Dell’Utri torna libero: ha scontato la sua pena

Marcello Dell’Utri, ai domiciliari dal luglio del 2018 per motivi di salute, da domani torna libero. L’ex senatore di Fi resta imputato sulla cosiddetta trattativa Stato-mafia e per aver sottratto centinaia di libri antichi

Marcello Dell’Utri da domani sarà un uomo libero. L’ex senatore di Forza Italia, condannato a 7 anni per concorso esterno in associazione mafiosa, era in detenzione domiciliare per motivi di salute da luglio del 2018.

Il 3 dicembre finirà di scontare la sua pena e potrà lasciare la sua abitazione di Milano. Dopo un breve fuga in Libano, tentata alla vigilia della pronuncia della Cassazione che ha poi reso definitiva la condanna, l’ex manager di Publitalia venne estradato in Italia. Tornato nel nostro Paese venne condotto in carcere nel maggio del 2014. Nel luglio 2018, dopo una lunga battaglia legale, aveva lasciato il carcere per problemi cardiaci ed era stato posto ai domiciliari.

""Finalmente un Natale di libertà per l'amico Dell'Utri, finisce la detenzione domiciliare, e anche se difficilmente si potranno sanare certe ferite nell'animo potrò finalmente abbracciare un amico vero", ha detto l'ex deputato di Napoli, Amedeo Laboccetta, "Una persona seria e un grande uomo di cultura che ha dovuto sopportare il peso del giustizialismo nonostante l'età e la sua salute rispetto a cui il mondo politico è rimasto impassibile per troppo tempo".

Dell'Utri è stato detenuto in regime di alta sicurezza nel carcere di Parma e successivamente trasferito nel penitenziario di Rebibbia. Infine, all’ex senatore erano stati concessi i domiciliari per ragioni di salute ed ha goduto della liberazione anticipata prevista dalla legge.

Le vicende giudiziarie dell'ex manager di Publitalia, però, non sono terminate. Dell’Utri, infatti, è sotto processo anche a Napoli e Milano con l’accusa di sottrazione di centinaia di libri antichi. Inoltre è imputato al processo sulla cosiddetta trattativa Stato-mafia. In primo grado gli sono stati inflitti 12 anni. Oggi è ancora in corso l'appello.

Commenti
Ritratto di Dreamer_66

Dreamer_66

Lun, 02/12/2019 - 18:15

"Le vicende giudiziarie dell'ex manager di Publitalia, però, non sono terminate". Eh si... lo riportano tutti i giornali. "Dell’Utri, infatti, è sotto processo anche a Napoli e Milano con l’accusa di sottrazione di centinaia di libri antichi"! Beh... è vero però non è questo il capo di imputazione più pesante... "Inoltre è imputato al processo sulla cosiddetta trattativa Stato-mafia" ma questa evidentemente è una bazzeccola che questo giornale segnala dopo aver riportato la rogna dei libri antichi. Certo è che siete uno spasso :-D

Ritratto di franco-a-trier_DE

franco-a-trier_DE

Lun, 02/12/2019 - 18:21

questo mafioso dovrebbe restare in galera.

Ritratto di franco-a-trier_DE

franco-a-trier_DE

Lun, 02/12/2019 - 18:22

buoni sconti con buone raccomandazioni..

Ritratto di Dreamer_66

Dreamer_66

Lun, 02/12/2019 - 18:22

Insomma, almeno Laboccetta la sua parte l'ha fatta. E Silvio? Come mai questo assordante silenzio? Sarà legato al fatto che ha abbandonato il suo "amico" rifiutandosi di testimoniare in suo favore al processo Stato-Mafia???

Ritratto di Gianfranco Robert Porelli

Gianfranco Robe...

Lun, 02/12/2019 - 18:25

Poveretto...

Ritratto di Gianfranco Robert Porelli

Gianfranco Robe...

Lun, 02/12/2019 - 18:28

Terrorismo giudiziario?

cir

Lun, 02/12/2019 - 18:36

Dreamer_66 : non parlare male,sono uomini d' affari, sono mica dipendenti che rubano lo stipendio !

Daniele Sanson

Lun, 02/12/2019 - 18:41

Finalmente una buona notizia . DaniSan

Ritratto di Svevus

Svevus

Lun, 02/12/2019 - 19:21

Aveva ragione Sciascia : Di mafia ce n' è due ! La Mafia e l' Antimafia ! e non so quale sia peggio ! Purtoppo hanno condannato un uomo solo perchè siciliano e non facente parte della cricca autenticamente mafiosa "democratica" con la burla del concorso esterno !

seccatissimo

Mar, 03/12/2019 - 01:11

Chi definisce l'Italia uno stato di dritto è un burlone ! Anzi, peggio !

VittorioMar

Mar, 03/12/2019 - 08:12

..ha pagato per un REATO che non E' previsto in un CODICE PENALE...ma a libera e soggettiva convinzione ....!!