L'ultimo schiaffo di Bergoglio ai tradizionalisti

Bergoglio ha soppresso l'istituto per gli studi su famiglia e matrimonio creato da Giovanni Paolo II. Nasce un ente nuovo, ma i tradizionalisti insorgono

Papa Bergoglio ha soppresso l'istituto di studi su matrimonio e famiglia voluto da Giovanni Paolo II ed intitolato allo stesso Pontefice polacco. Il motu proprio finalizzato alla soppressione è stato firmato lo scorso 8 settembre, ma è stato reso noto, si legge qui, solo nella giornata di ieri. L'ente cambierà nome e raggio d'azione. Il nuovo istituto si chiamerà "Istituto teologico Giovanni Paolo II per le scienze del matrimonio e della famiglia". L'atto con il quale il Pontefice riforma, di fatto, l'assetto giuridico dell'istituto, si sofferma sul "cambiamento antopologico e culturale che influenza oggi tutti gli aspetti della vita e richiede un approccio analitico e diversificato". Sulla base di questo assunto, quindi, Papa Francesco ha ritenuto necessario adeguare anche le destinazioni culturali dell'ente alle "odierne esigenze". E se c'è chi, tra i "guardiani della rivoluzione" di Bergoglio, già parla di "riformiso nella continuità", molti nel fronte dei "tradizionalisti", guardano a questa rifondazione come all'ennesimo metaforico schiaffo subito. La scelta sostanziale di dichiarare cessate le attività precedenti dell'istituto, insomma, nasconderebbe un intento ben più marcato di una semplice "riforma". Se il Papa avesse voluto "riformare", d'altro canto, avrebbe rivisto l'istituto esistente e non lo avrebbe soppresso di netto. Il corpo docenti dovrebbe restare lo stesso, è l'approccio dottrinale che potrebbe subire una sterzata. Il testo del motu proprio rimanda ai futuri statuti, ma celerebbe, secondo i contrari alla svolta, la tendenza a far sì che la teologia assuma sempre di più tratti "modernisti".

Un approccio, questo, che è considerato positivista dai conservatori più intransigenti. Il primo a presidere l'ente fu il cardinal Caffarra, che rimase preside dell'istituto per ben quattordici anni. Dopo l'arcivescovo emerito di Bologna, il preside divenne Scola, l'adesso arcivescovo emerito di Milano. Infine, Monsignor Melina. Tre esponenti della Chiesa cattolica facilmente ascrivibili all'interno di un insieme contenente rappresentanti di una certa rigidità dottrinale. Poi, il Gran Cancelliere dell'istituto divenne Mons.Paglia e il preside Mons.Pierangelo Sequeri: nomine considerate più vicine alle svolte del Papa attuale.

Papa Francesco, tuttavia, ha sottolineato nel motu proprio la necessità che: "l’originaria ispirazione che diede vita al cessato Istituto per Studi su Matrimonio e Famiglia -scrive Bergoglio- continui a fecondare il più vasto campo di impegno del nuovo Istituto Teologico, contribuendo efficacemente a renderlo pienamente corrispondente alle odierne esigenze della missione pastorale della Chiesa". Ma allora perché sopprimere il vecchio ente sino a cambiarne il nome? Amoris Laetitia dovrà diventare il fulcro dottrinale del nuovo corso, fino a divenire, scrive Riccardo Cascioli su La nuova bussola quotidiana "il paradigma di ogni intervento, con la sua accentuazione pastorale e il costante riferimento ai segni dei tempi...". Per i tradizionalisti, in definitiva, la soppressione dell'istituto è un atto di discontinuità, poco interpretabile in una chiave riformista. Bergoglio, intanto, prosegue con la sua "rivoluzione".

Commenti

Vostradamus

Mer, 20/09/2017 - 19:59

Non è il papa, é bergoglio

il sorpasso

Mer, 20/09/2017 - 20:11

Quando la smetterà?

venco

Mer, 20/09/2017 - 20:58

Sappiate che Bergoglio è un massone anticristiano. E' la massoneria che vuole l'abbattimento muri, l'accoglienza e l'ipotetica integrazione, questo per distruggere gli Stati e le comunità nazionali per arrivare al governo unico mondiale.

routier

Mer, 20/09/2017 - 21:05

La vera rivoluzione vaticana sarebbe che Don Bergoglio cassasse la deriva relativista della sua chiesa e si occupasse della salvezza delle anime. (ma purtroppo saranno dimenticate in quanto queste ultime non hanno beni materiali trasferibili)

VittorioMar

Mer, 20/09/2017 - 21:07

...IL PRESIDENTE LAICO DELLO STATO PONTIFICIO !!...IL PAPA RIMANE BENEDETTO XVI!!

ziobeppe1951

Mer, 20/09/2017 - 21:10

Questo è un infiltrato di soros

Ritratto di apasque

apasque

Mer, 20/09/2017 - 21:48

Io di Bergoglio HO PAURA!

