La previsione del generale: "Senza intervento anti-Isis, l'Italia la pagherà cara"

Il generale Carlo Jean, esperto di strategia militare: "Se non ci allineiamo, inevitabilmente saremo marginalizzati"

L'Italia, di fatto, decide di non bombardare l'Isis. Questa la posizione presa da Matteo Renzi. Il punto della situazione, in un'intervista a Il Giorno, lo fa il generale Carlo Jean, esperto di strategia militare, che spiega:

"Se non diamo una mano agli altri, gli altri non la daranno a noi. Se non ci allineiamo, inevitabilmente saremo marginalizzati". Il generale Carlo Jean, esperto di strategia militare, commenta così la scelta di Matteo Renzi di non intervenire militarmente nella lotta all'Isis.

In pratica, così facendo, il rischio è quello di essere esposti a gravi rischi soprattutto provenienti dalla Libia. "Nella posizione che Renzi ha espresso a Hollande mi par di vedere molto fumo. Anche se il governo tenta di mantenere i suoi legami con gli americani. Il fatto più grave è che questa situazione abbastanza ambigua compromette in maniera determinante un eventuale intervento in Libia, che io, comunque considero improbabile. I raid sull'Isis sono necessari perché ne hanno frenato l'avanzata. Ma si deve anche mantenere in piedi l'esercito siriano e quanto resta dello stato e del governo, eliminando però Assad e i suoi più stretti collaboratori. L'Italia continua a guardare le cose da fuori, lasciando che siano gli altri ad agire e mascherando un po' l'imbarazzo con dichiarazioni altisonanti del tipo distruggeremo l'Isis".

Commenti

venco

Ven, 27/11/2015 - 10:39

Combatteremo l'isis e chi li appoggia a casa nostra.

Nonlisopporto

Ven, 27/11/2015 - 10:42

mai analisi fu piu precisa. da una massa di incompetenti voltagabbana del PD che ci si poteva aspettare?

releone13

Ven, 27/11/2015 - 10:43

caro romano, in verità chi la sta pagando durissima fino ad ora è la Francia, che è intervenuta nel modo peggiore in Libia. Se non si pianifica il DOPO è inutile bombardare adesso, uccideranno un po' di estremisti, ma hai idea di quanti sono pronti a prendere il loro posto, se nessuno in qui paesi prende in mano la situazione????????????Capisco che le frustrazioni personali qualcuno le scarica con le armi, ma controllati!!!!!!!!!!!!!!!!

roseg

Ven, 27/11/2015 - 10:44

Caro Generale Lei vorrebbe dare delle lezioni a matteuccio nostro,grande stratega con vasta esperienza militare acquisita in quel di Firenze...

Ritratto di Anna 17

Anna 17

Ven, 27/11/2015 - 10:46

Ma non è la posizione degli italiani. E' la posizione di molti dementi sinistrati, la lista è lunga ma ben delineata e precisa. Questi saranno chiamati a rispondere delle loro scemenze.

Ritratto di Rames

Rames

Ven, 27/11/2015 - 10:48

Voglio vedere quando il nodo LIBIA arrivera' al pettine caro Renzuccio.

jackmarmitta

Ven, 27/11/2015 - 10:49

CIALTRONE 3 VOLTE E PURE SENZA PALLE

antonmessina

Ven, 27/11/2015 - 10:49

gli altri aprono il fuoco noi apriamo gli hotel 5 stelle

angelal82

Ven, 27/11/2015 - 10:55

Sarai pure esperto di strategia militare, ma non bisogna fare i conti in tasca agli altri. Evidentemente non ci sono i presupposti per intervenire militarmente. Si può aiutare in tanti modi, non per forza mandando a morire. E poi che vuol dire che saremo marginalizzati??? Che mettete le mani avanti? Vuol dire che già è nelle vostre intenzioni. Intanto una bella lotta al terrorismo sarebbe quella di farci vedere più forti e decisi nel proteggere i nostri valori e la nostra cultura. Ma posso capire che per molti ormai è più facile bombardare (non si sa chi, dove e come!), con conseguenze imprevedibili.

