Mestre, la capitale della droga in mano alle bande di nigeriani

La maxi retata dello scorso luglio non ha estirpato il problema: in città si vende ancora l'eroina gialla killer. E i residenti hanno paura di pusher e tossicodipendenti: "Non usciamo la sera"

Mestre - Alle 14:41 del 10 luglio scorso è scattata a Mestre l’operazione San Michele della squadra mobile di Venezia. Quasi cinquecento uomini delle forze dell’ordine e un elicottero sono stati impegnati nella maxi retata nei pressi della stazione: un blitz programmato nei minimi dettagli e reso sempre più necessario dalle decine di morti in città per mano dell’eroina gialla, che continua a mietere vittime.

Una droga devastante che ha trasformato quella fetta di Venezia nella capitale dello spaccio del Nord-Est. La "gialla" è fino a cento volte più pura dell’eroina che solitamente si può trovare in strada: viene tagliata con un potentissimo analgesico a uso ospedaliero, il Fentanyl, che ha un'efficacia molto superiore alla morfina. In via Monte San Michele, il clan dei nigeriani la produceva in un laboratorio clandestino e poi si occupava di smerciarla dall’alba fino a notte fonda per le vie della città, servendosi di decine e decine di pusher, in bicicletta e non. Soprattutto nel quadrilatero della morte tra via Trento, via Col di Lana, via Piave e, appunto, via Monte San Michele. Un vero e proprio market della droga aperto h24, con tanto di vedette sui palazzi per presidiare al meglio il territorio. (Guarda il video)

Qui gli africani spacciano di tutto, eroina e cocaina, attirando orde di tossicodipendenti. A Mestre, infatti, arrivano da tutto il Nord Italia, specialmente dal vicino Friuli, per acquistare l’eroina gialla e altre sostanze stupefacenti. Le ultime vittime della droga killer – che si continua a trovare a due passi dalla Laguna – sono una ragazza di Udine di appena 16 anni, trovata senza vita la settimana scorsa nel bagno della stazione della cittadina friulana, e un bidello cinquantenne, morto in casa pochi giorni fa dopo aver fatto uso di quell'eroina.

Mestre in ostaggio

Seduti su una panchina a Marghera, scambiamo due parole con un'anziana signora: "Io non ho paura, ho un bastone qua con me. Però per tanto tempo abbiamo dovuto subire baruffe e lotte: rompevano bottiglie e si tagliavano il collo. Ora va un po’ meglio, ma la sera dobbiamo rimanere chiusi in casa: comunque, è meglio non uscire".

Per tutti i mestrini, e non solo per residenti dei quartieri più colpiti dalla piaga, la situazione è stata disperata e invivibile per circa due anni, perché le bande di nigeriani (affiancate da malviventi di altre nazionalità) hanno fatto il bello e il cattivo tempo, avvelenando la città e gettandola in un tunnel di degrado assoluto. La polizia, grazie all’amministrazione Brugnaro, ha liberato quel quartiere - quaranta persone in arresto e dodici espulsioni dall’Italia – e i residenti sono tornati a vivere senza andare a sbattere ogni giorno, ogni ora, contro pusher appostati o di passaggio.

Ma guai a cantar vittoria, perché l’eroina continua a girare. Ora, grazie alle numerose pattuglie in servizio – coadiuvate anche dalla polizia municipale e dalle camionette dei militari – la situazione è abbastanza tranquilla, a partire dalla stazione. Ma basta camminare, per esempio, fino al parco di villa Querini per imbattersi anche in pieno giorno in capannelli di nigeriani che spacciano droga seduti su panchine e muretti. Un giardino che gli africani controllano come ne fossero i padroni incontrastati. La sera, comunque, il buio è alleato del degrado: soprattutto a tarda ora, chi vende stupefacenti ha meno timore di farlo e chi la compra trova più facilmente un angolo nascosto dove preparare una dose e iniettarsela subito in vena. Siringhe, fazzoletti sporchi di sangue e pezzi di alluminio per scaldare le droghe sono gettati nei tombini o sparsi nelle zone verdi della cittadina veneziana.

