Liguria, lettera di minacce a Raffaella Paita dopo la sentenza sulle pensioni

Minacce anche alla Boschi. Nella missiva, recapitata direttamente nell'ufficio in regione, c'era anche una stampa della sentenza

"Quei soldi sono i nostri. Se non ce li restituisci ti faremo la pelle. A te e al tuo amichetto. Dillo pure a quella s... della Boschi". Questo il messaggio inviato da un anonimo, alla fine della prima settimana di maggio, a Raffaella Paita assessore alle infrastrutture e alla protezione civile della Regione Liguria e candidata presidente per il centrosinistra alle prossime Regionali

La missiva l'ha ragiunta all'indomani della pubblicazione della sentenza della Corte costituzionale sulle pensioni. Secondo quanto si apprende, è stata recapitata negli uffici di Paita in Regione ed era costituita da due fogli, contenenti una stampa della sentenza. In fondo al secondo foglio, scritto a mano, c'era il messaggio.

Busta e fogli sono ora nelle mani della Digos che ne ha dato informazione alla procura, dando il via agli accertamenti.

Commenti

antiom

Mer, 20/05/2015 - 11:48

A parte la stagnazione dello "status quo" invocato indirettamente da questi squallidi personaggi, sicuramente non indigenti: la colpa di tutta questa confusione la si deve attribuire alla superficialità della Consulta per una sentenza molto discutibile.

Ritratto di bonoitalianoma

bonoitalianoma

Mar, 06/10/2015 - 19:54

Invece di mandare missive anonime andate alle urne e votate una coalizione che si batte contro le "demagogie" e le "confraternite" del "volemose bbene se te lo piji te ner qlo".