"Noi poliziotti eroi silenziosi: chi ci disprezza deve tacere"

La lettera su Facebook di un poliziotto: "Siamo umili professionisti al servizio degli agenti"

Siamo fatti così, eh. Non dobbiamo stupirci. Anzi: sono fatti così. Quelli che una divisa non l'hanno mai indossata e ne vanno fieri. Quelli che la sola idea di lodare un membro delle Forze dell'Ordine gli provoca un'orticaria irresistibile. Quelli sempre pronti a difendere i "bravi ragazzi che manifestano" contro i "cattivi poliziotti che manganellano".

Lo sappiamo tutti, non c'è bisogno di ripeterlo. Alla fine è sempre colpa di chi indossa la divisa. E così anche quando due agenti della polizia hanno freddato a Sesto San Giovanni Anis Amri, il macellaio jihadista di Berlino, il coro di ringraziamento non è stato unanime. Subito si sono scaldati la mano scribacchini pronti a mettere in dubbio il lavoro di Cristian e Luca. Il ritornello è stato il seguente: non sono eroi, hanno fatto il loro dovere e sono pagati per questo. Difficile rispondere quando il ragionamento appare così sciocco. Difficile ribattere. E invece c'è riuscito magistralmente un poliziotto, Vincenzo D'Accio', con un post su Facebook.

"Ho letto cose incredibili, mirabolanti visioni su quello che è o non è un poliziotto - scrive D'Accio' - saccenti dissertazioni sull'assurdo concetto che se un poliziotto (o comunque un uomo in divisa) salva una vita è normale perché è pagato per farlo, mentre se lo fa un 'cittadino normale' è un eroe". Due pesi e due misure. E invece i gli agenti sono "eroi silenziosi", "professionisti al servizio del cittadino" che fanno tanto con poco clamore. Perchè "entrare in due in una casa dove sono minimo in cinque che se le stanno suonando di santa ragione" e "riuscire a portare la situazione alla calma senza che nessuno si faccia male, per me è missione da eroi"; perché "sedere per più di due ore al tavolo con un anziano che rimasto solo, rassicurarlo, strappare un sorriso e poi andarlo a trovare nei giorni seguenti diventandone amico, per me è missione da eroi"; perché "convincere una donna maltrattata a denunciare il suo carnefice" è indubbiamente "una missione da eroe"; perché "ascoltare un minore picchiato e abusato, mantenendo la calma fargli una carezza, ricevere un suo disegno e rivedere il sorriso nei suoi occhi, per me è missione da eroe". E lo è anche "ascoltare per ore le telefonate di gente malata", "sedare una rissa da cui tutti scappano sempre in numero sicuramente inferiore rispetto ai partecipanti", "entrare in case che bruciano o che crollano, incuranti di quello che accade solo per verificare che dentro non ci sia nessuno", "strappare di mano un coltello od una lametta a chi ha deciso di salutare questa vita" e "scortare in ogni momento e ogni luogo chi è minacciato costantemente da mafie di ogni genere".

Ecco. Eroi di tutti i giorni. "Mi fermo qui - continua Vincenzo - ma potrei continuare all'infinito perché tutto quello che ho scritto, solitamente, avviene in un normale turno in quinta di una qualsiasi volante di una qualsiasi città d'Italia ma... non ne leggo mai notizia". Mai un ringraziamento. Mai un riconoscimento da chi è invece sempre pronto a sottolineare i difetti. "Forse sta tutto qui l'errore - afferma affranto -: nel non raccontare quotidianamente di quanta umanità e dignità profuma questa gente in divisa, dove magari è vero non tutti son santi ma nemmeno sono tutti furfanti".

Chi parla non sa che ogni qual volta un poliziotto sente la sirena suonare pensa al collega pregando per lui finisca tutto bene. "Chi non ha mai provato - conclude Vincenzo - dovrebbe avere il buon senso o quanto meno la decenza di tacere e accettare che ogni giorno una sorta di esercito di eroi silenziosi, indossando una divisa troppe volte oggetto di disprezzo, cerca di rendere un po' più vivibile il posto in cui viviamo. Che vi piaccia o no!".

