Nasce la Chiesa sovranista e anti-Bergoglio

Il cardinal Burke e Bannon lanciano (in Italia) corsi per politici cattolici anti-Bergoglio

Mentre in Vaticano si svolgeva l'ultima sessione del Sinodo sui giovani presieduta da Papa Francesco, a poche centinaia di metri da quell'aula, affollata da cardinali e vescovi provenienti da tutto il mondo, il cardinale americano Raymond Leo Burke, esponente di spicco dell'ala più tradizionalista della Chiesa, incontrava per la seconda volta, pubblicamente, il vicepremier e ministro dell'Interno, Matteo Salvini.

L'occasione questa volta è stata la consegna del Premio Internazionale Giuseppe Sciacca, organizzata dall'omonima fondazione all'interno dell'auditorium della Pontificia Università Urbaniana. Della Fondazione Sciacca, che si occupa principalmente di sostegno alle famiglie indigenti, il porporato statunitense è Presidente d'Onore, mentre Matteo Salvini è presidente del Comitato Scientifico (il sottosegretario Giorgetti è invece il vice presidente).

Tra Salvini e il porporato, da molti considerato uno dei grandi oppositori di Papa Bergoglio (fu uno dei quattro firmatari dei famosi «Dubia» su Amoris Laetitia) ci sono stretti contatti da diverso tempo. E non solo grazie alla fondazione benefica. Burke è considerato una guida dall'ultradestra cattolica americana, la stessa che da qualche mese ha preso ancor di più sotto la sua ala protettiva monsignor Carlo Maria Viganò, l'ex nunzio apostolico negli Stati Uniti che con il suo memorandum ha chiesto le dimissioni del Papa e che oggi vive proprio negli Stati Uniti, dove riceve sostegno dagli oppositori più strenui del pontificato di Bergoglio.

Viganò non ha mai incontrato pubblicamente Matteo Salvini. Lo ha fatto invece il cardinale che si era già intrattenuto qualche minuto con il leader della Lega a margine della festa della Polizia a Roma, lo scorso giugno. Anche in quel caso, i media a stelle e strisce (e non solo) avevano puntato i riflettori su quell'incontro tra l'esponente sovranista e il cardinale tradizionalista, entrambi critici di Papa Francesco. Dopotutto non è un mistero che Burke alla Lega piaccia. Lo ha detto Salvini e ancora con più fermezza lo ha detto il ministro per la Famiglia, Lorenzo Fontana, che in un'intervista aveva precisato: «A Papa Bergoglio preferisco il cardinale Burke».

La sottile linea che collega Salvini a Burke è completata però anche da un altro personaggio, molto vicino alle posizioni del ministro dell'Interno: Steve Bannon, l'ex capo stratega di Donald Trump. Bannon - che ha reclutato Salvini all'interno del suo «The Movement» in vista delle prossime elezioni europee per creare un fronte sovranista in grado di riunire tutti i populisti d'Europa e che aveva «benedetto» le nozze Lega-Cinque Stelle -, è molto legato anche al cardinale Burke.

Dal 2014, l'ideologo trumpiano collabora con l'Istituto «Dignitatis Humanae», un think tank conservatore cattolico, presieduto proprio dal porporato tradizionalista. Il debutto della sua collaborazione con l'istituto era stato via Skype, quando Bannon era intervenuto a un convegno in Vaticano per esporre le sue teorie. Il suo intervento aveva colpito talmente nel segno che un banner pubblicitario con la foto di Bannon e l'audio del suo intervento è ancora in bella vista sul sito del think tank.

Ma la corrispondenza di vedute non finisce qui. L'ex guru di Donald Trump, attraverso «Dignitatis Humanae», ha già in programma per il nuovo anno, d'accordo con il cardinale Burke, di promuovere dei corsi di leadership per politici cattolici conservatori. Il «laboratorio sovranista» verrà ospitato presso la Certosa di Trisulti, un monastero di Collepardo, in provincia di Frosinone. Già con l'elezione di Donald Trump a presidente Usa, si era attivata in Vaticano una linea di comunicazione tra il tycoon e una «talpa» in tonaca per sostenere la fronda anti-Bergoglio; un canale che non si è mai chiuso e che adesso con le nuove manovre politiche italiane potrebbe rafforzarsi.

Commenti
Ritratto di filospinato

filospinato

Lun, 29/10/2018 - 23:15

Bene. E' arrivato il tanto atteso papa nero. Un papa bianco dentro, ma vestito di nero sostituisca questo nero travestito di bianco.

killkoms

Lun, 29/10/2018 - 23:17

di multiculturalismo si muore!

venco

Lun, 29/10/2018 - 23:38

Macché chiesa sovranista anti-bergoglio, deve nascere una vera Chiesa comunità dei credenti cristiani che osservano il catechismo di Fede e non i casini di bergoglio e suoi galoppini.

dagoleo

Lun, 29/10/2018 - 23:46

Cacciamo tutti questo impostore.

dagoleo

Lun, 29/10/2018 - 23:57

Ci voleva finalmente qualcuno che reagisse. Io da anni non dò più alcun sostegno economico alla chiesa bergogliana. Se una chiesa sovranista si diffonderà aderirò sicuramente.

19gig50

Mar, 30/10/2018 - 07:46

Rispeditelo nalle pampas.

acam

Mar, 30/10/2018 - 08:09

reputo il multiculturlismo uno strumento di comunicazione ma non puo o non deve essere una rivoluzione. si deve ragionare per non socconbere

Ritratto di anticalcio

anticalcio

Mar, 30/10/2018 - 08:16

il giorno che lo faranno sarta' sempre tardi.papa dimettiti e vai in un paese comunista dove sie ben accetto

KlausM

Mar, 30/10/2018 - 09:14

bene cacciamo il pampero, lasciamoli i branchi che lui protegge si prenda l'8 per mille da loro. e chiediamo al vero Papa costretto alle dimissioni da schifosi giochi di potere il cui mandante era quel fallito dell'abbronzato americano di tornare per guidare la Chiesa fuori dal qualunquismo di questo apostata impostore