Padova, ragazzini delle medie simulano esecuzione in stile Isis

In una scuola veneta cinque ragazzi sono stati sospesi per tre giorni dopo che hanno inscenato un'esecuzione in stile Stato Islamico e hanno messo le foto su internet

Una bravata di cattivo gusto. Cinque ragazzini di una scuola media di Piove di Sacco, nel Padovano, hanno simulato un'esecuzione in stile Isis, con tanto di decapitazione simulata.

Un ragazzo inginocchiato, con un coltello alla gola. Altri due alle sue spalle, in piedi, il volto coperto da sciarpe e cappucci. Un quarto assiste impassibile alla scena e un quinto scatta un selfie nello specchio. Lo scatto sembra essere stato realizzato negli spogliatoi della palestra.

Il tutto è stato ripreso con uno smartphone e quindi diffuso sui social network. I cinque, tutti ragazzini di buona famiglia e con ottimi risultati scolastici, sono stati sospesi per tre giorni e inseriti in un programma psicologico.

"Si tratta di un episodio inquietante - ammette la stessa dirigente scolastica Franca Milani - siamo intervenuti appena la cosa ci è stata nota, e con estrema decisione. Il procedimento disciplinare avviato nei confronti dei cinque ragazzi, che prevede la sospensione per tre giorni da scuola, è stato concordato con le loro famiglie e prevede anche un percorso con gli psicologi. Quello che abbiamo capito subito interrogando sull’episodio gli alunni - prosegue la Milani - è che per loro si è trattato di un gioco, di una ragazzata, ma è evidente che un contenuto così forte non può essere sottovalutato."

Ora i cinque avranno qualche giorno di tempo per riflettere sulla gravità del proprio gesto.

Annunci
Commenti

plaunad

Ven, 27/03/2015 - 10:52

Organizzino una bella gita scolastica in Siria o in Libia.

vince50

Ven, 27/03/2015 - 11:03

"si è trattato di un gioco,di una ragazzata".Perfetto,non credo ci sia da aggiungere altro.

SanSilvioDaArcore

Ven, 27/03/2015 - 11:07

Perchè sospenderli? Si stavano integrando ai nostri nuovi padroni...

alfa553

Ven, 27/03/2015 - 11:16

Questi smidollati devono tornare a fare la leva militare, la leva militare ci vuole.

grandeoceano

Ven, 27/03/2015 - 11:26

Piccoli cretini crescono...

Ritratto di Cobra31

Cobra31

Ven, 27/03/2015 - 11:39

Continuiamo a togliere dalla scuola i crocefissi ed i presepi. Continuiamo a parlare di islam, di integrazione ed a rinnegere le origini. Continuiamo a dare la colpe all'occidente per l'operato dell'isis. I cinque, che si sono integrati molto bene con l'islam, avranno qualche giorno di tempo per riflettere sulla gravità del proprio gesto ma gli adulti per quanti anni dovranno riflettere?

Ritratto di mario.leone

mario.leone

Ven, 27/03/2015 - 12:58

La colpa non è loro. Ma che caxxo gli hanno insegnato i loro genitori?

Ritratto di ANGELO LIBERO 70

ANGELO LIBERO 70

Ven, 27/03/2015 - 12:59

Il gesto è senz'altro di pessimo gusto ed i ragazzi andrebbero responsabilizzati per la sciocca leggerezza commessa. Altrettanto e con maggiore sforzo andrebbe rivolto verso i commentatori de Il Giornale che si compiacciono di fronte alla morte dei disperati che cercano di raggiungere il nostro Paese.

simone64

Ven, 27/03/2015 - 13:39

Razza Piave in caduta libera

Ritratto di gianniverde

gianniverde

Ven, 27/03/2015 - 13:42

Gesto di pessimo gusto,paese senza più ideali,non si sa più se mettere o togliere il crocifisso,non si distingue più il papà dalla mamma,l'unica cosa certa è che gli italiani si sono ritrovati a dover mantenere milioni di RISORSE (per i kompagni ed il vaticano lo sono)coll'aumento delle tasse ed altre nuove imposte.Io credo che i commentatori del GIORNALE ne abbiano le tasche piene(per non dire altro)di lavorare e subire per questi fancazzisti.Nonostante tutto i politicamente corretti col paraocchi non si accorgono di distruggere un paese che fino a qualche anno fa era florido ed accogliente.

Ritratto di scriba

scriba

Ven, 27/03/2015 - 13:55

IDIOTI DA VIDEO GIOCO. Ecco gli idioti allevati a video giochi e telefono... blu! Pieno accesso al porno, alle "guerre virtuali", al bullismo e divieto assoluto di frequentare la cultura in una "skuola" analfabeta e buonista. Con paghetta obbligatoria, vizi infiniti e assenza dei genitori (spesso più cretini dei figli), sostituiti dalla "skuola" di partito si fabbricano autentici imbecilli puniti con altrettanto imbecilli 3 giorni di sospensione da inesistenti "docenti". Teneteveli stretti!

Ritratto di ohm

ohm

Ven, 27/03/2015 - 15:15

Siamo vicino a pasqua....invece di onorare la resuscitazione di nostro Signore per non offendere la suscettibilità dei nostri fratelli mussulmani possiamo finalmente immortalare il taglio delle gole in nome di un Dio che mai e poi mai sarà il mio...e da buon cristiano dico 'piuttosto mi lascio uccidere dai VOSTRI fratelli mussulmani!'

tonyyy

Ven, 27/03/2015 - 15:21

Credo che i ragazzi ,forse senza volerlo , siano sulla strada giusta . denigrare e rendere poco serie le azioni e le idee di che invece fin troppo sul serio un libro sacro .... che c'è di meglio. Ricordatevi del monastero del nome dela rosa dove i frati uccidevano chei leggeva le commedie greche

plaunad

Ven, 27/03/2015 - 18:01

x tonyyy Ma tu a che ora incominci a bere .......?

Ritratto di enniodorissa

enniodorissa

Ven, 27/03/2015 - 18:10

CHE C'È DI STRANO? E' KULTURA QUELLA STESSA KULTURA CHE ARRICCHISCE IL NOSTRO PAESE TUTTI I GIORNI

teopompo

Ven, 27/03/2015 - 18:16

concordo con tonyyy, e poi, i ragazzini hanno sempre avuto un po' il gusto dell'horror/splatter. Il fatto che simulino una scena disgustosa non mi sembra proprio che richieda l'intervento dello psicologo... Non vuole assolutamente dire che approvano le azioni dell'isis, è solo un gioco di cattivo gusto: erano in 4, si divertivano tutti e 4 in questa recita; è molto peggio (e purtroppo molto frequente) quando il gruppo si coalizza e prende in giro il più debole, facendogli certamente del male. Certe volte gli adulti si fanno una quantità di seghe mentali...

Linucs

Ven, 27/03/2015 - 19:41

Altri poveri malati di mente pronti per l'eutanasia.

Ritratto di gianniverde

gianniverde

Ven, 27/03/2015 - 20:33

tonyy Il nome della rosa è un libro,ma ,non di storia.