Commenti

Libertà75

Gio, 29/12/2016 - 12:15

Carissimo Vincenzo, ti mando un abbraccio e ti ricordo che in Italia il razzismo (seppur diffuso tra i politicanti di sinistra) non è l'humus culturale della maggioranza silenziosa del popolo italiano.

agosvac

Gio, 29/12/2016 - 12:15

Egregio Vincenzo, stia tranquillo, la maggior parte degli italiani ha molta stima nei confronti di chi rischia ogni giorno la vita per uno stipendio da fame. Non sono gli italiani che vogliono certi strani provvedimenti, è una parte della magistratura, per fortuna non TUTTA la magistratura. Continui a fare il suo dovere perché, ne sia certo, la maggioranza degli italiani è con voi, "eroi silenziosi"!!!

Ritratto di Giorgio_Pulici

Giorgio_Pulici

Gio, 29/12/2016 - 12:15

Complimenti a questo poliziotto, vero eroe in una nazione dove molti sono i caproni.

Lissa

Gio, 29/12/2016 - 12:29

Condivido, e lo dedico ad una certa selvaggia.

Ritratto di bandog

bandog

Gio, 29/12/2016 - 12:32

Condivido e confermo al 1000%!

nalegior63

Gio, 29/12/2016 - 12:42

bravo scrive cose piu sensate di molti altri compreso io

Ritratto di elkid

elkid

Gio, 29/12/2016 - 12:51

---caro poliziotto vincenzo--la gente normale non è contro le divise a prescindere --però quando vi fanno notare alcuni vostri possibili errori vi chiudete a riccio in maniera corporativistica anche aiutati dai vostri sindacati ed appoggiati fideisticamente da tutti i politici destricoli--e questo non va affatto bene--mi dica onestamente --caro vincenzo--se l'irruzione alla diaz al g8 di genova e relativa macellazione di 93 persone inermi è eroica---mi dica se 4 energumeni in divisa sullo sterno di un 18 di nome aldrovandi morto per asfissia da posizione è un atto eroico--mi dica se cucchi trasformato in un pallone da calcio è un atto eroico--ed i casi di Gabriele Sandri, Giuseppe Uva, Michele Ferrulli, Stefano Brunetti, Riccardo Rasman e potrei continuare pure io con una lista infinita di gente morta sotto la custodia delle forze dell'ordine---hasta

Una-mattina-mi-...

Gio, 29/12/2016 - 12:56

Le forze di polizia SONO COMPOSE DA MARTIRI: fanno di tutto per scoraggiarli ma loro, stoicamente, resistono

Ritratto di Pajasu75

Pajasu75

Gio, 29/12/2016 - 13:03

Doloroso e commovente. Grazie a tutti quelli che lavorano e si impegnano con una divisa addosso.

Ritratto di pasquale.esposito

pasquale.esposito

Gio, 29/12/2016 - 13:04

IL; DISPREZZO PER CHI INDOSSA UNA DIVISA CÉ SOLO IN ITALIA; PERCHE NEGLI ALTRI PAESI CHI INDOSSA UNA DIVISA SIA QUESTA DA SOLDATO OPPURE POLIZIOTTO RICEVE IL RISPETTO DI TUTTI I CITTADINI; É IO QUESTO LO VEDO OGNI GIORNO QUI IN GERMANIA; É ANCHE DOPO POCHI KM DIETRO LA FRONTIERA SVIZZERA CHI OFFENDE! INSULTA! O PRENDE A BOTTE UN POLIZIOTTO VIENE GIUDICATO CON LA MASSIMA SEVERITÁ DA GIUDICI IMPARZIALI! SOLO IN ITALIA CON LA GIUSTIZIA CHE É AL 158 POSTO NEL MONDO I POLIZIOTTI VENGONO TRATTATI COME DEI MAIALI!.

