Le mail prima del disastro: tutte le richieste ignorate

Proseguono le indagini della procura di Pescara sulla tragedia di Rigopiano. E ora spuntano le mail dell'albergo prima della slavina

(clicca per ingrandire)

Proseguono le indagini della procura di Pescara sulla tragedia di Rigopiano. È stato accertato che la turbina finita nel mirino degli investigatori era rotta dal 6 gennaio scorso. Il mezzo in realtà è un Unimog.

Oggi i pm titolari dell’inchiesta, il procuratore aggiunto Cristina Tedeschini e il sostituto Andrea Papalia, scortati dai carabinieri che si occupano delle indagini, hanno fatto un sopralluogo tecnico sul posto della tragedia. Sono state fatte foto e filmati. Al vaglio della procura anche se lo sfruttamento boschivo della zona possa aver inciso sulla potenza della valanga. Sempre oggi, i carabinieri forestale hanno ascoltato quattro persone in qualità di persone informate sui fatti. In particolare, l’audizione ha riguardato il Piano neve della Provincia di Pescara, che ieri è stato acquisito dai carabinieri forestale.

Acquisiti ieri anche i bollettini Meteomont - servizio nazionale di prevenzione neve e valanghe - trasmessi alla prefettura che indicava livello 4 su una scala di 5 nella zona del Gran Sasso. Al momento non ci sono indagati e le ipotesi di reato sono omicidio plurimo colposo e disastro colposo.

E in questo quadro emergono alcune mail inviate e ricevute dall'hotel prima del disastro: "Vi comunichiamo che a causa degli ultimi eventi la situazione è diventata preoccupante. In contrada Rigopiano ci sono circa 2 metri di neve e nella nostra struttura al momento 12 camere occupate (oltre al personale). Il gasolio per alimentare il gruppo elettrogeno dovrebbe bastare fino a domani, data in cui ci auguriamo che il fornitore possa effettuare la consegna. I telefoni invece sono fuori servizio. I clienti sono terrorizzati dalle scosse sismiche e hanno deciso di restare all'aperto. Abbiamo cercato di fare il possibile per tranquillizzarli ma, non potendo ripartire a causa delle strade bloccate, sono disposti a trascorrere la notte in macchina. Con le pale e il nostro mezzo siamo riusciti a pulire il viale d'accesso, dal cancello fino alla Ss42. Consapevoli delle difficoltà generali, chiediamo di predisporre un intervento al riguardo. Certi della vostra comprensione, restiamo in attesa di un cenno di riscontro", aveva scritto la direzione dell'albergo, come mostra il Centro, che pubblica la mail.

(clicca per ingrandire)

Ma a quanto pare la Provincia di Pescara sapeva già dei problemi di Rigopiano dalle 7 del mattino. La Provincia di Pescara era stata informata del fatto che per raggiungere l'hotel Rigopiano era necessaria una turbina. "A Rigopiano non si va", viene riferito da un dirigente nella Sala Operativa. Gli spazzaneve erano al lavoro dalle 3,00 e si erano dovuti fermare ad un bivio che porta all'hotel. A questo punto scatta la ricerca di una turbina. Una era davvero vicino a Farindola. Per tutta la mattina e il pomeriggio del 18 gennaio, come riporta Repubblica, ha viaggiato tra i comuni di Penne e Guardiagrele, triturando migliaia di tonnellate di neve. Ma nessuno l'ha deviata in tempo su Farindola. E quando viene rintracciata forse è troppo tardi...

Commenti

moammhedd

Dom, 22/01/2017 - 11:18

le istituzioni sono impegnate nellaccoglienza,il resto e noia

guerrinofe

Dom, 22/01/2017 - 11:24

SMETTERLA DI FOMENTARE INSINUAZIONI,TUTTI SANNO CHE LA PRIMA REGOLA DEL 《 e mail》 E'DI NON USARLO PER EMERGENZE!!!!

aldoroma

Dom, 22/01/2017 - 11:55

hanno troppo da fare con i clandestini

Ritratto di Leonida55

Leonida55

Dom, 22/01/2017 - 12:39

Questo fatto è molto grave.

