Nasa e Noaa: "Ultimi anni i più caldi dal 1880". L'Onu: "Più eventi estremi"

Il 2019 è stato il secondo anno più caldo di sempre, superato solo dal 2016. L'Onu avverte: "Nel 2020, ci sarà un clima più estremo"

"Il decennio appena concluso è chiaramente il decennio più caldo mai registrato". È quanto dimostrato dall'analisi della Nasa e della National oceanic and atmospher administration (Noaa), che ha rivelato il cambiamento climatico degli ultimi decenni. Lo studio della Nasa conferma quello del Cnr-Isac, secondo cui il 2019 aveva chiuso i 10 anni più caldi di sempre.

Il direttore del Goddard institute for space studies (Giss), Gavin Schmidt, ha illustrato i dati diffusi dalle sue agenzie, spiegando che dal 1880 la temperatura media globale è aumentata drasticamente e ora corrisponde a oltre 1 grado celsius in più, rispetto al XIX secolo. Non solo. Secondo la ricerca, infatti, "gli ultimi 5 anni sono stati i più caldi degli ultimi 140 anni", cioè dal 1880, anno in cui si iniziò a registrare le rivelazioni delle temperature sul pianeta. Il 2019, inoltre, è stato in assoluto "il secondo anno più caldo", sempre considerando i 140 anni precedenti: infatti, rispetto alla media 1951-1980, le temperature dello scorso grado erano in media più alte di 0,98 gradi celsius. Al primo posto si conferma ancora il 2016, come periodo più caldo di sempre.

Sull'emergenza clima è intervenuta anche l'Omm, l'Organizzazione meteorologica mondiale dell'Onu, che ha confermato come "la temperatura globale media è cresciuta di 1,1 gradi celsius dall'era preindustriale e il contenuto di calore degli oceani è a livelli record". Più alte anche le emssioni di anidride carbonica: "Stiamo andando verso un aumento delle temperatura da 3 a 5 gradi celsius entro la fine del secolo". Il segretario dell'Omm nota anche che il 2020 "è iniziato da dove il 2019 si è interrotto, con eventi meteorologici e climatici di grande impatto. L'Australia ha registrato il suo anno più caldo e secco in assoluto nel 2019, ponendo le basi per gli enormi incendi boschivi che sono stati così devastanti per le persone e le proprietà, la fauna selvatica, gli ecosistemi e l'ambiente". Infine, l'Onu lancia l'allarme: "Prevediamo un clima molto estremo per tutto il 2020 e per i prossimi decenni, alimentato da livelli record di gas serra che intrappolano il calore nell'atmosfera".

Sul tema del cambiamento climatico è intervenuto oggi anche Papa Francesco, che in un'intervista a Repubblica ha affermato: "In alcune zone l'altezza del mare è in aumento, in altre è in diminuzione. È uno dei temi di maggiore interesse del quale tutti dobbiamo farci carico".

Commenti

ruggerobarretti

Gio, 16/01/2020 - 15:47

E prima del 1880??? E pensare che nel 1600 sembra esistessero agrumeti lungo il Tamigi.