L'Italia sorpassa la Francia nella sfida sulle bollicine

La Penisola conquista 71 medaglie d'oro e 92 d'argento e per la prima volta nella storia supera la Francia

L'Italia sorpassa la Francia e vince la sifa sulle bollicine, conquistando 71 medaglie d'oro e 92 d'argento, mentre la sfidante rimane ferma rispettivamente a 61 e 49. A pochi giorni dall'inserimento delle colline del Prosecco tra i beni patrimonio dell'Unesco, il Bel Paese sfonda un altro traguardo in fatto di vini.

È quanto emerge dalla classifica Champagne & Sparkling Wine World Champ, la più importante graduatoria mondiale in fatto di vini spumanti, dove per la prima volta la Penisola italiana ha superato il Paese di Macron.

I vini premiati derivano da varie regioni, mentre il primato francese riguardava quasi interamente la zona dello Champagne. Tra i più premiati ci sono i trentini Altemasi e Rotari, le bollicine di Cà del Bosco e Fratelli Berlucchi e il prosecco Nino Franco. Il premio Cantina dell'Anno, invece, è conquistato dal Ferrari di Trento, l'etichetta più premiata al mondo, con 15 medaglie d'oro. Tra i vini italiani c'è anche una new entry: il Lambrusco, per la prima volta, entra in classifica, con quattro qualità emiliane.

Per quanto riguarda le zone italiane, la più premiata (con 27 ori) è il Trento Doc, mentre al secondo e terzo posto si piazzano, rispettivamente con 26 e 9 medaglie d'oro, la Franciacorta e Valdobbiadene.

Commenti

ILpiciul

Ven, 12/07/2019 - 20:55

Quelli saranno sempre dietro a noi, arte, vini, formaggi e latticini, football, etc. Saranno sempre dietro, sempre. I quadri? Quando c'è li riprenderemo? Ci hanno zavorrato per farci rallentare al loro ritmo ma ugualmente noi saremo sempre davanti. Gerontofili.