rugoso

Ven, 27/11/2015 - 11:06

Mi sa proprio che tutti quelli che stanno prendendo le decisioni si siano rincoglioniti in politica estera. Gli unici che si sono imposti a fare qualcosa conro l'ISIS finora sono stai la Siria (Assad) e la Russia(Putin) per cui ritengo che questi vadano appoggiati pienamente. Inutile chiedere le dimissioni di Assad. Capisco che in Italia ci stiamo abituando a governanti non votati e scelti da altri ma e' ora di finirla nel dover subire le imposizioni di chi fa solo i propri interessi come USA e Germania. Sapremo mai pensare con la nostra testa???

bruno.amoroso

Ven, 27/11/2015 - 11:07

sono 14 anni che si "bombarda i terroristi" con i risultati che tutti vediamo: NESSUNO. L'intervento militare è inutile (oltre che un salasso economico) perchè le idee non si bombardano. Lo scontro è ideologico, e si lavora sull'educazione e sugli embargo economici anche ai paesi che ci danno il petrolio

Rossana Rossi

Ven, 27/11/2015 - 11:07

Forse il generale non ha sentito che il pifferaio abusivo ha detto che per combattere i tagliagole ci vuole più 'cultura', in sostanza ha voluto dire che quando i beduini ci faranno saltare in aria con le bombe noi reciteremo loro 'il passero solitario'..........in che mani siamo!!!!!

Ritratto di Italia Nostra

Italia Nostra

Ven, 27/11/2015 - 11:15

Vada come vada la pagheremo carissima. L'ISIS è appoggiato anche da nostri alleati. Abbiamo visto quello che è successo a Francia e Germania (i vari scandali) se non si allineano a certe richieste particolari e, soprattutto, se prendono l'iniziativa di andare a fare incontri in Ucraina e Russia senza l'autorizzazione d'oltreoceano. La Francia ha pagato carissimo tutto ciò e la Germania lo farà presto.

ccappai

Ven, 27/11/2015 - 11:15

Ma voi avete compreso chi è e cosa è il nemico da combattere? Avete compreso che non è una guerra contro uno Stato o contro un popolo, ma contro un gruppo di uomini armati che utilizzano prevalentemente tecniche di guerriglia urbana? Gli interventi aerei hanno mostrato chiaramente la loro inefficacia (o almeno hanno mostrato la limitata portata di questo tipo di azione). La presenza degli aerei italiani in un contesto di cieli già troppo affollati è più che sconsigliabile. Molto meglio rafforzare la presenza navale attorno le coste libiche. Molto meglio, azioni sul terreno in varie forme.

amecred

Ven, 27/11/2015 - 11:37

Bombardare a casaccio la Siria non serve a nulla se non si vuole che il governo siriano riprenda il controllo delle aeree ora in mano all'ISIS. Gli Usa per esempio sono impegnati da anni in Iraq con zero risultati. Come mai l'Iraq non han ancora ripreso Mosul, Fallujah e Ramadi?

joc3ki83

Ven, 27/11/2015 - 11:41

Siamo alle solite !! Quando c'è da menar le mani torna a galla il mai sotterrato " Armiamoci e partite " . Vezzo Italico che ci fà commiserare in tutto il mondo civile . Non lamentiamoci quando non ci considerano affidabili . Cordiali saluti da Aldo

eloi

Ven, 27/11/2015 - 11:41

Matteo Renzi? Il suoi illustre concittadino se scrivesse la Divina Commedia oggi non lo degnerebbe neppure di inserirlo tra i dannati ne tra gli eletti. Lo infilerebbe senza se esenza ma nell'anti inferno tra gli ignavi, coloro che sono costretti a rincorrere una banderuola senza possibilità di raggiungerla.

Lugar

Ven, 27/11/2015 - 11:49

L'Italia si è sempre comportata così, la storia lo dimostra. Dopo un anno di tentennamenti di solito prende una decisione, ora è troppo presto, è urgente aspettare.

Ritratto di Gigliese

Gigliese

Ven, 27/11/2015 - 11:52

IL VENTRILOQUO DI OBAMA SI ADEGUA AL PADRONE.

Italiano_medio

Ven, 27/11/2015 - 11:52

Non solo. La titubanza italiana a partecipare alla guerra fa rallentare anche le decisioni e l'impegno di chi invece (giustamente) vorrebbe farla.

