Pozzuoli, il pm: "Il gesto era premeditato"

Un tentativo di omicidio premeditato: è la contestazione della Procura della Repubblica di Cassino (Frosinone) nei riguardi di Paolo Pietropaolo, 40 anni, che ieri ha dato fuoco alla compagna incinta, Carla Ilenia Caiazzo, di 38 anni, che ora versa in gravissime condizioni nell’ospedale Cardarelli di Napoli

Un tentativo di omicidio premeditato: è la contestazione della Procura della Repubblica di Cassino (Frosinone) nei riguardi di Paolo Pietropaolo, 40 anni, che ieri ha dato fuoco alla compagna incinta, Carla Ilenia Caiazzo, di 38 anni, che ora versa in gravissime condizioni nell’ospedale Cardarelli di Napoli. Pietropaolo è sottoposto a fermo per il reato di tentativo di omicidio pluriaggravato e fra le aggravanti c’è anche la premeditazione. Lo si apprende da fonti vicine all’inchiesta. Pietropaolo, assistito dal suo difensore, avv. Gennaro Razzino, è stato interrogato ieri sera nella caserma dei Carabinieri di Formia e per domani è prevista l’udienza davanti al gip per la convalida del fermo. Nell’interrogatorio di ieri sera, Pietropaolo ha ammesso le proprie responsabilità sostenendo, tuttavia di non avere avuto l’intenzione di uccidere e sostenendo che il suo è stato un gesto d’impeto.

Intanto l'uomo ha provato a spiegare come sono andate le cose: "Mi tradiva" e poi le lacrime. Paolo Pietropaolo, l’uomo di 40 anni che ieri mattina, a Pozzuoli (Napoli), ha dato fuoco alla sua compagna incinta (ora ricoverata in gravissime condizioni nell’ospedale Cardarelli di Napoli) lo ha dichiarato, davanti agli investigatori, nella caserma di Formia, raccontando di avere avuto la conferma che la sua compagna aveva un’altra relazione. Sarebbe stata proprio la donna, ha sostenuto Pietropaolo, a farglielo sapere: una storia - secondo quanto ha riferito l’uomo - iniziata qualche mese fa di cui lui sospettava. Potrebbe essere stato questo il motivo alla base della violenza scattata ieri mattina davanti all’abitazione della famiglia Pietropaolo, al civico 68 di via Vecchia delle Vigne, a Pozzuoli.

Commenti

Fjr

Mar, 02/02/2016 - 21:39

Caspita che perspicacia, un vero Scherlock Holmes

smoker

Mar, 02/02/2016 - 22:13

Nessuna differenza con un talebano.