Pinotti fermata da un vigilante all'Ikea, interviene la scorta: "Siamo di fretta"

Il titolare della Difesa è poi intervenuta fermando il carabiniere di scorta e dicendosi disponibile a farsi controllare

Sabato pomeriggio, superstore Ikea di Collegno, nel Torinese: tra i clienti del finesettimana c'è anche il ministro della Difesa Roberta Pinotti, in compagnia della figlia, appena trasferitasi a Torino per seguire i corsi universitari, e della scorta. Al momento di passare per le casse, il gruppo viene fermato da un addetto alla sicurezza per un normale controllo.

A questo punto, racconta l'edizione locale de La Repubblica, è intervenuto uno degli uomini della scorta, che si è rivolto al vigilante senza andare troppo per il sottile: "Sono un carabiniere, abbiamo fretta", inducendo l'addetto alla sicurezza ad allontanarsi tra gli sguardi stupefatti degli astanti. Il ministro, però, si è accorto dell'accaduto e ha chiesto al capo della propria scorta di raggiungere il vigilante per comunicargli la propria disponibilità a sottoporsi ai controlli di rito.

La Pinotti, infatti, stava pagando la propria spesa alle casse veloci, quelle dove si utilizza il solo lettore ottico, in assenza della cassiera "tradizionale": in questo tipo di casse è piuttosto frequente che i clienti vadano incontro a controlli aggiuntivi. Proprio come è successo al ministro della Difesa, in un piccolo contrattempo che si è poi subito risolto con un sorriso e un chiarimento.

Due anni fa andò decisamente peggio all'allora capogruppo dei senatori democratici Anna Finocchiaro, pizzicata mentre faceva shopping all'Ikea con la scorta: in quel caso la parlamentare dem finì nella bufera perché uno degli uomini addetti alla sua sicurezza venne fotografato mentre spingeva un carrello pieno di "onorevoli" prodotti.

All'epoca la Finocchiaro si era giustificata così: "Chi portava il carrello non era un rappresentante delle forze dell’ordine né un rappresentante del Senato, è un autista che conosco da 20 anni e che ha avuto la carineria di spingere il carrello. Cosa ci sia di strano non lo capisco. Avere la scorta per me è un piacere"

Commenti

pittariso

Mar, 07/10/2014 - 10:33

Ma come si permettono?Un ministro per giunta PD!

diegom13

Mar, 07/10/2014 - 10:44

Vabbè, brava Pinotti e pure la Finocchiaro non era mica caduta in chissà che. Certo sarebbe più carino se i rappresentanti delle istituzioni comprassero mobili o suppelletili da qualche artigiano italiano, invece di affidarsi alla multinazionale svedese. Benché faccia bene all'immagine frequentare la GDO, insomma andare dove va la folla e comprar cose di basso costo, il problema è che la cosa poi non depone a loro favore in fatto di gusti, affidabilità e credibilità. Dicono di voler difendere la qualità della produzione italiana, ma poi si fan vedere a comperare solo roba mare in everywhere.

paco51

Mar, 07/10/2014 - 11:03

Ma scherziamo una PD fermata è impossibile ! sono fuori come un terrazzo. Cosa hanno come controllo gli Apenjager?

giosafat

Mar, 07/10/2014 - 11:03

Se la ministra è "normale", tocca alla scorta fare la solita figura di tolla del "lei non sa chi sono io. Spero che si levi di torno quel carabiniere malato di protagonismo.

Mechwarrior

Mar, 07/10/2014 - 11:05

ahi ahi ahi povero/a vigilante: benchè avesse capito subito che era meglio controllare i politici...........ora verra' licenziata per questo grave sgarro

tsox.silvio

Mar, 07/10/2014 - 11:08

Ma la notizia qual è?

alberto.rossattini

Mar, 07/10/2014 - 11:09

L'unico commento che mi sento di fare è che notizie come questa squalificano enormemente i giornali che le pubblicano!

