Papa Francesco ai cardinali: "Non siate apostoli da salotto"

Nella messa per il Concistoro, il Pontefice ha fatto un appello ai nuovo cardinali: "Bisogna confessare Gesù con la vita, no alle chiacchiere"

"Chiediamoci se siamo cristiani da salotto, che chiacchierano su come vanno le cose nella Chiesa e nel mondo, oppure apostoli in cammino, che confessano Gesù con la vita perchè hanno Lui nel cuore?". Questa la domanda di Papa Francesco risuonata oggi in piazza San Pietro durante la messa che celebra il Concistoro di ieri per la creazione di nuovi cardinali e arcivescovi.

Il Pontefice, che ha benedetto i palli, cioè le stole di lana bianche con croci nere che segnalano una stretta vicinanza alla Sede Apostolica, ha rivolto un appello ai cinque nuovi porporati e a 36 nuovi arcivescovi.

"Chi confessa Gesù - ha scandito Francesco - sa che non è tenuto soltanto a dare pareri, ma a dare la vita; sa che non può credere in modo tiepido, ma è chiamato a bruciare per amore; sa che nella vita non può galeggiare o adagiarsi nel benessere, ma deve rischiare di prendere il largo, rilanciando ogni giorno il dono di sè".

Parole che simboleggiano la spinta ad aprirsi al mondo che da sempre contraddistingue il pontificato di José Maria Bergoglio.

"Chi confessa Gesù fa come Pietro e Paolo: lo segue fino alla fine; non fino a un certo punto, ma fino alla fine, e lo segue sulla sua via, non sulle nostre vie. La sua via è la via della vita nuova, della gioia e della risurrezione, la via che passa anche attraverso la croce e le persecuzioni", le parole di Papa Francesco.

Durante il suo intervento, il Pontefice ha fatto riferimento anche alle persecuzioni che i cristiani di ogni parte del pianeta subiscono ogni giorno.

"Anche oggi in varie parti del mondo, a volte in un clima di silenzio - non di rado silenzio complice -, tanti cristiani sono emarginati, calunniati, discriminati, fatti oggetto di violenze anche mortali, spesso senza il doveroso impegno di chi potrebbe far rispettare i loro sacrosanti diritti", l'appello rivolto da Bergoglio durante l'omelia tenuta nella Solennità dei Santi Apostoli Pietro e Paolo.

Commenti
Ritratto di bracco

bracco

Gio, 29/06/2017 - 12:51

Bravo Bergoglio, cominciasse lui

investigator13

Gio, 29/06/2017 - 13:35

Bergoglio se non avesse perso l'orizzonte della preghiera in seno alla chiesa e avrebbe incentivato il Santo Rosario nelle parrocchie per fermare l'invasione afroislamica adesso staremmo tutti meglio, come si faceva del resto nel Medio Evo per fermare guerre, catastrofi, pestilenze e carestia con processioni e preghiere pubbliche. Ma già il papa si è infautato dell'islam

manfredog

Gio, 29/06/2017 - 13:57

..'Non siate apostoli da salotto'..magari da..camera da letto..!! (questa è cattivella..) mg.

scarface

Gio, 29/06/2017 - 14:15

E tu non fare papa da bar...

Renee59

Gio, 29/06/2017 - 14:37

Ma no, meglio fare il Sindacalista.

Ritratto di gloriabiondi

gloriabiondi

Gio, 29/06/2017 - 18:21

Bravo papa, torni ad essere una Chiesa di preghiera e non di propaganda filoislamica e pro migranti clandestini come l'ha fatta diventare lei!

Ritratto di gloriabiondi

gloriabiondi

Gio, 29/06/2017 - 18:25

Apostoli da salotto? C'è un detto: "la donna deve essere cuoca in cucina, signora in salotto e pxxxxxa a letto" Qualcuno lo faccia sapere a Bergoglio così impara a straparlare.

Ritratto di wilfredoc47

wilfredoc47

Gio, 29/06/2017 - 22:06

Ma se è proprio lui che sta rendendo superfluo Gesù Cristo!