La minaccia dei bulli: "Se non ci paghi ti facciamo spacciare per noi"

A quindici anni era costretto a dare 500 euro ogni settimana a una gang di ragazzi della sua età

A soli quindici anni, per tre mesi ha vissuto un incubo per colpa di alcuni coetanei, finendo in depressione. Un quindicenne del Canavese era perseguitato da un gruppo di bulletti che lo costringevano a pagarli e minacciavano, se non lo avesse fatto, di picchiarlo ogni volta.

Cinquecento euro ogni settimana. Tanto chiedevano i bulli. Una somma folle che il ragazzino doveva sfilare ai genitori. "Se non puoi pagare la rata dovrai spacciare hashish per noi", dicevano al ragazzino, che quando non ha più retto si è rivolto ai genitori e con loro ai carabinieri, che hanno arrestato due studenti minorenni.

I due ragazzi sono stati fermati davanti alla scuola superiore di Caluso, che tutti e tre frequentavano, e ora sono ai domiciliari.

Commenti

buri

Sab, 05/03/2016 - 23:31

rinchiudeteli e buttate via la chiave

Ritratto di giuseppe zanandrea

giuseppe zanandrea

Dom, 06/03/2016 - 08:32

non so sentire pena per il ragazzino che evidentemente era colluso con la gang della scuola. Ma quanti casi simili ci sono in tante altre scuole e Centri dove i giovani senza scrupoli fanno denaro in maniere simili o peggiori tipo la prostituzione e la rapina?

BiBi39

Dom, 06/03/2016 - 11:01

E secondo Di Marzio il ragazzino sfilava 500 Euro a settimana ai genitori.... ma ci faccia il piacere!