BENNY1936

Mar, 07/10/2014 - 11:14

"Andiamo di fretta" è l'esatto equivalente dell'immortale uscita del Marchese del Grillo, e ci mostra cosa poco ha capito della democrazia quel benemerito carabiniere, che forse si è montata un pò la testa. Sarebbe troppo bello esonerarlo da quell'incarico che evidentemente non ha le capacità di assolvere bene. Per fortuna ha rimediato il Ministro...ma uno si chiede se sono così indispensabili le scorte a tutti quanti, che provocano la latitanza dei tutori dell'ordine per le strade...

Ritratto di Deluso_da_tutto

Deluso_da_tutto

Mar, 07/10/2014 - 11:21

Ma io mi chiedo: con tutto quello che guadagnano, hanno pure bisogno di risparmiare, andandosene in giro per grandi magazzini, discount e megastore dai prezzi bassi?

vince50

Mar, 07/10/2014 - 11:21

Fare anche la scorta a chi è del PD è inutile,sono in terra "santa"quindi al sicuro.

Ritratto di Tristano

Tristano

Mar, 07/10/2014 - 11:24

@diegom13 scrive: "Dicono di voler difendere la qualità della produzione italiana, ma poi si fan vedere a comperare solo roba made in everywhere". Vedi è un malvezzo tutto italiota (dei politici intendo). C'era un noto statista (ora delinquente decaduto) che diceva di voler difendere l'italianità di Alitalia e per questo ha speso (soldi nostri) 3 miliardi di euro, poi sappiamo tutti com'è andata. Tanto lui volava con l'aereo privato pagato da noi. Lo stesso decaduto da 20 anni usa un'auto super blindata AUDI (non proprio italiana) pagata da noi insieme alla sua mega scorta che ci costa oltre 4 milioni all'anno, anche ora che è decaduto e delinquente condannato.

Ritratto di giangol

giangol

Mar, 07/10/2014 - 11:26

ministro dell'invasione direi.

Ritratto di ContessaCV

ContessaCV

Mar, 07/10/2014 - 11:30

Secondo il mio modesto parere, la scorta dovrebbe essere usata d qualsivoglia personaggio di Governo solo ed esclusivamente per servizio e basta. Quindi se la Signora Pinotti o il Signor Renzi o il Signor Alfano vogliono andare all'Ikea o alla Basko a fare la spesa ci vanno con la loro auto e senza scorta. Se uno ha deciso di fare politica e di governare, si deve assumere i rischi che ne derivano.

Iacobellig

Mar, 07/10/2014 - 11:38

la Pinotti oltre che incompetente per il posto alla camera che occupa è anche indisponente verso i controlli che normali cittadini sono invece costretti a subire. verdo il carabiniere di scorta intervenuto va preso dubito un provvedimento disciplinare pet abuso della sua funzione in quanto la pinotti non era in pericolo. inoltre la pinotti se non vuole farsi controllare eviti di andare all'ikea. SI VERGOGNI!!!

rokko

Mar, 07/10/2014 - 11:39

E quindi ? Dovrebbe fregarcene qualcosa ?

GimmeSong

Mar, 07/10/2014 - 11:42

Ce stavs a provà?

marvit

Mar, 07/10/2014 - 11:45

Vabbè !! Per i lecca piedi di sinistra non è una notizia beccare un politico(il loro però) che imbarca la scorta anche per andare a fare la spesa......Berlinguer si starà rivoltando nella tomba. PAGLIACCI

vince50_19

Mar, 07/10/2014 - 12:05

"Io so io e voi non siete un cazzo".. Più o meno!

BlackMen

Mar, 07/10/2014 - 12:10

Iacobellig: dica la verità...non lo ha letto l'articolo vero? si è limitato al titolo...e si vede!

