Di Maio fa scappare Fiat

Tassa sulla Panda, l'azienda ferma la produzione: 5 miliardi di danno Conte si arrende all'Europa, arriva il primo taglio alla manovra

Il premier Conte ingoia a Bruxelles il rospo e rivede la sua manovra, tagliandola di almeno otte miliardi per evitare la sua - e nostra - Caporetto. Parafrasando all'inverso l'ultimo bollettino di Diaz che segnò la fine della Prima guerra mondiale, si può dire che «il governo che pensava di essere il più potente d'Europa risale in disordine e senza speranza le valli che aveva disceso con orgogliosa sicurezza». Ce li ricordiamo i vaffa all'Europa, le ironie, quei giuramenti sul fatto che «il 2,4 non si tocca, accada quel che accada». Era un bluff, balle che ci sono costate, tra spread, Borsa giù e capitali fuggiti, oltre duecento miliardi di ricchezza svanita. In altri termini, il governo ha giocato con i nostri soldi per farsi bello agli occhi dei suoi elettori. E ancora non è finita. Non solo perché la partita con l'Europa è ancora tutta da chiudere, ma perché uno degli ultimi folli annunci sta per provocare un altro danno in termini di ricchezza e occupazione.

È infatti di ieri la notizia che Fiat auto tecnicamente Fca ha annunciato che bloccherà il piano industriale 2019-2021 se Di Maio non ritirerà la legge che prevede tasse consistenti sulle auto (anche utilitarie) con motori a benzina o diesel, già nota come legge ammazza Panda. Parliamo di cinque miliardi di euro che invece di essere messi in circolo per lo sviluppo saranno congelati nelle casse dell'azienda.

Una volta valeva la regola imposta dagli Agnelli che «ciò che fa bene alla Fiat fa bene al Paese». All'inizio l'equazione ha funzionato e trascinato l'Italia nel boom economico degli anni Sessanta, poi qualcuno a Torino ha fatto il furbo e Fiat diventò una palla al piede dell'Italia. Altri tempi, ma senza tornare indietro, possiamo però dire ancora oggi con certezza che «quel che fa male alla Fiat fa male al Paese». Ed estendiamo il concetto a qualsiasi altra grande azienda che insista a produrre in questa piccola e ostica parte del mondo.

Di Maio, con il suo «decreto dignità», ha già ammazzato l'occupazione; oggi rischia di uccidere anche la produzione della prima azienda metalmeccanica. Più che un ministro dello Sviluppo pare un becchino. Come il suo capo Beppe Grillo, che dopo aver ucciso personalmente tre persone (è condannato in via definitiva per omicidio plurimo), ieri si è augurato la morte fisica di Silvio Berlusconi. Diciamo che non ha perso il vizio. Un killer e un becchino, e dire che lo chiamano «governo».

Commenti
Ritratto di karmine56

karmine56

Gio, 13/12/2018 - 16:44

Perché è ancora in Italia ?

Cheyenne

Gio, 13/12/2018 - 16:44

Perfettamente d'accordo. I grillini sono banditi e per giunta banditi idioti

sparviero51

Gio, 13/12/2018 - 16:51

SONO SEMPLICEMENTE DEI CAZZARI !!!!!!!!!!!!!

corbin

Gio, 13/12/2018 - 17:28

MEGLIO. L'ITALIA LA DEVE SMETTERE DI ESSERE OSTAGGIO DELLA FIAT E DI INDUSTRIALI SENZA SCRUPOLI. LA GENTE HA VOTATO PER UNA VITA PIU' UMANA E GIUSTA. BASTA CHE SIA LA FIAT A DECIDERE I GOVERNNI ITALIANI. QUI VA CAMBIATO TUTTO, MA PROPRIO TUTTO.

peter46

Gio, 13/12/2018 - 18:13

La F.CA era già andata via,dottò...da tanto anche.