Ritratto di alfredido2

alfredido2

Ven, 27/11/2015 - 11:54

Il Generale ha ragione ma dimentica che l'Italia è in uno stato di semibancarotta dai tempi di Monti. Renzi e Padoan hanno massacrato di tasse e balzelli gli Italiani . Le spese militari ,quindi vanno ridotte non aumentate . Secondo me Renzi sbaglia quando filosofeggia : dovrebbe semplicemente dire che l'Italia non può sostenere questa nuova spesa che dovrebbe essere sostenuta dagli Italiani,sicuramente in primis dai pensionati che sono il facile ,indifeso,bankomat della Repubblica.

giovauriem

Ven, 27/11/2015 - 12:01

secondo me carl jean è un generale di softair ,per che no ci dice quali nazioni europee hanno messo a disposizioni della francia e delle russia (le nazioni colpite dal terrorismo)armamenti e uomini ? obama , come renzi (?!) sta sparando solo chiacchiere , l'inghilterra si è defilata(tanto ormai sono una nazione a maggioranza musulmana, come la francia)la germania (che non ha tempo da perdere per che sono impegnati a preparare altre truffe globali commerciali)ha fatto finta di aiutare la francia , mandando i fotografi e qualche autobbotte di carburante , "generale" ci elenchi chi sta combattendo al fianco della francia ?

Rotohorsy

Ven, 27/11/2015 - 12:01

Il gen. Jean ha perfettamente ragione, ma va anche detto che l'Italia è già marginalizzata. Lo è da sempre perchè da sempre ha mantenuto una posizione ambigua con gli alleati. Basta ricordare i rapporti tra Dini e l'Iran oppure (più recentemente) l'autorizzazione a realizzare il MUOS e poi a costruzione fatta "rimangiarsi" tutto. Oppure il vecchio caso Abdulla Ocalan oppure il caso O'Dell e tanti altri dalla notte dei tempi.

clamajo

Ven, 27/11/2015 - 12:03

...armiamoci e partite...

Pinozzo

Ven, 27/11/2015 - 12:08

Ma bombardare chi, cosa, dove? Bananas sveglia, non c'e' una linea maginot da bombardare, non ci sono linee trincerate come nella bainsizza del 1916. e' una presenza liquida, sparsa e mescolata con popolazione civile che non c'entra nulla. certo, capisco che per voi cento bambini iracheni o siriani non valgono piu' del vostro cane..

Ritratto di onollov35

onollov35

Ven, 27/11/2015 - 12:18

@angelal82 e bruno.amoroso. Secondo Voi cosa bisogna fare per contrastare eventuali attentati? Farsi aiutare sempre dagli altri? Oppure,inginocchiarsi e chuiedere per piacere di non fare la bua all'Italia? Ha perfettamente ragione il Generale!!!!!!!!!

Iacobellig

Ven, 27/11/2015 - 12:19

RENZI, IL GRANDE BUFFONE INSIEME A CHI GLI DÀ I SUGGERIMENTI, STA METTENDO IL PAESE IN RIDICOLO OLTRE CHE FARE GRAVI DANNI! TRA L'ALTRO NON ESSENDO PARLANENTARE E SENZA ESSERE STATO ELETTO DA NESSUNO NON PUÒ E NON DEVE TRATTARE PROBLEMATICHE FUORI DALLA SUA PORTATA!!! ...REGALO DI NAPOLITANO!!!

vince50_19

Ven, 27/11/2015 - 12:22

Certamente porre un argine all'Is è importante, ma senza uomini sul "teatro" la faccenda è del tutto inconcludente. Per quella gente morire significa "immolarsi" per una causa scritta nel Corano, per gli occidentali si creerebbero situazioni politiche di gran difficoltà. Questo è il vantaggio che ha l'Is, altrimenti facilmente eliminabile sul piano bellico se la Ue riuscisse a quagliare. Ma va preventivato sacrificio di vite umane e questo non sono disposti a metterlo in conto i soliti cacasotto dediti a razziare euro! Ci sono circa 5mila lupi solitari in Ue, egregio Renzinho: non sarebbe il caso di ritirare quei 2500 militari che sono in Libano a fare più o meno i vigli urbani e cercare di rendere più sicuri i nostri confini?