Ritratto di Dreamer_66

Dreamer_66

Mar, 07/10/2014 - 12:18

Iacobellig: ahahahahahah... ma lo hai letto l'articolo???

mezzalunapiena

Mar, 07/10/2014 - 12:22

vorrei che qualcuno mi spiegasse perché i ministri hanno bisogno della scorta e non so se per difendersi da eventuali rapimenti oppure da normali cittadini che visto quello che hanno combinato i politici sicuramente ci sarà qualcuno che vuole vendicarsi e non a torto.

david71

Mar, 07/10/2014 - 12:29

Iacobellig, almeno al catenaccio poteva arrivare....

il corsaro nero

Mar, 07/10/2014 - 12:46

@Tristano: 1)Il delinquente decaduto, come lo chiami tu ha salvato l'Alitalia, se successivamente è tornata sull'orlo del fallimento non è cero per colpa sua ma dei vari amministratori che si sono succeduti e che non erano certamente di destra; 2)il delinquente decaduto viaggiava sul suo aereo personale a sue spese e non a spese della comunità; 3)il delinquente decaduto la scorta se la paga personalmente, come pure l'Audi superblindata, anzi l'Audi è sempre quella , mentre come certamente saprai, da ex Presidente del Consiglio, avrebbe diritto ad un'auto di servizio nuova! Così, tanto per precisare!

il corsaro nero

Mar, 07/10/2014 - 12:47

@Tristano: Ah, dimenticavo, la Boldrini se ne è andata in Africa a nostre spese e per di più col Boy Toy!

filder

Mar, 07/10/2014 - 12:48

Non è possibile e non ci posso credere, questo articolo è discriminatorio perché gente appartenente al PD, queste cose non li farebbero mai e poi mai! probabilmene si tratta di una sosia così come si è trattato col volo militare che la signora Pinot avrebbe preso per tornarsene a casa...VERGOGNA..VERGOGNA...VERGOGNA

Triatec

Mar, 07/10/2014 - 12:48

E' un vizio di famiglia...ehmm volevo dire di partito, in parlamento si parla del più e del meno, magari ci si consiglia su un acquisto particolare... un'occasione vista all'IKEA, ma si dai, ti fai accompagnare dalla scorta. La Finocchiaro è davvero un'amica.

il corsaro nero

Mar, 07/10/2014 - 12:51

@alberto.rossattini: pensa che quella della Finocchiaro stava anche su il fatto quotidiano e la repubblica! E pensa se quello descritto l'avesse fatto un ministro di destra!!! Non voglio neppure pensare a quello che vi sareste inventati!!!

teramano

Mar, 07/10/2014 - 13:25

Ai vari commentatori, prima di scrivere almeno leggete BENE l'articolo!

Ritratto di Markos

Markos

Mar, 07/10/2014 - 13:36

tsox.silvio 2 ore fa Ma la notizia qual è? LA NOTIZIA E' CHE I CULATTONI COMUNISTI ORMAI IMPAZZANO ALLEGRAMENTE IN QUESTO GIORNALE....

Ritratto di CIOMPI

CIOMPI

Mar, 07/10/2014 - 13:41

Iacobellig: ha fatto bene a non leggere l'articolo perché non forniva alcuna notizia che possa chiamarsi tale, però ha fatto male a fare il commento proprio perché non ha letto l'articolo.

Dordolio

Mar, 07/10/2014 - 14:11

Ero all'Ikea della mia città due giorni fa. L'ultima volta c'ero stato 5 o 6 anni fa. Ed ero lì per cercare un ricambio: le 5 ruote doppie girevoli della mia poltrona da ufficio che si erano rovinate negli anni e non giravano più. Me le hanno date e nonostante la mia insistenza NON HANNO VOLUTO un euro che fosse uno. Per una poltrona ormai lisa, ma a cui sono affezionato. Incidentalmente, altre sedie che abbiamo in ufficio, rigirate, mostrano il Paese di produzione. Che è l'Italia....

ulanbator10

Mar, 07/10/2014 - 14:37

PER TRISTANO : Devi fartene una ragione. Berlusconi non governa piu' da 35 mesi. Anche Travaglio ha cambiato obiettivo delle sue farneticazioni a mezzo stampa e tu insisti a dare la colpa dell'insuccesso della tua vita a Berlusconi. Guarda la realta', non è il politico di turno che ti fa essere un perdente, ma sei tu stesso. E piantala di commentare su Berlusconi usando solo il livore di chi non ha nulla da dire ( delinquente decaduto e simili ) - Berlusconi non c'è più da 35 mesi. Devi trovarne un altro su cui scagliarti. Prova con Renzi, magari sentirai sollievo, ma non certo troverai la soluzione dei tuoi problemi.

