La mamma del modello di H&M: "Chiamata 'scimmia' da chi lo ha difeso"

La donna aveva invitato a superare la questione, definendola "inutile": è stata ricoperta di insulti, compreso "scimmia"

Non si placano le polemiche sulla pubblicità della catena di abbigliamento a basso costo H&M. A intervenire ora sul caso è Terry Mango, mamma di Liam, il piccolo modello di colore che indossa la felpa con la scritta "Coolest monkey in the jungle", "La scimmia più cool della giungla", costata al colosso dell'abbigliamento l'accusa di razzismo.

Dopo le scuse dell'azienda, la donna aveva invitato a superare la questione, definendola "inutile" e sottolineando che la felpa era solo uno delle decine di capi indossati dal bambino. Terry Mango, a difesa della H&M, ha accusato tutti coloro che si erano scagliati contro la griffe: "Siete ipocriti".

Ma in molti hanno espresso dubbi sulla mancata presa di distanza della donna. La stessa madre è stata così ricoperta di insulti, compreso "scimmia", dalle stesse persone che avevano criticato l’azienda. "Come puoi combattere il razzismo se fai osservazioni razziste? Non puoi provare a difendere mio figlio e usare le stesse parole per descrivermi".

Le scuse dell'azienda

La catena di abbigliamento ha rimosso dalla vendita online la felpa contestata e ritirato il capo dai negozi. "Siamo sinceramente dispiaciuti e non era nostra intenzione offendere nessuno con l’immagine stampata sulla nostra felpa. Crediamo fortemente nella diversità e nell’inclusione".

Commenti
Ritratto di bandog

bandog

Ven, 12/01/2018 - 16:32

Della serie : nessuno è più razzista dell'antirazzista(pdiota naturally)

mork

Ven, 12/01/2018 - 18:09

bandog, giusta osservazione. e, in ogni caso, se il bimbo fosse stato una..."mozzarellina" ? stesse menate ?

pensionato.stufo

Sab, 13/01/2018 - 10:24

Tutti a ridere quando dicevano che George W. Bush assomigliava ad una scimmia. Tutti scandalizzati se detto alla moglie di Obama. Due pesi e due misure.

Ritratto di elkid

elkid

Sab, 13/01/2018 - 12:37

---in effetti il razzismo reale di una persona non si misura dalle parole---alcuni insulti nel tempo sono diventati modi di dire che i minus amano proferire per divertimento---ma ripeto --nei fatti --nei comportamenti---borghezio per esempio--campione della lega---non è razzista quando viene condannato a pagare 50mila euri (che lo hanno mandato sul lastrico) alla ministra Cecile Kyenge per le frasi dette alla trasmissione radiofonica la zanzara--ma è razzista quando con un manipolo di minus suoi pari --sale sui treni con l'alcool denaturato e disinfetta i sedili su cui si sono sedute donne immigrate---