squalotigre

Ven, 27/11/2015 - 12:23

ccappai - la presenza navale attorno alle coste libiche? Per traghettare meglio i disgraziati che partono sui barconi, che non siamo in grado neanche di identificare, che ospitiamo a spese nostre in hotel, a cui diamo la paghetta? I bombardamenti servono a poco sicuramente ma se non siamo in grado di dare il nostro contributo dai cieli, figuriamoci come siamo disposti a mettere gli stivali in terra. In compenso siamo bravissimi a parlare di cultura. Vuol dire che ai terroristi che sicuramente faranno il loro bell'attentato in Italia tireremo addosso un libro. Complimenti.

Solist

Ven, 27/11/2015 - 12:28

bomba atomica lo volete capire o no? qualcuno mi spieghi perchè l'hanno costruita e a che serve conservarla nei forzieri! si aspetta che scoppi accidentalmente sotto i ns cuxi?

Blueray

Ven, 27/11/2015 - 12:35

Finiremo marginalizzati? Perché adesso cosa siamo? Ma se tutte le volte in cui si deve decidere qualcosa anche a livello di accordi intergovernativi non siamo mai invitati! Non contiamo un ben amato piffero, sarebbe da stupirsi se decidessimo di intervenire da qualche parte! Comunque tranquilli, ci daranno compiti di appoggio e ricognizione, senza armamenti pesanti installati e con qualche mitragliatrice rigorosamente a proiettili di gomma!

Ritratto di ANGELO POLI

ANGELO POLI

Ven, 27/11/2015 - 12:38

1.Non riesco a capire tutta questa voglia di bombardare in Siria schierandoci con una nazione che ha destabilizzato la zona due anni fa, dichiarato unilateralmente guerra all'Isis senza preventivamente consultarci per un nostro intervento. Si vuole bombardare dove non c'è nulla di chiaro; c'è un incredibile guazzabuglio che vede russi e siriani che combattono e bombardano alleati dei francesi e degli USA e dicono di combattere contro l'Isis, dove non si sa assolutamente dove si va a parare appoggiando questo o quello e cosa si colpisce realmente perché mancano informazioni sul terreno, dove non si è preventivamente chiarito come verrà diviso il territorio politicamente una volta finito il conflitto, essendoci interessi diversi e contrastanti( vedi ad esempio la Turchia)senza impegno alleato di truppe terrestri... e con i cani sciolti dei terroristi.

Ritratto di ANGELO POLI

ANGELO POLI

Ven, 27/11/2015 - 12:39

2. A me sembra che appoggiare la riconquista di terreno partendo dall'Iraq(come sta facendo l'Italia) sia la cosa più sensata perché ha l'appoggio della popolazione. Non dimentichiamo poi la situazione libica, creata proprio dai francesi e altri e che è volutamente messa in secondo piano.

kallen1

Ven, 27/11/2015 - 12:41

"Se non diamo una mano agli altri, gli altri non la daranno a noi. Se non ci allineiamo, inevitabilmente saremo marginalizzati" Ma generale dove è vissuto fino ad ora? E' da mò che siamo marginalizzati, come dice lei, non se ne era ancora accorto? In Europa, e non solo, vedi India/Marò, non ci considera proprio nessuno!!!

alberto_his

Ven, 27/11/2015 - 12:53

Inutile intervenire in Siria se non si ha il consenso del legittimo governo di Assad come lo ha la Russia. L'intervento sarebbe fuorilegge ed è tutto da vedere che sia rivolto contro l'ISIS e non (anche) contro Assad per favorire le varie camere di compensazione come Al Nusra, ELS, etc.. Stiamone fuori ed evitiamo di rimpinguare le casse delle aziende belliche; piuttosto favoriamo il lavoro dell'intelligence.

idleproc

Ven, 27/11/2015 - 12:56

Non avete capito bene. Gli unici che combattono i "terroristi" nell'area e la vorrebbero pacificare sono i russi. Gli altri vanno a comabattere i russi a mezzo varie fazioni di "terroristi" con teleguida o spontanei. Anche perché vogliono creare un paio di "stati" ex-novo. Sarà decisiva la posizione politica degli US, se continueranno con la vecchia geopolitica o no. L'area parrebbe un po' affollata e con dei rapporti di forza favorevoli talmente spettaccolari che se venissero solo utilizzati per risolvere il problema "terrorismo" non resterebbe in piedi neanche un cammello. Poveri cammelli.