claudio63

Mar, 07/10/2014 - 14:44

A ME SEMBRA CHE TUTTI QUESTI COMMENTI SIANO DI UNA PATETICITA' LITIGIOSA ABERRANTE:In primo luogo il continuo rimbeccarsi tra una parte e l'altra di quello che ha fatto il silvio e quello che ha fatto la finocchiaro e tu ci avevi l'audi e io andavo all'ikea che non e' manco italiana... se poi andavano al mercatone del mobile in nome della conclamata italianita' qualcuno avrebbe gridato alla scandalo ed alla corruzione tra politica e imprenditori... per me il carabiniere ha fatto il suo dovere di uomo della scorta si e' dichiarato come rappresentante di forze dell'ordine evidentemente in servizio e la stessa Pinotti ha poi chiuso la faccenda facendo ispezionare la merce appena acquistata. Vigilante e scorta hanno tutti fatto il loro dovere comrpesa la Pinotti chiudendo subito la querelle sul momento. c'e' piuttosto da chiedersi PERCHE' IN UN PAESE DEMOCRATICO SI DEVE ANCORA AVERE BISOGNO DELLA SCORTA PER I BOIARDI DI STATO?

celuk

Mar, 07/10/2014 - 15:10

se l'hanno fermata evidentemente anche dalla faccia si capisce che siamo governati da delinquenti!

precisino54

Mar, 07/10/2014 - 15:16

X il corsaro nero - 12:46, quanto dici è cosa risaputa, ribadirlo non serve perché chi dovrebbe leggere e capire non sa come si fa. Alle tue parole faccio due aggiunte: SB ha la scorta ben prima che entrasse in politica, per evidenti motivi di sicurezza; l’auto che usa sicuramente non è sempre la stessa ma ha la caratteristica di poter sopportare blindature particolari. Anche le nostre officine specializzate, si rivolgono ai mezzi esteri potendo così sfruttare quanto testato già- Altra questione quelle dei voli aerei per cui il Cav, per comodità e brevità, ha spesso utilizzato gli aerei della flotta privata Mediaset pagandone i costi, con la sola particolarità di definizione di “volo di stato” per usufruire di rotte privilegiate e di sicurezza, e aree di sosta riservate negli aeroporti.

Davidedavide

Mar, 07/10/2014 - 15:28

Io ho il video della Prestigiacomo presso l'Ikea di Catania!!! A chi niteressa???

rokko

Mar, 07/10/2014 - 15:30

il corsaro nero, dei tre punti solo il primo è corretto: effettivamente il simpaticone salvò l'Alitalia; la salvò a spese nostre, a costi pazzeschi e non strutturalmente, ma diamola per buona. Per quanto riguarda la seconda, mi risulta che durante il mandato ha addirittura venduto il suo aereo personale per usare esclusivamente quello di stato, dunque viaggiava a nostre spese. Niente di male, per carità, era un capo di governo, però lasciamo le favole a Grimm. Riguardo la terza, anche quella è falsa, e lo disse lui stesso in un'intervista. Tra l'altro, ha continuato ad usufruire per due anni della scorta dedicata agli ex capi di governo, come previsto dalla legge, a nostre spese. Tutto giusto, ma anche per questo le favole lasciamole a Grimm.

lamwolf

Mar, 07/10/2014 - 15:37

Date l'esempio e ricordate che fuori dalle sedi istituzionali siete cittadini comuni. Comunque ha fatto bene la Pinotti nel chiedere che era pronta al controllo.

ronin59

Mar, 07/10/2014 - 15:41

Ma che esempio di democrazia e tolleranza... davvero un ministro degno del Partito del Fare... SCHIFO.

