Modena, giuristi spiegano ai sindaci come aggirare Decreto sicurezza

La notizia ha già scatenato un mare di polemiche. Il documento, studiato dai giuristi del Coordinamento per la Democrazia Costituzionale di Modena ha ricevuto la benedizione di Cgil, Anpi e Arci

La sinistra può gioire, i sindaci dei comuni in provincia di Modena hanno infatti ricevuto un vademecum con le dettagliate istruzioni per aggirare le norme previste dal Decreto sicurezza.

Lo scopo è quello di permettere ai primi cittadini di iscrivere all’anagrafe i richiedenti asilo senza commettere un’infrazione contro la Legge 132/2018 voluta da Matteo Salvini.

Tutto è stato possibile grazie all’operato dei giuristi del Coordinamento per la Democrazia Costituzionale di Modena, i quali hanno scavato nella giurisprudenza costituzionale, alla ricerca del perfetto escamotage per gabbare il provvedimento.

Com’era ovvio attendersi, la benedizione allo studio dei giuristi arriva da varie sigle, tra cui Cgil, Anpi, Arci e Tam Tam di Pace, che sostengono e promuovono con forza una lotta senza quartiere in difesa dell’accoglienza indiscriminata.

Come riportato da “ModenaToday”, queste associazioni sottolineano “la gravità delle politiche sull’immigrazione attuate dal Governo Conte e le terribili conseguenze dell’applicazione del cosiddetto “Decreto Sicurezza”. Queste si stanno traducendo in morti in mare, divieto di sbarco a persone tratte in salvo dalle navi delle ONG, trasferimenti coatti e senza ragione di donne, uomini e bambini i cui percorsi di integrazione sono spezzati”. Ecco dunque il perché della decisione di“realizzare un’iniziativa concreta per contrastare questa deriva umana e democratica”.

Come si evince dal documento in Pdf inviato ai sindaci, disponibile sul sito di Cgil Modena, queste sarebbero le chiavi necessarie a spalancare le porte chiuse dal Decreto Sicurezza. “L’iscrizione anagrafica è considerata dal nostro ordinamento un diritto soggettivo a fronte del quale non è concepibile un divieto normativo implicito – cioè non disciplinato da specifiche norme. La norma di cui al ricordato art. 4, comma 1-bis , Dlgs 142/2017 come oggi vigente non deve essere ritenuta pertanto preclusiva in via assoluta del diritto all’iscrizione anagrafica ma soltanto preclusiva dell’iscrizione anagrafica solo sulla base del permesso di soggiorno rilasciato a seguito della domanda di asilo. La condizione indispensabile, risultando la quale diviene obbligatoria l’iscrizione anagrafica dello straniero richiedente asilo, riguarda non tanto il documento “permesso di soggiorno” ma solamente la dimostrazione della “regolare presenza dello straniero sul territorio dello Stato”. Tale presenza è dimostrata dall’esibizione sia del c.d. modello C/3 - col quale si chiede la protezione all’arrivo sul territorio nazionale - oppure tramite la documentazione relativa all’identificazione effettuata dalla questura al momento della presentazione della domanda di asilo”. Le polemiche sono già forti e non finiranno certo qui...

Commenti

killkoms

Lun, 04/02/2019 - 21:33

la legge a c()i di lorsignori!

VittorioMar

Lun, 04/02/2019 - 22:12

..tutti ANTI ITALIANI CHE DANNO DELL'INCOMPETENTE AL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA ITALIANA !!..QUALCUNO SI DIOVREBBE ANCHE INCAZ..VOLARE DI BRUTTO..almeno per ORGOGLIO PERSONALE!!

Ritratto di gianniverde

gianniverde

Lun, 04/02/2019 - 22:13

Ma in ITALIA ci sono ancora queste persone ????????????????????????Peccato pensavo fosse un paese più evoluto!!

Una-mattina-mi-...