Ritratto di michageo

michageo

Ven, 27/11/2015 - 12:57

Giusta e condivisibile critica del Gen.Jean riguardo al costante utilizzo del mantra governativo di "armiamoci e partite"

Ritratto di stenos

stenos

Ven, 27/11/2015 - 13:15

L'itaglia marginalizzata? L'itaglia non esiste piu', e' dal 2011 che i buffoni inetti non eletti vanno a prendere ordini all'estero. L'itaglia ha una sola cosa da fare, preoccuparsi della Libia, perche' li abbiamo davanti a noi.

zisp

Ven, 27/11/2015 - 13:18

ma dove vuoi che vada la repubblica delle banane fallita, che alterna al governo puttanieri e pagliacci, stato fantoccio famoso per aver tradito alleanze a ripetizione, il cui enorme debito pubblico è pagato proprio dai mandanti dell'ISIS (fondi qatarioti e arabi), il ruolo dell'italietta è solo quello di far altri debiti

Ritratto di Gios'',,40.

Gios'',,40.

Ven, 27/11/2015 - 13:35

Non serve ha niente bombardare l'isis in siria, questi europei che vanno ha bombardare l'isis e per improgliare i suoi cittadini, per far vedere che compattono l'islam terrorista. I terroristi islamici all'interno l'Europa si devono compattere con un tribunale marziale e civile misto esperto, con questi giudici ridolini non si compattono terrorista. Le forze speciali arrestano rischiando la vita loro, e noi che ci troviamo sul posto, e con tanto di prove, come abbiamo sentito tutti,e i giudici scarcerano,con motivazioni ridicole. Solo se si creera una corte a dovere esclusiva per questi criminali si potrà compattere, e perché nò sconfiggere. Ma cosi siamo persi davati. Saluti

alox

Ven, 27/11/2015 - 13:36

Renzi, personaggio non eletto, non ha ideali o valori in se' e quindi da offrire agli Italiani per giustificare un intervento militare (DEMOCRAZIA, CAPITALISMO, LIBERTA', MERCATO etc etc)! Berlusconi conosce questi VALORI e ci teneva legato agli americani; ma l'amicizia personale con il Dittatore Putin e' piu' importanti dei suddetti valori! L'Italia e' un paese pseudo-occidentale e' anche il motivo il terrorismo ci risparmia!

paluello

Ven, 27/11/2015 - 13:39

D'accordissimo con il generale. Confermiamo ancora di più la nostra pochezza in europa. Una idea perché non mandare con una nave cargo tutti i politici di sinistra a combattere in siria contro l'isis ?

Il Falco

Ven, 27/11/2015 - 13:44

Un po' Italianità . Abbiamo sempre aspettato un po' di tempo prima di schierarci per vedere chi stava vincendo: guerra del '14-18, noi cominciata nel 1915, 39-45 noi entrati nel 1940. In più poi abbiamo sempre scelto al parte sbagliata! Non nascondiamoci dietro il dito: ormai solo PD e 5 stelle con relativi giudici ed elettori fanno finta di non avere accordi con i musulmani: noi li facciamo entrare , cerchiamo di spargerli per l'Europa , se proprio è lampante che son terroristi li espelliamo ( tanto dopo una settimana son di nuovo qui ) e loro in cambio non ci fan saltare la Sindone o il Duomo.

eureka

Ven, 27/11/2015 - 13:47

Il Generale ha ragione ma forse dimentica che durante gli sbarchi iniziali, andati avanti parecchio, l'Europa non ha fatto nulla per l'Italia ed i profughi e clandestini ce li abbiamo dovuti gestire noi e dovremo gestirli pure per il futuro. Di più, quando Maroni ha tentato di rimandarli indietro tutta l'Europa al posto di intervenire aiutandoci è intervenuta obbligandoci a riceverli. Perciò dobbiamo solo constatarehe fino ad oggi l'Europa non ci dato una mano anzi se ne è completamente fregata.