LOUITALY

Mar, 07/10/2014 - 16:20

questi valvassori medioevali vanno all'ikea con la scorta pagata da noi! schifosa !!!!

aitanhouse

Mar, 07/10/2014 - 16:42

brava pinotti! un consiglio alla ministra: redarguire fortemente chi non ha rispettato un lavoratore nelle sue funzioni assumendo toni per nulla gentili ed educati pur facendo parte della scorta di un ministro che in ogni manifestazione ha sempre mostrato disponibilità e signorilità.

claudio63

Mar, 07/10/2014 - 17:12

per ROKKO: Non sono d'accordo sulle tue precisazioni riguardo la questione trasporti di sb per le seguenti ragioni; 1) Alitalia ristrutturazione: dimentichi che in quella trattativa c'erano di mezzo anche i sindacati e proprio loro contribuirono grandemente a quel pastrocchio che fu la ristrutturazione, vatti a vedere i verbali delle riunioni e poi ne riparliamo. 2) a conferma del punto di cui sopra, a tutt'oggi la trattativa con Etihad e' stata inquinata da prese di posizione da parte del sindacato per la questione degli esuberi e delle normative che regolano il numero e la quantita' degli straordinari nonche i premi di produzione proprio dei delegati sindacali... per il resto sono d'accordo con te sull' accozzaglia di pseudo dirigenti mandati li dal deputato di turno... del resto e' un vezzo ben noto in altri dipartimenti, guardati il recente servizio della Gabbanelli sul ministero della sanita e l'istituto superiore della sanita': chi lo dirige e come lo fa.... 3) aereo personale: il Gulfstream GV e' tecnicamente di proprieta' di una societa di leasing con sede in svizzera, anche se registrato al RAI (Registro Aeronautico Italiano) il cui contratto d'uso prevede il leasing del SERVIZIO di trasporti e non del mezzo, pertanto la medesima societa' svizzera si premura di cambiare il MEZZO per ottemperare alle condizioni contrattuali previste dal SERVIZIO. Chiaro? 3) Nota Per Tristano: a parte il fatto che dopo oltre due anni di assenza , comincerei SERIAMENTE a rivedere gli obbiettivi delle mie critiche sull'operato di un politico, ma tant'e'. Per quello che riguarda la AUDI non e' un reato comperare auto all'estero, specie quando queste sono VENDUTE AL 12% di meno del prezzo proposto dal gruppo concorrente (FIAT) che all'epoca del bando, presento' ancora le Thema che non potevano essere blindate per motivi di disegno strutturale e non corrispondevano alle norme richieste dal bando. Per la cronaca, ti sei mai chiesto dove fanno le land rover usate dai carabinieri? sempre per la cronaca, l'esercito di Sua Maesta' (Regno Unito) ha e mantiene una numerosa flotta di IVECO LINCE fatti dalla FIAT. E recentemente il nuovo bando di acquisizione di auto blu a cui ha partecipato la AUDI, e' stato vinto dalla Maserati. perdonate, ma a me sembra che,a volte, pescando nel torbido, rimngono solo le mani sporche.

Ritratto di Loredana.S

Loredana.S

Mar, 07/10/2014 - 17:46

Beh se la Sig.ra Pinotti si è subito dichiarata disponibile a fare il controllo.. dov'è la notizia? Non può essere ritenuta responsabile per quello che fa un carabiniere! Che poi non debba comperare all'Ikea.. perchè non dovrebbe? ognuno è libero di comperare dove vuole. E se le è stata assegnata una scorta è ovvio che deve averla anche quando va a fare la spese e non solo quando va a lavoro! Si assegna una scorta (presumo) per la sua sicurezza (ovunque lei sia) e non perchè abbia bisogno di un autista!

baio57

Mar, 07/10/2014 - 17:54

I sinistri-oti (+ ioti ) tirano in ballo per l'ennesima volta Berlusconi,ma si dimenticano che uno dei loro idoli , l'ex lanciatore di bulloni,promotore dei bombardamenti su Belgrado,ex velista ed ora viticoltore di successo,si avvale tutt'ora di una scorta di due uomini più un autovettura .Fin qui niente di male (eufemismo), senonchè il prode kompagno viene "pizzicato" più volte ,con la scorta appunto, mentre fa passeggiare il labrador per i giardinetti della capitale... Amen e così sia!

