Più risse che leggi: un anno buttato via

Il premier Conte l'altro ieri, durante la conferenza stampa in cui ha minacciato le dimissioni, ha detto di essere stufo di soci che «agitano la pancia della piazza», che fanno «continuamente provocazioni» e che «diffondono freddure a mezzo social». In poche parole, Conte ha rinnegato il grillismo grazie al quale da oscuro avvocato-professore è diventato senza particolari meriti Primo Ministro della Repubblica.

Il premier creato e circondato dai bulli ora pontifica contro il bullismo e la rissa permanente, cioè gli strumenti con cui Beppe Grillo e i suoi, un «Vaffa day» dopo l'altro, hanno fatto breccia nell'opinione pubblica. Ha detto, Conte: «Basta alla politica dei social e sui social», tralasciando di ricordare che se a quel mondo, che è il suo mondo, stacchi Internet, resta il nulla assoluto e Di Maio sarebbe ancora a vendere bibite allo stadio.

Un'altra cosa non abbiamo capito nel discorso di Conte. Quando dice che il suo governo compie un anno che intende dire? Immagino si riferisca al fatto che dal suo insediamento sono passati dodici mesi, non certo che il Paese da un anno a questa parte sia governato. Si sono insediati a giugno, e dopo cento giorni già era stato battuto il record negativo di decreti approvati (solo due, dignità e sicurezza sanitaria). Da settembre a dicembre sono stati varati (purtroppo) il reddito di cittadinanza (ancora oggi incompleto), quota 100 per i pensionati e il decreto sicurezza. Poi, dopo la manovra finanziaria di dicembre dettata dall'Europa, il nulla.

Morale: in un anno il governo Conte ha lavorato non più di quattro mesi e prodotto quattro leggi zoppicanti e per nulla efficaci. Per i restanti otto mesi, tra rodaggi, campagne elettorali, risse e ricatti, nulla da segnalare se non che quel che resta del ponte Morandi di Genova crollato lo scorso agosto è ancora lì penzolante nonostante avessero promesso l'inaugurazione del nuovo entro un anno.

Se domani anche il governo dovesse cadere (ma non cadrà) nessuno ne sentirebbe la mancanza. Quando non si è capaci occorre darsi l'aria di chi è utile. Conte ci ha provato, ma che si parli via social o in grisaglia d'ordinanza l'essenza non cambia, perché oltre la forma qui manca la sostanza.

Commenti

Paolo17

Mer, 05/06/2019 - 16:25

Seguo la politica da più di quarant'anni, anche attivamente a livello locale. In mezzo ad alcune eccellenze e a tante persone perbene e preparate di tutti gli schieramenti, ho visto anche una fisiologica percentuale di fannulloni, furbetti, disonesti e tanti amministratori che hanno sprecato e buttato dalla finestra soldi pubblici che hanno contribuito a distruggere le casse dello Stato. Ma una concentrazione di incapaci, ignoranti, inconcludenti e presuntuosi con scarsa istruzione e nessuna esperienza lavorativa così come i partecipanti LegaStellati di questo Governo, sinceramente non la ricordo neppure nella più rissosa riunione di un condominio di periferia. Mamma mia che disastro!

epc

Mer, 05/06/2019 - 16:32

Caro Sallusti, quasi tutto vero tranne una cosa: se domani il governo dovesse cadere, sicuramente NON nascerebbe un governo di centrodestra (che, semplicemente, non avrebbe i numeri in parlamento), sicuramente il presidente NON darebbe l'incarico a Berlusconi di formarlo, molto probabilmente il presidente NON scioglierebbe le camere, molto probabilmente si formerebbe un "governo tecnico", molto probabilmente FI darebbe il suo appoggio a tale governo. Allora sì che sentiremmo la mancanza del presente esecutivo gialloverde! Ne sentiremmo veramente la mancanza!!!!

Ritratto di scimmietta

scimmietta

Mer, 05/06/2019 - 17:02

X epc: bravo! Bene, ben detto, tutto probabile, anzi sicuro! Un piccolo particolare, mi spieghi come si possa sentire veramente la mancanza del "vuoto spinto" riempito soltanto di litigi e cavolate?

Ritratto di beatoangelico

beatoangelico

Mer, 05/06/2019 - 17:19

Non vorrà dire che la bontà di un Governo si misura con il numero di leggi approvate ? E' l'esatto contrario. L'unica necessaria è la Finanziaria. Il resto è frutto della mente malata di chi pensa di poter fare meglio degli altri legiferando a ruota libera.

lorenzovan

Mer, 05/06/2019 - 17:47

ohb oh oh..quando l'ho scritto io...c'era stato un ululato generale degli italidioti..andate avanti..perdetene un altro di anno..a far campagne elettorali..il vincitore regnera«' sulle macerie ...

lorenzovan

Mer, 05/06/2019 - 17:49

epc e ci sarebbe forse un governo che magari invece di sagre paesane e trombettate partitarie..penserebbe a raddrizzare la barca Italia e a non farla schettinare

Ritratto di jasper

jasper

Gio, 06/06/2019 - 03:44

Non proprio un anno buttato via. Lo sarebbe stato se avessimo avuto un sinistro Governo del PD. Purtropp un'alternativa con un Governo di centro-destra non ci potrà mai essere finchè Berlusconi sta tra i piedi. Lui a destra è un fattore di disturbo. Lui è troppo ingombrante anche se FI è ridotta ai minimi termini.

