È morto il linguista Tullio De Mauro: aveva 84 anni

Il celebre italianista scompare a 84 anni: a inizio anni Duemila era stato ministro della Pubblica Istruzione con Amato

È morto il celebre linguista Tullio De Mauro. Lo ha annunciato in un tweet il settimanale di approfondimento Internazionale, diretta dal figlio del professore, Giovanni.

Il celebre italianista aveva 24 anni e rappresentava uno dei più famosi studiosi della nostra lingua a livello inrernazionale. Fra l'altro, ricoprì l'incarico di ministro della Pubblica Istruzione fra il 2000 e il 2001, quando a Palazzo Chigi sedeva Giuliano Amato. Dal 2007 dirigeva la Fondazione Bellonci e presiedeva il comitato direttivo del Premio Strega.

Notevole la sua attività di ricerca: De Mauro era infatti anche docente universitario. Fra le sue opere più significative, è doveroso citare il Grande dizionario italiano dell'uso e la Storia linguistica dell'Italia unita.

Una vita per la lingua italiana

Nato a Torre Annunziata il 31 marzo del 1932, aveva conseguito la laurea in Lettera Classiche all'università di Roma nel 1956, iniziando poi a lavorare in accademia, per il resto di una lunghissima carriera. In sessant'anni di attività, De Mauro ha insegnato Glottologia a La Sapienza, Filosofia del Linguaggio e Linguistica Generale, di cui ha ottenuto l'ordinariato.

Sempre alla Sapienza ha percorso tutto il cursus honorum accademico, diventando direttore di Dipartimento di scienze del linguaggio, poi presidente del corso di Laurea in Filosofia, presidente del Comitato interuniversitario laziale per la scuola di specializzazione per insegnanti. Fra gli altri incarichi, ha insegnato negli atenei di Napoli, Chieti, Palermo e Salerno.

Importante anche l'impegno politico: già consigliere regionale del Lazio, è stato chiamato al governo nell'esecutivo tecnico presieduto da Giuliano Amato nel 2000-2001. Nel 2001 è stato nominato dal Presidente della Repubblica Cavaliere di Gran Croce al Merito della Repubblica Italiana. Inoltre l'Accademia dei Lincei gli ha conferito nel 2006 l'importante riconoscimento del premio della Presidenza della Repubblica.

Commenti

btg.barbarigo

Gio, 05/01/2017 - 14:23

Ricordo con simpatia e nostalgia il fratello Mauro valoroso giornalista corrispondente di guerra della X MAS successivamente scomparso in maniera tuttora sconosciuta.

DuralexItalia

Gio, 05/01/2017 - 14:30

Condoglianze alla Famiglia De Mauro.

Ritratto di sergio.stagnaro

sergio.stagnaro

Gio, 05/01/2017 - 14:47

Nella prima riga c'è un refuso da correggere Anni 24 anzicché 84. Grazie

paolonardi

Gio, 05/01/2017 - 15:11

Personalmente non mi manchera' perche' e' stato, insieme a tanti altri cominciando da Berlinguer, fra gli affossatori di tutta la scuola italiana, dalle elementari all'Universita' sull'onda lunga del '68.

dave_d

Gio, 05/01/2017 - 15:44

Poveretto, chissa che effetto avranno avuto sulla sua salute le prodezze linguistiche della "presindenta".

Ritratto di Leonida55

Leonida55

Gio, 05/01/2017 - 16:21

@paolonardi - concordo.

Ritratto di pravda99

pravda99

Gio, 05/01/2017 - 18:12

Molto indicativo che non sia stato citato il fatto che fosse fratello di Mauro De Mauro, il giornalista investigativo dell'Ora, sparito negli anni '70 e mai piu` ritrovato. Dubito che l'articolista non ne sia al corrente, e uno si chiede perche' omettere un elemento tanto caratterizzante. Come se un giornalista investigativo che, pur avendo un passato di Fascista attivo, scriveva per un giornale di sinistra come l'Ora di Palermo, con affondi in territori pericolosi come l'affare Mattei, il Golpe Borghese, e la Mafia, non merita menzione in un Giornale, legato in vario modo al fascismo militante (i molti commentatori che non hanno ancora trovato un posto libero a Piazzale Loreto) e alla mafia militante (beh, non scendo in particolari).

baronemanfredri...

