Libia, la miopia di tutti quelli che gioivano per la caduta di Gheddafi

Ora che la strage di Manchester ha messo in luce un filo rosso che la collega a Tripoli e che mette in relazione il kamikaze Abedi con il network jihadista di Al Qaeda, il dubbio che qualche errore (almeno di miopia) sia stato commesso riaffiora

"Se non aiutate la Libia, voi avrete Al Qaeda a 50 km dai confini dell’Europa". Ancora una volta, l'ultima profezia di Gheddafi rimbomba nelle orecchie di coloro che hanno voluto la sua caduta. Ora che la strage di Manchester ha messo in luce un filo rosso che la collega a Tripoli e che mette in relazione il kamikaze Abedi con il network jihadista di Al Qaeda, il dubbio che qualche errore (almeno di miopia) sia stato commesso riaffiora. Anche il ministro dell'Interno, Marco Minniti, è stato esplicito: "Emerge per la prima volta un link diretto con la Libia". Nel marzo 2015 l'allora ministro degli Esteri sentenziava: "La Libia è il focolaio del terrorismo". Adesso, tutti a dire che bisogna intervenire lì, non solo contro la piaga del terrorismo ma anche contro l'invasione di migranti.

Eppure, quando venne decretata la fine di Gheddafi erano tutti a brindare e a festeggiare la nuova era del paese. Nel 2011 i vertici Ue, il presidente della Commissione Josè Manuel Barroso e il presidente permanente del Consiglio Herman Van Rompuy a ''riferita morte'' del raìs chiosavano: “È la fine di un'era di dispotismo e repressione della quale il popolo libico ha sofferto troppo a lungo''. È la stessa Ue che per anni non ha mosso un dito per aiutare i paesi colpiti dall'invasione dei barconi e che ora prova a sanare le ferite. Il principale artefice dei bombardamenti in Libia, Nicholas Sarkozy, parlava di “una nuova pagina per il popolo libico, quella della riconciliazione nell'unità e nella libertà, la liberazione di Sirte deve segnare, insieme con gli impegni presi dal Consiglio nazionale di transizione, l'inizio del processo avallato dal Cnt per stabilire in Libia un regime democratico nel quale tutte le componenti del paese avranno il loro posto e in cui le liberta' fondamentali saranno garantite''.

L'altra artefice, Hillary Clinton, gli faceva eco: “Inizia una nuova era per la Libia. La nostra speranza è che la nuova democrazia voluta dai libici possa realizzarsi seriamente''. Il Presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano, inviava al presidente del Consiglio Nazionale Provvisorio della Libia, Mustafa Abd Al-Jalil, il seguente messaggio: ''Ho appreso con soddisfazione la notizia della formazione di un governo transitorio in Libia, nel pieno rispetto del calendario previsto dal Consiglio Nazionale Provvisorio con l'obiettivo di aprire il paese ad un futuro prospero e democratico. L'Italia è vicina all'amico popolo libico in questa decisiva fase della sua storia, nello spirito di un rinnovato impegno a operare assieme per lo sviluppo delle relazioni fra i nostri due paesi e per la stabilita' e la crescita della comune regione mediterranea''. Prima aveva spinto (per non dire obbligato) il nostro paese a entrare nella coalizione anti Gheddafi spiegando che l'Italia non può rimanere indifferente alla repressione della libertà in Libia e non può lasciar calpestare il risorgimento arabo. L'allora presidente della Camera, Gianfranco Fini, era della stessa opinione: "Inizia un nuovo assetto politico, una nuova fase di collaborazione tra Libia, gli altri paesi e il nostro paese. Bisgogna essere fiduciosi ma anche tenere presente che ci sono molte incognite su quello che, esaurita la parentesi gheddafiana, sarà il futuro della Libia”. Angela Merkel gongolava: “'La strada è libera adesso per un nuovo inizio politico nella pace''. Di pace non si vede l'ombra. Anzi, la Libia è diventata un terreno fertile per jihadisti, fazioni e scafisti. "Il mio più grande errore è stato di non aver avuto un piano per cosa fare in Libia", ammise Barack Obama un anno fa.