Ritratto di Adriano Romaldi

Adriano Romaldi

Dom, 22/01/2017 - 13:49

Non occorrono tanti studi per dire che la responsabilità è della macchina della Protezione Civile, soprattutto del Commissario Straordinario, che non aveva a disposizione turbine per la neve; tutto il resto sono dettagli che servono soltanto a fare arrabbiare Gente che ha sete, fame, voglia di vivere ed è sfinita dal non fare dello Stato; questo è un omicidio bell'e buono. Shalòm. Forza Italia.

Silvio B Parodi

Dom, 22/01/2017 - 14:05

l'hotel abusivo il bosco sopra l'hotel depauperato, le email inviate ignorate, la turbine era rotta nessuno sapeva guidare gli spazzaneve, w l'Italia di sinistra. votate marchigiani votate ancora a sinistra cosi' al prossimo terremoto o nevicata ci lasciate le penne.

evuggio

Dom, 22/01/2017 - 16:37

Un dato di fatto da sbattere in faccia a TUTTI quelli che hanno fatto di tutto per demonizzare Berlusconi: TUTTI questi governucoli non hanno palesemente saputo gestire le emergenze; I governi Berlusconi, con Bertolaso alla protezione civile, hanno gestito brillantemente tutte le emergenze a partire dalle prime ore. Lungi da me "santificare" e "demonizzare", ma questo è un dato di fatto, e per quelli che avrebbero voluto vedere Berlusconi morto, questa è una riflessione che dovrebbero farsi.

mifra77

Dom, 22/01/2017 - 17:29

Palazzo Chigi? cambia qualche musicante ma la musica è sempre la stessa: parole...,parole...,parole!

Ritratto di hernando45

hernando45

Dom, 22/01/2017 - 17:55

Caro Parodi14e05, Farindola ed il Gran Sasso si trovano in Abruzzo,non nelle Marche, non fare anche Tu come quel concorrente dell'Eredita di 10 giorni fa per il quale il Monte Bianco si trova in Sardegna!!!! Saludos dal Nicaragua.

scric

Dom, 22/01/2017 - 18:01

che schifo ho finto pure il vomito. Qualcuno ha la decenza di dimettersi dalla carica che ricopre? come mai la mail e le telefonate non sono state prese in seria considerazione e non mi venite a dire l'albero non doveva essere lì, bella scusa. Bertolaso torna grazie

24agosto

Dom, 22/01/2017 - 18:01

@guerrinofe: giusto! Usate il telefono ma, visto che le linee sono interrotte, utilizzare piccioni viaggiatori, ma solo se hanno fatto il corso della protezione civile, altrimenti non sono accreditati!

Happy1937

Dom, 22/01/2017 - 18:44

E i buffoni del 113 sfottevano chi segnalava il disastro e nessuno predisponeva i necessari interventi.

vottorio

Dom, 22/01/2017 - 18:49

Curcio ed Errani? ma in che mani siamo caduti? gente incompetente gradita a un regime che tiene la Democrazia e lo stesso Popolo sotto le suole delle proprie scarpe che pensa solo ad arricchirsi sulla pelle dei cittadini e utilizza poveri derelitti come schiavi per effettuare una "pulizia etnica" da contrapporre agli italiani. i tempi sono maturi perché, come sull'esempio di Tramp negli Usa, al Popolo venga restituita la propria legittima sovranità.

Ritratto di Adriano Romaldi

Adriano Romaldi

Dom, 22/01/2017 - 19:25

Bertolaso aveva alle spalle un Governo Berlusconi di decisionisti. Guardate gli 11 anni di commissario Bassolino alla monnezza di Napoli e dintorni e poi ditemi se Berlusconi non ha fatto il miracolo vero completando in poco tempo l'inceneritore; parlano i fatti non le parole. Shalòm.

liberale32

Dom, 22/01/2017 - 19:46

tanto l'inchiesta finirà in un nulla di fatto....le montagne vanno monitorate e create mini slavine con cariche esplosive per alleggerire il carico nevoso !Avranno appaltato il servizio a una delle tante coop !