AndreaTT

Gio, 13/12/2018 - 19:02

La mamma degli idioti é sempre in attesa é Di Maio é la prova vivente

Ritratto di Leonida55

Leonida55

Gio, 13/12/2018 - 19:33

Di Maio è proprio un dilettante allo sbaraglio. Ormai non gli crede più nessuno, neppure al sud.

peter46

Gio, 13/12/2018 - 20:10

E bravo direttore...Di Maio può permettersi di perdere la Panda a POMILIANO?Che ca...volo sta a dì:arriverà il Suv AlfaRomeo,che prima o poi tutti 'tornano a casa loro',e figuriamoci se non torna l'Alfa inventata dal napoletano Romeo.NB:O forse perchè la F.CA sì è resa conto che dove c'è bisogno d'esperienza e competenza bisogna 'tornare' a Mezzogiorno e lasciare che siano i polacchi a continuare a produrre l'economica Panda.

FRANGIUS

Gio, 13/12/2018 - 20:41

FAKE NEWS:LA FIAT E' GIA' SCAPPATA DA ANNI E CERTO NON GOVERNAVA DI MAIO.

edo1969

Gio, 13/12/2018 - 21:30

un altro merito di Di Maio

rigadritto

Gio, 13/12/2018 - 21:37

Sallusti carissimo, una domandina: se FIAT scappa dall’Italia dove va? In Burundi? In Angola? in un altro paese disposto a mantenere quel carrozzone che sarebbe dovuto fallire già 1000 volte? e poi, qualcuno sano di mente può ancora comprare uno di quei catorci fatti dagli agnelli? non se ne andranno purtroppo, in compenso prima la chiudono e meglio è per tutti P.S. contentissimo della mia giapponesina, mai un solo problema, prestazioni top. Ciao fiat.

nebokid

Gio, 13/12/2018 - 22:30

Balle, la fiat investirà 5 miliardi, a torino faranno produrre la panda elettrica !

rokko

Gio, 13/12/2018 - 22:32

corbin, giusto. Meglio essere ostaggi di qualche rincoglionito analfabeta che si è appuntato cinque stelle sul petto.

pilandi

Gio, 13/12/2018 - 22:51

Veramente la FIAT è da parecchio che non è più in Italia, qualcuno lo dica a sallusti....

Ritratto di Civis

Civis

Gio, 13/12/2018 - 23:55

FCA vuole costruire in Italia solo auto di lusso, in prospettiva, che sarebbero le più colpite dalla ecotassa. Inoltre, gli incentivi per l'auto elettrica andrebbero in minima parte alla 500 EV, che è un modello di nicchia nella nicchia delle elettriche. Per questo FCA è inquieta, oltre a sapere che comunque farà grande fatica a resistere alla concorrenza, che fa molta più ricerca da anni.

CALISESI MAURO

Ven, 14/12/2018 - 06:04

Il sig Elkann se non vado errato un mese fa ha venduto Magneti Marelli per fare cassa senza informare il governo e quel pisto.. di di Di Maio. Un affronto cosi al tempio del ventennio penso avrebbe comportato azioni serie da parte della politica. Praticamente lo Stato regalo' alla Fiat Alfa Romeo che fu pagata 800 miliardi ( ma sembra che l'ultima tranche non sia mai stata sanata ) Vero che fare macchine in Europa e' difficile e fa perdere soldi, la Nazione tuttavia non deve perdere questa industria che traina l'economia. I grillini no hanno capito ancora una volta come gira il mondo. Le industrie vanno aiutate non demolite... e a livello energetico un buon diesel euro 6 e' piu' efficiente di una macchina elettrica. Solo di effetto Joule c'e' una perdita del 70% di energia nei sistemi

Rottweiler

Ven, 14/12/2018 - 07:01

La FCA sara' anche in Olanda e "residente" in GB, ma i 12000 posti di lavoro sono in Italia. Per cui tutte le zeccherosse che sperano la Fiat vada via, devono pensare a cosa fare per le 12000 famiglie..... Reddito di cittadinanza ????

Duka

Ven, 14/12/2018 - 08:50

Sveglia !!! La FIAT è scappata da anni-

Luiss

Ven, 14/12/2018 - 09:36

Meno male. Non tutti i mali vengono per nuocere.

