Omicidio Yara Gambirasio, difesa punta sul fratellastro di Bossetti

La nuova tesi servirebbe a giustificare la richiesta di una superperizia sul Dna trovato sul corpo della ragazzina di Brembate di Sopra

Massimo Bossetti potrebbe avere un fratellastro colpevole di aver ucciso Yara Gambirasio. Questa, secondo il settimanale Oggi, in edicola da domani, la clamorosa rivelazione che i difensori faranno davanti ai giudici della Corte d'Assise d'Appello di Brescia il prossimo 30 giugno. Gli avvocati di Massimo Bossetti, condannato in primo grado per l'omicidio della 13enne di Brembate di Sopra, punteranno sull'esistenza di un fratellastro, figlio di Giuseppe Guerinoni ma non di Ester Arzuffi, la mamma dell'indagato.

Se la notizia fosse vera, Ester Arzuffi potrebbe non essere la madre di "Ignoto 1", cioè dell'uomo che ha lasciato il suo Dna sugli slip della 13enne scomparsa il 26 novembre del 2010 e ritrovata senza vita tre mesi dopo, identificato in Bossetti. Quindi "Ignoto 1" e Massimo Bossetti non sarebbero la stessa persona ma figli dello stesso padre, ovvero Giuseppe Guerinoni, ma di due donne diverse. La tesi degli avvocati di Bossetti sarebbe necessaria per giustificare la richiesta di una superperizia, sempre negata dall'accusa, sugli indumenti della ragazza dai quali è stato estratto il Dna che ha portato a Ignoto 1 e poi a Massimo Bossetti. Un "Dna monco", perché privo della parte mitocondriale, cioè di quella parte che viene trasmessa in linea materna.

Il settimana Oggi rivela anche un'intercettazione risalente al 2012 tra vedova e figlia di Giuseppe Guerinoni, nella quale la donna confida alla figlia un tradimento dell'uomo. "Mi disse: Laura, scusami, ho fatto lo scemo", dice e la vedova, e la figlia Daniela sembra essere a conoscenza del fatto che il padre donava sperma a pagamento per delle inseminazioni artificiali. Proprio due mesi fa la madre di Bossetti, Ester Arzuffi, disse in un'intervista a Luca Telese su La7 di sospettare che il figlio Massimo e la gemella Laura Letizia possano essere frutto di una inseminazione artificiale.

Commenti

cecco61

Mer, 26/04/2017 - 16:58

L'ipotesi del fratellastro non è poi così peregrina visto che, la stessa accusa, ha definito il Guerinoni come un puttaniere e con relazioni ovunque fermasse il bus che guidava. Ad oggi non c'è prova che l'Arzuffi sia la madre di ignoto 1 e, a parte il DNA compatibile, non esiste altra prova a carico di Bossetti.

Gabriele184

Mer, 26/04/2017 - 17:38

Bossetti è innocente, e prima o poi verrà dimostrato che la tesi dell'accusa ha trascurato "dettagli" fondamentali. Ma, si sa, in Italia non si presta tanta attenzione ai "dettagli", che spesso e volentieri sono sostanziali!

Ritratto di Leonida55

Leonida55

Mer, 26/04/2017 - 18:02

Certo che se avessero sbagliato con lui, sarebbe gravissimo.

tonipier

Mer, 26/04/2017 - 18:20

"ORA USANO LA FANTASCIENZA PER RITORNARE INDIETRO AGLI ORRORI"

Raoul Pontalti

Mer, 26/04/2017 - 18:31

BUFALAAAAAA! Il muratore ha già due fratellastri figli legittimi dell'autista di Gorno e della legittima consorte dell'autista e pur avendo, in quanto discendenti dal medesimo padre, DNA simile tra loro, simile anche quello del padre e simile anche a quello del muratore e di Ignoto1, l'unico con DNA coincidente e non solo simile con quello di Ignoto1 rimane quello del muratore. Un altro fratellastro, o anche altri dieci e persino per assurdo figli oltre che dello stesso padre anche della stessa madre, avrebbero DNA diverso tra loro (eccetto i gemelli monozigoti) e diverso da quello di Ignoto1. Solo chi non ha mai aperto un trattato di genetica (o è in malafede) può sostenere la boiata di Salvagni e C.

lavieenrose

Gio, 27/04/2017 - 01:07

Raoul Pontalti leggo sempre con ammirazione quanto scrive, ma credo che questa volta qualche cosa non funziona. Ho girato il suo post a mio cognato che è tra i primi cinque genetisti a livello mondiale e quindi forse qualche cosa ne capisce. Mi ha risposto che anche lei dovrebbe leggere meglio testi anche elementari di genetica. Quando lo vedo gli chiederò perchè.

Ritratto di Mary_22

Mary_22

Gio, 27/04/2017 - 07:47

Certo...e il vero assassino, grazie alla deformazione del continuum spazio temporale, entra ed esce dal suo wormhole personale per ammazzare impunemente ragazzine innocenti, inseminare a loro insaputa povere mogli che mai hanno tradito e mettere al mondo suoi figliastri che passeranno la vita a cercare di dimostrare di essere si fratellastri, ma con Dna monco.

Raoul Pontalti

Gio, 27/04/2017 - 15:41

#lavieenrose hai un cognato bizzarro che risponde a spizzichi...Vi è un errore nel mio commento al quinto rigo dovuto alla fretta e alla mancata rilettura: “rimane quello del muratore” va letto “rimane il muratore”. Il senso è questo: stante l'unicità genetica di ciascun individuo è impossibile che due individui abbiano identità completa di tutto il patrimonio genetico con particolare riferimento ai cd marcatori genetici delle regioni ipervariabili del DNA e pertanto due fratelli non monozigotici ad un esame del loro DNA risulteranno comunque diversi (ed è anche il caso di tutti i fratellastri noti del muratore che sono tre più la sorella) . L'identità di Ignoto1 è stata stabilita in modo sicuro con il muratore di Mapello. Punto. Meglio farebbe la difesa a insistere sul mancato significato criminale della presenza del DNA del muratore sul corpo di Yara attribuendo a mero accidente tale presenza.