BENNY1936

Dom, 22/01/2017 - 19:53

Le "mail emergenti" (nero su bianco pubblicate dappertutto) per la RAI, al GR Radio2 delle 19,30 SAREBBERO state inviate. Ma hanno paura di dire le cose come stanno ?

Ritratto di elkid

elkid

Dom, 22/01/2017 - 19:56

----evuggio--con berlusconi non c'erano gli abusi edilizi?---berlusconi si è preso degli esposti pure per le case ad uso personale---pensa te---hasta---la verità è che solo gli imbecilli costruiscono alle pendici---questa è la prima regola delle giovani marmotte ---hasta

Gasparesesto

Dom, 22/01/2017 - 20:32

Al massimo questa incredula ( e inadatta ) operatrice e/o Funzionaria verrà rimossa e trasferita chissà dove . . ma niente manette ! Vuoi scherzà . . è una che lavora in Prefettura .. gomito a gomito con quelli che contano . . e tutto andrà a farsi benedire ( morti compresi ) !

Ritratto di navigatore

navigatore

Dom, 22/01/2017 - 20:39

quanto state rompendo i cxxxxxxi per alcuni turisti morti sotto la neve, ma non avete capito che alle COOP e OLUS e CROCE ROSSA quesyi non servono, non portano soldi, se erano qualche centinaio di CLANDESTINI allora era latra cosa, gasolio, turbine, elicotteri ecc. ecc. ec. era tutto efficentissimo grazie ad ERRANI & criccca PD ( ho RENZI ccome sta il Babbo consto freddino ovvia )

Ritratto di ottimoabbondante

ottimoabbondante

Dom, 22/01/2017 - 23:02

Eppure qualcuna ieri s'é indignata perche Il Giornale stava facendo sciacallaggio denunciando inefficenza, disservizi, menefreghismo e quant'altro. @guerrinofe, la prima regola é informare chi di dovere acché muova il suo culone. E di grazia, cosa si dovrebbe usare al posto delle email per dare contezza della reale situazione visto e considerato che era l'unico mezzo funzionante? Il telegrafo? I piccioni viaggiatori, forse? Verba volant scripta manent. Certo che hai scritto una grande kakata.

Ritratto di johnsmith

johnsmith

Lun, 23/01/2017 - 01:11

L'uovo di elkid. «La differenza, signori miei, è che voi avreste potuto dirlo, io invece l'ho detto!».

Dordolio

Lun, 23/01/2017 - 06:48

"Fiutando il vento" comincio a capire dove vogliono far andare l'inchiesta: "La colpa è dell'albergo che non doveva stare lì"... Chissà perchè però c'è un sacco di gente che sta in mezzo al mare su dei barconi. Anche quella non dovrebbe stare lì, però sono lesti ed organizzati quando si tratta di salvarla....

audionova

Lun, 23/01/2017 - 07:18

romaldi,la manutenzione delle strade e' compito del comune,provincia e regione,la protezione civile e' gia' oberata di lavoro,per ragioni politiche potete dire quello che volete ma non e' come dite voi. se anche fosse partita la turbina probabilmente non sarebbe riusita a liberare.errani non ha nessuna responsabilita',lui e' li' per la ricostruzione,se vedete lui per l'emergenza non ha mai aperto bocca.gli elicotteri nei giorni dell'emergenza non potevano fare nulla se non abortire le missioni se mai fossero decollati.

audionova

Lun, 23/01/2017 - 07:25

povera italia sei messa bene con questi italiani vergognosi,popolo di persone che hanno un solo scopo nella vita,evedere le tasse,eludere ogni balzello,denigrare la sanita',parlare a vanvera di qualsiasi cosa pur di far vedere che sanno e,quello che non sanno se lo inventano,vi meritate quello che avete.

