"Marine si pentirà di avermi tradito"

Il padre di Marine Le Pen attacca la figlia e la nipote Marion. I rapporti si sono interrotti e lui è pronto a creare un nuovo partito per insediare il Front National

"Non capisco cosa giustifichi l'esclusione di Jean-Marie Le Pen che ha fondato il Front National e l'ha diretto per 40 anni". Lo dice, parlando di sè in terza persona in un colloquio con Repubblica, lo stesso Le Pen, padre di Marine, l'attuale leadere del Front National. Un messaggio alla figlia, con cui ha un rapporto travagliata: "Mia figlia non ha capito che ero il suo scudo. Senza di me, è più fragile ed esposta".

Jean-Marie svela che "Marine non ama essere contraddetta. Il suo difetto, se posso permettermi, è di non essere abbastanza democratica". "Qualunque regno diviso al suo interno è destinato a perire", ha scritto Le Pen a sua figlia, minacciando di fondare un suo movimento politico, di cui dice - senza rivelarlo - di aver già pronto il nome. Le relazioni sono interrotte anche con la nipote Marion. "E' troppo sicura di sè - dice l'ex leader della destra francese -. Come Marine, pensa di poter fare a meno di me. Eppure sono io che le ho create", ma "non ho mai sofferto. Se qualcuno non mi ama più, smetto di amare".

Commenti

villiam

Sab, 27/02/2016 - 17:07

lo dice repubblica ,prendere con le molle!!!!!!!!!!!!!!!!

Amazigh

Sab, 27/02/2016 - 17:30

Il prezzo per sdoganarsi verso l'Eliseo. Comunque non basterà se gli innominati le mettono il veto. Ricordatevi di Strauss-Kahn, di Sarkozy in prigione per 24 ore, di Hollande crocifisso sulla moto per una visita galante. Recite ancore più improbabili al di là delle Alpi. Sono e devono essere tutti ricattabili per rappresentare il potere.

arkkan

Sab, 27/02/2016 - 17:44

Anche per un campione (Totti docet) è difficile accettare il fatto che è arrivato il tempo di andare in pensione!