Papa Francesco rinuncia a farsi ritrarre sulle monete vaticane

Il Sommo Pontefice ha deciso di sostituire "gradualmente" l'immagine del proprio volto con lo stemma del suo Pontificato sulle monete euro del Vaticano

Francesco si spoglia di una delle ultime vestigia del potere temporale: il Papa ha infatti stabilito che le monete della Città del Vaticano non porteranno più impresso il suo volto come era storicamente da secoli.

Si tratta di una decisione storica, appresa dalla Gazzetta ufficiale dell'Unione Europea, su cui vengono riportati tutti i i cambiamenti delle singole versioni nazionali delle monete dell'euro. Il Vaticano, pur non facendo parte dell'Unione Europea, ha adottato bilateralmente la moneta unica sin dalla sua introduzione.

Il volto del Pontefice regnante verrà "gradualmente" sostituito dall'effigie con lo stemma papale, già presente su tutti i documenti ufficiali e nelle occasioni di rappresentanza.

Si tratta dell'ultimo di una lunga serie di gesti altamente simbolici che Francesco ha voluto compiere per abbandonare sempre di più le sue prerogative di sovrano temporale e di capo di Stato, a favore di una Chiesa meno potente e più povera.

Commenti

Keplero17

Ven, 27/01/2017 - 18:42

E rinunciare all'8 per mille?

baronemanfredri...

Ven, 27/01/2017 - 19:20

HA RAGIONE CHE DOVEVA METTER DALL'ALTRO LATO DELLA MONETA LA MEZZA LUNA?

manfredog

Ven, 27/01/2017 - 19:27

..be', almeno questa ce l'ha risparmiata; quindi questo papa..non varrà nemmeno un..soldo..!! mg.

Ritratto di riflessiva

riflessiva

Ven, 27/01/2017 - 20:06

Si dimostra sempre più grande questo Papa.

un_infiltrato

Ven, 27/01/2017 - 20:09

Veramente un Grande. Lo infastidiscono le cose che solo i "piccoli" hanno bisogno di fare. Un vero, autentico, vicario di Cristo.

cecco61

Ven, 27/01/2017 - 20:12

Oltre all'otto per mille, iniziare a pagare l'IMU? Accogliere i migranti in Vaticano? O almeno nelle migliaia di appartamenti vuoti detenuti a Roma? Come sempre questo papa è tutto chiacchiere e distintivo: tanta forma ma poca sostanza.

PEPPA44

Ven, 27/01/2017 - 20:24

Questo sì che è un grande cambiamento altro che risolvere problemi che riguardano la pedofilia e l'omosessualità all'interno della Chiesa Cattolica!

ziobeppe1951

Ven, 27/01/2017 - 20:34

Vedrei bene l'effige di al-Baghdadi

maurizio50

Ven, 27/01/2017 - 20:40

Per il momento non hanno ancora messo l'effigie di...Maometto. Ma non si sa mai!!!

Trinky

Ven, 27/01/2017 - 23:26

riflessiva...ha ragione, si dimostra un grande PAGLIACCIO....avrebbe fatto meglio a dire: rinuncio all'8 x 1000 in favore dei bisognosi! Intanto manco una parola per i morti dell'albergo....mica sono i suoi fratelli clandestini! speriamo si tolga dalle scatole prestissimo!

Tergestinus.

Ven, 27/01/2017 - 23:52

Keplero17: Bravo genio! Così dopo lo stato si papperebbe anche quei soldi lì e li sprecherebbe come solo lo stato sa fare (non che la Chiesa brilli per come gestisce i suoi soldi, tutt'altro, ma meglio dello stato italiano li gestisce sicuramente)!

vittoriomazzucato

Sab, 28/01/2017 - 07:38

Sono Luca. E fa bene: il suo volto anche se non viene ricordato va tutto a merito della Chiesa che comincia a capire che errore ha fatto con la sua elezione. GRAZIE.

Ritratto di gianniverde

gianniverde

Sab, 28/01/2017 - 08:59

Meno male almeno questo ce lo risparmia,e se rinunciasse all'8 per mille sarebbe ancora meglio,e pure se pagasse l'IMU su tutte le proprietà della chiesa,e pure se invece di dire a noi di accogliere i clandestini togliesse i muri di cinta del vaticano ed accogliesse la sua parte di risorse.Troppo comodo :armiamoci e partite.!!

routier

Sab, 28/01/2017 - 12:39

Sai che sforzo? Condannare apertamente le varie Onlus che, ispirandosi al cattolicesimo, lucrano e speculano sulle miserie umane? No! Questo non si fa. Pecunia non olet! Richiamare severamente tanti vescovi che per malintesa carità cristiana chiudono un occhio (talvolta anche due) sulla diffusa pedofilia dei preti? No! Anche questo non si fa. In compenso si rinuncia alla propria effige sulle monete. Ognuno è libero di fare le sue scelte, ma questo non lo esime da critiche.