Perché domenica tutti alle urne

I trattati di 25mila parole sulle caramelle fanno ridere, o meglio piangere, ma garantire la pace per i nostri figli e nipoti è una cosa terribilmente seria

Ci sono diversi motivi per essere arrabbiati con l'Europa al punto da giustificare disinteresse per le elezioni o un voto di rabbia. In questo senso la migliore sintesi la fece anni fa un grande politico tedesco, Franz Strauss, che governò a lungo la Baviera, regione che insieme alla Lombardia è il motore economico del Continente: «I dieci comandamenti - scrisse in tempi non sospetti - contengono 279 parole, la Dichiarazione americana d'indipendenza 300 e le disposizioni della Comunità europea sull'importazione di caramelle esattamente 25.911». Sconfortante, oltre che assurdo, ma parliamo pur sempre di caramelle, anche se altrettanto si potrebbe dire sulle leggi europee che vorrebbero regolare la lunghezza delle zucchine o la crosta dei formaggi.

Se però ci eleviamo da queste miserie e leggiamo un paio di libri scopriamo che l'Europa è anche altro, è stata e deve rimanere anche altro. L'aveva capito già due secoli fa, non senza qualche interesse egemonico personale, Napoleone Bonaparte: che scrisse: «Abbiamo bisogno di una legge europea, di una Corte di cassazione europea, di un sistema monetario unico, di pesi e di misure uguali, abbiamo bisogno delle stesse leggi per tutta Europa. Avrei voluto fare di tutti i popoli europei un unico popolo... Ecco l'unica soluzione!». Un sogno, un'utopia? Può essere, ma poi ci sono i fatti reali. Senza scomodare l'imperatore, io so di essere il primo esponente della mia genia che è nato, cresciuto, e invecchiato senza essere coinvolto in una guerra. Faccio parte della prima generazione di uomini non soldati carne da macello e questo è successo non a caso ma perché dopo gli orrori della prima e seconda guerra mondiale i paesi decisero di unirsi in una unione di interessi che portò poi all'attuale Unione europea.

Sempre non a caso, l'unico conflitto di cui sono stato spettatore in Europa, quello nei Balcani, è scoppiato tra nazioni che all'epoca dei fatti erano rimasti fuori dalla costruzione di quel patto. I trattati di 25mila parole sulle caramelle fanno ridere, o meglio piangere, ma garantire la pace per i nostri figli e nipoti è una cosa terribilmente seria. E non possiamo né darla per scontata né metterla a rischio, affidandoci a dilettanti e avventurieri. Quindi domenica andiamo tutti a votare per chi l'Europa la vuole sì cambiare ma mai e poi mai distruggere. Neppure per scherzo o tornaconto elettorale.

Commenti

INGVDI

Gio, 23/05/2019 - 15:18

Bene Sallusti, saggio editoriale.

dagoleo

Gio, 23/05/2019 - 15:38

si. a queste elezioni europee bosogna andare a votare. assolutamente.

carlottacharlie

Gio, 23/05/2019 - 15:40

Lei ha ragione, si è arrabbiati e schifati da questa Europa; come continente fece gola a molti, anche Napoleone ed Adolf e Lenin- per dire solo quelli nelle vicinanze- e non ci meraviglia faccia acquolina ancor oggi. Le assicuro che ho letto libri su libri dei migliori al mondo: i pro ed i contro. Non credo riusciremo mai essere sol popolo, un solo esercito e tasse uguali e tutto quel che servirebbe perchè si sia uniti. Siamo diversi, diversi nel profondo, Tra noi ci sono paesi con la fissa dell'egemonia e quelli che, in fondo, ci odiano per invidia, quelli che vorrebbero fossimo tutti pro Africa per interesse loro e quelli folli come solo noi possiamo esserli e, poi tanti diversi dagli altri. Cosa possa essere bene o male ancora nessuno lo sa e fa paura, a noi, di diventar servi adatti a firmare l'idiozia del momento di chi amerà il proprio paese ma non noi che mai abbiamo avuto un Governo forte ma dei pupazzi a tempo.

VittorioMar

Gio, 23/05/2019 - 15:58

.si deve andare a VOTARE CONVINTAMENTE per INTACCARE ED INCRINARE L'ASSE FRANCO-TEDESCO ...anche se a fare la PADRONA DI CASA sarà sempre la GERMANIA.per un piccolo particolare: NON HA LA SOGLIA DI SBARRAMENTO..L'ITALIA SI!! ..mi domando perché QUESTA DISPARITA' ??..si deve sperare che anche in GERMANIA si AFFERMINO I POPULISTI....!!

Popi46

Gio, 23/05/2019 - 16:43

vasto programma per un continente che,culturalmente parlando, ha le sue radici in Atene,Sparta,Tebe, Roma, ma che,oggi,non è riuscito ancora a darsi un’anima comune, sperduto com’è fra dimensioni delle vongole e lunghezza delle carote.....

