Nella vignetta dell'Unità Matteo Renzi diventa Dio

Il vignettista Staino paragona il presidente del Consiglio al Signore

All'Unità piace strafare. Un conto è stare col capo, in questo caso Renzi, un altro divinizzarlo, farlo diventare come Dio. Così ha fatto il vignettista del fu quotidiano fondato da Antonio Gramsci. Una capra si rivolge a Dio: "Se ci pensavi un po', il mondo lo facevi meglio". Risponde Dio: "Se davo retta alla minoranza ero ancora lì a pensarci". Ovvio il riferimento ai dibattiti (parecchio accesi) tra la minoranza dem e Renzi sulle riforme. Così è se vi pare. Un presidente del consiglio viene elevato al rango di Dio. Chissà se Renzi, con la sua riforma del senato, riuscirà a fare meglio di Dio con la creazione del mondo. Lo si dovrebbe chiedere a Staino.

Commenti

i-taglianibravagente

Sab, 19/09/2015 - 10:41

Ognuno ha il dio che si merita

i-taglianibravagente

Sab, 19/09/2015 - 10:44

L'unità.... il giornale che abbiamo salvato noi......90mln regalati a questo water perchè sopravvivesse....... Non ci resta che sperare nell ISIS.

Cava1981

Sab, 19/09/2015 - 12:44

fossimo come i mussulmani, saremmo indignati per l'uso dell'immagine di Dio...

ziobeppe1951

Sab, 19/09/2015 - 13:41

Non mi interessa, non leggo il giornalaccio x zecche rosse

killkoms

Sab, 19/09/2015 - 15:21

demagogia sinistra..!

Leo5150

Sab, 19/09/2015 - 15:33

Ma qualcuno legge l'unità?

routier

Dom, 20/09/2015 - 12:45

Ho esaurito gli improperi con Repubblica, Espresso, il Fatto Quotidiano, il Corriere della Sera, ecc. Per L'Unità non mi è rimasto nulla.

Ritratto di Jaspar44

Jaspar44

Sab, 31/10/2015 - 18:59

All'Unità sono rimaste le vignette per sentirsi dei paladini "ancora ed ancora" della nostalgica libertà stalinista ... che volete fare? Anche loro devono campare! Sono costretti ad essere inutilmente arroganti con le loro contestazioni a prescindere ... ma in fondo NON ci credono nemmeno loro!

Ritratto di bonoitalianoma

bonoitalianoma

Dom, 10/01/2016 - 20:56

l'IDOLATRIA DEI PROPRI LEADER NELLE DITTATURE È IL CONTRALTARE ALLA PAURA DI FINIRE LA LORO PARABOLA DI POTERE E PER QUESTO CERCANO DI DISTRUGGERE E ANNIENTARE CHI CONTRAPPONE A LORO UN ALTRO POTERE CHE ESSI NON POTRANNO MAI SOTTOMETTERE.