L'isola Cayman d'Italia

Ieri a Milano il sindaco Sala e il ministro dell'Economia Padoan hanno varato un progetto che potrebbe portare a incentivi fiscali per i manager e le società della comunità finanziaria europea in cerca di una nuova piazza il giorno in cui la City di Londra «chiuderà» per via della Brexit. Meno tasse in cambio di più affari e di una maggiore centralità sullo scacchiere internazionale è una ricetta perfetta, al contrario di quella che si sono dati i siciliani siamo sempre in Italia di meno tasse in cambio di più mafia.

Ieri abbiamo riportato l'audizione choc alla Camera del capo degli esattori siciliani. Politici, società, comuni cittadini le tasse semplicemente non le pagano: 52 miliardi di buco in dieci anni. E oggi raccontiamo la beffa nella beffa: in quella Regione un esercito di 886 avvocati assunti dall'agenzia di riscossione regionale è riuscito a recuperare solo l'otto per cento dell'ammanco. Come dire: cornuti e mazziati, perché di certo questi signori non lavorano gratis.

Sapevamo della Sicilia come di un paradiso naturale, non in queste dimensioni di un paradiso fiscale. Una sorta di isola Cayman (centro di raccolta mondiale dell'evasione) fai da te. La differenza è che nel mare delle Antille moltiplicano i soldi, noi invece li bruciamo. È vero che in Sicilia c'è una sorta di doppia tassazione: da una parte il pizzo alla mafia e dall'altra il contributo allo Stato italiano. Ma quando è troppo è troppo. Almeno un po' di equilibrio, altrimenti tanto vale abdicare alla sovranità che si risparmiano tempo e soldi.

Attenzione. Qui non si parla di disperati perseguitati da Equitalia, comunque non solo di loro. C'è una classe dirigente, politica e imprenditoriale, che non riconosce lo Stato (nonostante il fiume di denaro che riceve) e che, soprattutto, non lo teme. C'è un senso di impunità mascherato da vittimismo e piaggeria che ha superato il limite. È vero, convivere con la mafia è terribile, ma la mafia sopravvive e cresce dove pagare le tasse non è un dovere e neppure un obbligo, ma una libera scelta. Che poi magari uno sceglie di versare l'obolo al padrino: costa meno e offre più vantaggi e garanzie. Il vero patto Stato-mafia non è nelle carte giudiziarie inseguite (vanamente) da Ingroia, è nell'inerzia di una magnifica terra che si ostina a non volere essere tale.

Commenti

maximilian66

Ven, 17/02/2017 - 14:10

Sporchi arroganti parassiti. Se la giustizia degli uomini non funziona, ci penserà l'ETNA !!!

uccellino44

Ven, 17/02/2017 - 14:44

Faccio una proposta, anzi più d'una! L'Italia fuori dall'Europa e la Sicilia fuori dall'Italia (lascio in sospeso un paio d'altre Regioni!)! Ah, se avessimo attuate le proposte federaliste di una certa manica di pazzi chiamati leghisti! E, ancora, se avessimo dato corpo al sogno berlusconiano!!! Ve li ricordate i "cucù" del berlusca alla Merkel?! No, ricordate solo le olgettine! Dopo di lui, qualche altro governante, invece di "cucù" alla Merkel hanno detto "si, si, si"! Ed ecco il risultato!!

Griscenko

Ven, 17/02/2017 - 15:59

Sono siciliano e conosco la mia terra. Siamo vittime di un potere centrale ridicolo e inconcludente. I siciliani ed il sud in generale hanno bisogno di governanti con le palle che facciano il lavoro sporco, che puniscano severamente i criminali. Tutti in Sicilia disprezzano questo Stato ridicolo. Se possono lo fregano.

DemyM

Ven, 17/02/2017 - 16:17

Togliere lo statuto speciale a tutte le regioni ed equiparare le spese pro capite in base alla regione piu' virtuosa. In caso contrario, commissariare la regione stessa. Situazione sanitaria (in Sicilia) docet.

