Marocchini rubano dolci e minacciano agenti: "Vi tagliamo la gola"

Razzia in un bar nel centro di Salerno e minacce ai poliziotti, arrestati due immigrati. Entrambi erano destinatari di un provvedimento di espulsione ma si trovavano ancora in Italia

Ubriachi, rubano dolci al bar e minacciano con i cocci di una bottiglia i poliziotti che li inseguono: “Vi togliamo la gola”. È accaduto in pieno centro a Salerno, nelle strade della movida, nella notte tra sabato e domenica. Protagonisti due immigrati marocchini che hanno concluso la loro notte brava in cella.

Protagonisti della vicenda due immigrati, di nazionalità marocchina e senza fissa dimora. Ai due nordafricani, di 28 e 29 anni, dopo una serata passata a bere birra e alcol, doveva essere venuta fame. E così avevano deciso di prenderne qualcuno in uno dei locali di via Roma, arteria centrale del passeggio serale e notturno a Salerno. Però non avevano alcuna intenzione di pagare. Così, arraffati i dolci, hanno provato a scappare ma i titolari dell’attività commerciale li hanno inseguiti per farsi dare i soldi.

Impossibilitati a seminarli, i marocchini hanno affrontato i commessi e i titolari del bar. Ne è nata una zuffa che non è degenerata grazie al tempestivo intervento dei poliziotti in servizio presso la Questura di Salerno. Gli agenti hanno separato i litiganti ma i maghrebini hanno iniziato a dare di matto e, brandite delle bottiglie rotte, hanno cominciato a minacciare i tutori dell’ordine. “Vi tagliamo la gola”, la frase che avrebbero pronunciato, accompagnata da fin troppo eloquenti gesti con le mani al collo.

I poliziotti, non senza qualche difficoltà dovuta alla resistenza opposta, hanno disarmato e ammanettato i due immigrati. Sono stati arrestati per violenza, resistenza e lesioni a pubblico ufficiale. Per entrambi, come si legge nella nota stampa delle forze dell'ordine riportata dai media locali, è scattata la denuncia perché i marocchini, nonostante fossero stati destinatari già di un provvedimento di espulsione, si trovavano ancora sul suolo nazionale.

Commenti

illupodeicieli

Lun, 05/12/2016 - 12:45

Come minimo, adesso, dovranno essere processati e magari con ricorsi o controricorsi resteranno ancora qui, a fare danni. Proviamo noi, se per caso fossimo scemi, a fare qualcosa di analogo in Marocco o altro paese musulmano.

gneo58

Lun, 05/12/2016 - 12:51

una volta arrestati, portategli ancora de dolci in cella, con lo "zucchero a velo" pero'.

Trinky

Lun, 05/12/2016 - 13:10

Impossibile che le risorse si siano rivolte in quel modo a dei poliziotti... Sicuri che non è il contrario, vero Alfano?

vince50

Lun, 05/12/2016 - 13:18

Cambiare qualche legge e assumere poliziotti Americani.

Ritratto di alasnairgi

alasnairgi

Lun, 05/12/2016 - 13:39

Siamo alle solite : espulsi ma presenti in Italia. Speriamo in una virata della politica immigratoria!!!!!!

venco

Lun, 05/12/2016 - 13:40

Gli stranieri clandestini possono far di tutto, ma guai a toccarli, si paga caro, sono protetti

tuttoilmondo

Lun, 05/12/2016 - 13:53

Il decreto di espulsione è un documento consegnato allo straniero che non ha diritto a rimanere nel nostro Paese. In pratica è un foglio di via che il destinatario riceve e prontamente getta nel primo cassonetto che capita. Questa pratica rafforza nel clandestino la consapevolezza che l'Italia è il posto giusto per delinquere. Con il passa parola mondiale il nostro sventurato Paese è diventato la meta agognata di sfaticati, delinquenti e terroristi di tutto il pianeta.