Rudik

Mar, 07/10/2014 - 17:58

Solo sei guardie del corpo per fare gli acquisti da Ikea? Chi avrà caricato l'auto la ministra od i carabinieri?

LOUITALY

Mar, 07/10/2014 - 18:48

loredana gente come lei che giustifica nefandezze medioevali sono il male di questo paese in nessuna parte del mondo servitori deli stato vanno a fare lanspesa con la scorta pagata con tasse bestiali

Ritratto di atlantide23

atlantide23

Mar, 07/10/2014 - 19:06

non ne posso piu' dei sudditi sinistri che si schierano sempre dalla parte dei loro sinistri padroni, ricchi e privilegiati, che vanno in giro a far compere con la scorta PAGATA DA NOI. E scommetto che molti di questi asini raglianti non hanno neanche la possibilita' di comprare i regali natalizi ai loro figli . Non vi stancherete mai , asini ,di chi, mentre parla di uguaglianza e vi fa fessi , VI DERUBA ? SPLUT !

bruco52

Mar, 07/10/2014 - 19:08

Pinotti chi?.....a quel vigilante dovrebbero dare un premio....grazie a lui un centinaio di italiani, i clienti di Ikea, hanno visto che faccia ha il/la ministro/a della difesa....dopo le curve e i seni delle sue colleghe, il/la ministro/a ci mette la faccia....

Seawolf1

Mar, 07/10/2014 - 20:03

il solito schifo... è andata all'ikea per risparmiare, magari...

giovanni951

Mar, 07/10/2014 - 20:30

ma che barboni sono questo ministri deputati senatori? 20.000 al mese a vanno alla ikea (con la scorta)? E tutta questa premura? doveva andare a salvare i maró?

rokko

Mar, 07/10/2014 - 22:54

claudio63, è un dato di fatto che la scorta ed i voli a Berlusconi, quando era presidente del consiglio, glieli pagavamo noi. Lo ha detto lui stesso nel momento in cui glieli stavano (ingiustamente) per toglierglieli, perciò non vedo cosa lei abbia da ridire in merito. Per quanto riguarda la vicenda Alitalia, non ho bisogno di andare a rivedere nessuna carta perché ricordo benissimo. Una volta arenatasi la trattativa con AirFrance, Alitalia era tecnicamente fallita e sarebbe stato sufficiente farla morire di morte naturale, fare lo spezzatino e liberalizzare voli slot e tutto il resto. Berlusconi invece la "salvò" con i nostri soldi (che ci accollammo la bad company e la cig per sette anni per gli esuberi) e creò un mostro da diciottomila dipendenti in mani private, foraggiate ovviamente sempre da noi prima con il prestito ponte e poi con il contributo di altri trecento milioni di euro, che secondo lui sarebbe stata una compagnia privata "leggera e profittevole". Vada lei a rivedersi le carte.

rokko

Mer, 08/10/2014 - 10:04

claudio63, vada a rivedersi lei gli atti di Alitalia, io li ricordo benissimo. Se vuole, può cercarli su questo stesso giornale e non farà nessuna fatica: il nostro, fallita la trattativa con AF, anziché far fallire la società farne spezzatino e liberalizzare il settore, creò un mostro da 18mila dipendenti cre sarebbe dovuta essere, secondo lui, una "piccola e profittevole" azienda privata, infilando tutti i costi vivi (compresa la cig per sette anni ai pochi esuberi) nella bad company ed accollandoli al contribuente. Cosa c'è da andarsi a rileggere ? Boh Per quanto riguarda scorta e voli di stato, qui si nega l'evidenza. Che la scorta gliela pagassimo noi si è scoperto nel momento in cui ha accusato Monti di volergliela togliere (riferimento su questo stesso giornale), per quanto riguarda i voli di stato ci sono centinaia di foto che lo ritraggono mentre scende dall'aereo con la scritta "repubblica italiana" insieme ad ospiti non proprio istituzionali, ci sono i costi che parlano (50 milioni di euro di voli di stato contro la metà di successori e predecessori) e non c'è alcun elemento concreto a sostegno della tesi che se li pagasse lui, e voi continuate a credere alle favolette della buona notte.