Lun, 04/02/2019 - 22:14

PORCI CON LE ALI

leopard73

Lun, 04/02/2019 - 22:28

Un branco di SOMARI sindacati compresi siete la feccia della SOCIETÀ!!!

Ritratto di stamicchia

stamicchia

Lun, 04/02/2019 - 22:35

In realtà dal testo non sarebbe un modo per aggirare il decreto sicurezza ma un modo per non eludere la legge dello stato italiano.

magnum357

Lun, 04/02/2019 - 23:01

L'elusione e l'aggiramento di norme stabilite da leggi è penalmente perseguibile !!!!!!!!

Sail

Lun, 04/02/2019 - 23:05

beh, insomma, se ci sono pure i rappresentanti di associazioni che incalzano per il raggiro delle leggi, per una gestione naif delle situazioni a seconda dei propri interessi.. insomma una jungla dove ognuno aggiusta per fare quello che più gli aggrada a seconda di quello che più gli viene comodo, allora che sia jungla per tutti... Tra un po' mi ci butto anch'io, in questo marasma di furbetti... e'cchèccavolo...

Ritratto di Leonida55

Leonida55

Lun, 04/02/2019 - 23:22

Studiano come aggirare le leggi. Nessun giudice interviene?

Cosean

Lun, 04/02/2019 - 23:24

Ho letto di fretta! Speravo tanto che al posto di "manuale" ci fosse scritto "Agenda". Del resto la notizia è in prima pagina.

Mauritzss

Mar, 05/02/2019 - 05:47

Perfezionare immediatamente la legge affinché vengano annullati tutti gli aggiramenti. . . Possibile che in Italia i traditori siano la maggioranza ? Che la magistratura sia composta solo da anti italiani. No perché, a sentire i fatti, sembra che ci siano solo promotori pro-invasione e non ci siano antagonisti che la combattano.

mifra77

Mar, 05/02/2019 - 06:51

Quindi i sindaci possono prendere per buone le fantainformazioni sicuramente false e destinate ad essere smentite al novanta per cento. E le associazioni il cui unico problema è che i migranti rendono sempre meno, pensano di ripristinare l'ammanco, facendosi "SEGHE MENTALI"?

doctorm2

Mar, 05/02/2019 - 08:47

Esiste uno stato in Italia? Esiste il rispetto delle leggi ? NO. il resto è solo aria fritta -

dredd

Mar, 05/02/2019 - 08:59

Morti in mare? Non mi sembra

roberto del stabile

Mar, 05/02/2019 - 09:49

tutti i sindaci che non rispettano la legge vanno commissariati e poi denunciati con conseguenze legali e penali.E' ORA DI FINIRLA DI APPOGGIARE IL CONCETTO DI ANARCHIA..legge e' legge.punto!!!!!!

Ritratto di Carlo_Rovelli

Carlo_Rovelli

Mar, 05/02/2019 - 10:39

questa è EVERSIONE

SpellStone

Mar, 05/02/2019 - 10:43

-1% andate aventi cosi'

GioZ

Mar, 05/02/2019 - 11:15

Sono Italiano, avevo e ho tutt'ora lo stesso lavoro "fisso", e qualche anno fa fui minacciato di cancellazione dall'anagrafe perché ero rimasto per un paio d'anni con la residenza alla famiglia d'origine, in mancanza di un contratto regolare di affitto (abitavo in un residence), e quindi non avevo la residenza ufficiale dove vivevo e lavoravo. Non aggiungo altro.

Ritratto di elkid

elkid

Mar, 05/02/2019 - 12:50

---alcuni commenti sono talmente ingenui che mi fanno ridere----parlano di denunciare i sindaci--manette che volano --magistrati che devono agire e varie su questo tono---ma se lo studio giuridico è stato fatto a bella posta per rimanere nell'alveo della legalità---ma di che diavolo parlate dunque?---l'iscrizione anagrafica dei migranti è un fatto positivo che mette ordine al disordine generalizzato a cui tende felpini--che stabilisce diritti e doveri--e che consente anche a chi ha voglia di lavorare --di mettere insieme il pranzo con la cena in maniera legale e senza rivolgersi alla malavita--swag

Ritratto di stenos

stenos

Mar, 05/02/2019 - 12:54

Questi sono quelli che si riempiono la bocca di legalita, rispetto delle istituzioni, costituzione.