Ilgenerale

Ven, 27/11/2015 - 14:03

purtroppo la mentalita sessantottina e' dura a morire!

Ritratto di aresfin

aresfin

Ven, 27/11/2015 - 14:07

@angelal82: tu vivi di illusioni. Il Generale ha perfettamente ragione. Siamo governati abusivamente da cialtroni e cagasotto, come te. Chiediti il perchè tanti Italiani hanno combattuto e perso la vita per la nostra Patria, non certo per bambocci come te che in modo ingenuo e forse anche ambiguo continuano ad essere buonisti. Questi animali mussulmani ammazzano e fanno stragi, tu come li contrasteresti, con i libri e i fiori come dice il babbeo nazionale? Rispondi se hai argomentazioni.

Ritratto di pasquale.esposito

pasquale.esposito

Ven, 27/11/2015 - 14:10

L;ITALIA; HA UNA FLOTTA CHE É COMPOSTA DALLA PORTAEREI GARIBALDI É ALTRE NAVI DA GUERRA STAZIONATE DAVANTI ALLA LIBIA; É NON CÉ BISOGNO DI MANDARE ALTRE NAVI PER AIUTARE I NOSTRI ALLEATI PERCHE QUELLE CHE CI SONO BASTANO; MA QUI QUELLO CHE CI VUOLE É LA VOLONTÁ POLITICA DI VOLER AIUTARE I PAESI ALLEATI CON NOI; É QUELLO CHE IO NON CAPISCO É CHE LA LIBIA É STATA BOMBARDATA SUBITO ANDANDO CONTRO I NOSTRI INTERESSI; É ADESSO CHE L;ISIS CI HA DICHIARATO GUERRA NOI NON FACCIAMO NIENTE PER DIFENDERCI DA QUESTI TAGLIAGOLE?!.

Lucky52

Ven, 27/11/2015 - 14:20

Come al solito gli italiani faranno la figura di vigliacchi e codardi. A partire da Sigonella in poi attributi niente......Tanto non ci lasceranno stare comunque e saremo sempre più lasciati soli dai vicini di casa.

Tuthankamon

Ven, 27/11/2015 - 14:29

La debolezza della nostra politica in generale, e l'inconcludenza della sinistra in particolare, restano il nostro freno a mano tirato. Non abbiamo prospettive se non cambiamo mentalità (anche nel voto)! Qualcuno nei commenti dice che li combatteremo a casa nostra. NON è la stessa cosa e l'Italia non può mancare in operazioni di questo genere. A parte che noi non siamo capaci nemmeno a casa nostra ...

Adinel

Ven, 27/11/2015 - 14:34

Penso che il generale Carlo Jean, tragga un profilo giusto e condiviso!!! Bisogna farlo recepire al Governo!!! che da come si pone non ne capisce molto! Bisogna anche dire che tutti in Italia si improvvisano avere la soluzione migliore( perciô non funziona)!!! In questi casi di strategia militare bisognerebbe lasciare appunto le decisioni al ramo militare( generali) . uno che fino a ieri era sindaco, non penso ne capisca molto in materia!!!!cosî pure i media e altri governanti!

Ritratto di ANGELO POLI

ANGELO POLI

Ven, 27/11/2015 - 14:39

Se posso esprimere un pensiero sui nostri soldati e truppe all'estero, visto come siamo stati trattati in questi ultimi anni dai nostri "alleati", comincerei con il vantarci un poco meno di essere una delle nazioni che fornisce gratuitamente più soldati all'ONU e a ritirarli dal Kossovo(alcune migliaia), dal Libano (alcune migliaia) e a prepararli ad un eventuale e più proficuo attacco in Libia in appoggio ad un governo riconosciuto. In tal modo risparmieremmo i nostri mezzi militari e ingenti somme. Cosa ci fanno ad esempio i nostri militari, con paga da fronte di guerra, in Libano quando, se attaccati, non possono usare le armi di cui sono dotati e sono costretti a lasciarsele portare via senza reagire efficacemente? Noi garantiremmo così i confini tra Libano e Israele?