DuralexItalia

Gio, 29/12/2016 - 13:22

Sempre al fianco delle Forze dell'Ordine. Contro ogni mala pianta politica o ideologica che vi disprezza salvo chiamarvi disperati quando c'è bisogno. Sempre con Voi tutti. Buon lavoro e buon 2017

patriziabellini

Gio, 29/12/2016 - 13:43

Io sono sempre dalla parte dei poliziotti e trovo assurde le polemiche frequenti sull'uso eccessivo delle armi. A me basta vedere una divisa per sentirmi intimorita, ma protetta

Ritratto di ziofrank56

ziofrank56

Gio, 29/12/2016 - 13:57

Vincenzo, un vero uomo. I veri eroi non fanno notizia. Gli imbecilli SI e purtroppo in Europa ce ne sono troppi!!. Buon anno a tutti gli uomini in divisa.

sesterzio

Gio, 29/12/2016 - 13:59

Solo grande stima,fiducia e tanta gratitudine alle Forze di Polizia e al Corpo dei Carabinieri.I cittadini normali vi debbono molto per ciò che fate. Siatene fieri.GRAZIE !!!

mariobaffo

Gio, 29/12/2016 - 14:02

Quei due poliziotti che ho visto ieri in Corso Europa( mentre andavo in bici ) chiacchierare in auto nascosta sotto le piante col tele laser sul marciapiede non erano certo eroi

Ritratto di 02121940

02121940

Gio, 29/12/2016 - 14:03

Uno sfogo giustificato nella bocca di persone che nelle strade hanno dovuto subire offese e violenza da parte di compatrioti sinistri. Ora sono sugli scudi, ma i loro superiori non hanno perso l'occasione per ricoprirsi della loro gloria, ignorando che essi possono diventare oggetto di vendetta da parte di gente dell'ISLAM, che non significa "pace", come abbiamo avuto occasione di sentire di recente, anche in televisione, ma "SOTTOMISSIONE".

VESPA50

Gio, 29/12/2016 - 14:06

Bravo Vincenzo. Ci hai fatto scoprire anzi riscoprire tutta la dignità silenziosa delle nostre forze dell'ordine.Un Saluto e un abbraccio dall'Italia migliore che è SEMPRE con Voi

Ritratto di 02121940

02121940

Gio, 29/12/2016 - 14:09

Prego correggere il sottotitolo: "al servizio della GENTE". Grazie

luciano32

Gio, 29/12/2016 - 14:12

Capisco l'amarezza dei poliziotti e dei CC. Cìè srempre un giudice pronto a incrimnarli se sparano a difesa della loro vita. A Genova nel G7 un CC è stato diffam ato erovinato perche ha sparato contrpo uno che lo voleva uccidere (e che poi hanno fatto eroe) Se diversi poliziotti hanno picchiato dove sono quei delinqienti di block che hanno messo la citta a FUOCO? e alla TAV dove i cosidetti ecologisti aggrediscono la polizia perche non sono in galera? Quando picchiano i cosideeti ragzzi (delinqienti) se la cavano sempre mentre il pliziotto o va all'ospedale o peggio subisce un undagine, vergognamoci tutti.

frank173

Gio, 29/12/2016 - 14:27

Per Pasquale Esposito: io non so come si comportano i poliziotti negli altri paesi europei. Io sono uno che in vita sua NON ha mai commesso un reato (multe per divieto di sosta a parte) ma ho grande diffidenza nei confronti dei poliziotti (non della Polizia). Ne ho visti troppi tenere atteggiamenti alla john wayne, relazionarsi con i cittadini con una certa arroganza, non lasciar parlare gli altri perché LORO sono poliziotti e, sempre LORO, sanno sempre tutto e hanno sempre ragione. Per questo, i poliziotti li giudico uno per uno, ci sono quelli buoni e quelli meno.

chiara 2

Gio, 29/12/2016 - 14:55

Caro Vincenzo, sono certa che la SELVAGGIA vi chiamerebbe eccome se ne avesse bisogno. GRANDISSIMA IPOCRITA!!

