Milano, tenta abuso su bambina: caccia al pedofilo

"Mi ha preso per una spalla, mi faceva male. Mi ha fatto entrare in un portone", ha raccontato la bambina. L'espisodio in zona Sarpi a Milano

Un racconto preciso e dettagliato che ha sconvolto prima la famiglia e poi gli inquirenti. "Mi ha detto 'andiamo' ma io non volevo. Non lo conoscevo", ha affermato una bambina di origine cinese di sei anni, vittima di un tentato abuso in zona Sarpi, la Chinatown milanese.

Come riporta Repubblica, la bambina aveva raccontato dell'accaduto al fratello più grande e ai genitori. Poi quelle parole sono finite sul tavolo del terzo Dipartimento della Procura di Milano, specializzato in violenze sessuali e sui minori. "Mi ha preso per una spalla, mi faceva male. Mi ha fatto entrare in un portone, non di casa mia, ma in un palazzo vicino. E continuava a spingermi, fino a un cortile".

La bambina ha confermato la storia anche agli psicologi, raccontando che l'uomo avrebbe provato ad abusare di lei, sbottonandosi i pantaloni. I condomini attirati dalle urla della giovane sarebbero intervenuti, impedendo che si consumasse la violenza. Il racconto della minore ha fornito prove importanti alla squadra mobile che è ora al lavoro per fermare l'uomo. La bambina ha indicato alla polizia il suo aggressore: si tratterebbe di un uomo sulla quaratina, italiano o dell'Est Europa, che indossava una maglietta blu e un paio di jeans.

Il racconto della giovane sembra essere confermato anche dalle immagini delle telecamere della zona che avrebbero inquadrato l'uomo mentre spingeva la piccola dentro a un portone. Il pedofilo sarebbe uscito poco dopo correndo. La bambina è stata portata alla clinica Mangiagalli per alcuni esami che hanno accertato la mancanza di un rapporto tra lei e l'uomo. Il caso è avvolto dal massimo riserbo, ma la polizia avrebbe già identificato l'agressore.

Commenti

Mobius

Gio, 14/09/2017 - 11:15

Credo di capire che, per i nostri solerti magistrati, i pedofili siano malati da curare (guai a chiamarli "zozzoni"), e la cura migliore consista nel concedergli ogni tanto uno sfogo salutare violentando qualche bambino indifeso. Mah, se lo dicono loro...

Ritratto di makko55

makko55

Gio, 14/09/2017 - 11:45

La sicurezza è solo una percezione!!!!!

Ritratto di Pippo1949

Pippo1949

Gio, 14/09/2017 - 12:01

Per questo tipo di pedofili ci vorrebbe il manicomio criminale ! Bisogna èssere psichiatri per capire che questi criminali hanno un disturbo psichico pericoloso e irreversibile ? E che quindi la società ha il sacrosanto dovere di isolarli per difendersi ? Noi invece continuiamo a volerli curare,e fra sei mesi ...........di nuovo liberi.......

Ritratto di diemme62

diemme62

Gio, 14/09/2017 - 12:28

Questo è pazzo, sia per le sue inclinazioni sessuali sia (e soprattutto) per aver scelto Chinatown come terreno di caccia. Può dirsi fortunato se, almeno per ora, ha l'apparato riproduttivo ancora intero ....

gneo58

Gio, 14/09/2017 - 12:43

la cura c'e' - date le foto del soggetto alla comunita' cinese.

Ritratto di Sergio Sanguineti

Sergio Sanguineti

Gio, 14/09/2017 - 13:04

Costerebbero troppo: meglio rispedirli alle origini imballati in 6 assi di legno per ponteggi.

manfredog

Gio, 14/09/2017 - 15:25

..Egregio Signor makko55, Lei ha proprio ragione, la sicurezza è solo una percezione; l'insicurezza oggi, invece, è solo una..perversione, nella quale le forze sinistre stanno dando il meglio di esse. mg.

Ritratto di ottimoabbondante

ottimoabbondante

Gio, 14/09/2017 - 15:37

Prendetelo. I carcerati penseranno a spazzolarlo ben bene. La vita degli stupratori di fanciulli dentro alle carceri non vale un soldo bucato.

Ritratto di nando49

nando49

Gio, 14/09/2017 - 16:41

Credo che se ci sarà giustizia sarà la comunità cinese ad attuarla.

AndreaT50

Gio, 14/09/2017 - 16:45

Tagliateli le palle!

Libertà75

Gio, 14/09/2017 - 16:51

Il problema per il popolo di origine cinese è che confondono i caucasici nelle loro derivazioni più o meno marcate in senso latino, nordico, slavo, est europeo e russo. Mi auguro lo trovino al più presto.

edo1969

Gio, 14/09/2017 - 20:25

questo fa meglio a consegnarsi alla ridicola giustizia italiana prima dhe lo trovino i cinesi

Paolorux

Gio, 14/09/2017 - 23:15

...Basta che si dichiari musulmano! Le toghe rosse derubricheranno il reato come differenza culturale!

Ritratto di Leonida55

Leonida55

Gio, 14/09/2017 - 23:50

Attenzione che i cinesi a volta non passano dalla magistratura. Il delinquente deve stare in campana, dopo quello che ha fatto.

Pensobene

Ven, 15/09/2017 - 07:14

Ricorrere alla Abelardizzazione: Fulberto docet.

Yossi0

Ven, 15/09/2017 - 09:35

certo è che con il buonismo della giustizia che lascia correre tutto abbiamo raggiunto i livelli più bassi

Ritratto di Fufella

Fufella

Ven, 15/09/2017 - 10:21

siamo un paese che non ha nè presente e tanto meno futuro!