Un nuovo video smentisce l'Ong sui profughi morti in mare

I filmati che smascherano la "disinformazione umanitaria": i libici fanno avvicinare le Ong per salvare chi si butta in mare

Un nuovo video girato dalla Guardia costiera libica sul disastro del recupero in mare di un gommone stracarico di migranti, lunedì, mostra tutta un'altra storia.

L'Ong tedesca Sea Watch, grazie al megafono di Repubblica, punta il dito sui libici accusandoli della morte di 6 migranti e ipotizzando altri 50 dispersi. I «cattivi» libici sarebbero responsabili perché cercavano in tutti i modi di allontanare i «buoni» per evitare che i migranti si gettassero in mare per raggiungere l'Italia. In realtà, quando il gommone tirato sotto la fiancata della motovedetta, comincia ad affondare sono gli stessi marinai di Tripoli a far avvicinare le imbarcazioni di soccorso di Sea Watch per permettere il salvataggio di chi non vuole o non riesce a salire a bordo (guarda il video).

Oggi sul sito del Giornale c'è un video, che smaschera la disinformazione «umanitaria». Sul sito di Sea Watch si accusano i libici dell'affondamento del gommone mostrandolo mezzo sgonfiato alla fine dell'operazione, durata quasi un'ora dalle 10.51 alle 11.48. Peccato che prima il gommone sia stato messo in difficoltà dai migranti che a decine si gettavano in acqua per raggiungere gli umanitari, che li attendevano come un'esca a poche bracciate (guarda il video).

Come si vede chiaramente in un altro video della Guardia costiera pubblicato ieri sul Giornale.it (girato il 31 ottobre in una situazione simile a quella del 6 novembre). L'Ong coinvolta era Sos Mediterranee con nave Aquarius e sulla sfondo si vede l'Andrea Doria della Marina.

Sea Watch addirittura si lamenta che il 6 novembre «il primo obiettivo dei libici era riportare indietro la gente, non soccorrerla». Peccato che sia l'Italia ad aver chiesto a Tripoli di fermare il flusso. Nonostante avesse il comando delle operazioni Sea Watch faceva quello che voleva e non si teneva a distanza per evitare l'effetto calamita sui migranti. Tutto questo non si capisce, ma l'Ong pubblicizza il filmato del drone che filma i migranti a bordo dalla motovedetta libica Ras Jadir con i marinai che agitano o utilizzano cime e canne di gomma per tenerli buoni. La loro ovvia tentazione è di buttarsi in mare rischiando la vita (guarda il video).

L'aspetto paradossale è che quando i migranti si gettano in acqua il pilota dell'elicottero italiano intima ai libici: «Fermate le macchine e per favore collaborate con Sea Watch. Adesso. Avete una persona sulla fiancata destra fermate le macchine» (guarda il video). Poi il migrante è riuscito a salire sulla scaletta.

Commenti
Ritratto di franco-a-trier_DE

franco-a-trier_DE

Sab, 11/11/2017 - 08:56

oh ma guarda..

Ritratto di Maximilien1791

Maximilien1791

Sab, 11/11/2017 - 09:08

E l'opera della Open Society Foundation e dei 14 MILIARDI di dollari donati da George Soros baby !

Luigi Farinelli

Sab, 11/11/2017 - 09:26

Sul TG RAI tutta un'altra storia. Sarebbe da chiedersi se George Soros, dopo essere stato accolto con tappeti rossi da Gantiloni abbia poi fatto una capatina presso la sede RAI, per continuare a dare dell'azione delle ONG un'immagine positiva e "umanitaristica". Ma è inutile chiederselo, la disinformazione della RAI, media di regime (TGcom pure non scherza) ormai è giunta a livelli allarmanti e l'intento di condizionare la percezione degli eventi è chiarissima e da lunga data. E obbliga pure a pagare il canone per sostenere il processo di rimbecillimento dei teleutenti. Cosa farà la RAI (pro-ius soli, pro-immigrazione incontrollata, pro Ue, pro "diritti civili", tutto "femminicidio" e riscaldamento "antropico", quando il governo "progressista" abusivo sarà andato finalmente a scatafascio? Compirà una inversione a "U" con il tenore delle notizie?

Albius50

Sab, 11/11/2017 - 09:28

I Libici dovrebbero allontanare qualsiasi nave che sia nella zona di sua competenza, in questa maniera i FALSI BUONISTI finirebbero di trasbordare NUOVI SCHIAVI da piazzare in EUROPA.

Gaeta Agostino

Sab, 11/11/2017 - 09:31

i bucanieri dell'accoglienza a spese mie delle ONG avvicinandosi alla motovedetta libica con i loro gommoni, prima provocano i morti in mare, e poi danno la colpa agli altri. Ma secondo me, una gran parte delle responsabilità è pure della nostra guardia costiera che si fa da tramite e garante di questi criminali "umanitari" che sotto sotto pensano solo al profitto. Per quale motivo questi tedeschi, così accoglienti e umani, non portano i disperati nei loro centri d'accoglienza, visto che noi italiani siamo razzisti, fascisti e senza cuore ?