Commenti

aitanhouse

Ven, 26/05/2017 - 15:31

voi scherzate e la chiamate "miopia", noi la chiameremmo tutto in altro modo...... comunque visto i personaggi che avete menzionato ,guarda caso sinistri,sinostrorsi e decerebrati falliti, c'era poco da aspettarsi.....

Aprigliocchi

Ven, 26/05/2017 - 15:39

Non é miopia; bisognava destabilizzare il nord afica per permettere l'emigrazione e rubare il petrolio. É il programma dei club !

gian paolo cardelli

Ven, 26/05/2017 - 15:42

Ma quale miopia! con i soldi che ci stanno facendo su quelli che abbatterono Berlusconi ANCHE per motivi lucrativi i miopi sono quelli che ancora non hanno capito i veri obiettivi del cattocomunismo italiota!!!

rosa52

Ven, 26/05/2017 - 15:44

questi personaggi andrebbero processati x crimini contro l'umanita',purtroppo la storia non ha insegnato niente,e' piu'o meno cio'che e' stato fatto durante il nazismo!!!

Ritratto di Overdrive

Overdrive

Ven, 26/05/2017 - 15:49

Barakko O'banana ancora conta i suoi "piu grandi errori"?

Ritratto di Giano

Giano

Ven, 26/05/2017 - 15:53

Miopia? Scherzate? Voi ancora accreditate questi personaggi di una semplice ingenuità o addirittura "buoni propositi" nell'aver bombardato la Libia? Era invece una lucidissima visione e volontà di perseguire interessi economici e geopolitici che erano esattamente contrari all'interesse dell'Italia. Purtroppo lo si comincia a capire solo adesso; e nemmeno tutti. La Clinton e Obama hanno sobillato, favorito e sostenuto le "primavere arabe" per accrescere la propria influenza sul nord Africa. Così come hanno organizzato e sostenuto in Ucraina i movimenti anti Mosca. Gli altri "volenterosi" speravano di ricavarci benefici economici. Gli unici ad averci rimesso le penne siamo stati noi, grazie a Napolitano che impose il nostro appoggio alla guerra contro Gheddafi. Era, ed è, una precisa strategia tesa a sconvolgere gli equilibri politici, economici, sociali dell'intera area mediterranea.

ESILIATO

Ven, 26/05/2017 - 16:06

La libia non fu causata da miopia, invece fu un'operazione concepita dalle multinazionali del petrolio per sottrarre al controllo dell'ENI le riserve libiche . Hillary Clinton che e' sempre stata a loro libro paga fu usata, naturalmente dopo lauto compenso, come la miccia per far esplodere il caso ed il resto e' storia........

Blueray

Ven, 26/05/2017 - 16:16

Quando cesserà la jattura dell'Occidente di volersi incaponire a "importare democrazia" a destra e manca quasi fosse un prodotto merceologico, saremo tutti più felici e più tranquilli, convinti come siamo, almeno credo la gran parte dei commentatori, che ogni popolo ed ogni Paese debba costruirsi il suo percorso e il suo futuro a tempo e luogo e non si debba mai forzare l'orologio della storia. Alla luce di ciò avrei titolato:"Libia, l'IDIOZIA di tutti quelli che gioivano per la caduta di Gheddafi", e di foto, sotto il titolo, ce ne mancano parecchie!

piazzapulita52

Ven, 26/05/2017 - 16:22

CHE "MUSI" INGUARDABILI!!!

Santippe

Ven, 26/05/2017 - 16:33

Santippe. Sono gli stessi che, inamovibili dai loro pulpiti, continuano ancora oggi a sputare sentenze a destra e a manca.

donald2017

Ven, 26/05/2017 - 16:35

come al solito pronostici azzzecccati in pieno dal soliti cialtroni che vogliono esportare la democrazia e impongono la dittatura (vero napoletano dei miei stivali)

Aam31

Ven, 26/05/2017 - 16:35

L'unico con la testa sulle spalle è stato Berlusconi ma il colle lo odiava.