settemillo

Ven, 27/11/2015 - 14:46

Renzino a far la guerra? Ma siamo impazziti? Come minimo saprà dirci di andare avanti perché a lui VIEN DA RIDERE ! Come dire coraggio e scappiamo.

tzilighelta

Ven, 27/11/2015 - 14:51

Non lo so se il generale Jean ha inteso veramente questo oppure è il Giornale che forza il suo pensiero per compiacere i bananas, una cosa è certa i bombardanenti fino adesso non hanno prodotto nessun risultato, quelli di Putin meno di zero, anzi ci hanno rimesso aereo elicottero e piloti! Inutile entrare in dettagli tecnici geografici e politici, la suburra bananiota non è in grado di capire, mi limito a osservare che gli scarponi nel deserto questa volta ce li devono mettere loro, intendo dire i mussulmani e tutti paesi islamici che a parole sono contro issi! Da 15 anni a questa parte i nostri interventi hanno peggiorato lo stato delle cose! Le castagne dal fuoco se le devono levare da soli, noi pensiamo a difenderci in casa e soprattutto dobbiamo rinunciare a certe amicizie talebane tipo Arabia saudita e Quatar, finanziatori di terroristi e di moschee in casa nostra! Amen

mare_vostrum

Ven, 27/11/2015 - 14:59

noi gia mandiamo le navi a prendere i terroristi non capisco cosa vogliano ancora da noi poveri idioti

Ritratto di giuliocapilli

giuliocapilli

Ven, 27/11/2015 - 15:04

Ma perchè l'Italia ha mai fatto una guerra? Per noi, sempre gli altri!!

Ritratto di combirio

combirio

Ven, 27/11/2015 - 15:14

Sono fasi in cui occorre sangue freddo, conoscenza, preparazione, esperienza, intelligenza per poter prendere decisioni delicate. Tutte qualità sicuramente mancanti al duo Half-ano e Renzoba che rimane ben ancorato alla Massoneria e ai poteri forti d'oltre oceano dell' Abbronzato. Per quanto mi riguarda in Siria c'è già fin troppo traffico e affollamento fra alleati, falsi alleati, nemici a cui si attuano le sanzioni, ma che poi in pratica sono più amici di altri alleati, vedi i turchi. Rimanendo nel nostro piccolo il nostro duo nazionale se non si muove fa meno danni. Ma come dicono da anni i più dei lettori del IlGiornale, bisognerebbe innanzitutto bloccare gli sbarchi indiscriminati e quei pochi facendo opera di identificazione. Poi possibilmente sarebbe essenziale con una coalizione anche solo europea, ad aprire un fronte Libico per fare opera di bonifica ed avere il Mediterraneo quasi sotto controllo.

Ritratto di primulanonrossa

primulanonrossa

Ven, 27/11/2015 - 15:17

D'accordo tutte le nostre navi da circaguerra sono impegnate a tempo pieno per fare da taxi alla risorsa invasione e supporto logistico agli scafisti, ma almeno una nave pizzeria e una würstel le potevate mandare, così quando un militare di una nazione seria tornava da una missione avrebbe potuto trovare una bella pizza calda o un panino col würstel e senape molto buono.Le due unità navali dovranno battere tassativamente e rispettivamente bandiera, PIZZA e WÜrstel e assolutamente mai bandiera italica in quanto appena individuate dagli scafisti verrebbero puntate ,raggiunte e stracaricate di risorse che ci pagheranno le pensioni.

ilbarzo

Ven, 27/11/2015 - 15:22

Ma cosa ne sa il ragazzo della guerra e di strategie militare,uno che tra l'altro non avrà neppure fatto il servizio militare di leva.Siamo nelle mani di un narcisista incompetente inetto che pensa solo ed esclusivamente a fare il bullo.Tutto il resto è il nulla.

