Più crimini contro la religione ​che contro omosex e trans: ma il governo dimentica di tutelare i cattolici

L'Osce che i crimini antireligiosi sono cinque volte superiori a quelli contro gli Lgbt nel 2014. Ma nello stesso anno l'Unar non cita nemmeno le discriminazioni anticattoliche

L'Italia non è un Paese per gay. Quante volte ce lo siamo sentiti ripetere? Il nostro Paese è arretrato, arretratissimo, medievale (come se poi fosse un insulto).

Una macchia nera nell'oceano di luce dell'Europa civile. Non solo isolati quanto a legislazione, ma pure in balìa di una vera e propria ondata di omo e transfobia - contro cui ogni anno protestano migliaia di persone scendendo puntualmente in strada con la bandiera arcobaleno in mano.

Eppure, numeri alla mano, scopriamo che l'emergenza omofobia sembra esistere più negli slogan delle manifestazioni che nella realtà. Spulciando il rapporto dell'Osce sui cosiddetti "hate crimes" del 2014, balza subito all'occhio come, su 48 Stati in gran parte europei, l'Italia registri, nel corso dell'anno passato, "appena" 27 crimini d'odio contro persone Lgbt su quasi seicento casi totali.

Il numero di reati motivati dall'odio religioso, invece, è di oltre cinque volte superiore: 153. Sebbene si tratti, naturalmente, di un conteggio incompleto perché mancante di tutti i casi non denunciati, fa riflettere notare come proprio in Italia - troppo spesso dipinta come la culla del settarismo religioso fanatico ed omofobo - i crimini legati all'orientamento sessuale siano di gran lunga meno numerosi di quelli causati dall'odio religioso, razziale o xenofobico. E a certificarlo sono dati raccolti da un'organizzazione sovranazionale come l'Osce.

Ma non è tutto: c'è una domanda che sorge spontanea: come mai le strutture statali deputate alla lotta contro le discriminazioni - il famoso Unar, l'ufficio Anti Discriminazioni razziali, che già dal nome non dovrebbe occuparsi che di "razze" - profondono sforzi ed energie in mastodontiche campagne per la lotta a quei crimini contro gli Lgbt che, nei dati, sono meno frequenti di tanti altri?

Nella relazione presentata a Palazzo Chigi per l'anno 2014, l'Unar dedica ampio spazio alla strategia nazionale per combattere le discriminazioni contro gli Lgbt, peraltro già nota per alcuni controversi casi di cronaca relativi all'insegnamento nelle scuole pubbliche.

Nei paragrafi dedicati all'odio per motivi religiosi si citano quasi di sfuggita solo le "minoranze religiose": buddhisti, musulmani, anglicani... Sulle discriminazioni verso i cattolici, i cui diritti pure vengono attaccati, a volte anche quando si trovano in maggioranza, nemmeno una parola.

Una mancanza vistosa, sottolineata con amarezza, tra gli altri, anche da Mattia Ferrero , delegato per le attività internazionali dell’Unione Giuristi Cattolici Italiani, che, parlando con ProVita ha notato come "gli hate crimes contro le maggioranze, ad esempio fondati sull'odio verso la religione cristiana, vengono sottovalutati. Eppure i crimini motivati dall'odio contro i cristiani, principalmente gli atti di violenza contro luoghi di culto, rappresentano un numero molto significativo, comparabile, e qualche volta superiore, a quelli fondati sull'odio verso altre religioni".

@giovannimasini

Commenti

ClaudioArca

Ven, 25/12/2015 - 09:39

Mai sentito in Italia di ragazzi picchiati o emarginati perché cristiani. Ho visto invece un comico messo alla gogna per aver criticato Wojtila

Ritratto di 100-%-ITALIANA

100-%-ITALIANA

Ven, 25/12/2015 - 10:25

Ve ne siete accorti solo ora?

linoalo1

Ven, 25/12/2015 - 11:06

Attento,Masini!!Non è l'Italia che è arretrata,ma sono gli Ignorantoni che difendi,ad essere fuori dal Mondo!!!!E poi,quanti sono,in percentuale sulla Popolazione Mondiale???Un irrisorio,quasi niente per cento??Cosa mai vorrà dire???Forse che la maggioranza della Popolazione Mondiale non capise niente??o,più certamente,il contrario??Quindi,mi sembra proprio inutile,cercare di sfondare una porta impossibile da sfondare!!!!I Cula,sono e resteranno tali finchè non cureranno la loro Patologia con consistenti dosi dell'unica medicina disponibile al momento:la FxxA!!!Dosi massicce di questa medicina,fornita Gratis dalla Natura ed opportunamente somministrate,sono convinto che sarebbero molto utili per le guarigioni!!Provare per credere!!!!

linoalo1

Ven, 25/12/2015 - 11:22

Una cosa è certa!!!Se fossimo tutti Atei,quante Guerre si sarebbero risparmiate e si risparmierebbero anche Oggi????