VittorioMar

Ven, 26/05/2017 - 16:54

....AVETE DIMENTICATO DI DARE GIUSTO "RISALTO" E RESPONSABILITA' DEL "PAGLIACCIO" FRANCESE !!

tosco1

Ven, 26/05/2017 - 17:22

Se miopia e' un eufemismo per non dire mancanza di materia cerebrale e di moralita' umana, allora va bene per definire le responsabilita' di questi avvenimenti.E poi mettiamoci anche Obama, campione assoluto. E poi, diciamola tutta ... la NATO, allenza difensiva , ha fatto la guerra a Gheddafi, che non dava piu' fastidio a nessuno, e non fa la guerra all'ISIS che mette in pericolo le vite dei nostri figli.Avrei delle parole per tutto questo, facilmente immaginabili.Dico solo che questi qua' sono ,appena possibile, da mandare tutti sotto processo per alto tradimento .

gadertal

Ven, 26/05/2017 - 17:23

I personaggi che avete elencato sono veramente complici di quanto e' successo e sta succedendo in Libia,cosa dicono ora?Stanno zitti.Non pensavamo imai che succedesse quello che sta succedendo, vedi immigrazione incontrollata e terrorismo,ma sapevamo che la situazione sarebbe peggiorata.Non eravamo preveggenza ma ragioniamo con la testa. Ed ora i colpevoli stanno zitti.

Ritratto di Marcello.508

Marcello.508

Ven, 26/05/2017 - 17:24

Miopia? Se non avessero fatto fuori El Gheddafi - personaggio squallido ma che nell'affaire migranti ha avuto ragioni da vendere - ognuno (Usa, Francia, Germania etc.) per il proprio tornaconto, l'invasione voluta da certi consessi che - con "iniezioni" di etnie afro - asiatiche - aspirano a far diventare l'europeo simile all'antico egiziano, debole e servile, non sarebbe mai avvenuta. Sicuramente non in questo modo e in queste proporzioni che definirei - con taxi a vario titolo e genere - molto pressante, invadente e che fra non molto si rivelerà destabilizzante. Rothschild, Rockefeller e poteri sovranazionali "cantanti" saranno certo soddisfatti della capacità di esecuzione di nostri scolaretti che privilegiano migranti a discapito di milioni di italiani in serie difficoltà.

peter46

Ven, 26/05/2017 - 17:25

Giano...bravo,bravo...ancora sempre la solita litania,vero?Napolitano 'impose' al Presidente del Consiglio dell'epoca Gianfranco Fini di concedere le basi siciliane agli alleati per far decollare gli aerei per bombardare la Libia e,per non essere inferiore a nessuno di quei così importanti alleati,a inviare anche i nostri aerei a bombardare quei ns ex ormai amici... diciamolo forte,ca...volo Napolitano,clinton in gonnella,obama, sarkò,cameron(e maledizione alla 'dritta' merkell che si sfilò onde non permetterci di 'infilarla' nel catalogo),da soli...vero?E con Fini pdc,vero?

Ritratto di Leonida55

Leonida55

Ven, 26/05/2017 - 17:35

Mamma mia che disastro hanno combinato questi tre! E sostenevano di essere lungimiranti. E milioni di peones rossi al seguito senza sapere dove ci avrebbero portato. E la disfatta non è ancora finita. Fra qualche anno la ciliegina sulla torta: andarsene lasciando tutto o farsi eliminare. Grazie a tutti e tre e ai furbacchioni che vi hanno votato e sostenuto.

agosvac

Ven, 26/05/2017 - 17:53

Guardando questi tre nella foto viene spontaneo chiedersi: sono stati del tutto incapaci oppure sapevano perfettamente le idiozie che stavano facendo??? Nell'un caso o nell'altro il loro posto sarebbero le rispettive patrie galere!!!

gianni.g699

Ven, 26/05/2017 - 17:59

Altro che inconsapevoli !!! Sapevano molto bene cio che facevano e le conseguenze ben programmate a tavolino che ne sarebbero derivate !!! gli inconsapovoli sono il popolo bue che pensa ancora che gli asini volano !!!