Per esempio, il parchetto dietro la fermata del tram di piazzale Giovannacci (a Marghera) o in piazzetta San Francesco (a Mestre). Qui, i tossicodipendenti hanno preso d’assalto, dopo l’orario di chiusura, il patio di un ristorante. Al mattino, ogni giorno, chi va a tirare su la serranda trova siringhe usate tra i tavoli all’aperto delimitati dalle siepi. Nei vasi, poi, c’è di tutto: oltre agli aghi, anche lattine e bottigliette usate per cucinare e inalare la droga. Segno che la piaga è ancora lontana dall'essere estirpata, nonostante la controffensiva lanciata dalle istituzioni locali.

Commenti

cgf

Dom, 21/10/2018 - 10:59

non sono bande, è Black Axe e non sono solo a Mestre. Poi ci sono quelli 'scartati' che non hanno trovato nemmeno un posto a... Langtan. Invece di indagare chi vuole controllare chi entra illegalmente, controllate chi illegalmente è già entrato e soprattutto chi illegalmente vive e prospera in Italia.

Ritratto di pravda99

pravda99

Dom, 21/10/2018 - 11:01

Si`, ma le bande di nigeriani a chi vendono la loro robaccia? Presumibilmente ad italiani, che poi magari fanno un giretto anche con le signorine nigeriane, di fatto riversando fiumi di denaro sui nigeriani stessi - e magari poi votano Lega...

Ritratto di Memphis35

Memphis35

Dom, 21/10/2018 - 11:11

Soggiorno obbligato, a Mestre, per i cantori della multiculturalità: Lerner, Toscani, Vauro, Formigli...nonchè qualche esponente del partito dei delinquenti. Così, per assaporare i frutti del melting pot.

Ritratto di do-ut-des

do-ut-des

Dom, 21/10/2018 - 11:13

Anche qui FN e CasaPound non servono a nulla. Cosa ci vuole per estirpare questo marciume! Non c'è nemmeno dell'amor proprio, di un orgoglio proprio e nazionale, invece di pensare, ma a me che mi entra?

Ritratto di Leonida55

Leonida55

Dom, 21/10/2018 - 11:14

L'Italia è piena di clandestini che vendono morte, sappiamo da chi fatt ivenire e dagli stessi protetti inopinatamente. La galera sarebbe poco per loro, eppure non ci vanno mai o restano per poco tempo, sempre grazie ai soliti sinistri difensori. Ai venditori di morte starebbe bene la stessa fine, per ognuno di loro si salverebbero tante vite. Ogni loro sinistra difesa equivale aspegnere parecchie vite. Rifletteteci loro falsi difensori con ben altri subdoli scopi. Siete ignobili.

stopbuonismopeloso

Dom, 21/10/2018 - 11:14

sono le inevitabili conseguenze di un immigrazione incontrollata ed una retorica pelosa portata avanti per anni dai cattocomunisti e funzionale a gonfiarsi le tasche, Salvini è la ns. unica speranza di un futuro possibile, altrimenti regrediremo a livello di ruanda, niegria ecc.

Una-mattina-mi-...

Dom, 21/10/2018 - 11:20

NON SOLO,INSIEME A NIGERIANI CI SONO DOMINICANI, ALBANESI, MAROCHINI... I DOMINICANI AD ESEMPIO SONO BEN ORGANIZZATI: ATTIVITA' UFFICIALI DI QUALCHE LAVORETTO UMILE, MENTRE IN REALTA' TANTE DONNE SI PROSTITUISCONO E GLI UOMINI SI DANNO DA FARE SOPRATTUTTO CON LA COCAINA (CHE FANNO ARRIVARE DAL LORO PAESE AD ES. VIA SPAGNA, 1KG DI COCA DA LORO COSTA TRA I 5 E I 10 MILA EURO). POI QUANDO UNO DI LORO PRENDE UN APPARTAMENTO ARRIVANO I PARENTI E GLI AMICI ALLA SPICCIOLATA, QUASI SEMPRE CLANDESTINI... TUTTO DOCUMENTATO...