claudio63

Mer, 08/10/2014 - 20:38

Rokko, io posso credere alle favolette per la buonanotte, comunque a riprova delle mie tesi, rimane il fatto che il pastrocchio alitalia fu approvato con il consenso proprio dei sindacati, cosa che non va giu al momento con Etihad proprio perche il gruppo verra' smembrato e messo praticamente in liquidazione con assetti vari ( come del resto tu stesso hai scritto, si era gia'proposto all'epoca). e sono d'accordo con te per il pastrocchio fatto all'epoca, Berlusconi cerco' un compromesso con tutte le forze: sindacati e finanzieri da mercato rionale inclusi e questi sono i risultati. chi doveva vigilare su tutta la trattativa erano proprio i sindacati che invece, ancora una volta, fecero solo il loro piccolissimo interesse di campanile e il resto della storia la conosciamo . 2) Scorta: ovvio che la paghiamo noi cosi come quella di qualcosa come 2300 esponenti cosiddetti a rischio, UNO DEI PAESI EU CON IL PIU" ALTO NUMERO DI SCORTATI incluso anche qualche scrittore noto per le sue fanfaronate. mi stupisce che si additi il costo GENERALE delle scorte al solo berlusconi e non a tutto l'andazzo dei vari scortati in generale,il cui costo e' di circa 65 mil. di euro/ anno. Voli di stato: il costo dei 50 milioni include anche le auto blu dei vari boiardi, e le foto del silvio piu' o meno in compagnia autorizzata non giustificano la tua tesi. per altro, il ministro delle finanze di allora litigo' proprio con il Berlusconi per l'uso delle piazzole riservate ai voli di stato usate dalla flotta mediaset, cosi come i carburanti e la relativa assistenza della AMI, incaricata del settore. Se cosi non fosse, dovresti spiegarmi perche i due Falcon e i due Mystere in dotazione al 31 stormo per voli VIP di stato hanno chiuso nello stesso periodo con un numero di ore volo inferiore al previsto. Con tutto questo, certe manutenzioni sono comunque state messe ai costi, con grande disdegno dello stesso Tremonti, che in pratica ha detto al berlusca che se non si potevano abbattere i costi di manutenzione, almeno che usasse i velivoli di stato anziche rifondere quelli della mediaset. Il problema, secondo me, e' che ci sono delle consuetudini e delle pessime abitudini in cui alla fine e' sempre pantalone ( cioe' noi, tu incluso) a pagare. Se c'e' una cosa che devo dare atto al berlusconi e' che adesso, finalmente, stiamo tutti un pochino piu' attenti a COME si spende il NOSTRO Denaro. Con tutto questo prendersela COMUNQUE con SB senza guardare un pochino piu' in la nello stesso establishment dove hanno gozzovigliato un po tutti, non solo mi sembra poco corretto, ma anche un pochino superficiale. in ogni caso grazie per la intelligente e preparata discussione; e' gia molto che non ci siamo ancora insultati, dopotutto e' un progresso anche questo. ' Cordialita'.

rokko

Gio, 09/10/2014 - 15:50

claudio63, su Alitalia siamo d'accordo, se SB trovò l'approvazione dei sindacati, è matematico che ciò che fece era sbagliato (come del resto Prodi prima): Alitalia andava fatta fallire e liberalizzato il settore, a prescindere da ciò che volevano i sindacati. Sbagliò Prodi a non portare avanti la cosa e sbagliò SB, portandola avanti in modo sbagliato. Sul resto, io non me la prendo con SB, dico solo che non ci sono elementi per dire che si sia pagato scorta e voli con i suoi soldi, piuttosto ci sono elementi a sostegno della tesi contraria. Intendiamoci, non sto dicendo che avrebbe dovuto pagarsi lui i costi, secondo me se uno è presidente del consiglio deve avere scorta e voli di stato: io vorrei semplicemente che si finisse di credere a questa storiella che lui si pagava queste cose da solo. Niente altro. Saluti a lei.