Migrante trovato morto nel rimorchio di un camion

Si tratterebbe di un migrante africano di circa 35 anni che non aveva con sé alcun documento. Secondo le prime indiscrezioni, sarebbe morto per asfissia

"Non sapevo che ci fosse un migrante nascosto sul mio camion". Così si è giustificato un camionista greco di 58 anni con gli agenti che lo avevano sulla A57. Un controllo di routine che si è trasformato in una tragica scoperta. Nella parte sottostante al cassone degli attrezzi del Tir, la Polstrada ha trovato il cadavere di un uomo.

Si tratterebbe di un migrante africano di circa 35 anni che non aveva con sé alcun documento. Secondo le prime indiscrezioni, sarebbe morto per asfissia.

Il conducente del Tir è stato fermato in autostrada, poco prima del casello di Venezia Est, in direzione Trieste. Come riporta Il Gazzettino, l'uomo, che si è detto estraneo alla vicenda, è stato portato in questura a Treviso per ulteriori controlli.

I precedenti

In passato si sono registrati numerosi casi analoghi. Migranti che decidono di intraprendere simili viaggi, in condizioni precarie, anche al costo di rischiare la propria vita.