Ritratto di bettytudor

bettytudor

Dom, 21/10/2018 - 11:20

Hanno voluto la bicicletta? Che adesso pedalino! Mestre roccaforte comunista per decenni, ha sempre votato a sinistra, disprezzando e opponendosi ai partiti di centro destra e la sinistra gli ha riempito la città di africani e musulmani. Alcune zone di Mestre sembrano proprio il terzo mondo e, se la cosa continua, tutta Mestre lo diventerà. Chi è causa del suo mal...

tonipier

Dom, 21/10/2018 - 11:26

"QUELLO CHE CONTA REALMENTE?" Togliere la patenta ai poveri ITALIANI, per aver bevuto un bicchiere di vino in più.... dove molti di questi,si trovono la mattina dopo senza più un posto di lavoro.. non potendosi più di tanto allontanare."appiedati"

aitanhouse

Dom, 21/10/2018 - 11:35

mestre in mano ai....? volesse il cielo fosse solo circoscritto a mestre, nel paese ci sono zone ormai off limit per gli italiani dove i nigeriani hanno messo radici ed esercitano tranquillamente i loro traffici. C'era una volta un bel posto dove si potevano passare vacanze tranquille fra mare e pineta ,dove in tanti hanno investito in una seconda casetta per le vacanze , Castelvolturno in provincia di caserta sul litorale domizio. Oggi la cittadina è diventata simbolo del degrado più profondo della zona, nelle mani di nigeriani che ne hanno fatto un centro di spaccio e prostituzione. Addio case vacanze,addio mare e pineta; grazie solo all'imbecillità dei buonisti nostrani che hanno trasformato l'italia in un ricovero di sbandati solo per arricchire le tasche delle solite cooperative,onlus etc.

Ritratto di libere

libere

Dom, 21/10/2018 - 11:39

Fate male a esprimervi in termini così duri sul capitale umano della B&B (Bergoglio&Boldrini).

Ritratto di moshe

moshe

Dom, 21/10/2018 - 11:48

Questo è il frutto della multietnicità voluta da quei conati di vomito della sinistra e del vaticano. Bisogna fare leggi speciali che permettano di stroncare questa lebbra !!!!!

Nick2

Dom, 21/10/2018 - 11:49

Il traffico di droga, in Italia (e non solo) è nelle mani della 'ndrangheta, che questo governo voleva favorire con il decreto fiscale. I nigeriani hanno sostituito i tossicodipendenti nello spaccio, perchè più affidabili. Questo non significa che non si debba intervenire contro di loro (ci mancherebbe), ma che il vero nocciolo del problema non è quello che voi volete far credere ai vostri lettori. Le piaghe dell'Italia, che sarebbero da combattere con ogni mezzo, sono: mafie, corruzione ed evasione fiscale. I populisti fanno credere ai loro simpatizzanti che siano migranti, rom, Europa e élite o poteri forti. Continuando così, inevitabilmente finiremo nel baratro...

Ritratto di RedNet

RedNet

Dom, 21/10/2018 - 11:55

ALLA FINE CHI FA I VERI SOLDONI SONO LA MAFIA E LO STATO. IL RESTO E' BLA BLA BLA BLA

Ritratto di stenos

stenos

Dom, 21/10/2018 - 11:58

Sana e onesta città pd. Ne godano le straordinarie politiche.

philwoody52

Dom, 21/10/2018 - 12:04

dai salvino smettila di chiacchierare e lavora. prova a ripulire le citta da questo schifo

acam

Dom, 21/10/2018 - 12:10

ero partito con ilpresupposto vado imparo e torno, é tanto tempo e ora sono partito ho imparato e non torno piu mi dispiace

Ritratto di Contenextus

Contenextus

Dom, 21/10/2018 - 12:11

Forse esagero, ma io penso che uno spacciatore preso in flagrante vada passato per le armi sul posto. Pubblicamente. Ma prima o poi l'uso delle droghe andrà regolamentato ed i danni possibili posti sotto controllo. Occorrono più pragmatismo e buonsenso. Fino ad allora gli spacciatori andrebbero passati per le armi, senza processi legali di sorta. Essi, infatti, sono una minaccia per la vita, la libertà, la proprietà della gente.

Ritratto di woman

woman

Dom, 21/10/2018 - 12:11

Se vendere droga è un reato, allora anche acquistare droga è un reato. Se detenere una modica quantità di droga non è reato, allora neanche venderne piccole dosi dovrebbe essere reato. Sulla droga ci sono leggi molto ipocrite.

restinga84

Dom, 21/10/2018 - 12:18

I malavitosi nigeriani,sia in Nigeria che altrove,sono specialisti dei settori:droga e sfruttamento della prostituzione.