Ritratto di abj14

abj14

Gio, 29/12/2016 - 15:21

Mentre leggevo l'articolo ho interrotto un attimo per scommettere a Londra che Mr Elkid avrebbe sfornato un super blablablà. Ho vinto un fracco e una sporta di sterline. – (2° invio)--

settemillo

Gio, 29/12/2016 - 15:38

Elkid: l'unica nota stonata del coro; si vergogni. Basta pensare che un poliziottO, rischia quotidianamente la vita per proteggere anche soggetti come lei. Per giunta questi veri eroi, rischiano quotidianamente la vita e percepiscono un salario da fame. KOMUNISTACCI SI NASCE e KOMUNISTACCI si muore.

eugenio.n

Gio, 29/12/2016 - 17:02

@Pasquale Esposito.Concordo pienamente con quanto esposto e posso confermare per mia esperienza personale che le cose stanno proprio come da lei specificato.Resto sempre sbalordito quando noto che in Italia molti condannano l`operato di chi cerca di riportare ordine e sicurezza spesso anche a rischio della propria incolumita´ Inoltre noto che gli agenti italiani non sono dotati di mezzi adeguati a garantire la loro protezione dai violenti o terroristi.

giovanni951

Gio, 29/12/2016 - 17:11

cari poliziotti ( e apoartenenti alla FdO) la maggior parte dei cittadini é con voi...tuttavia qualche miserabile che vi dá contro ci sará sempre. É gentaglia, si sa chi sono ma non fateci caso e andate avanti cosí.

Libertà75

Gio, 29/12/2016 - 17:11

nei paesi immaginati dai razzisti di sinistra, come sopra si può leggere, non servono processi alle forze dell'ordine quando sbagliano, sono colpevoli a prescindere e non meritano difesa... per questo sono cadute le dittature, per il semplice fatto che lo squallore umano promosso dai razzisti al potere ha soffocato le libertà e le felicità della popolazione

guardiano

Gio, 29/12/2016 - 17:14

Elkid, secondo te il sindacato è legittimato solo quando fa valere i diritti della tua classe sociale, bravo soviet, per quanto riguarda al G8 di genova erano presenti governanti eletti democraticamente nei propri paesi e quindi legittimati a rappresentarli, gli unici delinquenti fuorilegge erano i manifestanti che hanno creato la guerriglia urbana per voler superare la zona rossa proibita, quindi caro il mio saputello prima di fare il moralista sovietico verso i difensori dei cittadini sciacquati la bocca la coscienza e pure il cervello, capito orfanello di stalin.

sakai389

Gio, 29/12/2016 - 17:21

In Svizzera, dove ho vissuto, quando arrivava un agente di Polizia, per un qualsiasi motivo, anche di semplice controllo, gli svizzeri, si toglievano il cappello in segno di rispetto. Noi siamo distanti anni luce da questi comportamenti civili.

MOSTARDELLIS

Gio, 29/12/2016 - 17:49

El Kid, ma ti pagano per fare sempre commenti negativi? Ma se non sei d'accordo perché non cambi giornale? Prova a leggere Repubblica, Il Manifesto e simili. Sicuramente sono più ad atti ai tuoi sentimenti antiitaliani. Ma poi, dico io, ma chi te lo fa fare? -stai sereno!!!!! E pensa al Paese da dove scrivi, che è meglio.

lilli58

Gio, 29/12/2016 - 17:51

Grazie Vincenzo, a Lei e a tutti coloro che indossano la divisa!

elpaso21

Gio, 29/12/2016 - 18:21

BASTA con la polizia sfigata!!!

