Il pescatore Renzi, i pesci azzurri e l'esca avvelenata

Radiofante, fonte incontrollabile ma sicura su ciò che davvero accadeva in guerra, informa che in questi giorni la prima occupazione di Matteo Renzi non sia la crisi dell'Ilva bensì, con lusinghe e promesse di ricandidature certe, rubare deputati e senatori a Forza Italia per rafforzare il suo fragile partito. Probabilmente ha capito che a sinistra non c'è trippa per gatti e si illude di poter sfondare se non a destra almeno al centro. Alcune trattative sarebbero in stato avanzato e sono meno segrete di quanto pensino gli interessati (spioni e doppiogiochisti abbondano anche in Parlamento).

Non devo certo insegnare io a Renzi come ci si muove in politica, ha dimostrato di saperlo fare assai bene salvo poi rovinare tutto per eccesso di sicurezza. Ciò detto mi chiedo però come possa pensare di trasformare un parlamentare acquisito di Forza Italia in voti per il suo partito.

La maggior parte degli onorevoli non ha un numero significativo di voti propri, sono lì grazie a quelli del partito e del suo leader. E non credo che un elettore di Berlusconi sia disposto un domani a votare l'ex segretario del Pd e i suoi amici di sinistra solo perché glielo dice Tizio o Caio. Prova ne è che i partiti nati dalle scissioni di Forza Italia (il Fli di Fini, il Nuovo Centro Destra di Alfano, Ala di Verdini e Cambiamo) hanno fatto il quarantotto in Parlamento ma sono poi morti per mancanza di elettori.

Per di più vale anche il ragionamento inverso. Perché mai un elettore di sinistra dovrebbe votare un ex politico di destra con la fama di traditore opportunista (vale la vecchia regola: chi tradisce una volta tradirà sempre).

Capisco che tutto questo a Renzi non importi, è fatto così e vive alla giornata. Vuole pescare il pesce azzurro, ma l'esca è avvelenata. Può un parlamentare di Forza Italia, pur disperato per la possibile perdita di ruolo e reddito, fidarsi di uno come Renzi che ha tradito tutti, ma proprio tutti, compresi gli elettori del suo Pd?

Un consiglio non richiesto a chi sta per abboccare all'amo: prima di vendersi, blindare da un notaio il compenso. Ma soprattutto accertarsi che il notaio non sia un figurante di Scherzi a Parte assunto da Renzi come suo complice o che il contratto non sia scritto con inchiostro simpatico. L'uomo è capace di tutto, anche di dirti: «Fidati di me amico, stai sereno».

Commenti

moichiodi

Ven, 08/11/2019 - 17:16

Ossessione renzi. La paura che svuoti forzaitalia fa novanta.

Ritratto di Farusman

Farusman

Ven, 08/11/2019 - 17:51

Sig MOICHIODI, d'accordo con lei: la paura fa novanta e anche forse novantuno. Tuttavia il ragionamento del Direttore non fa una grinza: chi si comporta come banderuola al vento è normalmente destinato a sparire. Capisco che un topo possa e debba fuggire prima del naufragio, l'importante però, per evitare di annegare, è scegliere il relitto giusto.

gigi0000

Ven, 08/11/2019 - 18:07

Direttore, per favore: Renzi non è certo personaggio affidabilissimo, infatti ha fatto le scarpe a tanti, col suo "Stai sereno". ma non mi pare abbia fatto la forca a chi lo ha creato, come invece il malrasato a Bossi ed a Maroni. Se il governo non dovesse cadere troppo presto, vorrei vedere la fine di quest'ultimo e quanti lo sosterrebbero ancora.

Renadan

Ven, 08/11/2019 - 18:17

Handicappato schifoso non ti sembra di avere gia roninsto abbastanza questo paese????? Vattene AFC

honhil

Ven, 08/11/2019 - 18:32

Il Parlamento, da quando sono nati i cosiddetti partiti liquidi, è diventato il mercato delle vacche. Renzi, in questa alta istituzione trasformata in stalla, non fa altro che il suo mestiere. Tuttavia, dati i sinistri chiari di luna sempre più decrescenti, i possibili pesci azzurri che andrebbero a finire nella sua rete sono propedeutici alle sue strategie in loco: cioè entro gli emicicli del Parlamento stesso. Fuori da quel contesto, fuori cioè dal possibile controllo che può esercitare sul governo in carica, mettendo sulla graticola contemporaneamente Conte, Di Maio e Zingaretti, in una parola ricattarli, quella gente non gli servirebbe a niente. Del resto, ad elezioni politiche avvenute, se il trend dei partiti politici continuerà ad essere quello odierno, nessuno di questi signori, Renzi compreso, avrà di che gioire.

Ritratto di jasper

jasper

Ven, 08/11/2019 - 18:39

@moichiodi: Forza Italia sta addirittra riprendendo fiatomentra è Renzi che non sfonda e non riesce a superare la soglia del 4%l Anche questa volta ha fatto i conti senza l'oste. Il Bomba di Rgnano rimane il Bomba. Per Renzi vale iul proverbio Toscano:"Chi è asino e cervo si crede al saltar della fossa se n'avvede". E chi è più asino di Renzi?

