Migranti, il cardinale ipotizza che possano sbarcare santi

Il cardinale Francesco Montenegro, festeggiando San Calogero, ha parlato dell'eventualità che tra i migranti ci sia "qualche santo"

Non è detto che, tra i migranti che cercano un rifugio e un futuro di speranza sulle nostre coste, non si nasconda anche un novello San Calogero.

Questo è uno dei messaggi centrali dell'omelia pronunciata durante la giornata odierna, ad Agrigento, dal cardinal Francesco Montenegro. Oggi, nella città sicula, è festa grande per il compatrono. Il poporato italiano aveva forse osato di più lo scorso anno, durante la medesima ricorrenza, quando aveva detto: "È Gesù a venire da noi su un barcone, è lui nell’uomo o nel bambino che muore annegato, è Gesù che rovista nei cassonetti per trovare un po’ di cibo". Ma insomma siamo rimasti dalle parti della pastorale dell'accoglienza e dei porti aperti. Le fonti sulla vicenda esistenziale di San Calogero tendono a differenziarsi, ma sembra esistere una certa convergenza su almeno due aspetti: sul fatto che il santo fosse nato all'interno di un nucleo familiare cristiano e sulla motivazione alla base della sua fuga in Sicilia, ossia una persecuzione subita in quanto fedele di Cristo.

Fatto sta che l'alto ecclesiastico - come riportato pure su Agrigento Notizie - ha deciso di procedere per mezzo di una sorta di associazione tra la vita dell'eremita e l'eventualità che quella possa essere ripetuta da un uomo sbarcato in Italia in quest'epoca. Dopo aver rimarcato la "fierezza" provata per il fatto che proprio Agrigento possa vantarsi di avere come patrono il "santo nero", il cardinal Montenegro ha dichiarato quanto segue: "Senza conoscerli (riferito ai migranti, ndr), li definiscono tutti delinquenti e terroristi; molti di loro sono cristiani come noi, allora, mi domando, non potrebbe sbarcare anche qualche santo? Un altro San Calogero, insomma!". Tra gli alti ecclesiastici del Belpaese, l'arcivescovo di Agrigento si è spesso distinto per la frequenza degli interventi in favore di migranti. L'ultima pronuncia, in ordine di tempo, aveva riguardato il caso dell'imbarcazione Sea Watch3.

Commenti

cgf

Dom, 07/07/2019 - 17:39

Caro Cardinale cerca di ricordare che OGNI cristiano è chiamato alla santità, soprattutto le guide che debbono dare l'esempio, non cercare lontano quello che potrebbe essere vicino se non anche dentro di te.

Ritratto di UnoNessunoCentomila

UnoNessunoCentomila

Dom, 07/07/2019 - 17:57

Pretacci schifosi sempre all'avida caccia di "migranti " per le proprie brame . Infami servi del sacco di letame bergoglio

seccatissimo

Dom, 07/07/2019 - 18:22

Purtroppo è evidente che tra i prelati della chiesa cattolica gli st ro nzi sono sempre più numererosi ! Dopo otre 2000 anni di predominio la chiesa cattolica si sta sgretolando per acclarata stupidità ! Riuscirà a riprendersi ? Booooh ?

gabriel maria

Dom, 07/07/2019 - 18:33

certamente ce ne sono di più che nel clero,visto che i preti sono per lo più gay o pedofili...

killkoms

Dom, 07/07/2019 - 18:33

la gerarchia va ti ca na si è bevuta il senno con l'abbaglio dei migranti!

Brutio63

Dom, 07/07/2019 - 18:46

Toglietegli il vino ...!!!

venco

Dom, 07/07/2019 - 19:32

Santi alla ricerca del benessere materiale consumistico e a nostre spese, fra l'altro benessere inquinatore e distruttore della terra, benessere che non si deve regalare a nessuno anche se diminuisce la nostra popolazione.

Alfa2020

Dom, 07/07/2019 - 19:56

certo i diavoli ce l'abbiamo a Roma

justic2015

Dom, 07/07/2019 - 21:56

Quante stupidità da questi maledetti mangia franchi balordi bisogna far lavorare queste zecche vigliacchi falsi altro che santi fra questi ospiti questi parassiti sono i peggiori fra gli esseri umani.

Ritratto di gianky53

gianky53

Lun, 08/07/2019 - 06:42

Vergognoso e blasfemo, chi parla così ha qualche problema con la Verità rivelata.

Aegnor

Lun, 08/07/2019 - 07:12

Ha ragione, sono già sbarcati San Kabobo,San Oseghale, San Guerlin Butugu, San Gora Mbengue, San Mohammed Saleem, San Amine Aassoul e tutti gli altri in odore di santità

krgferr

Lun, 08/07/2019 - 09:35

Ma alle verifiche per la determinazione del livello di santità dei candidati migranti non potrebbero provvedere i Missionari o qualche commissione ad hoc del Vaticano direttamente sul posto di origine? Almeno gli scartini resterebbero sul posto. Saluti. Piero

veromario

Lun, 08/07/2019 - 10:37

caro cardinale è vero che questo caldo mette tutti a dura prova,ma si dia una rinfrescata è trovi un buon medico.