Ritratto di dlux

dlux

Ven, 14/12/2018 - 09:43

Spero che la tassa ammazza-Panda venga ritirata. Detto questo aggiungo due cose. La prima è che la Panda è risultata ultima nella classifica sulla sicurezza: se non la producono più ci guadagniamo in salute. La seconda è che la Fiat, ora Fca, per conto mio era già fallita dopo gli anni '70, quando cominciò a mungere lo Stato con ricatti di ogni tipo ottenendo favoritismi camuffati da cassa integrazione, rottamazioni, incentivi ogni volta a carico nostro e sempre più onerosi. La fine la sappiamo tutti: ha delocalizzato la maggio fetta della produzione lasciando in Italia soltanto le briciole.

Ritratto di manasse

manasse

Ven, 14/12/2018 - 10:05

dilux negli anni 70 non è stata la fiat a mungere lo stato ma i sindacati e i lavoratori che sabotavano tutto,la fiat dell'epoca aveva una robotizzazione che poteva produrre con un terzo degli operai e da qiu l'inciucio sindacale scioperi politici inutili e di nascosto per conservare i posti di lavoro un accordo sottobanco gli utili alla fiat e la perdite allo stato cioè noi,a metà degli anni ottanta gli operai hanno aperto gli occhi e i sindacati sono spariti rinascendo alla nascita del governo presieduto dall'arci nemico BERLUSCONI

amedeov

Ven, 14/12/2018 - 10:05

X TUTTI Se la Fiat è scappata dall'Italia dobbiamo ringraziare landini

ferdinando55

Ven, 14/12/2018 - 10:27

Egregio Direttore, in linea teorica Lei ha ragione, ma c'è un "ma": cosa vuole che importi agli "acculturati" elettori grillini di tutto questo?!? A loro interessa solo essere mantenuti senza lavorare attraverso il famigerato reddito di cittadinanza, e al M5S interessa comprare proprio quei voti e fidelizzarli con il reddito di cittadinanza! Chi non capisco è SALVINI, ormai ostaggio dei grillini, che si bea di sondaggi Dio solo sa quanto attendibili (sento tanti amici che, come me, non voteranno più Lega per dirigere il proprio voto altrove, Meloni in primis...). Forse i fatti mi smentiranno, ma mi pare che una parte della base non sia più in linea con il "capitano" (sicuramente lo sono invece i vertici, ma loro solo per bassi interessi di poltrona)

Libero 38

Ven, 14/12/2018 - 13:45

Egr.Direttore non credo che gli italiani si dovrebbero strappare i capelli dopo le minacce della fiat. Il pagliaccio di pomigliano e la sua accozzaglia hanno rinnegato quasi tutte le promesse che avevano fatte agli sfaticati che lo avevano eletti.La verita' e' che dopo la morte di marchionne la fiat andra' sempre piu'da male in peggio.

carlottacharlie

Ven, 14/12/2018 - 14:10

Vero, già all'uscita della notizia ecotassa si è pensato alla Fiat in partenza e, intuitivamente, a qualche interesse vergognoso con produttori di elettriche. Leggi: Tesla.

morello

Ven, 14/12/2018 - 14:54

La ecotassa è intempestiva e inopportuna .Mettere una tassa oggi sulle auto tradizionali in un momento in cui il mercato dell'auto regredisce e per di piu' non sono ancora disponibili a prezzi competitivi e con ampie possibilità di scelta , auto elettriche e ibride è assolutamente un controsenso . Per quanto riguarda l'inquinamento poi, gli effetti positivi su di esso a seguito di questa tassa sono tutti da dimostrare dato che già' oggi chi ha l'auto ,visto il costo del carburante ,ne limita l'uso il piu' possibile .

giovanni951

Ven, 14/12/2018 - 17:01

a me sembra che Fca sia scappata anni fa. Vi é sfuggita la notizia?

