Paolini è fuori dal carcere. Disposti gli arresti domiciliari

Dopo 18 giorni in cella il disturbatore tv esce da Regina Coeli. Il Riesame: attutite le esigenze cautelari

Il tribunale del Riesame ha concesso gli arresti domiciliari a Gabriele Paolini. Il noto disturbatore tv era stato arrestato il 10 novembre con l'accusa di induzione e favoreggiamento della prostituzione minorile e di detenzione di materiale pedopornografico. Gli avvocati Lorenzo La Marca e Massimiliano Kornmuller avevano impugnato l'ordinanza di misura cautelare, sostenendo che non esisteva il pericolo che Paolini potesse reiterare i reati che gli sono contestati. A tal proposito, nell’istanza presentata, vengono citate le dichiarazioni dei due ragazzi minorenni, presunte vittime degli abusi, con le quali affermano che, tra l’altro, furono loro ad avvicinarlo. ll pm Claudia Terracina aveva espresso parere negativo al ritorno in libertà di Paolini. Ma il Riesame dopo 18 giorni di detenzione ha concesso i domiciliari a Paolini, che trascorrerà a casa dei genitori. Per il collegio che ha dovuto occuparsi del caso le esigenze a suo carico si sarebbero attenuate.

Commenti

aredo

Gio, 28/11/2013 - 16:44

Bhè certo.. un gay pedofilo di sinistra è un santo .. come i preti pedofili ..tutti bravi comunisti e cattocomunisti. Mica sono pericolosi come Berlusconi... eh! Se non sei gay, comunista e non dichiari il tuo amore per l'Islam ed i terroristi sei automaticamente pericoloso per i magistrati brigatisti '68ini...

Tergestinus.

Gio, 28/11/2013 - 17:04

Preti pedofili? Ma è roba passata, quelli c'erano ai tempi di Benedetto XVI! Da quando c'è Francesco chi sente più parlare di preti pedofili? A leggere i giornali fino a febbraio i preti erano tutti o pedofili, o potenziali pedofili o pedofili in pectore o ex pedofili se erano vecchi, da metà marzo invece sono tutti santi al servizio del prossimo. Che strano...

Ritratto di semovente

semovente

Gio, 28/11/2013 - 17:07

Altro perfetto esempio di giustizia inappuntabile. Bambini state chiusi in casa e genitori controllate avendo una bella arma al seguito. Fraiese in tempi lontani aveva adeguatamente lisciato questo lurido individuo cui è concesso ancora di circolare libero per le strade di questa specie di paese.

Ritratto di Geppa

Geppa

Gio, 28/11/2013 - 17:16

Perche' Paolini e' di sinistra??? e' comunista? ahahah ma davvero ormai parlate a caso, a categorie a squadre...ma ragionate con il cervello di Berlusconi ahahah

aredo

Gio, 28/11/2013 - 17:32

@Geppa: no..certo.. è un bravo fascista adesso..eh? "i compagni che sbagliano" diventano fascisti pentiti... (che poi la definizione in sè è errata perchè il fascismo così come il comunismo derivano tutti dal socialismo tanto quanto il comunismo e non sono la destra) Nessuno evidenzia poi come questo santo Paolini stava con Grillo fino a poco fa... tutta brava gente con Grillo... eh!

vince50

Gio, 28/11/2013 - 17:37

Questo figuro ha la faccia e l'espressione del pervertito disturbato mentale e senza dubbi comunistazzo.Del resto i comportamenti che ha sempre evidenziato sono inequivocabili,fortemente disturbato in tutto e per tutto.

Ritratto di Ezechiele lupo

Ezechiele lupo

Gio, 28/11/2013 - 17:37

Invece di metterlo nel braccio dei violenti lo hanno mandato da mamma e papà. Un' altra aberrazione della giustizia contro il Popolo italiano. Non mi importa niente delle sue preferenze politiche, mentre sono angosciato per quelle sessuali.

comase

Gio, 28/11/2013 - 17:43

se sei di sinistra ,gay e pure pedofilo va sempre bene!! W Putin

Ritratto di gianniverde

gianniverde

Gio, 28/11/2013 - 17:58

Questa è una gran bella notizia,le nostre toghe ci sanno fare!!!

Franco60 Ferrara

Gio, 28/11/2013 - 18:52

questa è l'Italia dei comunisti: pervertiti, e ignoranti

SAVATHEBEST

Gio, 28/11/2013 - 19:08

PAOLINI FUORI DAL CARCERE??? ALZATEVI IN PIEDI TUTTI E BATTETE LE MANI ALLA MAGNIFICA MAGISTRATURA ITALIANA.

SAVATHEBEST

Gio, 28/11/2013 - 19:10

X AREDO: ALMENTO IL FASCISMO ERA UN FENOMENO DEL TUTTO ITALIANO. NON COME I NOSTRI COMUNISTI (OPS PAGNOTTISTI) ITALIANI.