accanove

Ven, 26/05/2017 - 18:10

il tempo farà il conto totale dei danni che quell'individuo eletto capo del nostro stato ha causato alla nostra Italia

MOSTARDELLIS

Ven, 26/05/2017 - 18:28

Purtroppo è gentaglia che non hanno peso una svista, ma lo hanno fatto consapevolmente, sapendo di far fuori Gheddafi per i loro scopi. E questo è il risultato: migliaia di migranti e decine di terroristi. Grazie a loro. La cosa peggiore però è che nessuno gli dice niente, come se fosse tutto normale.

paco51

Ven, 26/05/2017 - 18:31

chi pensa alla democrazia dei Libici è un i..ota! anche è un politico di grido! Ha colpa diretta dell'attentato di MCR

manente

Ven, 26/05/2017 - 18:50

Sarkozy, Merkel, Van Rompuy, Barroso, Clinton sono dei criminali di guerra e l'orrido Napolitano, oltre che un criminale corresponsabile del barbaro assassinio di Gheddafi, è anche un traditore in quanto ha favorito gli interessi petroliferi di Sarkozy e Cameron a danno dell'Eni che è sempre stata la concessionaria privilegiata del petrolio libico. Come se non bastasse, Napolitano ed i suoi turpi sodali pidioti responsabili della strage dei libici, adesso fanno finta di piangere i "migranti che annegano in mare", continuando però a collaborare attivamente con inglesi, francesi, americani, sauditi ed israeliani che, Russia permettendo, vorrebbero fare il bis con la Siria! Sono i fatti a dimostrare che i sedicenti "progressisti" altro non sono che una banda di gangsters al servizio dei nemici del Paese.

Ritratto di rinnocent637

rinnocent637

Ven, 26/05/2017 - 18:58

ECCO CHI SONO I VERI RESPONSABILI DI QUANTO STA AVVENENDO. Le stragi e colpa loro se Gheddafi non lo lo avessero fatto fuori la Libia sarebbe sotto il suo controllo, si dice ma faceva fuori i suoi avversari, Oggi i suoi avversari sono al potete e fanno fuori noi

claudioarmc

Ven, 26/05/2017 - 19:17

Ritratto di etaducsum

etaducsum

Ven, 26/05/2017 - 19:48

Miopi? Ci vedono persin troppo bene. Per non vederci dovrebbero avere i propri occhi su un piatto, come Santa Lucia.

carlottacharlie

Ven, 26/05/2017 - 19:53

Tutti i pistola sono riuniti a Taormina. Peccato che per la loro imbecillita' ci vadano di mezzo gli europei, Metterei in fila tutte le loro teste di p...a.

peter46

Ven, 26/05/2017 - 20:06

Ma la Germania della Merkell e dei 'tedeschi' non si astenne nella risoluzione 1973 dell'onu che 'autorizzava' l'intervento in Libia?E non inviò proprio un ca...volo a combattere?Imbroglioni...solo imbroglioni siete.Perchè non inserite la 'SUA' foto al posto di quella della Merkell dato che tutti 'sappiamo' che CI fece partecipare attivamente con uomini mezzi e bombe?NB:Grazie lo stesso...Ferrara.

Ritratto di orione1950

orione1950

Ven, 26/05/2017 - 20:06

(2)Collioni; altro che miopi. Nessuno di loro svela i veri interessi che avevano in una Libia senza Gheddafi. Se ne sono fottuti della democrazia. La verità era che un Ghedaffi, legato all'Italia, non faceva gli interessi di Francia, Germania, Inghilterra e USA. La primavera araba era l'alibi e si é visto che, dove é scoppiata, gli estremisti islamici hanno preso il potere creando il disastro di oggi. Un grande grazie agli escrementi della foto dove manca il peggiore, sarkozy!!!

Ritratto di capcap

capcap

Ven, 26/05/2017 - 20:21

Non à miopia ma oorgoglio ed interesse personale. SONO MARCI!

nunavut

Ven, 26/05/2017 - 20:25

@peter46 17:25 forse si dimentica l'amicizia che a quei tempi correva fra Napo e Fini,sì era di FI ma dietro le quinte giocava con il PD e il suo coach era il napo nazionale.

