Omissione di soccorso

Il mercato di esseri umani fa ricchi soltanto gli scafisti. E parlare di ius soli ora è svuotare il mare con un bicchiere

Neppure il Mediterraneo, con la sua storia millenaria di rotte e di approdi, può reggere questo flusso di genti che partono sfidando la sorte, su imbarcazioni clandestine, senza regole né leggi. È un mercato di esseri umani, che fa ricchi gli scafisti e sparge miseria su tutti gli altri.

Questi sono giorni in cui i viaggi si moltiplicano, di caldo in caldo, il mare magari sembra una tavola, ma ci si muore lo stesso. Nelle ultime 48 ore più di 12.000 salvataggi e da gennaio sono sbarcati sulle coste italiane 76.873 immigrati, quasi diecimila sono bambini. Il governo ieri ha lanciato un allarme vero: non ce la facciamo più. Un appello all'Europa, ai vertici di Bruxelles, a Berlino, a Parigi, a tutti gli altri: per favore, dateci una mano. Fino ad arrivare a evocare una misura davvero straordinaria: la chiusura dei porti a tutte le navi che non battono bandiera italiana.

La risposta è una beffa. Dimitris Avramopoulos, commissario europeo agli Affari Interni, ha fatto la faccia preoccupata, si è addolorato e ha sussurrato che sì, non si può lasciare l'Italia da sola. Al primo vertice ne discuteremo, nella sede opportuna, nel frattempo mettiamo in bilancio un po' di soldi per farvi stare tranquilli. Complimenti. È come una nave che in mare lancia un Sos, qui siamo in troppi, naufraghi arrivano da tutte le parti, non possiamo soccorrerli e ospitarli tutti, siamo sull'orlo del disastro, affonderemo tutti. E la risposta di tutte le altri navi intorno, che da tempo ci guardano e sotto sotto commentano «vabbè sono i soliti esagerati, vedrai che fanno la tragedia per scucirci un po' di soldi», è un umiliante: state sereni, ora vi facciamo un bonifico.

Il messaggio è chiaro. L'onda migratoria senza fine e senza soluzione è un problema italiano. Non europeo, non tedesco, non francese. Ma se sopportate il disagio vi accontentiamo sui conti e sui vincoli di Bruxelles. L'importante è che gli immigrati non arrivino fino a noi e, visto che è meglio non fidarsi, cominciamo a chiudere le frontiere, come fa il simpatico francese Macron. Ora gli italiani, la gente che vota, questa storia l'ha capita. E non si fida più di chi sostiene che il problema non esiste. Di chi per troppo tempo ha fatto finta di nulla. Di chi, come unica risposta, sbandiera il diritto di cittadinanza. Parlare di ius soli proprio adesso è svuotare il mare con un bicchiere. È illudere chi, per azzardo o disperazione, si affida ai mercanti di anime.

Commenti

manfredog

Gio, 29/06/2017 - 22:51

..all'europa, e non solo, fa comodo che un po' di migranti (e si salvano tutti gli altri) con l'Italia tutta affondino. mg.

Ritratto di sekhmet

sekhmet

Gio, 29/06/2017 - 22:56

L'Italia è un codice rosso al pronto soccorso, al quale non occorre un consulto di professori, ma interventi rapidi, magari anche drastici. Fuor di metafora: i burocrati europei, di vertice in vertice, di discussione in discussione, lasceranno che l'Italia soffochi senza che nessuna decisione venga presa. Con l'avallo del governo italiano, beninteso. Sekhmet.

Ritratto di hernando45

hernando45

Gio, 29/06/2017 - 23:06

Se non si riesce a capire che piu ne vai a recuperare piu i trafficanti di schiavi ne metteranno in qualsiasi modo in mare (tanto il "materiale" di base non manca fino a SVUOTAMENTO di mezza Africa 500 milioni almeno) dato che da tempo hanno ormai capito che basta metterli in mare in un qualsiasi mezzo insicuro e chiamare la capitaneria per farli venire a prendere, le "traversate" non cesseranno. Sono anni che continuo a scrivere che bisogna fare come gli Americani, che non vanno a salvare nessuno, chi ce la fa ad arrivare con i propri mezzi (e saranno la METÀ della METÀ) verra atteso dentro le acque territoriali Italiane, RIPESCATO RIFOCILLATO e dato che saranno pochi controllato quale avente diritto al rifugio o NO. Ma chi ci sta S/governando da 4 anni (da Jo CONDOR a CATTIVONI passando per FROTTOLO) continua imperterrito a fingere di NON capire!!! AMEN.BUENAS NOCHES POVRES ITALIANOS.

Ritratto di ..WannaCry...

..WannaCry...

Gio, 29/06/2017 - 23:20

AFRICANI TORNATEVENE A CASA VOSTRA

Carlo36

Gio, 29/06/2017 - 23:26

Sala dice di non chiudere i porti, ma è possibile che un italiano dica tali scemenze? Le ONG vanno perseguite, processate e severamente condannate. Potete immaginare un medio evo in europa senza le città protette dalle mura? Impossibile, la nostra civiltà sarebbe finita da un pezzo. Quanti dementi come Sala, Renzi e Boldrini abbiamo in Italia? Sono mine vaganti che debbono essere distrutte, perché dotati di una demenza progressiva ed incurabile.

ESILIATO

Ven, 30/06/2017 - 03:35

Fermare gli sbarchi immediatamente avvicinare queste navi "soccorritrici" al limete delle acque territoriali, dare loro cibo ed acqua e dopo di che scortarle fuori dalle nostre acque territoriali.

Popi46

Ven, 30/06/2017 - 05:41

Parlare di ius soli ora è follia pura. Gli dei accecano la mente di coloro che vogliono perdere

Ritratto di Leonida55

Leonida55

Ven, 30/06/2017 - 06:23

Tutti i giorni ne arriva mediamente qualche migliaio. Sono passati 180 giorni e dicono che il totale fa 78.000. Strano. Ah, solo dalle nostre navi. Più gli alrti che sbarcano da soli abusivamente. Ma il totale aumenta a dismisura.

Ritratto di bobirons

bobirons

Ven, 30/06/2017 - 06:47

Avessimo dei governanti seri, del tipo che si cura degli interessi dei Cittadini amministrati e del tipo che per difenderli non si sente inferiore a nessuno, dovrebbero fare almeno due cose, la prima tenere le navi in porto e partire SOLO a richiesta di aiuto; la seconda dire, non chiedere, che il problema immigrazione è continentale e che tutta l'Europa deve collaborare, altrimenti faremo come loro, ce ne laveremo le mani. Agendo così, fra l'altro, ridurremmo drasticamente anche le partenze mancando la necessaria sicurezza di venire raccolti subito.

Ritratto di centocinque

centocinque

Ven, 30/06/2017 - 09:23

Cosa ci aspettiamo dalla inutile, costosa e ipocrita UE? Andiamocene e riprendiamo quello che è nostro: la sovranità