Ha ragione Signor Porro, il sommerso se dovesse emergere veramente nessuno se ne farà carico perchè assumere è troppo dispendioso e senza politiche specifiche nessuno assumerà, (vedere anche in altri paesi europei).In merito all'evasione in Italia immagino che sia magari ad una percentuale maggiore che in altri Paesi, non è scusabile, per carità, ma esiste in dappertutto e da sempre. Si deve sicuramente combattere, ma pensare di debellarla è pura utopia. Cordialmente

citano39

Sab, 09/01/2016 - 19:08

Il suo articolo, dott. Porro, l,ho riletto piu' volte. Non facile da comprendere subito necessita di una profonda riflessione. Una cosa ho capito: Nessuno sa quanto in Italia si evade, ma quel qualcuno pensa anche che i miliardi evasi siano talmente tanti da eguagliare o superare addirittura il nostro PIL. Alcuni anni fa ascoltai alla radio un imprenditore che diceva: In Italia ci sono piu' di cento "signori" che senza compiere il minimo sforzo potrebbero azzerare il nostro debito pubblico. Chissà se quell'imprenditore potrebbe dire oggi: ogni italiano che paga le tasse (posto fisso) ha sul suo pianerottolo un grande evasore.

uccellino44

Sab, 09/01/2016 - 19:33

@IL CORVO@ - Ho letto altri commenti sui suoi scritti e, quindi, mi astengo dal proporne un altro, perché dovrebbe essere necessariamente offensivo! La prego legga - o rilegga - quanto le rispondono @GIOVANNI DA UDINE@ e @ROBY55@. Se ancora non capisce, faccia un favore agli altri ed a se stesso: non scriva più!!

lucaberardi

Sab, 09/01/2016 - 19:43

Ottimo articolo, non concordo solo sul fatto che l'evasione non sia giustificabile. Anche il Presidente Einaudi diceva che l'evasione era giustificabile in presenza di tasse troppo esose e ai presenti che non lo sanno ricordo che secondo la curva di Laffer al crescere della tassazione (aliquote) il gettito diminuisce cosa che capì bene Reagan riducendo le aliquote e facendo così crescere le entrate fiscali perchè al crescere della tassazione le aziende o chiudono (vedasi punto 4 di Porro) o emigrano o sono maggiormente incentivate ad evadere (come legittima difesa come in pratica dice Einaudi) pur di sopravvivere. Ma nessun governo italiano lo ha ancora capito e aumenta di anno in anno le tasse inventandosene di nuove finchè il sistema imploderà

Ritratto di cruciax

cruciax

Sab, 09/01/2016 - 20:53

È il mondo dei furbi e Porro ragiona come il classico italiano medio: "bisogna pagarle queste tasse, però prima lo faccia qualcun'altro"

lavitaebreve

Sab, 09/01/2016 - 20:59

Non lo sa nessuno a quanto ammonta l'evasione. Danno numeri a caso, la prossima volta diranno un'altra cifra. Però tacciono della immensa evasione che hanno fatto i gestori delle macchinette da gioco che ammontava a più di 90 MILIARDI di euro , però il governo gli ha fatto un super sconto.Grazie a Letta prima e Renzi dopo. Deboli coi forti e forti coi deboli.

Ritratto di hernando45

hernando45

Sab, 09/01/2016 - 21:32

Quoto il POSTATO di BLACKBIRD 18e15 ed aggiungo. Uno STATO che SPENDE e SPANDE centinaia di MILIARDI delle tasse degli Italiani per, A) mandare navi fino davanti le foci del Nilo da piu di 2 anni a RACCATTARE FINTI PROFUGHI,B) Coprire i "BUCHI" delle banche di PAPÀ o dei PASCHI, C)Comperare (in leasing ma è sempre comperare) AREOPLANINI per il PDC,D) Assumere insegnanti precari che poi NON hanno il posto,E)Pagare Aumenti per la CASTA e tutti i suoi INSERVIENTI,F) RUBARE ai pensionati gli adeguamenti al costo della vita,G)Mettere in mezzo alla strada centinaia di migliaia di ESODATI, e qui mi fermo per PIETÀ, SENZA tentare di ridurre nessun PREVILEGIO nella spesa pubblica. È uno stato che si merita NON l'EVASIONE, ma che TUTTI gli Italiani SE NE E-VADANO dall'Italia. Pax vobiscum.