Gio, 05/01/2017 - 18:13

OLTRE CHE HA CONTRIBUITO CON LA SUA POLITICA ALLA DISTRUZIONE DELL'ITALIA E DELLA LINGUA ITALIANA, VEDASI ESEMPIO BOLDRINI E MINISTRO DELLA PUBBLICA ISTRUZIONE DOT.SA PARDON NON SO CHE CAVOLO DEVO SCRIVERE, E' STATO MINISTRO CON AMATO QUELLO CHE CI HA FREGATO IN UNA NOTTE I SOLDI SENZA AVVERTIRCI, MI PARE CHE E' REATO PENALE. COMUNQUE UN LAUREATO, ANCHE BRAVO, NON LASCIA NULLA DI BUONO NONOSTANTE UNA VERA LAUREA. RIGUARDO ALLE CRETINATE BOLDRINIANE NON HA DETTO NULLA, IN QUANTO PRIMA DI MORIRE NON HA LASCIATO UNA INTERVISTA SULLA LINGUA BOLDRINIANA. CHI TACE ACCONSENTE. NON MI MANCHERA'. SUO FRATELLO X MAS? E LUI CON LA SINISTRA E IL 6 POLITICO DEL 68?

Ritratto di pravda99

pravda99

Gio, 05/01/2017 - 19:33

paolonardi, Leonida55, non mi stupite mai quando da brave bestioline ammaestrate esprimete rigetto per qualunque manifestazione del sapere, della cultura. Evitate di farvi conoscere ulteriormente, tenete un profilo basso, a raso di fogna.

Lionello74

Gio, 05/01/2017 - 19:44

Condivido il pensiero di Paolonardi e aggiungo che Tullio De Mauro nel suo Dizionario della lingua italiana ha mentito sulle foibe tacendo sui massacri titini. Le ha descritte come segue: "depressione carsica a forma di imbuto... al fondo della quale si apre un inghiottitoio, usato come fossa comune per occultare cadaveri di vittime di eventi bellici".

paolonardi

Gio, 05/01/2017 - 20:12

@pravda99: in quanto a cultura la sfido. Timeo homine unius libri, soprattutto se e' il verbo comunista. Conosco tre lingue straniere, docente universitario in medicina, un centinaio di pubblicazioni scientifiche citate nei testi internazionali, se nonle basta potrei continuare, ma per un piccolo omuncolo ce ne sono sono amche troppe. Si vada a nascondere.

Ritratto di Euterpe

Euterpe

Gio, 05/01/2017 - 20:36

@pravda99- Fortunatamente ci sono quelli come te che senz'altro apprezzano, quanto a cultura, il nuovo ministro dell'Istruzione senza istruzione,compresa la sua fisiognomica lombrosiana.

paolonardi

Gio, 05/01/2017 - 20:37

@pravda99: vada a cercare, se ne ha le capacita', il significato di omuncolo nell'alchimia, retaggio della pseudo cultura araba scopiazzatura, ma un comunista lo ignora, di una civilta' piu' vecchia. I numeri, l'algebra, l'astronomia sono un'eredita' della civilta' persiana.

Ritratto di Leonida55

Leonida55

Gio, 05/01/2017 - 22:51

@pravda99 - mi ha tolto le parole di bocca. Le stavo scrivendo io a lei. Ma chi ti credi di essere? Abbassa quell'arroganza. Guarda che hai sbagliato soggetto. Stai in campana.

Popi46

Ven, 06/01/2017 - 06:45

Pace all'anima sua. Detto questo, nulla da eccepire sullo studioso di linguistica, ma come ministro....E' proprio vero, ad ognuno il suo mestiere