Ritratto di robocop2000

robocop2000

Gio, 23/05/2019 - 17:35

SEMPLICE. TUTTI AL VOTO PER VOTARE LEGA E FRATELLI D'ITALIA. QUANTO A FARSA ITALIA HA I MESI CONTATI !!!

epc

Gio, 23/05/2019 - 17:51

Gli unici in Italia che vogliono cambiare l'Europa senza distruggerla sono Lega e FdI. Per questo andrò domenica convintamente a votare per uno di questi due partiti.

Cheyenne

Gio, 23/05/2019 - 17:55

In ogni realtà la UE come NATO o come singolo stato ha fatto guerre dappertutto

Ritratto di DARDEGGIO

DARDEGGIO

Gio, 23/05/2019 - 18:02

Perchè l'europa è importante. E' importante perchè ci tiene stretto al collo un cappio che può stringere più o meno a seconda di chi c'è a rappresentarci. Scarterei a priori le varie pletore affaristiche, affiliate politicamente a banche, istituti finanziari, lobby affaristiche, magistrature deviate. Seguendo questo criterio, restano pochi partiti in pista.

Giancarlo Vittorio

Gio, 23/05/2019 - 21:10

Credo sia la prima volta che condivido quanto scritto dal direttore. E condivido della prima all'ultima parola. Si vede che se uno ha pazienza e insiste nel leggere il giornale, alla fine trove qualcosa che con divide.

Uncompromising

Gio, 23/05/2019 - 21:48

Assolutamente d'accordo su ogni parola. Grazie Direttore per avere sottolineato l'importanza del voto.

Destra Delusa

Ven, 24/05/2019 - 00:31

E' il secondo scritto del direttore che condivido (sono anni che ogni tanto passo da queste parti). Ben vanga un po' di saggezza visto che la destra attuale è troppo sovranista, figlia di un nazionalismo estremo ormai obsoleto, antistorico, e soprattutto antieconomico. In effetti questa destra è anche un po' rozza politicamente. I personaggi in circolazione non hanno statura e la raffinatezza degli storici statisti di destra, sembrano più bulli di periferia. Per quanto riguarda l'Europa solo gli sprovveduti e i poco preparati non ne capiscono i vantaggi.

forzanoi

Ven, 24/05/2019 - 06:19

Votare necessario mai come oggi per difendere la democrazia a rischio, per un'Europa forte e giusta perchè da soli non si va da nessuna parte e per far cadere questo tragicomico governo che sta portando l'Italia alla rovina!

VittorioMar

Ven, 24/05/2019 - 07:57

...è importante non solo ANDARE A VOTARE ma votare con "INTELLIGENZA" per non DISPERDERE E PERDERE VOTI votando FORMAZIONI POLITICHE che non hanno la possibilità di superare la SOGLIA di SBARRAMENTO del 4%!!...e bilanciare quei PAESI NORDICI "COLONIE" Tedesche ..serve un voto MEDITERRANEO ...se vogliamo MODIFICARE la UE....!!!

FlorianGayer

Ven, 24/05/2019 - 09:05

L'Europa ha anche altri motori economici oltre a Baviera e Lombardia: nella sola Germania c'è pure il Baden Wuerttenberg, che conta politicamente meno della Baviera ma è lo stato di Stoccarda (tanto per dire). Quanto ai regolamenti: ci sono tanti tipi di caramelle, ci sono grossi giri di soldi, c'è un pubblico vulnerabile, quindi ci sono tante regole. Ad inizio del 900 le caramelle si coloravano con l'anilina... Chissà quante ironie suscitò al tempo la Legge della Purezza sulla birra, emessa in Baviera.

Ritratto di dlux

dlux

Ven, 24/05/2019 - 11:07

Direttore, non mi pare che sia stata evidenziata l'ennesima assurdità di questa Europa: oggi votano in qualche paese dell'Unione, domani in qualche altro e domenica nei rimanenti. E' normale? E' come se in Italia, per le politiche, si votasse in giorni diversi; non sarebbe consentito, vero? Sono sempre più scettico...

Ritratto di marione1944

marione1944

Ven, 24/05/2019 - 12:02

si legge spesso: ... sei tu chi può darti di più? Non sei tu ma loro, di più te lo possono dare tutti ma il voto è solo tuo e tua è la possibilità di cambiare ciò che non ti va bene. Bravo Sallusti, TUTTI A VOTARE.

Ritratto di dlux

dlux

Ven, 24/05/2019 - 13:28

Certo, che bisogna andare tutti a votare, ma sapendo anche per chi votare! Votereste, per esempio, per il PD? Sarebbe come darsi la zappa sui piedi, visto che è il responsabile principale della rovina dell'economia italiana, con i vari governi delle sinistre. Poi ci sono anche altri responsabili, per esempio Forza Italia, che quei governi ha appoggiato e se ne è resa complice, non solo, ma che ha anche intenzione di coalizzarsi coi Socialisti a livello europeo. Quindi, anche solo per esclusione, rimane la Lega (che fa venire un po' di mal di pancia per il suo accordo coi balordi 5selle) e, soprattutto, Fratelli d'Italia. Pensateci un attimo e sarete d'accordo con me.

