La madre di Pamela: "L'ergastolo per i tre nigeriani è troppo poco"

La madre della 18enne romana trucidata nel gennaio scorso: "Per me sono tutti colpevoli, dal primo all'ultimo. Avete visto il corpo di mia figlia?"

"L'ergastolo è poco": non usa mezzi termini Alessandra Verni, madre di Pamela Mastropietro, la 18enne romana trucidata a Macerata lo scorso 30 gennaio e per il cui omicidio sono indagati tre uomini nigeriani.

"Quelli non sono umani - si sfoga la donna - tutti e tre sono colpevoli, ne sono convinta. Desmond in cella ha detto che Oseghale avrebbe dovuto congelare i pezzi del corpo di mia figlia e mangiarli. Nel telefonino di Awelima i carabinieri hanno trovato foto di un giovane torturato e di un altro con la lingua tagliata. Non penso ci sia da aggiungere altro. Prima ero solo io a dirlo, ora gli elementi che emergono confermano quello che ho sempre sostenuto. E finalmente tutti se ne stanno rendendo conto."

Parole di una madre la cui anima è devastata dal dolore per la morte della figlia, avvenuta nel modo più atroce. "Spero che esca la verità. Sul corpo di mia figlia è stato trovato un altro Dna, di un uomo bianco: perché non vengono effettuate indagini sulle persone che si trovano nella comunità di recupero in cui è stata ospitata mia figlia? Da quello che ho saputo le tracce di quel Dna risalgono a prima del 30 gennaio, quando Pamela si trovava nella struttura di recupero."

Inoltre la Verni prosegue dicendosi certa che Oseghale non fosse solo: "Lo so che i Ris nella casa di via Spalato non hanno trovato le tracce degli altri due arrestati, ma questo non vuol dire niente. Ma avete visto come hanno ridotto il corpo di mia figlia? Hanno usato la candeggina per far sparire tutto. Sono colpevoli, dal primo all'ultimo."

Commenti
Ritratto di elkid

elkid

Gio, 26/04/2018 - 11:26

----questa donna mi fa pena---con i suoi interventi cerca ogni giorno di tacitare la propria coscienza---cerca affannosamente alibi per soffocare la vocina interna che ogni giorno gli sussurra di come abbia fallito come madre--come genitore--per anni non si è curata della figlia --l'ha lasciata vivere priva di controlli---neppure quando ha capito che il fidanzato italico era un poco di buono è intervenuta decisamente --ha lasciato che questo tizio la iniziasse alle droghe pesanti ed alla caduta nel precipizio---la vita della povera pamela era già compromessa all'epoca---e quando uno fa vita da sbandato è molto facile che imbocchi vie senza ritorno---

fedeverità

Gio, 26/04/2018 - 11:34

Buttate fuori tutti i nigeriani...la prossima volta,sarà caccia!

Altoviti

Gio, 26/04/2018 - 12:42

A "elkid", il suo commento è proprio discustevole ed è dire poco.

Ritratto di 98NARE

98NARE

Gio, 26/04/2018 - 12:50

scusate giornalisti/ta che tagli sempre i miei post..... ma ??? ho detto che i NIGERIANI in questione sono non umani. PERCHE' non lo pubblicate ???? Grazie

Cheyenne

Gio, 26/04/2018 - 12:52

se avranno 10 anni sarà molto

umberto nordio

Gio, 26/04/2018 - 12:59

Bisognerebe tagliare loro gli "ammennicoli",farglieli ingoiare e rispedirli al loro paese.

Divoll

Gio, 26/04/2018 - 20:11

@ elkid, ma non ti vergogni neanche un po' a dare addosso a una madre disperata e distrutta? Sei te che fai pena, come essere umano in primo luogo.

Altoviti

Gio, 26/04/2018 - 23:59

Ovviamente volevo scrivere "elkid": disgustevole, meglio disgustoso e abominevole il Suo commento...