Ritratto di Generazionemill€

Generazionemill€

Gio, 29/12/2016 - 19:20

Vincenzo continua a motivare tutti i tuoi colleghi, le ragioni di uno sconforto sono sempre più di ogni impegno, di ogni esperienza, specie sul campo. Eserciti di bertucce ammaestrate vivono di favole che nulla hanno da insegnare e figure auto referenziate (la lucarelli) esprime tutta la pochezza con la forza dei media... i media che dimenticano di raccontare la storia senza una opinione pilota, i media che ti bombardano di cavolate e i pagliacci da cabaret che pontificano... forza ragazzi/e buon lavoro!

martinsvensk

Gio, 29/12/2016 - 19:32

Onore, gloria e un forte abbraccio alla nostra eroica Polizia e Carabinieri che per quattro soldi fanno un lavoro encomiabile. In Svezia la Polizia è ammirata e onorata da tutta la gente e nessuno si sognerebbe di criticarla, solo in Italia prevale quest'anima anarcoide e cattocomunista che porta molti, troppi a solidarizzare con i delinquenti.

grog

Gio, 29/12/2016 - 19:33

Vede Vincenzo lei, così come i suoi colleghi, per la stragrande maggioranza degli italiani è un grande, un eroe silenzioso che fa un lavoro rischioso, sottopagato ed indispensabile. Purtroppo però in italia c'è anche gentaglia della stampo di Elkid, El Mukhtar Elpaso ecc.... Sono mele marce, figuri frustrati, vigliacchi invidiosi. Ma non bisogna farsi inquinare da questi soggetti insoddisfatti di sè stessi e rancorosi verso il resto del mondo.

Ritratto di pravda99

pravda99

Gio, 29/12/2016 - 19:37

"Siamo umili professionisti al servizio degli agenti"...Lapsus freudiano dell'agente, o refuso del titolista (cosciente o no)?

tuttoilmondo

Gio, 29/12/2016 - 19:48

elkid Gio, 29/12/2016 - 12:51 Ho visto i fuochi della guerra. Ho visto le distruzioni della guerra. Ho visto centina di auto incendiate, decine di magazzini sventrati, saccheggiati. Ho visto i roghi enormi dei distributori di carburante dati alle fiamme. Ho visto cittadini terrorizzati chiudersi in casa. Ho visto una città, Genova, messa a ferro e fuoco. E mi sono chiesto: "Che ci sto a fare qui?" Allora me ne sono andato. Chi è rimasto lo ha fatto per qualche motivo, ovviamente. Quale? Non certamente per aiutare le forze dell'ordine. Ci sono due tipi di delinquenti: i delinquenti, e chi ostacola chi combatte i delinquenti. E i delinquenti... vanno trattati da delinquenti.

Linucs

Gio, 29/12/2016 - 19:55

Ci sono poliziotti eroici, ci sono poliziotti seri, ma ci sono anche molte bestie in divisa.

Ritratto di Risorgere

Risorgere

Gio, 29/12/2016 - 19:57

L'Italia è il paese che riesce a dedicare vie e piazze a un balordo come Giuliani, ucciso per legittima difesa dal poliziotto che stava per ammazzare, e nel contempo nega vie e piazze alla giornalista e scrittrice italiana più brava, illustre e famosa nel mondo, Oriana Fallaci. L'Italia è il paese del porno-diritto, dove i giudici assegnano la casa di un poveraccio (Ermes Mattielli) ai rom che lo avevano derubato, facendolo morire di crepacuore. L'Italia è il paese dove il diritto diventa rovescio, dove il buon senso è rivoltato come un calcino, dove la gente ragiona per slogan e vota per fare dispetto, dove la società della moglie del Ministro dell'Interno fattura somme colossali sulla pelle degli immigrati grazie alle decisioni del marito, dove vengono fatti tirare fuori agli italiani 20 miliardi di euro per pagare i debiti di una classe politica corrotta e marcia di sinistra.

Anonimo (non verificato)

Anonimo (non verificato)

elpaso21

Gio, 29/12/2016 - 21:17

@sakai389@ "In Svizzera, dove ho vissuto, quando arrivava un agente di Polizia, per un qualsiasi motivo, anche di semplice controllo, gli svizzeri, si toglievano il cappello in segno di rispetto" mi pare che questo si vedeva ai tempi della Gestapo.