Lucarelli contro il papà di Mattia: "Non far fare i compiti delle vacanze ai figli è una bella m..."

Selvaggia Lucarelli risponde al papà che, con una lettera, ha avvisato le maestre che il figlio Mattia non aveva fatto i compiti per le vacanze

"Buongiorno, mi chiamo Selvaggia Lucarelli e sono la mamma di Leon. Lei è il papà di Mattia e ha scritto questa bella letterina alle maestre di suo figlio per comunicare loro che suo figlio non ha fatto i compiti delle vacanze. La letterina ha fatto il giro del web e delle redazioni e in molti l'hanno trovata geniale. Volevo informarla del fatto che io, quella che è sempre la mamma di Leon, invece la trovo una bella minchiata".

Inizia così la risposta della Lucarelli al papà di Mattia, il bambino che è tornato dalle vacanze estive senza fare i compiti. La comunicazione è stata data alle maestre attraverso una lettera, poi pubblicata su facebook, in cui si spiegava il motivo della decisione: "Quest'estate gli ho insegnato a vivere".

La Lucarelli non è evidentemente d'accordo e scrive un post sui social per fare qualche appunto: "Abbia pazienza, ma la prima cosa da insegnare ai figli, soprattutto in quest'epoca bizzarra in cui ci si parla da avatar, è che se si ha qualcosa da comunicare di una certa importanza alle maestre come, ad esempio, la mancata condivisione del programma scolastico, le maestre si affrontano. Ci si va a parlare e ci si confronta, non si manda la letterina. Certo, poi non si può postare la foto della letterina su fb, ma magari il piccolo Mattia avrà imparato la lezione numero uno che saltano tanti maschi 2.0: imparare a tirar fuori le palle"

E la chiusura è ancora più tagliente: "Ci sentiamo tutti più tranquilli nel sapere che avvocati, psicologi e docenti le diano ragione. Ad Hitler hanno dato ragione 17 milioni di tedeschi, ma forse erano elettori a cui i papà avevano imposto i compiti d'estate, quindi involuti, mica come il suo Mattia che cresce a pane e saggezza".

Commenti

canaletto

Ven, 16/09/2016 - 17:47

ECCO LA TIVU RENZIANA CHE BUONA EDUCAZIONE STA DANDO, SOLO VOLGARITA E PAROLACCE, D'ALTRONDE UNA CHE SI CHIAMA SELVAGGIA NON PUO AVERE IMPARATO L'EDUCAZIONE.

cgf

Ven, 16/09/2016 - 17:53

Speriamo che Leon cresca senza [letteralmente] le crisi esistenziali della madre.

Fjr

Ven, 16/09/2016 - 18:01

Lucarelli ,scomodare Hitler per una minchiata, non le sembra eccessivo?Un'ultima cosa,immagino che al padre interessi enormemente il suo pensiero, quasi quanto ai ,quanti siamo?60 milioni di italiani?

Fjr

Ven, 16/09/2016 - 18:13

Sarebbe interessante sapere il parere di Leon dopo che la madre 2.0 gli ha dato, è' scritto nel commento alla letterina, del rincoglionito, Lucarelli, si chiama rispetto e' dovuto verso gli adulti, e in egual misura verso i figli ,altrimenti non sono moderni, ma solo maleducati

Daniele Sanson

Ven, 16/09/2016 - 22:37

Devo essere sincero la Lucarelli televisiva non mi era piaciuta al punto da irritarmi ma ecco che l'episodio del papá di Mattia che scrive alle insegnanti del figlio non per giustificare ma per imporre anche a loro le sue decisioni fá prendere carta e penna a Selvaggia e riporta l'episodio nella giusta proporzione . Questa Donna é tosta , tosta assai anzi quasi quasi direi ha le .....e . Daniele Sanson

BiBi39

Sab, 17/09/2016 - 00:49

I padri hanno il sacrosanto dovere di insegnare ai figli a rispettare le regole e a fare il loro dovere. Se le regole scolastiche prevedono ( e comunque se un insegnante li assegna) compiti estivi, un genitore non puo' indurre un figlio a violare tale regola. Puo' iscrivere il ragazzo ad un'altra scuola che non dia tali compiti o discutere la cosa con i professori.Questo padre,invece, e' stato altamente diseducativo.

Lotus49

Sab, 17/09/2016 - 10:21

I figli non sono tutti uguali: sta al buon senso dei genitori incentivarli laddove sono carenti. Al solitario, meglio frequentare un gruppo di amici; al pigro, meglio andare in bicicletta; allo sfaticato, meglio studiare; al secchione, meglio una partita a pallone sulla spiaggia... Insomma, non si può pensare che la stessa ricetta vada bene per tutti.