Picchiato da un senegalese perché sostenitore di Salvini

Paolo Diop, militante di Sovranità vicino al leader della Lega, è stato colpito con un pugno al volto: "Lo sistemo io l'amico di Salvini"

Picchiato per le sue idee. Un pugno al volto solo perché è amico di Salvini, perché lo sostiene e ne appoggia le scelte politiche.

Paolo Diop milita in Sovranità, il parito alleato del Carroccio, e a Pontida era sul palco insieme a Matteo Salvini. Diop è negro, senegalese di origine e "orgogliosamente italiano". I suoi connazionali non hanno mai digerito il fatto che sostenesse le idee della Lega in materia di immigrazione. Diop, infatti, è convinto che i migranti non siano "risorse", ma un problema che deve essere risolto nei paesi d'origine: "Non tutta l'Africa - dice - può venire in Italia". Per questo ha ricevuto molte minacce "da parte di altri negri".

Ieri notte, però, qualuno è passato all'azione. In un locale di Civitanova marche è stato aggredito da un connazionale, un senegalese che lavora al locale "Shada". Diop era seduto ad un tavolo insieme ai suoi amici, dopo aver pagato regolarmente il biglietto d'ingresso. Un buttafuori senegalese si è allora avvicinato e lo ha obbligato ad uscire dal locale. "Mi sono rifiutato - racconta Diop a Ilgiornale.it -, cosèì lui mi ha preso di forza e mi ha trascinato fuori".

Poi, davanti a diversi testimoni, gli ha dato un pugno in faccia. "I miei amici hanno cercato di aiutarmi - aggiunge Diop - e in seguito sono intervenuti altri buttafuori ad allontanare il senegalese". Il motivo dell'aggressione è politico. "Mentre mi trascinava fuori - racconta - mi ha detto: 'l'amico di Salvini...adesso ti sistemo io!'". "Mi ha picchiato per le mie idee, è evidente, non c'era altro motivo per cacciarmi in quel modo".

Diop è finito all'ospedale. Al Pronto Soccorso hanno certificato una prognosi di 6 giorni per via del colpo subito al volto. Ora la denuncia è arrivata sul tavolo dei carabinieri, che forse apriranno le indagini.

"Più che il pugno - scrive Diop su Facebook - fa male vedere i profili dei miei connazionali festeggiare. E pensare che lotto pure per loro".

Commenti

FRANZJOSEFF

Mer, 08/07/2015 - 19:30

SNO PEZZI DI MxxxA CHI E' CON QUESTO NEGRO. ORA IL MAGISTRATO LO CONDANNERA' PER MINACCE AGGRAVETE E AGGRESSIONE? SxxxxxI ITALIANI SONO CONTENTI DEL RESTO NEL LORO PAESE NON CONTANO PIU' NIENTE GRAZIE SINISTRI.

FRANZJOSEFF

Mer, 08/07/2015 - 19:32

VIENI DA ME TI FACCIO BIANCO IMMEDIATAMENTE E TI GIURO CHE SCAPPI DALL'ITALIA CON ALMENO LA META' DEI TUOI AMICI SINISTRI OLTRE AD ALTRI AFRICANI NEGRI

Ritratto di hernando45

hernando45

Mer, 08/07/2015 - 19:39

Sono le RISORSEEEEEE!!!! COCOMERIOTAS!!!! Saludos dal Nicaragua.

pinosan

Mer, 08/07/2015 - 19:40

Al loro paese una aggressione di questo tipo come sarebbe punita?Qui gli daranno un premio per aver difeso gli immigrati che sono la risorsa del nostro paese. Sarà sicuramente invitato dalla Boldrini per le congratulazioni di rito(sinistroso).

Ritratto di hernando45

hernando45

Mer, 08/07/2015 - 19:43

OPS SCUSATE. Sono le RISORSE che sbagliano,commenteranno ora i soliti COCOMERIOTAS!!!lol lol Saludos dal Nicaragua.

Ritratto di wilegio

wilegio

Mer, 08/07/2015 - 19:46

I carabinieri pronti a indagare? Maperpiacere... guardate cosa fanno quelle malefiche zingare delle metropolitane che, dopo centinaia di denunce e arresti, sono sempre a piede libero.

claudio63

Mer, 08/07/2015 - 19:55

ancora una volta la dimostrazione che a sinistra si e' democratici e tolleranti solo con chi la pensa come loro.Se poi qualcuno passa all'azione,ipocritamente lasciata correre(se non incitata) sono solo ragazzi che sbagliano. Qualcuno ricorda azioni aggressive di buzzurri leghisti ascritte alle cronache? ah gia',i cavernicoli quadrumani Fascioleghisti provocano... eh gia'.

Ritratto di Runasimi

Runasimi

Mer, 08/07/2015 - 23:46

Questa è la democrazia che professano i trinariciuti. Il vero razzismo è praticato da loro. SE NON BELI IN CORO CON LA SINISTRA PUOI BECCARTI ANCHE UN PUGNO IN FACCIA.

Ritratto di bonoitalianoma

bonoitalianoma

Gio, 09/07/2015 - 03:08

Ma l'aggressore è in Italia per cercare di quadrare il pranzo con la cena o un mercenario infiltrato assoldato al fine di eliminare gli elementi non confacenti ad un piano preordinato di invasione programmata?

Ritratto di V_for_Vendetta

V_for_Vendetta

Gio, 09/07/2015 - 05:42

questa e' la dimostrazione che quando ti chiamano fratello lo fanno solo per convenienza. fratelli un mazzo, fratelli sono coloro che bascono dalla stessa madre concepiti dallo stesso padre. gli altri, se italiani da almeno 14 generazioni, sono connazionali. tutti quelli che arrivano senza regolari permessi sono clandestini che vanno cacciati, altro che fratelli.

eloi

Gio, 09/07/2015 - 06:09

Innasnzi tuttu controllare se i "buttafuori" del locale erano e sono un regola sotto tutti gli aspetti. Per prima cosa gli italiani non frequentino più tale locale

Ritratto di martello carlo

martello carlo

Gio, 09/07/2015 - 09:12

Invece di lamentarci sempre dei comportamenti sinistri pro immigrati, dei loro scagnozzi negri, insomma invece di fare sempre le vittime ed accettare passivamente, perché non si comincia a valorizzare gli immigrati come DIOP "orgoglioso di essere italiano"? Ve ne sono molti che sono tra noi da anni , hanno lavorato seriamente ed ora hanno i nostri stessi interessi soprattutto contro l' invasione musulmano jihadista. Io credo che vadano fatti emergere e premiati in ogni modo possibile. E' un modo di far crescere una cultura alternativa a quella della sinistra che ha monopolizzato da troppo tempo tribunali, piazze, scuole e media. FACCIAMO DI QUESTO DIOP UN ESEMPIO ED UNO STIMOLO AI MOLTI AFRICANI CHE SONO COME LUI, DIMOSTRANDO CHE LA DIFESA DEL PAESE DALL' INVASIONE INCONTROLLATA NON E' RAZZISMO MA SOLO SPUTTANAMENTO SINISTROIDE DIETRO CUI SI NASCONDONO SPESSO SOLO SPORCHI INTERESSI COOPERATIVI