alox

Sab, 09/01/2016 - 22:15

Gli Industriali, assieme alla GDO hanno contribuito con il Governo ad eliminare e far fuggire artigiani, piccoli commercianti e lavoratori autonomi. Oggi mettersi in proprio, fare impresa non e' nemmeno presa in considerazione dagli Italiani!

vincegriso

Sab, 09/01/2016 - 23:30

Il denaro sottratto al fisco con l’evasione non viene sottratto alla circolazione e continua ad alimentare l’economia. Quindi l’evasione non è la causa dei nostri malanni. La penuria di denaro in circolazione è causa della nostra economia in cui prevalgono le importazioni, specialmente dai paesi asiatici che in compenso non acquistano nemmeno un € di prodotto italiano. Si deve attuare un sistema di compensazione (come negli anni ’30) con i paesi ai quali compriamo molto e non vendiamo un tubo!

RawPower75

Dom, 10/01/2016 - 00:14

Caro Dott. Porro, lei è tanto simpatico, ma fa l'errore che fanno quasi tutti, cioè non menzionare il vero problema: l'euro. Anche Forza Italia dovrà affrontare il problema, oppure finirà come il PD, cioè sbriciolato.

Ritratto di gangelini

gangelini

Dom, 10/01/2016 - 00:19

L'evasione esiste e non solo in Italia. Anzi in molti stati è decisamente peggiore a quella nazionale. Il modello di giustizia in un paese civile è la galera per TUTTI GLI EVASORI. Il dipendente pubblico, che fa lavoretti retribuiti in nero nel giardino del vicino EVADE. Però in Italia si fa differenza tra chi evade tanto (pochi e tutti alla forca) e chi evade poco (milioni di cittadini ma tutti assolti). Però il mare, come l'evasione, è fatto in realtà da tante piccole gocce d'acqua. Quindi chi parla a sproposito in Italia, sicuramente ha preso soldi in nero oppure ha pagato lavori in nero. Meditate gente, meditate!!!!!!

rokko

Dom, 10/01/2016 - 05:15

Sono d'accordo, evasione a parte lo Stato oggi ci dissangua, e poco cambia se qualcuno evade. La priorità assoluta dovrebbe essere ridurre la spesa pubblica in modo da poter ridurre le tasse

Ritratto di giorgio.peire

giorgio.peire

Dom, 10/01/2016 - 06:50

L'evasione è frutto dei governanti, per pararsi il culo dalle loro malefatte, vedi bilancio pubblico che aumenta ogni giorno nonostante le mega tasse.

Pigi

Dom, 10/01/2016 - 08:01

C'è anche l'evasione al contrario: tasse superiori al dovuto. Stiamo parlando dei famigerati "studi di settore", un meccanismo degno della mafia. Uno possiede un negozio, un laboratorio artigiano, e l'amministrazione finanziaria predatoria attribuisce un reddito. Uno può non vendere niente, perché il settore è in crisi, ma deve pagare come se vendesse. Quindi chiude. Ringraziate Tremonti, se tanti piccoli negozianti e artigiani ora votano Grillo.

linoalo1

Dom, 10/01/2016 - 08:33

Questa storia dell'Evasione è solo una Leggenda Metropolitana per coprire l'Incapacità del Governo!!Ragionate!!Se si sa che c'è una Evasione di Tot,di conseguenza,si sa anche chi evade!!!E perché la G.diF. non interviene???Ecco perché sono convinto che la Storia dell'Evssione sia solo una Bufala per gli Ingenui!!!!E voi????

gigetto50

Dom, 10/01/2016 - 08:34

.....la macchina statale, é un pozzo senza fondo. Piu' ne prende e piu' ne spende ma sopratutto tante volte male. La spending review dov'é finita? Insabbiata.... ma se lo si sapeva benissimo sin dall'inizio, era proprio necessario spendere soldi per pagare i vari commissari/esperti/ maghi/strateghi che si sono succeduti in questi anni?