Ritratto di Azo

Azo

Ven, 25/12/2015 - 12:39

Come sarebbe a dire che l`Italia, non è un paese per i gay ??? LI ABBIAMO AL GVERNO, NELLE CHIESE, LA TELEVISIONE NE È PIENA DEI LORO E N DIMENTICHAMOCI CHE LA Boldrini, È STATA PORTATA AL GOVERNO DA UNO DEI PIÙ SPREGEVOLI DELLA LORO SETTA, CHE SE IN ITALIA AVESSIMO UNA GIUSTIZIA GIUSTA E IMPARZIALE, STAREBBE MARCENDO IN QUALCHE PRIGIONE. MA PURTOPPO, FINCHÈ AVREMO AL GOVERNO IL Piddiiiiii, DOVREMO TENERCELI E SOPPORTARLI E CON MOLTA PROBABILITÀ DOVRENO """NASCONDERE LA CROCE E CON MOLTA PROBABILITÀ RINNEGARE IL NATALE, MA FESTEGGIARE LA FINE DEL Ramadam . Questo, è ciò che quei PERVERSI al governo, vorrebbero fare della CULLA DEL CRISTIANESIMO !!!

Kosimo

Ven, 25/12/2015 - 13:33

a Giovanni Masini e il giornale che vi pubblica, con tutti i ptoblemi politici e territoriali che attanagliano tutto il medioriente a causa di ingerenze straniere e col rischio quasi certo di contagio all'intera Europa, come fate ad escluderli e a credere al complotto religioso? o forse non ci credete affato ma portate avanti l'idea del complottismo per amor di parte?

Michele Calò

Ven, 25/12/2015 - 13:42

E Bergoglio, Galantino, l'Osservatorio Romano, Avvenire, Famiglia Cristiana e tutta la pletora di vescovi e parroci tanto, tantissimo "progressisti" come mai non parlano? Dov'è l'opinionista globale raccoglitore di soldi e di Corona, tale Don Mazza, che straparla su tutto ma mai a difesa dei cristiani?? Non è che la riforma dell'argentino"papa nero" prevede pure la vergogna si essere cristiani e cattolici?

Totonno58

Ven, 25/12/2015 - 18:39

E allora?Esiste la top ten dell'importanza dei delitti a seconda delle categorie culturali, religiose, sessuali in cui dovrebbero essere inserite le vittime?!?

tRHC

Ven, 25/12/2015 - 19:38

Felicissimo di essere arretrato!!!

Anonimo (non verificato)

Ritratto di Runasimi

Runasimi

Ven, 25/12/2015 - 23:23

I governi di sinistra imposti al nostro paese arbitrariamente dal megalomane comunista Napolitano hanno fatto sollevare la cresta a tutte quelle minoranze di mentecatti che per questioni di sesso o di semplice imbecillità si trovano ai margini della vita sociale. OLTRE AD USARE I NOSTRI SOLDI PER MANTENERE I PARASSITI DEI CAMPI ROM E I NULLAFACENTI AFRICANI ALLOGGIATI VERGOGNOSAMENTE NEGLI ALBERGHI IMPONGONO AI NOSTRI FIGLI LA DISEDUCAZIONE DI POCHI DISADATTATI ASOCIALI. Sarebbe questo il progressismo dei comunisti mascherati da democratici?

zucca100

Sab, 26/12/2015 - 09:16

Linolo, che finezza

zucca100

Sab, 26/12/2015 - 09:26

Caro masini, secondo te essere definito un paese medioevale non è' insulto? Su da bravo, non fare il fenomeno

elpaso21

Sab, 26/12/2015 - 09:59

E' uno scandalo!! Chiediamo di "ribilanciare" i crimini.

Ritratto di cruciax

cruciax

Sab, 26/12/2015 - 11:14

Tranquilli, evidentemente il giornalista è orgoglioso di essere arretrato e medioevale. Lette le prime quattro righe direi che non merita commenti.