Ora è ufficiale: il Vaticano pensa a preti sposati tra gli indigeni

ll Sinodo sull'Amazzonia apre la strada ai "preti sposati": i primi a essere ordinati, se la riforma dovesse essere approvata, saranno degli indigeni anziani con una famiglia

Quella sui "preti sposati" tra gli indigeni dell'Amazzonia non è più una mera voce.

Se n'è parlato in molte circostanze, ma sempre in maniera ipotetica. La pubblicazione dell'Instumentum Laboris, che detta tempi e argomenti per l'appuntamento sinodale del prossimo ottobre, dispone come i vescovi riuniti possano dibattere dell'ordinazione come sacerdoti di persone anziane. Bastano la "chiara fede" e il fatto di essere "rispettati e accettati"pure in presenza di matrimonio. Vale la pena sottolineare come, per ora, l'eventuale novità, che andrà comunque approvata, sia destinata a riguardare solo quelle zone.

Il cardinale Walter Kasper, pochi giorni fa, aveva dichiarato che a suo parere, nel caso lo avessero richiesto i presuli, il papa della Chiesa cattolica avrebbe accettato una riforma di questo tipo. Sembra proprio questa la strada scelta. Nel teso si legge, come riportato dall'Agi, della "possibilità di ordinazione sacerdotale di anziani, preferibilmente indigeni, rispettati e accettati dalla loro comunità, sebbene possano avere già una famiglia costituita e stabile, al fine di assicurare i Sacramenti che accompagnano e sostengono la vita cristiana". Non si tratta di "viri probati", dunque, come era stato suggerito nelle fasi preliminari alla diffusione di questo testo. In quel caso si sarebbe parlato di persone che hanno alle loro spalle un matrimonio. L'Instrumentum Laboris si riferisce ad anziani con un nucleo familiare ancora esistente.

La rivoluzione sui "preti sposati" rappresenta la mossa della Chiesa per far fronte a una situazione di crisi vocazionale e di mancanza di sacerdoti, che in Amazzonia è più evidente rispetto ad altri luoghi, ma il timore dei contrari è che questa riforma possa presto investire l'intero consesso ecclesiale, introcudendo sacerdoti che hanno contratto un matrimonio per tutto il mondo.

Commenti

venco

Lun, 17/06/2019 - 15:11

E poi capita che questi indigeni dell'amazzonia vengono a fare i preti da noi.

parmenide

Lun, 17/06/2019 - 15:33

La chiesa cattolica romana sembra essere in agonia e el gaucho ne è il curatore fallimentare e gran cerimoniere a recitare il requiem. Non ci sono nel mondo occidentale vocazioni al sacerozio perchè in un mondo secolarizzato il sacro assume forme incosistenti e diafanea corporee. La chiesa non è capace di dare delle risposte esistenziali ad un modernismo che relativizza tutto ed allora trapianteranno preti dal terzo mondo da noi un innesto inappropriato e sterile . Dopo 2000 anni la chiesa morirà lasciando spazio in essa a quei fedeli dalla debole eta mentale. complimenti al pampero !!!

parmenide

Lun, 17/06/2019 - 15:35

cuktura dei Tucul o di qualche tribù amazzonica come viatico alla morte della chiesa cattolica.