Ritratto di Svevus

Svevus

Mer, 20/09/2017 - 22:04

Mons. Paglia ha commissionato un affresco blasfemo. Nell' affresco del Duomo di Terni trans e coppie gay vanno in paradiso, mentre si palpano. La nudità è rappresentata con significato e scopo erotici. Sconvolgente sono le parole dell'Artista gay R. Cinalli che lo ha dipinto . Il parroco don Fabio Leonardis e il Vescovo Mons. Paglia sono anch'essi rappresentati, nudi, abbracciati ad altri uomini, nel dipinto.

killkoms

Mer, 20/09/2017 - 22:16

bell'affare che avete fatto..!

Trinky

Mer, 20/09/2017 - 22:48

Domenica sono andato a messa...quando hanno girato per raccogliere le offerte ho fatto una media di quante persone hanno versato l'obolo: manco la metà dei presenti, anche gente che poi è andata a fare la comunione......

Totonno58

Mer, 20/09/2017 - 23:15

Meglio accussì.

istituto

Mer, 20/09/2017 - 23:54

No il corpo docenti cambierà. Andatevi a leggere voi della Redazione gli articoli della Nuova Bussola Quotidiana. È prevista l'infiltrazione nel NUOVO istituto di docenti che inneggiano alla limitazione delle nascite ed altri ancora...

istituto

Gio, 21/09/2017 - 00:07

Errata Corrige al mio precedente post. L'istituto infiltrato NON È l l'Istituto Teologico Giovanni Paolo II .....ma la Pontificia Accademia per la Vita che è stata infiltrata con docenti favorevoli all'aborto e docenti che fanno ricerche su embrioni umani cioè su esseri umani viventi ( che non sono cavie) come da articolo della Nuova Bussola Quotidiana di ieri. Mi scuso per l'errore.

Ritratto di Leonida55

Leonida55

Gio, 21/09/2017 - 00:39

Ma siamo sicuri che è un papa questo?

Marcolux

Gio, 21/09/2017 - 02:35

Lo sostituirà con un corso di Corano!

Marcolux

Gio, 21/09/2017 - 02:38

Il golpista pampero è stato messo in Vaticano dalla nuova sinistra mondiale per distruggere la Chiesa. Di questo passo ci riuscirà certamente.

Ritratto di Tipperary

Tipperary

Gio, 21/09/2017 - 04:43

Se questo è un papa

tosco1

Gio, 21/09/2017 - 06:20

Usque tandem...... questo sta veramente mettendo a dura prova la pazienza dei cristiani.

exsinistra50

Gio, 21/09/2017 - 07:16

Sono curioso sapere quali sarebbero questi tratti "modernisti"

Accademico

Gio, 21/09/2017 - 07:55

Un Papa intrepido, valoroso, intelligente, razionale, sensato, coerente, lungimirante. Capace di aggiornare e adeguare l'impegno del nuovo Istituto Teologico, alle odierne esigenze della missione pastorale della Chiesa.

Piut

Gio, 21/09/2017 - 08:29

In confronto a Giovanni Paolo II, questo signore è il più becero dei contadini (con tutto il rispetto per i contadini onesti che si spaccano la schiena ogni giorno nei campi...)!Bergoglio sta indebolendo la Chiesa dall'interno, dall'essenza ossia dalla dottrina...Giovanni Paolo II è stato considerato un innovatore, specialmente per il suo approccio mediatico, assolutamente rivoluzionario, ma non ha mai e poi mai toccato la dottrina essenziale della Chiesa, anzi, si è sempre dimostrato intransigente e ben poco incline al suo annacquamento in chiave modernista!quello era un Papa, non Bergoglio!

Ritratto di gianniverde

gianniverde

Gio, 21/09/2017 - 08:54

Questo papa non mi è mai piaciuto e non mi piacerà mai,è semplicemente un politico del vaticano.

lele2138

Gio, 21/09/2017 - 08:54

ma perché non se ne va in africa, finanziato dai suoi amici dittatori e narcotrafficanti e costruisce una bella moschea insieme a tutti i filoislamici filoafricani e magari si porta con sé la presidentA e compagnia bella, e noi qui vogliamo un papa vero, cristiano, cattolico stile giulio II o, meglio ancora pio V,

Vigar

Gio, 21/09/2017 - 09:01

Questo soggetto dà schiaffi a destra e a manca, possibile che non trovi nessuno che gliene da un paio a lui?....

buri

Gio, 21/09/2017 - 11:49

ma non stava bene in Argentina? perché non è rimasto lì?

goorka

Gio, 21/09/2017 - 13:13

È un mistero come Costui già noto come mezzo demente nella Compagnia di Gesù sia riuscito nonostante regole impedenti ai Gesuiti di accedere addirittura al Soglio!