Ritratto di Leonida55

Leonida55

Sab, 11/11/2017 - 09:53

A quando un tribunale giudicherà la verità?

Ritratto di etaducsum

etaducsum

Sab, 11/11/2017 - 09:53

Secondo invio – In altre parole: le ong «umanitarie» pretendono il monopolio per i soccorsi in mare dei cosiddetti migranti. Incassano i soldi che rastrellano un po’ da tutte le parti con questa «umanitaria» attività, quindi scaricano in Italia i «salvati». Agli italiani l’onere di tenerseli e mantenerli. A questo punto un dubbio mi viene: ONG? Un’altra fattispecie di organizzazione mafiosa?

moshe

Sab, 11/11/2017 - 09:56

Naturalmente, le reti di Rai3, come sempre, danno una falsa informazione, e pensare che viene pagata e mantenuta forzosamente dagli italiani!

silvano45

Sab, 11/11/2017 - 12:59

in un paese civile tutte le onlus e coop che vogliono operare nel sociale dovrebbero farlo con trasparenza bilanci proprietà dirigenti dipendenti tutto deve essere chiaro e trasparente del resto sembra che siano in molti a trarre profitto e molti illecitamente...a proposito del Cara di Mineo tutto tace?

voiturderi

Sab, 11/11/2017 - 13:11

Che giustifica sto video. I marinai libici che avevano paura a bagnarsi i piedi?se ci fossero stati i marinai italiani ben altro comportamento. Giustificando il comportamento dei libici si sminuisce il valoroso comportamento dei volantari, guardia coste, forze armate, guardia di finanza che si fanno un c... Come un paiolo x salvare vite umane. I libici stavano ben incollati sulla motovedetta donata dagli italiani, mi sarebbe piaciuto che fosse stato tradotto il loro vociare

DemetraAtenaAngerona

Sab, 11/11/2017 - 14:24

“….Peccato che sia l'Italia ad aver chiesto a Tripoli di fermare il flusso. Nonostante avesse il comando delle operazioni Sea Watch faceva quello che voleva e non si teneva a distanza per evitare l'effetto calamita sui migran ti….” QUINDI LA LIBIA I MIGRANTI LI RIPORTA IN LIBIA CONTRO LA LORO VOLONTA E LE ONG (a prescindere dalle ragioni del loro agire) RISPONDONO ALLA LORO VOLONTÀ, CIOÈ DI VENIRE IN EUROPA. LE ONG HANNO FIRMATO UN ACCORDO CON L’ITALIA UGUALE A QUELLO FIRMATO DALLA LIBIA? OVVIAMENTE NO! Se fossi un migrante pur di non essere “soccorso” dai libici, rischierei la vita per essere soccorso dalle ONG...quando fuggivo da Berlino Est o da Treblinka certo non avrei gradito il soccorso dei miei aguzzini...e chi se ne importa se i soccorritori veri lo fanno per soldi...però se esiste la parola oblato esistono anche gli oblati e tra questi ci sono anche le ONG.

19gig50

Sab, 11/11/2017 - 14:38

Cosa aspetta il governo a dichiararle fuori legge e a dare ordini alla Marina Militare di sequestrarle e se rifiutano di affondarle? Speriamo ci pensi la Marina Libica.

DemetraAtenaAngerona

Sab, 11/11/2017 - 14:55

Al mattino prendevo il sole sul mio Yacht vicino le coste siciliane, al pomeriggio un avaria alla strumenta- zione mi impediva di chiamare l'SOS per una falla. Poi per il mare grosso i miei amici annegarano tutti. Io mi chiamo Itala Italia, sono un'ottima nuotatrice, ero causa abbronzatura nerissima e sono muta. Le correnti mi trascinarono vicino le coste libiche al mattino successivo vidi 4 navi alla medesima distanza da me erano vicine ed erano: la C Star, una motov. libica, uno yacht e una nave di Medici Senza Frontiere...mi diressi verso quest’ultima, scartai le prime due, feci un pensierino sulla terza ma poi lesta lesta mi diressi verso la nave ONG, sperando di non essere vista e scambiata per una migrante dalle prime due, nera e muta...correvo grossi rischi...feci la scelta giusta...fui salvata.