GVO

Ven, 26/05/2017 - 21:33

Questi illustri "minus abens" x non chiamarli con il nome che gli compete..., è mai possibile che invece di essere chiamati a pagare i danni che hanno fatto, siano in giro con ricche pensioni vitalizi ecc. ecc.dico bene?

beale

Ven, 26/05/2017 - 23:17

grande occasione per Berlusconi se si fosse messo di traverso. era però un'amicizia ipocrita quella verso Gheddafi.

Ritratto di pascariello

pascariello

Ven, 26/05/2017 - 23:33

Ma quale miopia, Sarkozy aveva i suoi buoni motivi personali più il desiderio di fregare le concessioni petrolifere all Eni, la Clinton voleva celare le sue responsabilità per l' uccisione del console americano in Libia, Napolitano e Fini volevano danneggiare il nostro paese per fare cadere Berlusconi, spevano tutti benissimo cosa fare per conseguire i loro infami obiettivi

Ritratto di pinox

pinox

Sab, 27/05/2017 - 00:03

nella foto manca il cornuto o aspirante cornuto di sarkozy!!!

peter46

Sab, 27/05/2017 - 00:58

nunavut...faccia il bravo e non usi 'slogan triti e ritriti con me',dato che non è la prima volta che c'incontriamo.Le 'barzellette' le lasci raccontare a 'lui',per favore.NB:e pensare che ultimamente si leggevano commenti di un certo nunavut che sembrava avviato sulla strada della 'disintossicazione':torna a mangiare la minestra di prima?NB:Ma 'quello',l'altro ASSIEME A QUESTI(merkell esclusa)ci 'portò' in guerra contro gheddafi,o no?NB2:Veda se riesce a trovare su internet le dichiarazioni di mesi fa del figlio di Gheddafi(l'ex calciatore del Perugia)e vedrà il motivo di tutti sti 'sbarchi',legga!...legga!.

Luigi Farinelli

Sab, 27/05/2017 - 02:18

In foto le facce di tre dei principali responsabili-irresponsabili che dovrebbero essere inquisiti e processati per lo sfascio che sono stati capaci di provocare nel mondo. Invece eccoli lì, tranne la prima, spero in cura in qualche sanatorio, gli altri due sono ancora a piede libero a fare danni. E la gente continua pure a dar loro retta. Il simbolo della confusione mentale che ormai corrode l'Occidente come un cancro: irresponsabilità di governo e preciso scopo di arrecare danno, i cocci sono dei cittadini, rincoglioniti a colpi di truffe mediatiche imposte lavando loro il cervello: spread, Agenzie di Rating, crisi economiche inventate, riscaldamento climatico antropico, femminicidio, gender, buonismo, "primavere", armi di distruzione di massa, destabilizzazione di aree geopolitiche...la lista è lunga. Anche quella dei responsabili dell'uccisione della civiltà occidentale.

Luigi Farinelli

Sab, 27/05/2017 - 02:34

La pericolosità e doppiezza di questi lestofanti si vede proprio al G7 dove vengono richiesti interventi proponenti pazzeschi interventi antitetici. Per esempio, l'opinione pubblica è stata portata a credere alla colossale truffa del riscaldamento "antropico" che non ha alcun fondamento scientifico ma tra l'altro impedisce all'Africa, con la spinta alla de-industrializzazione, di fornirsi di un apparato industriale, migliorare le condizioni di vita, igieniche, idriche. Fra sviluppo impedito e "primavere" ecco l'esodo migratorio (le tre cose studiate ed attuate). Tra l'altro, i cambiamenti climatici fanno comodo ai laicisti ed agli ecologisti alla Al Gore con la loro "Gaia" per gridare "più aborti", meno famiglie prolifiche, meno abitanti sulla terra. E addirittura, dopo avere spinto alla de-natalizzazione, dire pure: "il deficit di natalità dell'Europa si elimina con gli immigrati"!"