Duka

Gio, 06/06/2019 - 08:15

Proprio così un anno inutile, costoso che certifica il suo fallimento. E' esattamente per q

Duka

Gio, 06/06/2019 - 08:18

Esattamente così un anno buttato alle ortiche con un enorme danno per tutti noi e che certifica il suo fallimento presidente. E' esattamente questo il motivo per cui DIGNITA' impone di andarsene-

Tip74Tap

Gio, 06/06/2019 - 10:12

A me sembra che di leggi in Italia ce ne siano fin troppe.... modificare le attuali forse sarebbe necessario ma di nuove ce n'è veramente bisogno?

Ritratto di bimbo

bimbo

Gio, 06/06/2019 - 11:22

Lavorare comporta di essere dei mercenari o schiavi al soldo del padrone, che a mio avviso umilia la ragione e il buon senso. Non credo che rientra nei parametri del sociale il lavoro, se no danneggerebbe il prossimo e quindi la comunità. Viviamo in un era di paradossi e menzogne alati dalla ipocrita politica che non sa cosa fare per il nostro futuro. Cari scienziati oltre che provare nuove sostanze cercate di pensare al contrario quando non c'erano le multinazionali che si faceva tutto a mano e di disoccupazione non se ne parlava.

Ritratto di dlux

dlux

Gio, 06/06/2019 - 11:30

Diciamo che Conte ha fatto la pipì fuori dal vasino...Lui è lì in quanto miracolato dai 5stelle (come d'altronde loro sono dei miracolati per la "disattenzione" degli elettori, ma questo è un altro discorso) e, nella sua criptica conferenza stampa, ha affermato un ruolo che non ha: quello di stabilire e di dettare i tempi. Ce l'hanno invece i due vice che hanno, altresì, altra rappresentatività. Non che, con questo, io condivida ciò che il governo sta facendo (o non facendo), anzi, mi piacerebbe che domattina si andasse a votare: ma ci sono anche lì dei tempi e delle incombenze da rispettare. Ciò che proprio non mi va giù sono le critiche dell'opposizione che, specie il PD, ha una buona percentuale di responsabilità sia sulla tenuta dei conti (il grave debito e tutte le pastoie economico-fiscali-finanziarie), sia sul rapporto con l'UE (Renzi e Gentiloni che scodinzolano davanti ai grigi ragionierini europei...).

diesonne

Gio, 06/06/2019 - 11:58

DIESONNE CON IL TEMPO E CON LA PAGLIA MATURANO LE NESPOLE,LA PAGLIA ABBONDA MANCANO LE NESPOLE E NULLA MATURA E LA PAGLIA MARCISCE

rino34

Gio, 06/06/2019 - 12:12

epc che FI appoggerebbe un governo tecnico lo dice lei

rino34

Gio, 06/06/2019 - 12:16

jasper gli unici ingombranti sono Salvini e la meloni, nel 2018 hanno preteso che il presidente del consiglio venisse espresso da chi avrebbe preso più voti, poi hanno fatto campagna lettorale contro Berlusconi. Questo non è fare le primarie, nè fare gioco di squadra. Berlsuconi diceva 23%, Salvini 15%, la Meloni che diceva che diFI non ci si poteva fidare...io ho assistito a una campagna elettorale non capendo qual'era il vero programma del cdx.

rino34

Gio, 06/06/2019 - 12:19

un'altra maggioranza non è possibile qualquno ha scritto...come nonera possibile nel2013 quando uscirono 3 poli, e nacque il governo Letta supportato anche da FI. E allora siete solo degli ipocriti. Allora snagliò Berlusconi, oggi sbaglia Salvini.

rino34

Gio, 06/06/2019 - 12:24

Conte avrebbe potuto realmente dettare l'agenda,rimanendo garante del "contratto" giallo-verde, per una sua applicazione integrale, ma non èstato imparziale. E poi l'errore è stato all'inizio, i 10 punti nel contratto sono troppo generici, avrebbero dovuto descrivere nei dettagli cosa e come, prevedendo ogni possibile variante, allora non ci sarebbero state scuse...invece hannofatto un pastrocchio, e faranno cose, ma cose fatte male, a metà...

rino34

Gio, 06/06/2019 - 12:26

e ricordo al Signor Salvini che nadava dicendo che lui era fedele alla coalizione dicdx e che non avrebbe fatto l'accordo se non con l'assenso di Berlusoni e Meloni, che l'assenso l'ebbe a patto che non venisse tradito il programma di cdx. E invce molti provvedimenti sono andati insenso opposto...tu eri stato eletto con i voti di tutta la coalizione. Allora i voti di Berlusconi andavano bene, e lo stesso Berlusconi non ti faceva tanto schifo...

Ritratto di etaducsum

etaducsum

Gio, 06/06/2019 - 12:46

Egregio Direttore, in tempo di vacche magre, conviene guardare al bicchiere mezzo pieno. Vista la qualità delle loro leggi, pensi che disastro, se al posto delle risse avessero fatto altrettante leggi.

FlorianGayer

Gio, 06/06/2019 - 13:03

il purtroppo è appropriato per il reddito di cittadinanza, ma non solo: quota 100 è criticata da tutti i tecnici finanziari del mondo, il decreto sicurezza presenta falle tecniche notevoli (tanto che Salvini cerca di fare improbabili cause ai giudici). Questo governo fa bene solo se non fa nulla: meglio che si limitino a far baruffa sui social!

Libero 38

Gio, 06/06/2019 - 14:36

Egr.Direttore,salvini ancora una volta ha dimostrato di essere un politico senza p.... Abbaia.....abbaia ma non fa caccia.Se cade il governo e mattarella decidesse per nuove elezioni cosa che ne dubito al quaquaraqua salvini gli tocchera' la stessa sorte toccata allo spavaldo renzi quando alle europee lui e la sua amatissima accozzaglia pidioda presero il 40% ma poi furono umiliati alle elezioni nazionali.