DemetraAtenaAngerona

Sab, 11/11/2017 - 16:03

“….Peccato che sia l'Italia ad aver chiesto a Tripoli di fermare il flusso. Nonostante avesse il comando delle operazioni Sea Watch faceva quello che voleva e non si teneva a distanza per evitare l'effetto calamita sui migran ti….” QUINDI LA LIBIA I MIGRANTI LI RIPORTA IN LIBIA CONTRO LA LORO VOLONTA E LE ONG (a prescindere dalle ragioni del loro agire) RISPONDONO ALLA LORO VOLONTÀ, CIOÈ DI VENIRE IN EUROPA. LE ONG HANNO FIRMATO UN ACCORDO CON L’ITALIA UGUALE A QUELLO FIRMATO DALLA LIBIA? OVVIAMENTE NO! Se fossi un migrante pur di non essere “soccorso” dai libici, rischierei la vita per essere soccorso dalle ONG...quando fuggivo da Berlino Est o da Treblinka certo non avrei gradito il soccorso dei miei aguzzini...e chi se ne importa se i soccorritori veri lo fanno per soldi...però se esiste la parola oblato esistono anche gli oblati e tra questi ci sono anche le ONG. DeAtAn

DemetraAtenaAngerona

Sab, 11/11/2017 - 16:04

Al mattino prendevo il sole sul mio Yacht vicino le coste siciliane, al pomeriggio un avaria alla strumenta- zione mi impediva di chiamare l'SOS per una falla. Poi per il mare grosso i miei amici annegarano tutti. Io mi chiamo Itala Italia, sono un'ottima nuotatrice, ero causa abbronzatura nerissima e sono muta. Le correnti mi trascinarono vicino le coste libiche al mattino successivo vidi 4 navi alla medesima distanza da me erano vicine ed erano: la C Star, una motov. libica, uno yacht e una nave di Medici Senza Frontiere...mi diressi verso quest’ultima, scartai le prime due, feci un pensierino sulla terza ma poi lesta lesta mi diressi verso la nave ONG, sperando di non essere vista e scambiata per una migrante dalle prime due, nera e muta...correvo grossi rischi...feci la scelta giusta...fui salvata. DeAtAn

giza48

Sab, 11/11/2017 - 17:08

Penso che qui bisogna far chiarezza! Abbiamo o non abbiamo fatto un accordo con i libici per il contenimento dei migranti, che non si imbarchino per l'italia? Se si come il governa afferma, che senso ha avvistare un gommone , chiamare i libici più vicini e permettere le Sea Watch ONG tedesca estranea di contribuire al soccorso e provocare il disastro e non avere l'arresto da parte della marina Italiana. E' una faccenda gravissima: cosa aspettano in parlamento a chiamare San Minniti a rispondere di questo caos buonista cialtronesco di mancanza di regole precise di salvataggio in mare, ed escludere definitivamente queste ONG prezzolate da agire nel Mediterraneo?

Celcap

Sab, 11/11/2017 - 17:17

É veramente una cosa brutta come tutti quelli coinvolti, Repubblica, Soros, ecc. siano marci dentro. Pur di affermare le loro teorie e i loro interessi manderebbero in galera la propria madre. Meno male che i libici si premuniscono e girano i video sputtanandoli, ma se non ci sarà un giornale che farà una crociata contro di loro (come é stato fatto per Fini) zittiranno tutto e tutti e faranno come se niente fosse.

Ritratto di memeneutro

memeneutro

Sab, 11/11/2017 - 18:26

Italiani ma quando vi svegliate ,mo- e- adesso e l´ora della vend---a-o ribalta o come volete ma adesso svegliamoci tutti senno nello spazio di 20 anni siamo cucinati e fritti, e La Italia e solo un ricordo .(forse)saluti a tutti gli Italiani che amano veramente L´Italia.

Ritratto di francesco.finali

francesco.finali

Sab, 11/11/2017 - 18:41

Per anni ci hanno dato dei complottisti. Ma ormai da tempo la verità è venuta fuori e chi continua a negare l'evidenza, non può che essere un colluso. Qualcuno che in qualche maniera trae un profitto da questo business. Una #VERGOGNA che non è solo italiana, benché l'Italia sia attualmente governata da ignavi se non addirittura collaborazionisti. Spero che il giorno in cui tutto cambierà, sia vicino.

Ritratto di Omar El Mukhtar

Omar El Mukhtar

Sab, 11/11/2017 - 19:07

Leonida55: 1) Il Tribunale (Procura) di Ragusa è già al lavoro; 2) secondo le convenzioni internazionali i libici non possono riportare nei propri porti (in quanto non riconosciuti sicuri) proprio nessuno, 3) nel caso di specie il comando di questa operazione l'aveva la Guardia Costiera italiana. Che ci faceva l'elicottero della marina italiana? 4) i "militari" libici si sarebbero fatti intimidire da 4 pacifisti tedeschi? 5) Minniti è solo un gran cazxxxe!

angelovf

Dom, 12/11/2017 - 09:45

Ma io mi domando, perché Mediaset non mostra i video in tv? Questo veramente non si capisce.

seccatissimo

Dom, 12/11/2017 - 10:11

Direi che tra operatori della ONG e l'equipaggio della motovedetta libica facciano a gara a chi riesce a fare più casino ! Una mancanza di professionalità totale !