Ritratto di meditando

meditando

Dom, 21/10/2018 - 12:22

Ecco la vera e unica integrazione,la delinquenza degli stranieri si è innestata nella nostra società,alle nostre mafie ed affini ora si è aggiunta altra malavita. Grazie vecchi governi imbelli e miopi se non addirittura ciechi, buonisti , clericali e sinistrosi. Stiamo preparando la jungla infernale per Noi e i nostri figli.

Ritratto di 02121940

02121940

Dom, 21/10/2018 - 12:36

Per effetto del "piano renziano" di accoglimento dei "profughi" inviatici dalla Libia abbiamo riempito il "bel paese" di una marea di immigrati, nella gran maggioranza ignoranti, non capaci di lavorare e spesso propensi a delinquere, come le nostre polizie constatano giornalmente. La città di Mestre Capitale della droga? Sarà pure così, ma di "centri della droga" nel bel paese ormai ne abbiamo dappertutto. Ed il commercio della droga non è l'unica attività a cui si dedicano gli immigrati clandestini, come del resto anche tanti rumeni. Ma tutto ciò é servito al governo Renzi per "favorire" la sua politica in ambito europeo, come ieri è stato chiaramente scritto in questo giornale, uno dei pochi che dica la verità agli Italiani.

Ritratto di Anna 17

Anna 17

Dom, 21/10/2018 - 12:36

Bene ringraziamo sentitamente per questi bei principi di civiltà che ci hanno portato queste genti, soprattutto quelli che ci rompono un giorno si ed un giorno ancora con cretinate e sproloqui vari, ad iniziare da franceschiello, kyenge boldrina e sinistri in generale. Tutti cialtroni incapaci d'intendere e volere e che finalmente stiamo iniziando a buttare a mare insieme ai loro protetti.

fifaus

Dom, 21/10/2018 - 12:58

E dire che sarebbe facile individuare i soggetti e rispedirli tutti via. Dove? non importa, basta che sia fuori dai nostri confini!

Ritratto di zanzaratigre

zanzaratigre

Dom, 21/10/2018 - 13:31

Se ci fosse ancora LUI tutto questo schifo non esisterebbe!

Gianni11

Dom, 21/10/2018 - 13:40

Tutti in campi di reclusione dai quali si esce solo per il rimpatrio e dove devono lavorare per il vitto. Cosa aspettiamo? Che ci diano l'OK le toghe rosse? O l'ue? Non succedera' mai. SVEGLIA! O facciamo sul serio o le cose non cambiano abbastanza. Stando ai sistemi come stanno la feccia ha il sopravvento. Ci vuole azione! Dichiarare stato di emergenza e' superare i "diritti" sinistroidi. Siamo in guerra.

semelor

Dom, 21/10/2018 - 14:45

Purtroppo a Mestre regna il degrado colpa di amministrazioni sinistre Bettin Cacciari Casarini che hanno governato per decenni. Nelle principali vie in centro era un vanto abitarci, pieni di bei negozi ora chiusi, grande pulizia ora degrado e sporcizia. Paura di uscire di sera anche per andare a teatro o ad un cinema perché imperversano bande di Blangla che stanno mettendo a ferro e fuoco la zona, pestaggi quotidiani e spaccio a volontà. Bisognerebbe vedere per rendersi conto quello che c’è nel sottopasso della stazione dove transitano ogni giorno cittadini e turisti per Venezia , c’è di tutto dalla sporcizia a residui di droga, da cartoni resti di bivacchi notturni. Tragico il mondo che ci aspetta. Spero nella pubblicazione

Ritratto di Flex

Flex

Dom, 21/10/2018 - 14:50

La Boldrini avrà valide spiegazioni.

Malacappa

Dom, 21/10/2018 - 14:55

migrare non e' un reato,vendere droga si quindi al tuo paese a calci

Ritratto di hernando45

hernando45

Dom, 21/10/2018 - 17:47

Certi articoli mi fanno RIDERE!!!! Magari fosse SOLO Mestre !!! E tutta l'Italia che e ormai cosi, anche in citta piu piccole, lo spaccio e la delinquenza che ne deriva, DILAGANO da tempo. Ma nessuno di quelli che hanno governato fino a 131 giorni fa se n¡e preoccupato. Ed ora si PRETENDE il MIRACOLO dal Comandante!!! AMEN PS MIRACOLO che puo SOLO compiersi se si RADDOPPIA il CODICE PENALE, se si ELIMINANO gli SCONTI ed i PATTEGGIAMENTI e dulcis in fundo se si sbattono fuori tantissimi x"GIUDICI" BUONISTI. Suerte Italia che ne hai bisogno.

