Papa Francesco arrivato a Cuba: storico incontro col patriarca

L'incontro con il primate ortodosso di Mosca: un evento atteso dallo scisma del 1054

Papa Francesco e il Patriarca di Mosca e di tutta la Russia Kirill si sono abbracciati all’Avana, dove il primo - che è diretto in Messico - ha raggiunto il secondo che vi sta compiendo una visita pastorale. Un gesto che richiama alla memoria un’altra prima volta: l’abbraccio di 50 anni fa a Gerusalemme tra Paolo VI e il patriarca ecumenico Atenagora a Gerusalemme.

"Questo viaggio è stato fortemente voluto da mio fratello Cirillo e da me", ha affermato poche ore fa Papa Francesco salutando nel volo da Roma i giornalisti che lo seguono nel suo 12esimo viaggio internazionale". Subito dopo il primo saluto - in una sala dell’aeroporto Josè Marti - tra un vescovo di Roma e il capo della più forte chiesa ortodossa, è iniziato il colloquio privato che dovrebbe durare un paio d’ore e sarà seguito dallo scambio di discorsi e dalla firma di una dichiarazione congiunta che sancisce una convergenza tra le due chiese anche su temi caldi come la protezione che viene richiesta per i cristiani del Medio Oriente e particolarmente per quelli perseguitati in Siria e Iraq ma anche la difesa della famiglia fondata sul matrimonio uomo-donna che sta a cuore a entrambe le comunità ecclesiali. Papa Francesco ha salutato Kirill con le parole: "Fratello, finalmente", prima di abbracciarlo. Ed ha ripetuto la parola "fratello" 4 o 5 volte. "Siamo fratelli, è molto chiaro che questa è la volontà di Dio", ha continuato prima che fossero allontanati i giornalisti perchè il colloquio tanto atteso potesse svolgersi nella massima libertà. All’inizio nella sala del cerimonaile di Stato dell’aeroporto Josè Martin erano presenti con il Papa, il Patriarca e gli interpreti anche il metropolita Hilarion, "ministro degli esteri" del patriarcato di Mosca e il cardinale svizzero Kurt Koch, presidente del dicastero per l’unità dei cristiani.

Annunci

Commenti
Ritratto di tempus_fugit_888

tempus_fugit_888

Ven, 12/02/2016 - 20:42

Bisogna riconoscere che Kirill ha un cappello molto più elegante di Bergoglio.

Ritratto di tempus_fugit_888

tempus_fugit_888

Ven, 12/02/2016 - 20:44

Evento storico, importante passo in avanti nel ... bohhhh, insomma, roba grossa. Immagino che Totonno esulti.

paolonardi

Ven, 12/02/2016 - 20:54

L'incontro fra un gigante e una nullita' vestita di bianco.

Aristofane etneo

Ven, 12/02/2016 - 20:56

Finalmente! Speriamo che da adesso non si sia fratelli coltelli.

Ritratto di RubinRomario

RubinRomario

Sab, 13/02/2016 - 00:34

Quest'incontro é piú che STORICO, é FONDAMENTALE... per la sopravvivenza della RELIGIONE sia Cattolica che Ortodossa, dovuto alla seria minaccia dell'invasione di islamici nel continente europeo. É un'invasione subdola, difficimente arrestabile, e non si tratta solo di miserabili in cerca di pace, di pane e di riposo, si tratta di una colonia... di un esercito di fedeli di una religione che ha come primario obiettivo quello di diffondersi conquistando territori da islamizzare con milioni di infedeli da convertire o da sacrificare. Quello che hanno capito "in tempo" due Capi di Chiesa NON HANNO ANCORA CAPITO I CAPI DI GOVERNO DEGLI STATI EUROPEI. Stiamo vivendo una emigrazione di massa che porterá la guerra nel nostro continente, la miseria e la distruzione. LA STORIA SI RIPETE. No, non ho fatto uso di allucinogeni, non ce n'é bisogno... é davanti agli occhi di tutti. Basta "vedere" e non solo guardare.

