Nigeriano pesta un agente e sfugge all’arresto: preso dopo 4 giorni

Dopo ben quattro giorni di latitanza, lo straniero è stato finalmente rintracciato nelle vicinanze della stazione ferroviaria di Brescia ed arrestato

È finalmente finito dietro le sbarre il 21enne nigeriano che lo scorso lunedì aveva aggredito un agente di polizia durante un controllo, per poi fuggire e far perdere le proprie tracce.

L’episodio a cui si fa riferimento si è verificato a Brescia, all’altezza di via Foppa, dove una pattuglia della polizia di Stato si trovava impegnata in un’operazione di controllo del territorio.

Fermato dagli agenti, intenzionati ad effettuare un controllo su di lui, il 21enne era risultato essere in posseso di diverse dosi di hashish (circa una trentina) e almeno 75 euro in contanti, sicuro provento dei suoi traffici illeciti. Dichiarato in arresto per detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti, lo straniero aveva opposto una strenua resistenza e scagliato un violento pugno in piena faccia ad un poliziotto.

Riuscito così a liberarsi dalla presa degli uomini in divisa, il malvivente si era immediatamente dato alla fuga, sparendo nel nulla.

Per quattro giorni è stato praticamente impossibile trovarlo, nonostante l’allarme diramato a tutti i rappresentanti delle forze dell’ordine. La latitanza del nigeriano si è conclusa questo fine settimana, quando è stato rintracciato nei pressi della stazione ferroviaria e subito tratto in arresto.

Accusato di spaccio di droga, nonché di resistenza e lesioni a pubblico ufficiale, l’africano è stato rinchiuso in una cella della casa circondariale di Canton Mombello.

Commenti

Giorgio5819

Lun, 25/03/2019 - 19:18

Ora tante randellate, e poi ancora tante randellate, fino a quando supplicherà di essere riportato in Nigeria !!