Ritratto di hernando45

hernando45

Dom, 21/10/2018 - 17:56

Nick carissimo 11e49, facile dare la colpa alla Ndrangheta. Quella Ndrangheta che fino a 131 giorni fa e stata "valorosamente" combattuta dai S/governi dei tuoi amici ROSSI VEROOO!!! PS La storia poi del condono che secondo te voleva Salvini, e stata bellamente smentita da Conte oggi. Vai a leggerti cos' ha detto sul CAPITOLO 9 quando lo ha letto in Consiglio dei Ministri. Poi fammi sapere AMEN.

Ritratto di hurricane

hurricane

Dom, 21/10/2018 - 18:02

Arriverà il giorno in cui essi penderanno per i piedi coi loro protettori komunisti...

caren

Dom, 21/10/2018 - 18:08

Accoglienza, integrazione. Più integrati di così si muore, sono diventati padroni assoluti.

ilbelga

Dom, 21/10/2018 - 18:46

IERI IN TV C'ERA UNA GIORNALISTA CHE HA DETTO: DOBBIAMO ACCETTARE IL DIVERSO PERCHE' QUESTO E' IL DESTINO DEL MONDO D'OGGI, NON POSSIAMO FARCI NULLA, SOLO ACCETTARE DI BUON GRADO E ACCOGLIERE SENZA PREGIUDIZI". MA IO MI DOMANDO: QUESTA SI E' MAI CONFRONTATA CON UN MUSULMANO? IO SI, PERCIO' NON POSSO ESSERE D'ACCORDO CON QUESTA COSI DETTA GIORNALISTA. QUELLO CHE SUCCEDE A MESTRE E NON SOLO E' LA PROVA LAMPANTE CHE IL 95% DI QUESTI "MIGRANTI" NON SANNO COSA VUOL DIRE AVERE UNA SANA OCCUPAZIONE E NON DELINQUERE...

Ritratto di Fralabbate

Fralabbate

Dom, 21/10/2018 - 20:11

@zanzaratigre: BRAVO, sono con te. Sappiamo CHI sarebbe il rimedio, RIP. E LUI non è diabolik.... Avercene una copia. Non ci vuole molto a risolvere il problema che, al contrario di quello che dice Nick2, beato a te, non è la ndrangheta. La ndrangheta sta agli immigrati come un mal di testa alla meningite

MAURIZIOBIELLI

Dom, 21/10/2018 - 20:39

E' da quando ero giovane (60 anni fa) che si parla di lotta alla droga, alla prostituzione, alle mafie e camorre, alla corruzione e all'evasione fiscale. Lo Stato dimostra l'incapacità di estirpare i mali del Paese che comportano costi enormi per la collettività. La recente retata dimostra che se si vuole si può battere un colpo, ma l'impegno dovrebbe essere costante e decisivo, specie con l'impiego dell'esercito visto che è una guerra da vincere|

ziobeppe1951

Dom, 21/10/2018 - 21:01

bolscevico...gli splendidi splendenti parlano la tua lingua, per quanto riguarda le signorinelle, gli abusi all’interno delle ONG sarebbero endemici (I.D.C.)..naturalmente votano feccia rossa

Reip

Lun, 22/10/2018 - 00:10

In Italia succedera’ che nel mentre i Nigeriani vi violenteranno le vostre mogli e le vostre figlie voi starete ancora a cantare “ bella ciao” ... Siete un popolo suicida! Suicida a permettere al sistema comunista di far entrare illegalmente, milioni di africani disperati nel vostro gia’ disastrato Paese!

Ritratto di pensionesoavis

pensionesoavis

Lun, 22/10/2018 - 00:31

Non usciamo la sera"...E che ve ne siete accorti solo ora?Ma ci girate per Mestre la sera?Particolarmente in piazza Ferretto?E dal '91 che dalle 19 della sera in giro per Corso del Popolo non si vede anima viva....Dite che Mestre è un mano ai Nigeriani?Ringraziate il PD tutto nei secoli dei secoli. Amen.

Ritratto di pensionesoavis

pensionesoavis

Lun, 22/10/2018 - 00:38

Se ci fosse stato Felicetto di questi elementi in giro non se ne avrebbe visto più....Andavano a rafforzare gli argini del Brenta.