Ritratto di Zizzigo

Zizzigo

Ven, 08/11/2019 - 18:41

Sappiamo tutti che di Renzi non frega nulla a nessuno, tranne che a quelli che sono rimasti in fondo alla sala e non sono riusciti a vedere il film... comunque chi farà da comparsa, nella sua pantomima, sarà costretto a chiedersi fino alla morte: "ma chi me l'ha fatto fare?"...

leopard73

Ven, 08/11/2019 - 19:09

Metodo da dittatore il BISCHERO!!!

ilrompiballe

Ven, 08/11/2019 - 19:53

gigi0000: non che il "malrasato" mi stia particolarmente simpatico, ma mi pare che più questo governo resta in carica, più il malrasato acquista consensi : o no?

ermeio

Ven, 08/11/2019 - 20:22

Ah, è lui che ruba i senatori e i deputati del vostro padrone, non è che magari sono loro che vanno da lui perché il partito del vostro padrone sta scomparendo miserevolmente come il vostro padrone. Attendo risposte, mortimercazz in primis.

Ritratto di jasper

jasper

Ven, 08/11/2019 - 21:10

@ilrompiballe: chi sarebbe il malrasato? Franceschini? Quello sembra un pendaglio da forca come quasi tutti i PiDioti.

Ritratto di Leonida55

Leonida55

Ven, 08/11/2019 - 22:06

@moichiodi - si svuotan oa vicenda. Comunque i comunisti come te son odestinati a sparire. Con le buoen o con le cattive. Vedete d inon cercare l'estinzione con la forza, manica di somari.

epc

Ven, 08/11/2019 - 23:51

Caro Direttore, sarà anche un'esca avvelenata, ma evidentemente qualche pesce interessato c'è…. Ed il suo editoriale non mi sembra che sprizzi fiducia incrollabile nei senatore e deputati di Forza Italia…..

Bacioni

Sab, 09/11/2019 - 01:16

@leonida sei un vero duro

mcm3

Sab, 09/11/2019 - 07:09

Quest'articolo ci fa capire il livello delle persone di cui parliamo, i pesci azzurri,

adal46

Sab, 09/11/2019 - 09:31

Beh, indubbiamente cerca di far passare per lavoro "onorevole" quello di pescare polli in batteria e spostarli da una gabbia all'altra... daltronde ha realizzato che come politico non ha disponibili altri modi per raccogliere forze. Più che ladro di polli però mi sembra un barbone che, con una parvenza di pseudodignità, arraffa nei cassonetti ciò che trova e possa essergli utile per tirare a campare ancora un pò.

antipifferaio

Sab, 09/11/2019 - 10:36

Egr. direttore, mi sembra superfluo attaccare Renzi. Purtroppo gli è stato concesso, volutamente o meno, lo spazio per muoversi liberamente. Berlusconi non ha mai nominato un suo successore e questa la dice lunga. Le cose quindi sono 2: o Berlusconi aspettava che Renzi si distaccasse dal Pd e si muovesse in autonomia...il che è avvenuto...oppure si è illuso sperando di tornare in auge dopo un probabile fallimento del Pd zingarettiano più l'implosione di 5S. Cosa a cui non crede più nessuno anche vista l'età e lo stato di salute del capo di FI. Siccome non credo alla favola del sognatore Berlusconi, propendo al 99% per la prima ipotesi. Perciò, direi che è ora di smettere le lacrime di coccodrillo, uscire allo scoperto e lavorare per costruire una federazione di centro credibile con Italia Viva, Altra Italia o quel che volete.

Libero 38

Sab, 09/11/2019 - 11:16

Egr. Direttore renzi e' furbo quanto lo e' una volpe che entra nel pollaio che dopo aver mangiato qualche gallinella p-idiota ora provera' a mangiare anche lo spennacchiato gallo zincaretti.Lui non ha nessuna intenzione di andare al governo perche'e' tempo di vacche macre. Gli avranno detto ch'e' inutile sognare. E' solo un ricordo quando zio giulio andava in america con i borsoni vuoti e poi tornava con i borsoni pieni dollari americani.

Ritratto di etaducsum

etaducsum

Sab, 09/11/2019 - 11:52

«Una volta comunista, sempre comunista». Questo detto vale anche per i due Matteo nazionali, quello di «Lega / Salvini premier» e quello di «Italia viva«. Sanno che il termine «comunista» fa schifo quanto e più di «fascismo» e «nazismo» e lo nascondono dietro altri nomi. Come oggi, 30° della caduta del muro di Berlino, altri comunisti vogliono che non si parli di «dittatura comunista», ma di «dittatura del socialismo reale». Mantengono intatta la prima attitudine dei compagni. Come nella parabola dei talenti, politicamente «mietono dove non hanno seminato e raccolgono dove non hanno sparso».