audionova

Lun, 23/01/2017 - 07:28

ah adesso per voi quelli del 113 sono dei buffoni,ma non stavate con loro a prescindere?nelle interviste per i soccorsi purtroppo hanno sbagliato perche' non sono abituati all'emergenza di quel tipo,se quella chiamata fosse arrivata al 118(che non era competente)qualcuno sarebbe andato a vedere.

guerrinofe

Lun, 23/01/2017 - 08:25

@@@24agosto e per chi e'duro di .........! NON E'PROIBITO USARE LA MAIL PER URGENZE , usandolo NON si puo essere certi che sia 《aperta》in tempo debito.

Ritratto di Roberto_70

Roberto_70

Lun, 23/01/2017 - 08:33

Forse si poteva evitare la tragedia umana, sul fatto che la valanga era destinata a cadere è indiscutibile. Data la lunghezza della catena di comando le responsabilità si sbricioleranno via via che si sale, così nessuno pagherà e se qualcuno pagherà sarà sempre qualcuno che conta poco.

Ritratto di Nahum

Nahum

Lun, 23/01/2017 - 09:33

va anche detto che le scosse non toccavano solo l'hotel Rigopiano e che vista l'emergenza neve forse l'ANAS aveva deciso (giustamente) di dare la priorità a centri abitati piu ampi piuttosto che ad un hotel isolato la cui strada di fatto non portava da nessun altra parte Forse ci sono delle responsabilità ma é presto per avanzare delle accuse serie

nopolcorrect

Lun, 23/01/2017 - 09:58

Al solito impreparazione, inefficienza e disorganizzazione.

Angelo664

Lun, 23/01/2017 - 10:03

In questo caso si sommano diverse cose, non solo la valanga in se. Già guardando su Google Earth si vede chiaramente la posizione dell'albergo. In fondo ad un canalone. Probabilmente non è mai successo nulla in passato perché non è mai nevicato così tanto in quella zona. Poi le solite inettitudini di chi è solito piangersi addosso. Se la strada la tieni pulita tutti i giorni e passi con una lama, non fanno a tempo ad accumularsi 2 metri di neve. Ovvio che se non passi poi serve la turbina. In inverno NON ESISTE che la turbina sia rotta o bloccata in un piazzale. Dalle mie parti chi prende l'appalto per pulire le strade ha tutti i mezzi in ordine già a ottobre, catenati e pronti all'uso. E' possibile che non abbiano delle moto slitte in zona ???

roberto.morici

Lun, 23/01/2017 - 10:04

Tagliamo la testa al toro, come si dice. Diciamo che la colpa è, indscutibilmente, degli ospiti dell'albergo che tutti sapevavano essere abusivo.

Ritratto di Giovanni da Udine

Giovanni da Udine

Lun, 23/01/2017 - 10:57

Malgrado le sciagurate gestioni dei terremoti accaduti in Italia dopo quello del Friuli del 1976 ed il ripetuto riconoscimento da ogni parte dell'efficienza di quel "modello Friuli" di gestione del post terremoto prima, della ricostruzione poi ed infine della prevenzione negli anni successivi, non lo si mai voluto imitare! Il Governo aveva nominato un Commissario Straordinario, l'on. Zamberletti, con deleghe speciali, che consentì alla Regione di legiferare in maniera specifica, sorvegliando con discrezione l'opera di quella struttura "inventata" per l'occasione che assegnava deleghe e responsabilità ai vari Sindaci per un capillare e consapevole intervento sul territorio. A quel tempo non esisteva ancora la Protezione Civile, struttura creata dopo tale terremoto sull'esperienza dello stesso. A distanza di oltre 40 anni sembra che l'esperienza friulana sia rimasta isolata: niente scandali e ruberie, rimane l'unica ricostruzione completata in Italia da 100 anni a questa parte!