Ritratto di Situation

Situation

Sab, 13/02/2016 - 07:27

accoppiamento carnal-religioso tra due blatte crociate della peggior specie: chissà con quale menomazione sarà un possibile nascituro (666?). Skifo

gigetto50

Sab, 13/02/2016 - 08:02

......non so....ma allora il cattolicesimo é stato cosi' cattivo, nefasto e distruttivo? Con questo Papa mi pare tutto un calar di braghe....boh...forse sevira'...a cosa non so...tanto a parte gli abbracci ed i convenevoli di facciata, ognuno rimane della propria idea....

Massimo Bocci

Sab, 13/02/2016 - 08:10

Però questi specie di patriarchi??? Archi chi??? Hanno fatto presto, il prossimo randevu tra mille anni, sembra d'essere in Italia a sono a Cuba allora è uguale,veri democratici del...........

vince50_19

Sab, 13/02/2016 - 08:21

Un incontro storico fra due capi religiosi discendenti dalla medesima "origine". Da cattolico sono soddisfatto e spero che la fratellanza con gli ortodossi sia ora in "discesa", un "punto in più" che unisca ancor più le due chiese nel prosieguo di questo importante evento. Complimenti vivissimi a Francesco e Cirillo che hanno fortemente voluto questo incontro.

vince50_19

Sab, 13/02/2016 - 08:26

paolonardi - Se mi fa qualche esempio concreto che dia "fiato e validità" ai suoi pensieri gliene sarò grato.

Ritratto di Roberto53

Roberto53

Sab, 13/02/2016 - 09:05

Tutto quello che fa è storico? O è solo propagandistico di se stesso?

Ritratto di tempus_fugit_888

tempus_fugit_888

Sab, 13/02/2016 - 10:09

Questo è il Grande miracolo delle religioni: trasformare il NULLA in QUALCOSA che appaia grandioso agli occhi dei POVERI DI SPIRITO.

Ritratto di tempus_fugit_888

tempus_fugit_888

Sab, 13/02/2016 - 13:32

Il mio sogno nel cassetto è ascoltare RubinRomano (00:34) che fa l'esegesi della CRITICA DELLA RAGION PURA di Immanuel Kant.

vince50_19

Sab, 13/02/2016 - 15:50

tempus_fugit_888 - Io, cattolico e praticante, dico che non mi sento povero di spirito e nulla dico ai "farisei" come lei.

Ritratto di tempus_fugit_888

tempus_fugit_888

Sab, 13/02/2016 - 16:50

vince50_19 (15:50) Tu non conosci il significato del termine fariseo cioè, secondo il vangelo, chi ostenta rigore morale e assoluta osservanza alla legge mosaica. Non è il mio caso. Semmai sei tu che ti dichiari "cattolico e praticante". In ogni caso io non ho deriso i poveri di spirito, semmai è stato gesù cristo a benedirli. Quindi rallegrati: sei cattolico, praticante, povero di spirito e andrai in paradiso.

Ritratto di tempus_fugit_888

tempus_fugit_888

Sab, 13/02/2016 - 16:54

Dopo questo "storico" incontro foriero del riavvicinamento fra dur grandi religioni possiamo stare sicuri che il destino dell'umanità è profondamente cambiato. Tutto sarà diverso in futuro. Già ne percepisco gli effetti a sole 24 ore di distanza.

vince50_19

Dom, 20/03/2016 - 16:56

tempus_fugit_888 - "Questo è il Grande miracolo delle religioni: trasformare il NULLA in QUALCOSA che appaia grandioso agli occhi dei POVERI DI SPIRITO." In questo concetto non c'è ironia verso chi crede in quella (o altre) religione, quale che essa sia, quando si parla di NULLA? Faccia il bravo, su.. Lei è un fariseo, un sottile falso ed ipocrita che guarda alla forma ma non alla sostanza (Matteo - Matteo 23, 13 e 23, 27), ma non se ne accorge.