diegom13

Dom, 10/01/2016 - 09:30

Un esempio dalla Francia: Sarkozy aveva creato un regime semplificato (autoentrepreneur) che consentiva anche a dipendenti, disoccupati e pensionati di fatturare i propri servizi extra, testando un'attività d'impresa per poi cambiare regime se le cose fossero andate bene. Aziende che per quelle attività sporadiche pagavano in nero hanno iniziato a chiedere fattura, e gli autoentrepreneur dichiaravano ogni tre mesi e pagavano solo per quanto effettivamente guadagnato: niente anticipi, niente spese fisse. Che fa Hollande? Decide di tassare gli uffici, anche se non ne hai, perché svolgi servizi dal cliente. Impone un minimo fisso, sui 500 €. Risultato, molti vanno in negativo e chiudono. Ovviamente le aziende continuano ad aver bisogno di quei servizi, quindi si torna indietro: cifre da poco, che però vanno moltiplicate per decine di migliaia di persone...

diegom13

Dom, 10/01/2016 - 09:38

Concordo con alox, e mi chiedo se chi governa è davvero interessato a una democrazia economica, oltre che politica. A volte ho l'impressione che preferiscano un sistema in cui i piccoli si debbano da subito indebitare, e quindi asservirsi ai grandi per avere quel minimo garantito che consenta loro di pagare i debiti, finché dura.

swiller

Dom, 10/01/2016 - 10:53

Che dure siamo governati da autentici ladri criminali.

carpa1

Dom, 10/01/2016 - 11:11

Purtroppo, e lo sappiamo fin troppo bene, i governi di sx hanno sempre fatto ciò in cui sono maestri, vale a dire: anzichè ridurre le spese aumentano le tasse. Questo perchè mai nessun magistrato si è preso la briga di indagare e portare in tribunale certi signori (Berlusconi a parte si capisce) per aver praticato il "voto di scambio". Altrimenti non si comprende come ci possano essere ancora tanti i.dioti che votano a sx se non perchè militanti nelle file dei maggiori fancazzisti esitenti sulla faccia della terra (cioè nelle fila della PA).

Atlantico

Dom, 10/01/2016 - 11:17

Come mai Nicola Porro del Giornale intende sminuire il peso dell'evasione fiscale in Italia ? Ah, saperlo, direbbe Dagospia ... Ma certo è curioso anche questo senso di inimicizia di Porro per Confindustria anche se Squinzi non è certo trattato come Emma Marcegaglia. Vero, Porro ?

chicolatino

Dom, 10/01/2016 - 16:29

pontalti di okuto ke fornisce dati sull'evasione fiscale,200 miliardi solo di iva, ole'!! .woow..il nostro compagno statale (da una vita costo fisso improduttivo e a fondo perduto x il bilancio italino) poi provvede a fare un bel copia-incolla dal manuale di diritto commerciale sui concetti d industria-impresa commerciale:ri-woow! pontalti subito AD di FCA,marchionne attento!

Ritratto di GIANCAGIO

GIANCAGIO

Dom, 10/01/2016 - 22:17

PUBBLICARE, PREGO: L'ammontare dell'evasione in Italia è probabilmente gonfiato e viene usato per giustificare le tasse troppo alte e la nostra arretratezza rispetto agli altri paesi UE. È un alibi utilizzato per asserire che il nostro cavallo, senza tutta questa zavorra, sarebbe tra i primi in testa alla corsa. UNA BALLA COLOSSALE. Se i contribuenti avessero versato fino all'ultimo cents i tributi dovuti, anziché esserci state tangenti del 5% sulle opere pubbliche esse sarebbero lievitate all'8 / 10%. Anziché qualche milione di baby pendionati, molti di più. I prepensionamenti avrebbero interessato molte più persone. Le cattedrali nel deserto e le opere incompiute si sarebbero moltiplicate e i finanziamenti alla politica e alle associazioni di comodo sarebbero stati ancora più scandalosi di quello che conosciamo. Solo dei ciarlatani, fannulloni ed incompetenti possono continuare con questa tiritera giustificativa...

Fabryzioo

Gio, 28/01/2016 - 12:02

A me piacerebbe sapere in che modo viene calcolata l'evasione, dal momento che è nero possono essere solo ipotesi, e sono fatte come l'agenzia delle entrate fa gli studi di settore poveri noi. Poi ho capito il motivo per cui da noi malgrado il grande controllo su contanti, pagamenti ecc (quasi da stato di polizia) l'evasione aumenta sempre, questa viene caricata , come ultimamente le attività illegali della malavita , per calcolare il PIL nazionale da portare in bella mostra ai Fratelli Dell'Unione Europea. E che ... lo vogliamo far abbassare il PIL con tutto quel popo di debito che abbiamo ??