Pensioni d’oro, così i sindacalisti si "regalano" un assegno più ricco del 30%

In 18mila, in Italia, godono di questo privilegio

I sindacalisti italiani possono andare in pensione con un assegno il 30% più alto (in media), a parità di contributi versati a Inps. Un comodo e lecito (seppur moralmente ingiusto) privilegio di cui godono grazie ai soldi dei contribuenti e grazie a un codicillo contenuto nella legge n° 564 del 1996 che, di fatto, permette ai sindacalisti di fare affidamento su una contribuzione aggiuntiva versata all’organizzazione nella quale militano e servono.

Insomma, una sorta di pensione d’oro come quelle della tanto vituperata "casta" dei politici che, anche per pochi anni, hanno seduto sullo scranno in Parlamento. Come ricorda il Quotidiano Nazionale, a mettere nel mirino questo contorto meccanismo è stato (anche) il presidente dell’Inps Tito Boeri, che ha sottolineato come i contributi integrativi versati dagli esponenti sindacali siano garanzia di un assegno Inps calcolato non su base contributiva, bensì su quella retributiva. Con quale conseguenza? Presto detta: 18mila sindacalisti italiani ricevono, ogni mese, un trattamento pensionistico di lusso, e di netto superiore rispetto alla cifre realmente versate all’Istituto nazionale di previdenza sociale.

Ora, sia il governo che l’Inps vogliono intervenire per sistemare il cortocircuito legislativo, ma anche se l’esecutivo farà qualcosa, è assai probabile che la norma verrà corretta in modo non retroattivo. Per cui, chi ha già maturato il diritto all’integrazione, continuerà a vedersela arrivare ogni mese.

Interessante, infine, anche la classifica degli stipendi dei big dei sindacati italiani, sempre stilata dal QN. La più ricca è Susanna Camusso (Cgil), che si porta a casa ogni 30 giorni 4mila euro netti, seguita a pochi euro da Annamaria Furlan (Cisl) con 3964 €. Terzo gradino del podio per le pensione di Carmelo Barbagallo (Uil) da 2.800 netti mensili, mentre l’ex leader della Fiom Maurizio Landini fa affidamento su uno stipendio più leggero pari comunque a 2.250 netti e comunque sempre il doppio di un operaio metalmeccanico.

Commenti
Ritratto di mariosirio

mariosirio

Lun, 09/07/2018 - 16:23

Il senso dell'urlo Le Pensioni Non si Toccano

semelor

Lun, 09/07/2018 - 16:53

Non si smentiscono MAI!!!!! - compagno, compagno lavora tu che io magno!

spigolatore

Lun, 09/07/2018 - 17:19

..hanno seduto???????? o: sono stati seduti?

silvano45

Lun, 09/07/2018 - 17:37

I compagni rimangono sempre gli stessi ci danno lezione di morale di vita ma quando si tratta di soldi e privilegi sono pronti ad approfittarne alla grande.

Ritratto di hernando45

hernando45

Lun, 09/07/2018 - 17:52

A questo servono le magliette rosse!!! AMEN.

Ritratto di dr.Strange

dr.Strange

Lun, 09/07/2018 - 18:01

i rappresentanti dei lavoratori...che non hanno mai lavorato in vita loro ed hanno sempre difeso solamente se stessi. buffoni!

Ernestinho

Lun, 09/07/2018 - 18:02

Falsi ed ipocriti!

Giorgio5819

Lun, 09/07/2018 - 18:07

...quelli che da almeno 50 anni mangiano sulle spalle dei lavoratori, boccaloni, che gli danno credito. Sono solo un'escrescenza del cancro comunista.

leopard73

Lun, 09/07/2018 - 18:28

Noi paghiamo la tessera e loro sono la per fare i propri comodi questi lazzaroni vanno cacciati a calci in cxxo.

Giorgio Colomba

Lun, 09/07/2018 - 18:38

Vogliamo parlare della Legge Mosca?

dot-benito

Lun, 09/07/2018 - 18:40

SI SAPEVA MERITO DELLA FAMIGERATA LEGGE TREU E POI SI LAMENTANO QUESTI BASTARDI

ilpassatore

Lun, 09/07/2018 - 19:05

Arrivera' presto il tempo anche per loro.

Ritratto di LANZI MAURIZIO BENITO

LANZI MAURIZIO ...

Lun, 09/07/2018 - 19:45

e meno male che dicono che la legge è uguale per tutti. Il problema è che non si è mai visto un sindacalista lavorare, eppure succedono queste cose assurde.

Ritratto di LANZI MAURIZIO BENITO

LANZI MAURIZIO ...

Lun, 09/07/2018 - 19:46

Fico taglia i vitalizi della Camusso se ne hai il coraggio e le palle.

Ritratto di Cobra31

Cobra31

Lun, 09/07/2018 - 20:16

ma a loro non si applica l'abuso di diritto?

sparviero51

Lun, 09/07/2018 - 22:02

RICORDO MOLTO BENE CHE COSTORO SI "OFFRIVANO" DI LAVORARE NEI GIORNI DI RIPOSO GUADAGNANDO PIÙ DEL DOPPIO E FACEVANO ATTIVITÀ SINDACALE NEI GIORNI NORMALI .CON L'ASSENSO E LA COMPLICITÀ DELLE AZIENDE A CUI FACEVA COMODO TENERSELI BUONI !!!

Ritratto di Leonida55

Leonida55

Mar, 10/07/2018 - 00:31

Non fateci incazzare più del solito.

Ritratto di Arduino2009

Arduino2009

Mar, 10/07/2018 - 01:16

Cambiare la legge anche per loro, che tra l'altro non hanno mai lavorato e hanno succhiato dai proletari ignoranti.

il sorpasso

Mar, 10/07/2018 - 06:28

Ho piacere per tutti coloro che hanno la tessera del sindacato e che percepiscono pensioni da fame!!! Da almeno 30 anni i sindacati non esistono più: chiedete ai vari Bertinotti ecc.ecc. quanto percepiscono di pensione?

Duka

Mar, 10/07/2018 - 06:42

Sindacati e PC sono la rovina dell'Italia.

gpl_srl@yahoo.it

Mar, 10/07/2018 - 06:55

e non si vergognano!

stefano751

Mar, 10/07/2018 - 09:26

Si danno tanto da fare contro i lavoratori italiani, contro i pensionati, contro la povera gente, quindi è giusto premiarli: senza di loro i poveri starebbero tutti meglio. Potete chiudere perchè non servite a niente, non abbiamo più bisogno di voi. Siete politicizzati. Prendete esempio dal Generale Cinque che disse ai ragazzi disagiati: sarei contento di riporre nell'armadio la divisa, se non ci fossero più persone che commettano reati.

stefano751

Mar, 10/07/2018 - 09:31

Questi sindacalisti vengono premiati dalla sinistra perchè sono loro grandi alleati politici. Quando il CDX voleva abolire l'art. 18 hanno fatto scendere in piazza milioni di lavoratori e c'è scappato il morto. Ma quando la sinistra ha abolito l'art. 18 non hanno inscenato nessuna protesta. Ma di che stiamo parlando?