Giorgio Rubiu

Lun, 05/12/2016 - 14:20

Un mandato di espulsione è solo un pezzo di carta e,dal punto di vista dell'espulso,di nessun valore.Bisogna espellerli fisicamente non appena il tribunale si è pronunciato in quel senso.E se si oppongono con la forza o le minacce,sparargli nei testicoli.Non ucciderli e non renderli invalidi perché poi dovremo mantenerli per sempre.Invalidarli dove conta e poi espellerli.Gli altri colpiti da mandato di espulsione non vedranno l'ora di andarsene dal Paese senza fare tante storie.

manfredog

Lun, 05/12/2016 - 14:33

..'si trovavano ancora sul suolo nazionale', come, ovviamente, almeno un altro milione di clandestini che scorrazzano come cavalli pazzi per delinquere in Italia, fanno quel che vogliono e non hanno nulla da perdere; non come i poliziotti che li hanno arrestati, che per lavoro rischiano la vita e che, se per caso avessero usato la pistola per difendersi (come sarebbe stato giusto), avrebbero avuto il resto della vita rovinato. Viva l'Italia democratica fondata sul..Pandoro..!! mg.

libertyfighter2

Lun, 05/12/2016 - 14:56

Geniali questi che vanno facendo gli sboroni in Campania. Appena sbagliano bar da rapinare si ritrovano in fondo al mare coi gambaletti di cemento.

giovanni PERINCIOLO

Lun, 05/12/2016 - 14:59

Qualcuno mi dovrebbe spiegare perché in casi com questi le forze dell'ordine debbano essere costrette a rischiare la vita invece di poter far uso delle armi. Ci vadano i magistrati a fermare a mani nude i delinquenti armati!

Ritratto di bandog

bandog

Lun, 05/12/2016 - 15:14

qualche problema con il Texas ed il Wisconsin???

angelo1951

Lun, 05/12/2016 - 16:21

e ora saranno già a piede libero con in mano un foglio di carta igienica su cui sta scritto e timbrato l'ordine di espulsione. Saranno senza dubbio terrorizzati dalla severitaà della legge itagliona.

Ritratto di elkid

elkid

Lun, 05/12/2016 - 17:41

-----non c'è più renzi al governo---chiedere ai destricoli---hasta

aldoroma

Lun, 05/12/2016 - 17:49

in galera a pane e acqua, anzi solo acqua parassiti

guardiano

Lun, 05/12/2016 - 17:50

Erano stati espulsi ma si trovavano ancora sul suolo itagliano, mi chiedo e chiedo ai cittadini italiani se non è il caso di chiamare a rispondere di queste porcherie il ministro dell'interno in qualità di garante della sicurezza dei cittadini o i cittadini servono solo per pagargli il lauto stipendio.

Ritratto di MAURI

MAURI

Lun, 05/12/2016 - 18:16

Doppia fatica per i bravi poliziotti per non sparare a queste risorse boldriniane, perchè così facendo avrebbero aumentato le morti sul lavoro. Non vorrei però, mai e poi mai essere frainteso, passare cioè per irrispettoso per le nostre purtroppo TANTE e VERE morti sul vero lavoro.

Ritratto di nando49

nando49

Lun, 05/12/2016 - 18:28

Ecco l'ennesimo episodio di una giustizia all'azzeccagarbugli. Questi delinquenti hanno un provvedimento di espulsione e sono ancora qui a delinquere e minacciare. Riformare la legge sull'espulsione rendendola più rapida ed efficace è prioritario. Servirebbe anche come deterrente. Sperando che non ci sia più Alfano, è una cosa che si può fare.

Renee59

Lun, 05/12/2016 - 18:53

Tranquilli, non abbiate paura, i giudici sono dalla vostra parte.

Ritratto di hernando45

hernando45

Lun, 05/12/2016 - 19:06

Che cacchio scrivii Elpirl 17e50??? Al Viminale c'è ancora il tuo amico Siculo!!!!Capisco che stai ROSICANDO ma non perdere la RAGIONEEE!!!lol lol.

Linucs

Mar, 06/12/2016 - 08:14

"Immigrati", "marocchini", ma cominciamo a chiamare le razze coi loro nomi.