Aristofane etneo

Ven, 17/02/2017 - 16:29

Concordo con uccellino44 (14.44) a patto che ai beceri del profondo Nord venga impedito di esternare minchi.te dopo il consumo smodato di vino di scarsa fattura specie se pensionati. In quanto ai leghisti, non capisco perchè abbiano abbandonato la proposta avanzata dal prof. Miglio con la quale si vota alle europee e che viene usata per le previsioni meteo dal canale TV 5.

VittorioMar

Ven, 17/02/2017 - 17:00

...TUTTO QUANTO DA LEI DESCRITTO E' VERO!...IL SERVIZIO ANONIMO DI VIGILANZA TERRITORIALE E' IN SERVIZIO ATTIVO H 24 SU 24 ed E' RAPIDO .. EFFICACE..PRECISO .... PUNTUALE!!....PURTROPPO MANCA :LO STATO QUELLO VERO!!

maximilian66

Ven, 17/02/2017 - 17:03

Ecco il siciliano di turno (GriscenKo) con la solita teoria che è sempre colpa degli altri...Il potere inconcludente, lo stato canaglia e quindi si auto assolve. Fai schifo. Invece di aspettarsi sempre qualcosa, comincia a pagare le tasse, a parcheggiare dove è consentito, a pagare bollo e assicurazione, a indossare il casco, a far la differenziata, a lavorare, a costruire case non abusive e potrei andare avanti per ore.... Hai ragione lo stato è' ridicolo perché invece di venirvi a prendere con le camionette, continua a mandarvi soldi... e indovina da dove arrivano? Parassiti

cgf

Ven, 17/02/2017 - 18:49

@maximilian66 Ven, 17/02/2017 - 14:10 - il Marsili sarebbe più efficace.

Ritratto di trebisonda

trebisonda

Ven, 17/02/2017 - 19:06

Maximilian66,hai ragione da vendere ma si generalizza sempre,al sud ci sono anche persone perbene che fanno il loro dovere,lavorano e pagano le tasse senza nessun beneficio reale!

Aristofane etneo

Ven, 17/02/2017 - 19:14

maximilian66, non so Lei, ma personalmente faccio tutto ma proprio tutto quello che Lei rimprovera Griscenko di non fare. In più ho portato capitali e voglia di ben operare dalla mia bella e vampirizzata Sicilia a beneficio della mia bella e sempre più cannibalizzata Italia; e nonostante tutto mi tocca sopportare in quanto Siculo perbene la classe politica regionale più inefficiente e parassitaria d'Italia, una classe politica nazionale da piangere e le contumelie di beceri con problemi di personalità e di cultura. Nel caso Lei fosse Italiano, Le ricordo che dividerci in "sporchi terroni e ottusi polentoni" fa di noi italiani un popolo di co.ioni. E se ne sono accorti in Africa, in Asia ecc. ecc. che hanno in bello figo il loro cantore.

Ritratto di Adriano Romaldi

Adriano Romaldi

Ven, 17/02/2017 - 19:39

I siciliani che desiderano lavorare e lavorano come sempre si vede, se ne vanno dalla loro bellaisoletta ritornando di tanto in tanto così da non perdere il ritmo. Berlusconi voleva dare da lavorare con la costruzione del Ponte sullo Stretto di Messina ma tutto è andato in alto mare ed ora, alla Sicilia, rimane soltanto di avere lacrime amare. Il Nord lavora e lo Stato toglie loro tutto per darlo a chi non lavora (per lavoro s'intende che produce ricchezza). Shalòm e Forza Italia

DemyM

Ven, 17/02/2017 - 20:19

X maximilian66 - Se non ricordo male Mani Pulite, EXPO, Mose ed altri scandali sono avvenuti al nord, come la maggiore evasione fiscale (dati ISTAT). La Sicilia forse si guadagna il posto "d'onore", ma nessuna regione e' immune dal malaffare, ma questo non ti autorizza ad offendere. Forse avendo sangue "sudista" ti senti un rinnegato? Rassegnati.

soter66

Ven, 17/02/2017 - 23:12

Adesso abbiamo capito quale è una delle palle al piede dell'economia dell'Italia.

Ritratto di Borg52

Borg52

Sab, 18/02/2017 - 10:34

Caro Griscenko: dici "siamo vittime di un potere centrale ..". però credo che i vostri 28000 forestali non si sentano poi cosi vittime. Costano allo Stato 480 miliono all'anno! Sono 6 volte quelli del Canada: VERGOGNA !!!