Duka

Sab, 27/05/2017 - 07:32

Sarkozy e Cameron con il benestare di tutti gli altri sono complici di tutte le stragi in Europa.

Massimo Bocci

Sab, 27/05/2017 - 08:27

Miopia??? Si chiama così la correità criminale,complottista di golpisti che tramano per la distruzione degli Stati Nazionali e l'eliminazione delle rispettive popolazioni autoctone,una volta c'èrano termini più appropriati come rinnegati,traditori GOLPISTI !!!

Ritratto di hardcock

hardcock

Sab, 27/05/2017 - 08:30

essendo Gheddafi un diga contro l'islam preso alla lettera Obama tra i cui doveri vi è il rispetto dei precetti coranici ha dato il via alla distruzione di Gheddafi, di Muhammad iv in marocco e del governo tunisino. I governanti europei si sono come sempre ai voleri americani. Berlusconi si sarebbe comportato da statista se avesse tentato di abbattere gli aerei USA non solo per aiutare la democrazia ma anche per aiutare quello che lui definiva un amico. Invece si è comportato da perfetto italiano.................semplicemente un altro tradimento. Festeggerete anche quello il 25 aprile. Pubblicate sempre per il vostro bene. Molice Linyi Shandong China

rossini

Sab, 27/05/2017 - 08:37

Non fu miopia. Francesi, tedeschi e inglesi sapevano bene quello che facevano. Volevano mettere in difficoltà l'Italia, il primo partner commerciale della Libia e il paese più esposto all'immigrazione per ragioni geografiche. L'Italia che, malgrado tutto continua a essere un loro pericoloso concorrente sul piano economico. Il piano è riuscito in pieno con la complicità di Giorgio Napolitano.

ILpiciul

Sab, 27/05/2017 - 09:01

Per restare nel campo della "Vista", tre personaggi con sguardi inquietanti. Comunque, è arrivato il castiga matti, intendo il biondo di oltre oceano. Farà ballare il rock 'n roll acrobatico a tipi come questi. Credo che potremo metterci comodi e goderci lo spettacolo.

gianrico45

Sab, 27/05/2017 - 09:16

Ma quale miopia? Avevano visto bene. Destabilizzando la Libia hanno aperto le porte all'immigrazione. Faceva tutto parte di un progetto ben preciso.Diciamola la verità qualche volta.

FRATERRA

Sab, 27/05/2017 - 10:02

Non includete la Merkel perché furbamente ha tirato il sasso e poi si è sfilata,colpa anche di berlusconi (minuscolo) che si è comportato da traditore e venduto. E che dire del negro nobel che continua a pensare agli "errori".

peter46

Sab, 27/05/2017 - 10:26

hardcock...un camerata come lei dovrebbe chiamarlo col nome che merita però....il re Napolitano ha chiamato e Badoglio Berlù ha risposto 'presente':altro che nemici.NB:Che se vogliamo non è che potevamo considerarlo di certo a livello comportamentale come un Craxi a Sigonella,o sì?...ma che ci si venga ancora a raccontare la 'storiella' dell'imposizione di Napolitano è proprio da ipocriti:yankee fino alla fine dei secoli,altro che il napoletano.

apostata

Sab, 27/05/2017 - 15:14

Ora i benpensanti riabilitano obama, dicono: “mbe, però si è pentito, mentre sakozy ancora no”. Si è pentito un caxxo! Non basta pentirsi, occorre pagare, ma pagare duramente come duramente si è intervenuti per sodomizzare gheddafi con un manico di scopa, per mettere a soqquadro tutti gli equilibri dei paesi arabi e del modo. Ricordo perfettamente la sinistra, il napolitano in testa, contro berlusconi e come lo mise sotto accusa perché tardava a bombardare mentre il francese già sganciava bombe. Ancora in italia c’è qualcuno che, storcendo il naso su trump, non si vergogna dell’amicizia di obama, di aver sostenuto la clinton. È una storia da brividi che manda ai matti. Non c’è pentimento che tenga, nessun perdono è possibile.