Trinky

Mar, 05/02/2019 - 12:59

Ovviamente Magistratura Democratica sarà d'accordo, non ci sono dubbi!

Ritratto di Marcello.508

Marcello.508

Mar, 05/02/2019 - 13:27

Ho l'impressione che, in quetsa tematica, certa sx stia facendo uso di maalox in quantità industriali. Comunque staremo a vedere cosa mai tireranno fuori dal cilindro.

Ritratto di direttoreemilio

direttoreemilio

Mar, 05/02/2019 - 13:45

Coordinamento per la Democrazia Costituzionale di Modena ha ricevuto la benedizione di Cgil, Anpi e Arci. 4 associazioni a delinquere di stampo politico per aiutare i clandestini a delinquere.

Libertà75

Mar, 05/02/2019 - 13:53

@elkid, come vedi, parli sempre senza sapere... chi non ha il permesso di soggiorno non può lavorare, se non avete cambiato la legislazione mentre eravate al Governo è un problema insito nel vostro perenne razzismo, di certo non è colpa degli altri che sono meno razzisti di voi. Quando hai il permesso di soggiorno, ossia a termine della valutazione della domanda di asilo, allora puoi lavorare. E' facile da capire anche per una zucca vuota. Dai, prova a studiare!

DRAGONI

Mar, 05/02/2019 - 14:09

E' IL SOLITO PRODOTTO SOVVERSIVO DEI COMUNISTI, RIMASTI COME TALI, CHE VIENE DATO ALLE STAMPE A PRESCINDERE DA EVENTUALI CONNESSE MODERNE BENEDIZIONI PAPALI.

vince50

Mar, 05/02/2019 - 14:18

Lottiamo gli uni contro gli altri,il risultato è sotto gli occhi di tutti.

Ritratto di elkid

elkid

Mar, 05/02/2019 - 14:40

----Libertà75---si aggiorni per favore --non posso perdere tempo coi minus-----un richiedente asilo--trascorsi 60 giorni dalla presentazione della domanda può lavorare se è in possesso di iscrizione all'anagrafe---swag

Libertà75

Mar, 05/02/2019 - 15:02

chapeau, stavolta hai ragione tu, mi ero assopito nel dilemma riproposto dai minus che i richiedenti non possono lavorare... allora la solita bugia dei kompagni, devo veramente smettere di credere che anche loro sappiano qualcosa... comunque, il problema risiede nel tempo di risoluzione della pratica, non nei via libera, anche perché se dopo 2 mesi iniziassi a lavorare, con quale diritto potresti continuare se ti fosse rigettata la domanda? Allora per rispetto loro, entro 2 mesi si risolve la pratica e quindi si è poi legittimati a restare. Come fare? Basta ridurre gli sbarchi a poche decine al mese e poi si riuscirà a dare rapida risposta ad ogni domanda nei tempi corretti. Sarebbe meno razzista se entro 7gg si avesse la risposta, resti o te ne vai.

Ritratto di indicazionediconfine

indicazionediconfine

Mar, 05/02/2019 - 17:14

Finalmente viene dimostrato che esiste una parte politica, la sinistra, incapace di creare UNITA' nel paese. Vivono in uno stato di guerra permanente perchè incapaci ad accettare le ragioni della maggioranza degli italiani quando non concordanti con le loro. O si fa come dicono loro oppure è giustificato un nuovo PIAZZALE LORETO. Ecco perchè amano tanto questa Europa che ci impoverisce tutti, perchè sono INCAPACI DI ESSERE ITALIANI.