Ritratto di Borg52

Borg52

Sab, 18/02/2017 - 10:50

Ho amici siciliani che abitano nella mia città (provincia di Ferrara), bravissime persone. Mi hanno confessato che amano la Sicilia ma che non tornerebbero mai più ad abitarci; quando "scendono" si sentono degli estranei, ma non danno la colpa allo Stato la danno ai governanti che sono stati eletti dai loro concittadini !!!

VittorioMar

Sab, 18/02/2017 - 11:28

..C'E' QUALCHE CINESE CHE SI VUOLE COMPERARE......QUALCHE SQUADRA DI CALCIO??...MAGARI SI INIZIA COSI' E POI....!!

Ritratto di mauriziogiuntoli

mauriziogiuntoli

Sab, 18/02/2017 - 12:26

Se l'antimafia togata fosse una cosa seria e lavorasse almeno quanto la mafia dedicherebbe più attenzione ai fenomeni criminosi che generano la mafia e la rendono apprezzabile proprio per quel che è. In Sicilia, per quel che si vede, è molto più stimata dell'antimafia. Eppure è la mafia l'organizzazione criminale.

Gibulca

Sab, 18/02/2017 - 13:43

Caro Aristofane Etneo, il fatto che voi sicilianuzzi ebddi siate mantenuti dal nord Italia vi toglie di fatto libertà di parola e di lamentela. Se volete potete parlare di calcio, di come si fanno i cannoli o di come si fanno i ventagli fatti a mano. Ma quando nominate il nord fatelo con rispetto e deferenza. Voi non vi rendete conto della fortuna di essere legati a noi! Allora muti e tirate fuori orgoglio e impegno, oltre che onestà e rispetto. Si vergogni

Aam31

Sab, 18/02/2017 - 15:24

Togliere lo statuto "specialisssimo" alla Sicilia, a mio parere, potrebbe risolvere qualche problema finanziario.

Cheyenne

Sab, 18/02/2017 - 16:59

Direttore sono siciliano e condivido al 100%. Tomasi di Lampedusa aveva ragione come è notorio. Non si dimentichi anche che, se vince il pd a corleone o a palermo il popolo è diventato maturo è ha capito, se vince la dx allora c'è la mafia che dà i voti. Il povero Ferrandelli avrebbe fatto voto di scambio buttando i soldi perchè non poteva vincere contro orlando salvo (e forse) se avesse investito milioni di euro e non poche migliaia. Le lezioni sono vicine e Ferrandelli aveva buone chanches.

Anonimo (non verificato)

jenab

Dom, 19/02/2017 - 10:59

la sicilia fuori dall'italia è questo che vogliono gli italiani ma non hanno il coraggio di dirlo. Anche il TRADITORE di SALVINI ha rinunciato alla battaglia, comincio a chiedermi se pure lui, ha ricevuto soldi dal sud, a lui solo i soldi interessano, senza lavorare ovviamente, visto che non lo ha mai fatto in vita sua

edo1969

Dom, 19/02/2017 - 11:18

A forza di censurare commenti vi verrà a tutti una diarrea epocale e i bagni del giornale saranno occupati da sallusti e piersilvio. E a fabrizio boschi - ultima ruota del carro - gli andrà fino nelle scarpe, e dovrà tornarsene così a casa, dove troverà sua moglie con un muratore di colore

nonnoaldo

Dom, 19/02/2017 - 11:45

"di certo questi signori non lavorano gratis." Errata Corrige "di certo questi signori non lavorano"

Ritratto di bobirons

bobirons

Dom, 19/02/2017 - 13:50

Egregio Direttore, non voglio certo ricalcare i volgari termini di qualche altro commentatore ma mi corre l'obbligo di evidenziare come il mio scritto d'ieri h. 09,25, ripetuto alle 15,35 non abbia trovato accoglienza. Certo che non trattasi di censura, certo qualcosa deve essere fatto per ovviare ai ripetuti salti di commenti che forse non visti, ovvio non vengano pubblicati. Se vorrà/vorrete pubblicare il mio Vi ho dato abbondanti riferimenti pr reperirlo.