Ritratto di elkid

elkid

Ven, 14/12/2018 - 18:14

---il direttore fa sempre finta di dimenticare che questo governo per far passare le leggi deve votare compatto altrimenti nisba---se il famigerato decreto sulle auto è passato in una delle camere è perchè tutti i legaioli hanno votato compatti---se io fossi un legaiolo sarei abbastanza adirato con felpini---prima fa votare i suoi a favore del decreto--poi fa l'eroe su twitter dicendo che è una emerita cavolata---cioè felpini si fa bello a danno dei suoi stessi uomini--pazzesco--detto ciò --caro direttore --anche quelle pochissime robette che sono state approvate e che lei considera positive hanno avuto l'avallo decisivo dei gialli nel voto---lo so che il direttore cerca di preservare la verginità di salvini in occasione di una reunion col cav--ma ormai non ci speri---la posizione a 90 assunta nei confronti dell'europa significa che i due eroi vogliono finire la legislatura-costi quel che costi--swag

gianberga

Ven, 14/12/2018 - 18:29

quando mi raccontavano che l'autostrada del sole non la volevano fare per non favorire Agnelli, non ci credevo. Allora erano i comunisti, ora questi sono anche peggiori il che è tutto dire.

rigampi51

Ven, 14/12/2018 - 18:49

A parte il fatto che la Fiat è sparita dall'italia da anni, comunque meglio che se ne vada definitivamente, ha succhiato soldi agli italiani per anni, almeno non corriamo piu in rischio di mantenerla ancora

Ritratto di Adriano Romaldi

Adriano Romaldi

Ven, 14/12/2018 - 18:50

Io penso che Grillo si merita di andare in Libia e fermare le persone che tentano di espatriare nel bel Paese. Penso che Forza Italia ormai sia pronta per governare con il centro destra questa Nostra Nazione che vogliono distruggere. Shalòm.

Valvo Vittorio

Ven, 14/12/2018 - 19:53

La Fiat nata in Italia si è adeguata al costume degli italiani e alla fauna sindacale con la predominanza della CGL di estrazione comunista. Con l'entrata in politica di Berlusconi, le forze politiche e sindacali hanno subito dei cambiamenti radicali, spingendo la Fiat ad alleanze con altre case automobilistiche straniere, in altre parole al libero mercato. Grazie alle strategie di Napolitano si è passati al governo PD, ma col vizietto della sinistra alle scissioni, siamo oggi col movimento pentastellato, analfabeta politico ed economico, in altre parole (dilettanti allo sbaraglio). Che cosa si aspettano i cittadini con i piedi per terra? Elezioni prima possibile.

Ritratto di direttoreemilio

direttoreemilio

Ven, 14/12/2018 - 20:36

Ah capodefiezientis la Fiat é gia scappata dall´italia 5 anni fá le tasse le paga in usa e Olanda, dall´italia rossa e berluschina 7,2 miliardi di regalia, e ora vuole di piú. in USA devono vendere auto pulite non inquinanti, sennó multa miliardaria, in Italy vogliono vendere il marciume che piace ai sallustiani berluschini.

Ritratto di direttoreemilio

direttoreemilio

Ven, 14/12/2018 - 20:39

AH e poi a voi berluschini di destra cosa ve ne frega tanto voi comprate solo auto tedesche, tante che silvio ne fece auto statali.

kobler

Ven, 14/12/2018 - 22:06

Fiat? Non esiste più o sbaglio? Oggi non è per caso FCA? E pensano di venire qui a prendere altri soldi? Esperienze già fatte

Ritratto di ste73

ste73

Sab, 15/12/2018 - 12:05

Riferendomi al decreto direi non fanno che confermare la loro incompetenza sia sul piano economico che di governare; delle parole Riferite al "Presidente" Silvio Berlusconi penso che non ci siano parole per per definire l'ipocrisia e l'ignoranza , cattiveria e soprattutto invidia di non riuscire a creare quello che il PRESIDENTE è riuscito a fare negli anni. Definizione? BUFFONE ALLO SBANDO.

Libero 38

Sab, 15/12/2018 - 14:35

Egr. Direttore dalle mie parti un detto dice"morto il padre morta la famiglia".Come dire dopo la morte dell'italocanadese la fiat ha gia deciso di andarsene dall'italia. Il clown di pomigliano conta quanto un fico secco sulla decisione o fuga della fiat di andarsene dall'italia.

peter46

Sab, 15/12/2018 - 15:59

ste73...c'era comunque ben altro modo di farci sapere che sei stato uno dei 'favoriti' invitati a vedere....la sua 'collezione di farfalle'. Speriamo solo che ti abbia 'benben' accontentato.