Ritratto di ilsaturato

ilsaturato

Ven, 24/05/2019 - 14:06

Caro Direttore, è sicuro che non siamo più "carne da macello"? Almeno i soldati in guerra vengono dotati di strumenti per difendersi/attaccare... decenni di cattocomunismo e di occupazione sistematica (e intoccabile) di molti gangli chiave del nostro sistema-stato ci hanno sempre più intrappolati in recinti invalicabili che si chiamano informazione asservita, magistratura ideologizzata, istruzione a senso unico (rosso), sindacati paralizzanti e anti-impresa, banche vampire e lottizzate dalla politica, burocrazia asfissiante, fisco invasivo-senza limiti-e-distruttivo, criminalità organizzata, criminalità "importata" (anzi, "invitata" e graziata a prescindere), forze dell'ordine perseguitate e ammanettate,... 1 DI 3

Ritratto di ilsaturato

ilsaturato

Ven, 24/05/2019 - 14:08

...mastodontico apparato pubblico che un vero e proprio "buco nero" in cui montagne dei "nostri" soldi spariscono per mantenere una pletora di professionisti del magna-magna, europa (BCE compresa) franco-germano-centrica comunque asservita e teleguidata dal mostro "finanza internazionale" (FMI e altre "armi di assoggettamento" compresi), vaticano svenduto e anti-italiani.... e potrei andare avanti per ore! Un cancro di tali proporzioni non può essere "cambiato", va demolito fino alle fondamenta e poi eventualmente ricostruito a misura davvero della gente d'europa. Le regole, le direttive, le basi costitutive, i trattati attualmente in vigore sono stati pianificati e attuati esattamente per non permettere alcuna modifica alla struttura del "mostro UE". 2 DI 3

Ritratto di ilsaturato

ilsaturato

Ven, 24/05/2019 - 14:09

...E' comunque colpa nostra! Avremmo dovuto rigettare fin dall'inizio i trattati, la moneta unica, gli accordi costitutivi in merito ai quali nessuno ci ha chiesto mai un avallo. E invece ci ritroviamo carne da macello che ogni tre per due viene dissanguata, bastonata, incatenata, invasa, privata delle proprie tradizioni, costretta a convivenze distruttive e invasive, imbavagliata per cose chiamate falsamente razzismo - xenofobia - islamofobia - omofobia - e (non manca mai) fascismo. Il voto di Domenica non cambierà comunque niente, ma proviamo almeno a dare un segnale alle legioni di nostri carcerieri, sperando che il buon Salvini & co. interrompano subito la nefasta e contronatura alleanza coi cloni mutanti del più becero anarco-comunismo. 3 DI 3

no_balls

Ven, 24/05/2019 - 14:13

In Europa non abbiamo più avuto guerre semplicemente perché rispetto alla seconda guerra ora ci stanno le atomiche...... e la terza ed ultima guerra non se la possono permettere...... e mettiamoci anche la nato. I paesi vengono invasi e soggiogati con la moneta..... non hanno bisogno dei carri armati. Altro che Europa dei miei stivali..... Nel dopoguerra non è scoppiata una guerra usa Russia per paura dell atomica... figuriamoci francia Inghilterra ..

t.francesco

Ven, 24/05/2019 - 14:30

DIRETTORE L'EUROPA NON SARA' MAI DI TUTTI SE NON SI INTERESSA, PRIMA DELLA LUNGHEZZA DEI CETRIOLI, DELLE FRONTIERE DI TUTTI E SE NON COSTITUIRA' UN ESERCITO DI TUTTI CHE CONTROLLI LE FRONTIERE DI TUTTI. OVVIO MI RIFERISCO ALLE FRONTIERE ESTERNE DELL'EUROPA. QUESTA CREDO SIA LA PRIORITA PER EVITARE CHE CIASCUN PAESE AGISCA DI PROPRIA INIZIATIVA: CHI COSTRUISCE MURI, CHI CHIUDE PORTI, CHI CHIUDE LE FRONTIERE INTERNE. E' QUESTA L'UNIONE EUROPEA??????

Ritratto di Menono Incariola

Menono Incariola

Ven, 24/05/2019 - 14:57

Ristrutturare un rudere pericolante mette a rischio gli stessi ristrutturatori. MEGLIO ABBATTERE E RICOSTRUIRE EX NOVO. Troppi interessi fra le pieghe del mostro europeo che non possono venire,in tempi brevi, se mai, "sistemati dall''interno". Mantenere questa struttura e' l'azione giusta se ci fa piacere immmaginare i nostri figli/nipoti METICCI, SENZA UNA TRADIZIONE, UNA STORIA, SENZA UNA COSCIENZA SOCIALE COMUNE.

barnaby

Ven, 24/05/2019 - 15:07

@il saturato: ha fatto una analisi perfetta e mi trova pienamente d'accordo sopratutto sulla persona a cui dare il mio consenso:senza dubbio al buon SALVINI!