Palermo, in carcere il marito della donna uccisa col taglierino

Marco Scavo 42 anni sottoposto a fermo dai carabinieri. Ha agito davanti agli occhi del figlio. Sembra non accettasse la separazione

Si chiama Marco Ricci, 42 anni, e i carabinieri di Carini, in provincia di Palermo, gli hanno notificato il fermo di indiziato di delitto, emesso dalla procura di Palermo, perché ritenuto responsabile dell'omicidio dell'ex compagna 36enne, Anna Maria Scavo. L'uomo è stato trasferito in carcere. L'episodio risale allo scorso 15 giugno. Ricci, secondo quanto ricostruito dagli investigatori, è entrato in un negozio di calzature nel centro di Carini dove la Scavo lavorava come commessa e l'ha aggredita con un taglierino alla presenza del figlio minorenne. Le indagini hanno permesso di acquisire "gravi indizi di colpevolezza" nei confronti del 42enne, portando all'emissione del provvedimento restrittivo, soggetto alla convalida del gip nelle prossime ore.

La prima ricostruzione dell'omicidio fornita da Ricci e dal figlio è risultata "incongruente" con le indagini portate avanti dai carabinieri della sezione investigazione scientifiche del nucleo investigativo di Palermo.

Più volte la donna pare avesse denunciato l'ex marito, Marco Ricci. I due si erano lasciati da un anno, ma sembra che lui non riuscisse ad accettare la separazione.