Ritratto di combirio

combirio

Ven, 27/11/2015 - 15:27

...ricordo che in tre mesi di bombardamenti Francesi in Libia, misero al tappeto Gheddafi con un esercito integro ed agguerrito. Per cui le cose basta volerle o subirle. Non la risolveremo certo con la Mogherina o col duetto con le facce di bronzo.

antipifferaio

Ven, 27/11/2015 - 15:31

Egr. Generale, il signorotto Renzie forse crede che questa sia una scaramuccia tra Guelfi e ghibellini. E' una perdita di tempo spiegargli che l'Italia è e rimarra sola ad affrontare eventuali attentati. Purtroppo "non puoi insegnare al granchio a camminare dritto"(Aristofane). Persino la mia vecchia madre 81enne mi ha chiarito la "strategia" del nostro Pr.. Mi ha detto, forse per tenerseli buoni (i terroristi) accoglie molti islamici e si dimostra sempre più accondiscendente verso l'islam. Questo però senza però capire che il nostro capo è diventato il nostro boia....

Ritratto di dbell56

dbell56

Ven, 27/11/2015 - 15:32

E poi abbiamo il coraggio di lamentarci che l'Italia internazionalmente vale come il due di spade quando è briscola coppe! Facciamo solo vomitare noi pavidi italiani!

roseg

Ven, 27/11/2015 - 17:02

Pinozzo qui se c'è uno che si deve svegliare sei proprio tu caro,probabilmente ti sveglierai quando ti esploderà una bomba sotto il deretano,inoltre non capisco il paragone con la disfatta della bainsizza, completamente fuori luogo,c'entra come i cavoli a merenda. Boh

paolo1944

Ven, 27/11/2015 - 17:07

Il ciarlatano pensa di poter andare a vendere fumo in Francia e Inghilterra, confonde l'Europa con la provincia di Firenze. I suoi vaniloqui non attaccano all'estero, e sta sprofondando l'Italia in un limbo buonista fuori da qualsiasi collegamento. Lui segue il suo declinante partito, che ha conquistato i lpotere con l'inganno e la furbizia levantina che è riuscito ad imporre a tutto il paese.Io ce l'ho per chi continua a votarli, perdenti statalisti. Temo non ne usciremo più, il marchio secolare che ci perseguita è stato ancora un volta rilucidato.

veromario

Ven, 27/11/2015 - 17:09

Vorrei sapere cosa li spendiamo a fare fior di miliardi per comperare gli f 35 dagli americani ,per fare foto ai matrimoni?

darklion

Ven, 27/11/2015 - 17:28

bah.. non sono piddino eppure mi pare che siamo soli da parecchio... nell'affrontare l'immigrazione, nell'accogliere e suddividere i profughi, nel rimpatriare i clandestini... ...e allora perchè dovremo aiutare adesso? perch+ il fuoco ha raggiunto i lor didietro? per le nostre castagne ci arrangiamo... adesso loro si arrangino con le loro...

INGVDI

Ven, 27/11/2015 - 17:31

La pochezza di un personaggio come Renzi si esprime nelle sue (non) azioni. Si attornia di barbie e signor sì, quel che conta è l'apparenza. Super campione in selfie e play-station, incapace di leggere la realtà ed agire. Ciò è dovuto alla struttura mentale acquisita negli anni con il dominante pensiero cattocomunista (trinità cattocom: Potere,Ipocrisia,Interesse (proprio)).

buri

Ven, 27/11/2015 - 18:19

è logico, non mi vuoi aiutare, molto benr faremo semza di te, ma se ti succede un guoi non venire da me in cerca di aiuto, ed è quello che ci aspetta

Ritratto di ANGELO POLI

ANGELO POLI

Dom, 29/11/2015 - 00:06

L'interesse vero dell'Italia e degli Italiani sarebbe una buona volta quello di essere tutti uniti e coesi almeno in politica estera. Per fare questo, però, è necessario che chi ci governa abbia il coraggio di dire apertamente alla nazione in modo convincente quello che intendono fare e non nascondersi nel linguaggio politichese che dice tutto e niente. Siccome siamo maggiorenni e dotati di raziocinio dovrebbero spiegarci perchè è opportuno prendere determinate decisioni, e dimostrare con argomenti oggettivi che sono state prese nel nostro interesse dopo aver valutato bene la situazione sotto tutti i vari aspetti. Questo creerebbe finalmente consenso. Non dobbiamo seguire la Francia(o gli USA e altri) sempre e comunque quando vediamo che agisce(agiscono) sempre e soltanto per i propri interessi nazionali (vedi Libia, contro governo Berlusconi, attacco alla Siria di Saddam e destabilizzazione incontrollata di tutta l'area...).