Mps, il giallo e l'altra inchiesta: "La fine che ho fatto fare fare a Rossi..."

Secondo La Verità ci sarebbe un collegamento tra le dichiarazioni del gigolò sui presunti festini hard e un'inchiesta aperta dalla procura di Belluno

Il mistero del presunto suicidio di David Rossi, ex capo della Comunicazione di Mps, dopo le rivelazioni dun gigolò rilasciate a Le Iene su presunti festini hard sulle colline senesi, si colora di un nuovo capitolo. Un pezzo che dalla Toscana si sposta a Belluno e che riguarderebbe un'inchiesta aperta dalla procura veneta.

Le dichiarazioni del gigolò su Rossi e Mps

"Tu lo dici anche alla luce di quanto successo a David?", aveva chiesto Antonino Monteleone all'escort che ha confessato i suoi presunti incontri con magistrati, politici e parroci. "Sì, lui lo avevo sentito nominare - la risposta - ma non l'ho mai visto ad una festa, non ho mai avuto un incontro con lui, però pensando alle persone che c' erano lì e comunque ai legami che avevano, perché c' erano persone appunto legate chi alle forze dell' ordine, addirittura si è parlato che ci fosse qualcuno legato anche a qualche agente dei servizi segreti, a roba del genere, un' ipotesi poteva anche essere che qualcuno lo avesse scaraventato giù dalla finestra".

L'inchiesta di Belluno

Ed è proprio sulla questione dei servizi segreti, secondo quanto scrive oggi su La Verità il giornalista Giacomo Amadori, che le due vicende - quella senese e quella di Belluno - potrebbero avere un collegamento. L'indagine in questioneè quella condotta dal procuratore Paolo Luca e dai carabinieri del Nucleo investigativo guidato dal maggiore Marco Stabile. "A novembre - scrive Amadori - due personaggi in fuga dal loro passato hanno iniziato a denunciare atti persecutori, violenze, operazioni di riciclaggio, truffe e misteriosi dossier. Uno di loro, il quarantaduenne romano Valerio L., ha denunciato di essere stato sequestrato e ha riferito che uno dei suoi presunti carcerieri, G. M., un giorno avrebbe esclamato questa frase: 'Ti faccio fare la stessa fine che ho fatto fare a David Rossi, ti butto giù come un sacco di merda'". Non solo. Perché, sempre secondo quanto scrive Amadori, "l' altro testimone, l'imprenditore e consulente bancario Giuseppe V., per quasi 25 anni è stato un informatore proprio di G. M., il quale si sarebbe spacciato come agente dei servizi, esibendo tesserini, armi e lampeggianti sull' auto. 'G. M. si vantava di essere amico del capo della sicurezza di Mps, un ex ufficiale dei carabinieri in pensione. Diceva di conoscere Viola e parlava di un vicepresidente che aveva un fratello commercialista. G. M. diceva di far transitare le sue pratiche da lui', ha dichiarato Giuseppe V.".

Amadori riporta che i due testimoni sono ritenuti credibili dalla procura "in tutto quello che dicono". Anche se sulla frase che riguarda David Rossi non sarebbero ancora stati trovati riscontri.

Commenti

oracolodidelfo

Mar, 27/03/2018 - 14:15

David Rossi = Roberto Calvi...................!

blackbird

Mar, 27/03/2018 - 19:14

@ oracolodidelfo: senza dimenticarci di Sindona!

Ritratto di franco_G.

franco_G.

Mar, 27/03/2018 - 19:38

Ci sono giornali che questa vicenda, per quanto clamorosa essa sia, evitano accuratamente di pubblicarla. Chi sa mai perché....

Ritratto di Leonida55

Leonida55

Mar, 27/03/2018 - 23:34

Quando si saprà la veerità...tanti dovranno scappare.

Giacinto49

Mer, 28/03/2018 - 08:07

Rossi doveva essere interrogato, e ne era preoccupato, sui conti della banca non su festini hard. Fin dalle dichiarazioni del sindaco credo che la politica stia cercando di depistare le indagini.